User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    109 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito RADICI - Luigi Gedda e i Comitati civici




    «18 aprile 1948. Memorie inedite dell'artefice della sconfitta del Fronte Popolare»

    di Marco Invernizzi


    Nato a Venezia nel 1902, Luigi Gedda ha attraversato la storia di tutto il secolo XX militando fin dalla giovinezza nel movimento cattolico italiano. Membro dapprima della Società della Gioventù Cattolica italiana, a Torino, dove ha vissuto fino al 1917 con la famiglia, dopo il trasferimento a Milano in seguito alla morte della madre, scomparsa l'anno precedente, ha partecipato alla vita della Gioventù Cattolica Ambrosiana. Da allora la vita di Gedda sarà soprattutto caratterizzata — oltre che dalla professione di medico esperto di genetica, che lo porterà a diventare un'autorità di fama internazionale nel campo della gemellologia, culminata nella fondazione dell'Istituto Gregorio Mendel, tuttora da lui diretto a Roma — dall'appartenenza all'Azione Cattolica Italiana, della quale sarà Presidente centrale della GIAC, la Gioventù Italiana di Azione Cattolica, dal 1934 al 1946, Presidente degli Uomini di Azione Cattolica dal 1946 al 1949 e quindi Presidente Generale di tutta l'associazione dal 1952 al 1959.

    Due mesi prima delle elezioni del 18 aprile 1948 fonderà i Comitati Civici, dopo aver ricevuto un suggerimento in tal senso da Papa Pio XII, al fine di costituire uno strumento capace di mobilitare i cattolici e gli italiani con un'efficace propaganda, in grado di opporsi al Partito Comunista Italiano e di superare l'astensionismo. Conosciuto soprattutto come l'uomo dei CC e della lotta contro il comunismo, in realtà esiste un'altra dimensione di Gedda, silenziosa e costante, manifestatasi nella costituzione della Società Operaia, un'associazione laicale fondata da Gedda a Roma nel 1942 e tuttora operante, allo scopo di "raccogliere quanti "laici come laici" volevano consacrare la vita a diffondere nel mondo presente il messaggio di Gesù" (1), seguendo una spiritualità incentrata nel Mistero dell'agonia di Cristo nel Getsemani. Alle caratteristiche di questa spiritualità, Luigi Gedda ha dedicato due opere (2). La Società Operaia è stata eretta in associazione di diritto pontificio dal Pontificium Consilium pro laicis nel 1981; una descrizione delle sue finalità è stata scritta nella biografia di Gino Pistoni, un giovane appartenente sia all'ACI e che alla Società Operaia, caduto ventenne durante la guerra civile in Italia nel 1944: "In sostanza, un modo di intendere la vita come consacrazione, come volontà di vivere non solo i precetti ma ancora i consigli evangelici, nel matrimonio o fuori del matrimonio, nel laicato o nel sacerdozio. Una coalizione di tutte le energie della Chiesa ai fini dell'apostolato, che non può essere inteso come il peso o il privilegio di pochi, ma come la responsabilità e la nobiltà di tutti, qualunque ne sia lo stato o l'età. Un'operosa nostalgia delle prime età cristiane che si vorrebbero far rivivere nell'ardore di vita e nell'amore fraterno che li contraddistingue. Un impalpabile e pur concreto vincolo fra anime che continuando la loro vita nelle loro case, e conservando la propria spiritualità si ritrovano unite in un comune riferimento al momento mistico del Getsemani, il momento della solitudine e del sacrificio della propria volontà a quella del Padre. Infine un comune proposito di vivere la propria fede in una costante realizzazione di "opere", che rendano gloria al Padre. Operai evangelici, operai di Cristo, consacrati per la vasta messe dell'apostolato dell'oggi e del domani" (3).

