User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    CONSERVATORE
    Data Registrazione
    03 Nov 2008
    Messaggi
    105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito A Gaza, per evitare la guerra in Iran

    In America comincia a circolare un’interpretazione diversa sull’attuale crisi a Gaza: “Israele – ha scritto sull’Atlantic Monthly Robert Kaplan, saggista stimato a destra come a sinistra – in realtà ha lanciato la guerra contro l’impero iraniano che il presidente George W. Bush e in particolare il vicepresidente Dick Cheney hanno soltanto potuto considerare”. Kaplan non è il solo a sostenere questa tesi. Il neoconservatore Bill Kristol, sul New York Times, ha scritto più o meno la stessa cosa. Così come Michael Ledeen, ora alla Foundation for Defense of Democracies, sul suo blog. David Brooks, sempre sul New York Times, ha spiegato che la battaglia di Gaza in realtà è una guerra per la fiducia e per il morale dei due fronti, perché nessuno dei due contendenti può sconfiggere l’avversario: l’obiettivo degli estremisti è quello di uccidere il numero più alto di ebrei e per il resto di affidarsi a Dio e all’Iran, mentre quello di Israele è realisticamente di sopprimere il terrorismo settimana dopo settimana, mese dopo mese. “La violenza, in questo caso, non crea necessariamente violenza. Qualche volta la previene”, ha aggiunto Brooks.
    Il Wall Street Journal ha spiegato in un lungo editoriale che la politica estera di Barack Obama, già più forte grazie alla vittoria in Iraq, potrà trarre ulteriori benefici dal successo di Israele a Gaza: “Il presidente eletto dice che intende dedicarsi a un grande patto con l’Iran, ma i mullah saranno molto più interessati a una soluzione diplomatica se i loro alter ego militari saranno stati sconfitti. Gli israeliani hanno fatto a Obama un favore reagendo ad Hamas prima che lui entri alla Casa Bianca e in modo che il presidente Bush possa sopportare la solita denuncia globale agli Stati Uniti per il sostegno a Israele”.
    L’interpretazione del Wall Street Journal e degli altri non può essere più diversa da quella tradizionale, e frequente nelle cancellerie europee, di cui si fa portavoce Gideon Rachman sul Financial Times: “L’offensiva israeliana è pericolosamente vicina al fallimento”, perché priva di strategia e di via d’uscita. Ma la prospettiva è diversa se si analizza l’operazione contro Hamas nell’ambito della più ampia minaccia, non soltanto contro Israele, costituita dai movimenti islamici radicali, i gruppi terroristici e gli ayatollah teocratici alla ricerca della bomba atomica. Se Israele non riuscirà a indebolire Hamas e a fermare la ricostruzione di uno stato terrorista a Gaza, ha scritto Bill Kristol sul New York Times, l’Iran potrà vantare un grande successo e sarà meno suscettibile alle pressioni di Obama per fermare il programma nucleare: “Ma una sconfitta di Hamas a Gaza, dopo il successo in Iraq, sarebbe un vero colpo per l’Iran, renderebbe più facile assemblare una coalizione regionale e internazionale per fare pressioni sull’Iran. Potrebbe anche avere un effetto positivo sulle elezioni iraniane di giugno e potrebbe rendere il regime iraniano più aperto a una trattativa”. Secondo Kristol, Obama prima o poi potrebbe trovarsi in una situazione in cui l’uso della forza contro il programma nucleare iraniano sia l’opzione più responsabile, come è successo in questi giorni al governo israeliano: “Ma la volontà di Israele di combattere a Gaza rende più possibile l’ipotesi che non debbano essere gli Stati Uniti a farlo”.

    La tesi di Robert Kaplan
    L’articolo di Robert Kaplan, in particolare, è quello più citato sui blog americani. Gaza, sostiene il giornalista dell’Atlantic, è l’avamposto occidentale dell’impero iraniano che ad oriente si estende fino all’Afghanistan. L’offensiva israeliana è la prima contro l’Iran, dopo la guerra contro Hezbollah nel 2006, e “se Obama è intelligente in questo momento starà tifando silenziosamente per Israele”. Israele, sostiene Kaplan, non combatte contro uno stato, ma contro un’ideologia antioccidentale e antisemita, alimentata dalla religione islamica e rafforzata dai servizi segreti iraniani. E’ la stessa ideologia, aggiunge, che tiene unita la grande sfera d’influenza iraniana che comprende Hamas in Palestina, Hezbollah in Libano, il movimento Mahdi nel sud dell’Iraq e che spera nel consenso dei milioni di arabi sunniti egiziani delusi dall’autocrazia del Cairo, giudicata troppo vicina agli Stati Uniti e a Israele. Il paradosso è che l’unico posto dove i musulmani sono scettici dell’Iran è proprio l’Iran, spiega Kaplan, perché la popolazione è più filo occidentale rispetto al mondo arabo e il regime può vantare su una base di sostegno modesta, specie ora che lo stato è al disastro economico malgrado le vaste riserve energetiche.
    Le chance diplomatiche occidentali con l’Iran, sostiene Kaplan, sono legate alla vittoria di Israele a Gaza: “Dobbiamo crearci un vantaggio strategico prima di negoziare con il regime clericale e questo vantaggio può venire soltanto da una vittoria morale di Israele che faccia vacillare di spavento anche i siriani pro iraniani pronti ad aiutare Hamas”.


    http://www.camilloblog.it/archivio/2...uerra-in-iran/

    E qui l'originale di Kaplan

    http://www.theatlantic.com/doc/200901u/gaza

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Apr 2005
    Messaggi
    3,002
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Casomai per "avvicinare la guerra all'Iran". Che significa "devitare"??

  3. #3
    CONSERVATORE
    Data Registrazione
    03 Nov 2008
    Messaggi
    105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ormriauga Visualizza Messaggio
    Casomai per "avvicinare la guerra all'Iran". Che significa "devitare"??
    1) E certo ora mi metto pure a cambiare i titoli dei quotidiani nazionali.
    2) Dove lo hai letto "devitare"
    3) Se non ti fossi feramta al tiolo, che è la cosa meno importante e non è stato scritto da me, ti saresti accorto che è riportato il link con la fonte.

  4. #4
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Senza alcun dubbio, una chiara vittoria di Israele a Gaza non servirebbe solo a debellare (definitivamente?) Hamas, ma anche a mandare un messaggio eloquente al regime dittatoriale e teocratico dell'Iran.
    Hamas è il protetto dell'Iran, che sostiene e finanzia gli uomini di questa organizzazione terroristica.
    Gaza, una volta tornata alla "normalità", con la scomparsa del regime denominato non a caso "Hamastan", non sarebbe più la piccola patria di fanatici e fondamentalisti islamici pronti ad immolarsi per la distruzione di Israele.
    Lo Stato ebraico potrebbe concentrarsi proprio sull'Iran...e quest'ultimo finalmente si convincerebbe che non è possibile stringere d'assedio le terre israeliane, nonostante tutti gli aiuti ad Hamas ed Hezbollah (che rimane forte, ma pur sempre limitata dalla presenza di truppe internazionali nel sud del Libano).
    Speriamo che sia così!

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 49
    Ultimo Messaggio: 09-04-13, 14:03
  2. Risposte: 57
    Ultimo Messaggio: 15-09-11, 13:37
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 08-06-06, 18:06
  4. Mannheimer: Berlusco in guerra per evitare una caporetto...
    Di misterX nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-04-06, 19:18
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-01-03, 00:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226