    Finalmente, Luigi Gedda ha voluto mettere per iscritto alcuni aspetti della sua ormai quasi secolare militanza, in particolare prendendo spunto dalle udienze concessegli dai Pontefici Pio XI e Pio XII. Ne è nato un libro di memorie (4), di grande importanza per poter ricostruire correttamente la storia recente della nostra nazione. L'opera, uscita in Italia a ridosso del cinquantennale del 18 aprile 1948, ha sollevato un interesse notevole anche se quasi esclusivamente limitato alle elezioni del 1948, e Luigi Gedda è così ritornato per un momento al centro dell'attenzione dei mass media. Tuttavia, facendo un bilancio degli effetti visibili prodotti dall'edizione di queste memorie, si può ragionevolmente sostenere che esse abbiano sostanzialmente contribuito a riportare in auge la tesi secondo cui nel 1948 vi è stata una vittoria della Democrazia Cristiana, e di Alcide De Gasperi in particolare, contro il PCI di Palmiro Togliatti, con il contributo certamente importante, ma sostanzialmente episodico, dei CC di Luigi Gedda. In realtà, la lettura delle memorie e una riflessione un poco più meditata — peraltro presente nella storiografia sull'episodio, ma mai passata nel comune sentire (5) — portano oltre questa interpretazione, fornendo elementi per cogliere nella storia del cattolicesimo italiano elementi di un malessere del quale i Papi erano a conoscenza, malessere precedente e successivo all'episodio del 18 aprile.

    Infatti, le novanta udienze concesse a Luigi Gedda, ventisei da Pio XI e sessantaquattro da Pio XII, hanno naturalmente come soggetto principale l'ACI, cui Gedda ha dedicato tanta parte della vita (6). Il resoconto di tali udienze permette così al lettore di entrare all'interno, e al vertice in qualche modo, della stessa ACI, attraverso il resoconto dei colloqui avvenuti fra uno dei massimi dirigenti prima e poi Presidente generale dell'ACI e i due Pontefici che, in quanto vescovi di Roma, avevano autorità diretta sull'ACI, organismo di apostolato gerarchico che impegna la Chiesa stessa nel suo apostolato. Il lettore potrà così avere nuovi elementi per valutare l'ascesa e il crollo dell'ACI svoltasi nel secondo dopoguerra, e soprattutto troverà motivo di constatare come l'opposizione allo stile dell'ACI di Gedda, e di Papa Pio XII — culminata negli anni 1960 nella cosiddetta "scelta religiosa" (7) si manifesterà già negli anni 1950, con episodi gravi e significativi, come quelli relativi all'uscita dall'ACI, in polemica con Gedda, di due fra i suoi massimi dirigenti, Carlo Carretto e Mario Rossi.

    Le udienze cominciano nel 1934 e le testimonianze di Gedda sono anzitutto legate a fatti che hanno relazione con la sua presidenza della GIAC, dal 1934 al 1946. Esse testimoniano il clima di contrapposizione "culturale" fra la Chiesa e il regime fascista, per quanto riguarda l'influenza sulla società; l'ACI era forse lo strumento principale attraverso il quale il cristianesimo doveva permeare il corpo sociale opponendosi al tentativo di alcuni esponenti della gerarchia fascista di creare l'"uomo nuovo" utilizzando il potere dello Stato, e per questo proprio l'ACI, la "pupilla degli occhi di Pio XI", era stata al centro dello scontro fra la Chiesa e il regime nel 1931 e lo sarà ancora nella crisi del 1938. Il 10 febbraio 1939 Papa Pio XI moriva e il 2 marzo veniva eletto Pontefice il cardinale Eugenio Pacelli con il nome di Pio XII.

    Durante il pontificato di Papa Pio XI Gedda aveva fondato il Vittorioso, affidandone la direzione al giornalista e scrittore Nino Badano, un giornale giovanile che ebbe tanto consenso al punto che vent'anni dopo la sua scomparsa, avvenuta nel 1966, è stata fondata un'associazione nazionale di amici del Vittorioso; tuttavia, anche per ragioni anagrafiche, sarà durante il pontificato di Pio XII che l'opera di Gedda si svolgerà compiutamente. L'ACI era l'unica associazione non dipendente dal regime che avesse mantenuto una struttura organizzativa non clandestina e quindi, alla caduta del fascismo, Luigi Gedda capisce che l'ACI "[...] avrebbe perciò potuto fornire i quadri dirigenti, come di fatto avvenne, per la ricostruzione politica della nazione" (8). Nel 1946 viene nominato Presidente degli Uomini di Azione Cattolica e in questa veste, nell'udienza che ha per oggetto l'adunata nazionale degli uomini di AC dal 6 all'8 settembre 1947, affronta il tema del "[...] piano di azione per la prossima consultazione elettorale della Repubblica italiana e di come superare gli oltre quattro milioni di voti raccolti dai comunisti alle elezioni per l'Assemblea Costituente. Poiché sembra che i comunisti vogliano "bloccare" con i socialisti, si potrebbe indurre la Democrazia Cristiana a fare blocco con altri partiti e a utilizzare candidature significative come quella del conte Dalla Torre, che potrebbe temporaneamente dimettersi dalla direzione dell'"Osservatore Romano". Il Santo Padre menziona "Civiltà Italica", una iniziativa politica di monsignor Ronca, ed io obietto che meglio sarebbe riprendere l'Unione Elettorale Cattolica nominata dai Vescovi, che aveva bene funzionato in altri tempi ed Egli approva" (9). In un'altra udienza del 1947 il Papa è "[...] addolorato per il comportamento della Democrazia Cristiana e della Seconda Sezione della Segreteria di Stato a proposito dei rapporti con il Fronte dell'Uomo Qualunque" (10), a conferma della preoccupazione del Papa circa la possibilità che il PCI conquistasse la maggioranza relativa alle elezioni.

    Così, nell'udienza del 10 gennaio 1948, Papa Pio XII afferma che "[...] si tratta di una lotta decisiva e che perciò è il momento di impegnare tutte le nostre forze" (11) e ribadisce la propria scontentezza "[...] per gli errori commessi dai democristiani, per le beghe interne al partito, per la leggerezza con la quale essi affrontano i problemi" (12): nasce così l'idea di costituire quelli che poi Gedda vorrà far chiamare Comitati Civici, cioè organismi anzitutto preposti alla mobilitazione elettorale del mondo cattolico in vista delle elezioni del 18 aprile 1948.

    Questa scadenza elettorale ebbe anche un riflesso sulla vita dell'ACI, come ricorda lo stesso Gedda, perché l'associazione si trovava divisa fra chi voleva affiancare la DC nella lotta elettorale, come l'allora Presidente Generale avvocato Vittorino Veronese, e chi invece, come Gedda, promuovendo i CC forniva "[...] un insegnamento fondamentale ai cattolici italiani impegnati ad assolvere un dovere elettorale: non è sufficiente l'esistenza di uno o più partiti di ispirazione cristiana, ma è necessario che esista una struttura politica non partitica in ogni diocesi, cioè che esistano un Comitato nazionale e dei Comitati diocesani composti da cattolici autentici e non interessati a una candidatura personale" (13), come farà lo stesso Gedda rifiutando la candidatura al collegio senatoriale di Viterbo offertagli dalla DC in occasione delle elezioni del 18 aprile. Il fondatore dei CC aggiunge poi, riferendosi a quanto successivamente accaduto nella storia del paese e del mondo cattolico, che la validità dell'esperienza unitaria provata allora con i CC per volontà di Papa Pio XII è confermata dalle "[...] tristissime vicende della prigionia e morte di Aldo Moro e della uccisione di Vittorio Bachelet, nonché la trasformazione degli Statuti dell'Azione Cattolica di Pio XI operata dai monsignori Costa e Guano" (14), che hanno provocato l'attuale disorientamento degli elettori cattolici, la loro divisione e l'impossibilità così di "imporre il pensiero cristiano alla politica italiana" (15). "Una struttura analoga a quella dei Comitati Civici — conclude Gedda — dovrebbe però avere, a differenza di quanto avvenne nel 1948, una vita permanente, in modo che essa possa garantire un'efficiente presenza e controllo dei cattolici sulla moralità della vita politica" (16).

    Viene poi la tanto sospirata vittoria elettorale del 18 aprile. Opportunamente, Luigi Gedda fornisce il numero degli elettori che scelsero la DC nel 1946, nelle elezioni per l'Assemblea Costituente, cioè 8.101.004, e quelli che la votarono nel 1948, nelle elezioni per la Camera dei Deputati, cioè 12.741.299, per far capire come i quasi cinque milioni di voti in più non sarebbero arrivati senza la mobilitazione capillare dei CC. "Pio XII è molto rasserenato [...]. Osserva che anche Giannini dell'Uomo Qualunque avrebbe potuto ottenere un buon risultato, se non avesse sbagliato nel promuovere un fronte antigoverno mediante l'unità sindacale con la Confederazione Generale dei Lavoratori" (17), ricorda Gedda riferendo dell'udienza del 22 aprile, la trentunesima con Papa Pio XII.

    La situazione della Chiesa in Italia e la politica nazionale non sono l'unica materia delle udienze fra Gedda e il Pontefice, anche se hanno un posto predominante, dato il ruolo ecclesiale e politico, anche se non partitico, del dirigente di ACI e fondatore dei CC. Per questo, Gedda trova il modo di presentare al Papa il suo libro Studio dei Gemelli (18), ma rimangono al centro delle conversazioni i grandi problemi del mondo cattolico italiano, nel quale, secondo Gedda, "[...] vige un clima di benestantismo, cioè di quietismo, e Pio XII commenta che ‘manca lo spirito di conquista'" (19) e mancano le scelte di politica nazionale: "Gli chiedo se dobbiamo continuare ad appoggiare la Dc con i Comitati Civici ed Egli approva questo orientamento, ma consiglia di non attaccare le destre perché non diventino a loro volta anticlericali" (20). A questo proposito, un certo rilievo merita la 47a udienza, avvenuta il 17 giugno 1952, di poco successiva al fallimento dell'Operazione Sturzo, quando il Papa avrebbe voluto la costituzione di un'unica lista per le elezioni comunali romane fra tutti i partiti anticomunisti, e incaricò don Luigi Sturzo di condurre appunto l'operazione. Ma Papa Pio XII e Gedda, che nel frattempo era diventato Presidente generale dell'ACI, dovettero subire il rifiuto di tutti i Presidenti dei rami dell'ACI, e cioè "[...] Carretto (Giac), Badaloni (Maestri Cattolici), Miceli (Gioventù Femminile) e Carmela Rossi (Donne Cattoliche), come pure la Fuci e i Laureati Cattolici; e questo perché l'operazione Sturzo coinvolgeva l'elettorato di destra. Soltanto Maltarello, presidente degli Uomini di Ac, si dichiarò favorevole" (21). Gedda trova il Papa "molto triste" (22), che "[...] osserva che l'Azione Cattolica collabora non con la Chiesa ma con la Democrazia Cristiana" (23), che gli parla di "amare scoperte" (24), arrivando ad affermare che "l'Azione Cattolica, per la quale sono stati fatti tanti sacrifici, non è più nostra" (25). In questo periodo matura il "ribaltamento" del pensiero di Carlo Carretto — che il 17 ottobre 1952 rassegna le dimissioni — la cui trasformazione si deve soprattutto "[...] all'influenza degli uomini della Democrazia Cristiana che lavoravano per un'intesa con i comunisti, e in particolare a Giuseppe Dossetti" (26). A Carretto succede Mario Rossi, che "[...] portò nella Giac la tendenza a considerare la politica estranea alla disciplina ecclesiale dell'Azione Cattolica, conferendole invece un'impronta di tipo marxista conforme al socialismo sopravvissuto al fascismo nel suo Polesine" (27); anche lui, nel giro di due anni, viene costretto alle dimissioni con quasi tutti i dirigenti centrali della GIAC (28).

    Evidentemente, il malessere presente nell'ACI, che esploderà negli anni successivi al Concilio Ecumenico Vaticano II con la cosiddetta "scelta religiosa" — in sintesi, una linea pastorale che escludeva il desiderio di costruire una società il più possibile conforme al diritto naturale e rivelato, cioè escludeva quello spirito di conquista la cui assenza era già stata denunciata da Papa Pio XII — e che porterà al crollo delle iscrizioni, che nel 1954 avevano superato i tre milioni, tale malessere per Gedda venne acuito dalla riforma degli Statuti dell'ACI voluta nel 1953 dai "[...] Monsignori Costa e Guano, che trasformarono sullo schema della Fuci e della sua mentalità l'Azione Cattolica dei cinque rami stabilita da Pio XI" (29).

    Ma qual'era questa mentalità? Un libro di memorie non è la sede per una risposta esaustiva a una domanda di questa portata. Un'indicazione può essere contenuta in queste parole, poste quasi al termine del libro: "La confusione non si manifestò soltanto ai vertici del partito, ma si estese anche alle organizzazioni cattoliche, per cui alla linea dell'ortodossia assoluta che aveva caratterizzato l'Azione Cattolica durante il fascismo e l'azione dei Comitati Civici, successe un periodo nel quale, a causa del cattivo esempio della Democrazia Cristiana, prevalse la linea di rispettare la democrazia qualunque essa fosse" (30). Esse ricalcano la denuncia di Papa Giovanni Paolo II nelle encicliche Centesimus annus ed Evangelium vitae a proposito della democrazia senza valori, del relativismo che porta all'autodistruzione dello Stato e della stessa convivenza nazionale. Queste parole descrivono anche le difficoltà dei cattolici italiani negli anni 1950, immersi in una situazione di apparente grande consenso e forza, ma in una nazione che andava secolarizzandosi nella cultura e nel costume e nella quale stava guadagnando consensi una risposta sbagliata a problemi reali, quella che già allora asssumeva i connotati del progressismo e che, nella ricostruzione di Luigi Gedda, aveva una posizione di forza e di grande influenza nella sinistra democristiana guidata da Giuseppe Dossetti.

    La preziosa opera di Gedda aiuta così non soltanto a ricostruire la storia del paese e del movimento cattolico in Italia, ma permette anche di riconoscersi oggi nel lavoro apostolico di chi ha già combattuto la stessa "buona battaglia".


    Note

    (1) Manuale operaio, Ed. operaie, Roma 1973, p. 24.

    (2) Cfr. Luigi Gedda, Getsemani. Meditazioni per l'uomo d'oggi, 4a ed., Massimo, Milano 1987; e Idem, Spiritualità getsemanica, Massimo, Milano 1992.

    (3) Giovanni Getto, Gino Pistoni. Ritratto di un caduto per la libertà, a cura di Rodolfo Venditti, Piero Gribaudi editore, Milano 1994, p. 74.

    (4) Cfr. L. Gedda, 18 aprile 1948. Memorie inedite dell'artefice della sconfitta del Fronte Popolare, Mondadori, Milano 1998.

    (5) Sul 18 aprile 1948, cfr. il mio Democrazia Cristiana e mondo cattolico nell'epoca del centrismo (1947-1953), in Cristianità, anno XXVI, n. 277, maggio 1998, pp. 19-23.

    (6) Per comprendere appieno la nascita e il significato dell'ACI, quest'ultima va situata all'interno della storia del movimento cattolico ma non va confusa con esso, di cui rappresenta una particolare modalità organizzativa. In sintesi, non si deve confondere l'"azione cattolica" con l'Azione Cattolica Italiana. A quest'ultima faccio riferimento in questo articolo, cioè alla realtà nata dai nuovi Statuti approvati il 2 ottobre 1923. La bibliografia sull'ACI è sterminata; per un primo approccio, prescindendo dalla posizione ideologica degli autori, cfr. Mario Casella, L'Azione Cattolica del tempo di Pio XI e di Pio XII (1922-1958), in Dizionario storico del movimento cattolico in Italia 1860-1980, vol. I/1 I fatti e le idee, Marietti, Torino 1981, pp. 84-101; Renato Moro, Azione Cattolica Italiana (ACI), ibid., vol. I/2, I fatti e le idee, pp. 180-191; Guido Formigoni, L'Azione Cattolica Italiana, Àncora, Milano 1988; e Mario Agnes, L'Azione Cattolica in Italia. Storia identità missione, a cura e con presentazione di Michele Zappella, Sangermano, Cassino 1985.

    (7) Sulla "scelta religiosa", cfr. ACI, scelta religiosa e politica. Documenti 1969-1988, AVE, Roma 1988, a cura di Raffaele Cananzi, Presidente nazionale dell'ACI in quel tempo; e cfr. anche La Chiesa italiana e le sue scelte. La questione della "scelta religiosa". Contributo a un dibattito, Quaderni, 2, Supplemento a Litterae Communionis - CL, 1983, che raccoglie i risultati di un lavoro seminariale condotto da don Luigi Negri.

    (8) L. Gedda, 18 aprile 1948. Memorie inedite dell'artefice della sconfitta del Fronte Popolare, cit., p. 87.

    (9) Ibid., pp. 104-105.

    (10) Ibid., p. 105. Il Movimento, poi Fronte dell'Uomo Qualunque è un movimento politico fondato — con il settimanale L'Uomo Qualunque — dal commediografo, giornalista e uomo politico campano Guglielmo Giannini (1891-1960) nel secondo dopoguerra in alternativa ai partiti del CLN, il Comitato di Liberazione Nazionale, alla cui prospettiva politica cerca di contrapporre appunto le esigenze degli "uomini qualunque": cfr. Sandro Setta, L'Uomo qualunque. 1944-1948, 2a ed., Laterza, Roma-Bari 1995.

    (11) L. Gedda, 18 aprile 1948. Memorie inedite dell'artefice della sconfitta del Fronte Popolare, cit., p. 115.

    (12) Ibidem.

    (13) Ibid., pp. 126-127.

    (14) Ibid., p. 127.

    (15) Ibidem.

    (16) Ibidem.

    (17) Ibid., pp. 132-133.

    (18) Cfr. ibid., p. 146.

    (19) Ibid., p. 147.

    (20) Ibidem.

    (21) Ibid., p. 153.

    (22) Ibidem.

    (23) Ibidem.

    (24) Ibidem.

    (25) Ibid., pp. 153-154.

    (26) Ibid., p. 154; su Dossetti, cfr. la mia Nota su Giuseppe Dossetti e sul dossettismo, in Cristianità, anno XXV, n. 263, marzo 1997, pp. 3-6.

    (27) L. Gedda, 18 aprile 1948. Memorie inedite dell'artefice della sconfitta del Fronte Popolare, cit., p. 155.

    (28) Cfr. ibid., p. 156.

    (29) Ibid., p. 172.

    (30) Ibid., p. 191.



    tratto da: Cristianità, 26 (1998) settembre, n. 281, p. 13-16.

    http://www.storialibera.it/epoca_con...lare»%20(Gedda)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    109 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "In memoriam" del professor Luigi Gedda (1902-2000)

    di Marco Invernizzi


    Il 26 settembre 2000, all’età di 98 anni, è stato chiamato alla casa del Padre il professor Luigi Gedda.

    Nato a Venezia nel 1902, ha attraversato la storia di tutto il secolo XX militando fin dalla giovinezza nel movimento cattolico italiano. Presidente centrale della GIAC, la Gioventù Italiana di Azione Cattolica, dal 1934 al 1946, presidente degli Uomini di Azione Cattolica dal 1946 al 1949, e quindi presidente generale di tutta l’associazione dal 1952 al 1959, viene soprattutto ricordato per aver fondato i Comitati Civici, in vista delle elezioni del 1948 e su mandato di Papa Pio XII, ossia quel movimento civico-culturale di cattolici che Paolo VI in un’udienza del 1965 definirà come un’associazione "non partitica", che però si occupava di politica, e "non strettamente religiosa", che però curava la formazione spirituale e dottrinale dei suoi membri. Unico esempio nella storia dei cattolici in Italia, accanto all’Unione Elettorale Cattolica Italiana, d’impegno politico non partitico, i Comitati Civici verranno demonizzati per il loro impegno anticomunista e con essi il loro leader e fondatore. Ma, soprattutto, come mi disse Gedda in un incontro che ebbi con lui nel 1992, verranno "silenziati" dai dirigenti della Democrazia Cristiana, che mal sopportavano quello strumento di controllo sul loro operato, una sorta di sindacato degli elettori cattolici che ne difendeva gli interessi di fronte al partito.

    La vita pubblica di Luigi Gedda non è però riducibile al, pur importante, aspetto politico-sociale. Medico, genetista di fama internazionale, studioso di gemellologia, fonda nel 1952 la rivista “Acta Geneticae Medicacae et Gemellologiae” e quindi, due anni dopo, l’Istituto di Genetica Medica e Gemellologia Gregorio Mendel, che dirige e frequenta fino al 1999. Nel 1961 vince il concorso bandito per la prima cattedra italiana di Genetica Medica, all’università di Roma.

    Ma la realizzazione che più testimonia la fecondità spirituale della vita di Luigi Gedda è la Società Operaia, un’associazione laicale da lui fondata a Roma nel 1942, e tuttora operante, allo scopo di "raccogliere quanti ‘laici come laici’ volevano consacrare la vita a diffondere nel mondo presente il messaggio di Gesù", seguendo una spiritualità incentrata nel Mistero dell’agonia di Cristo nel Getsemani. La Società Operaia è stata eretta in associazione di diritto pontificio dal Pontificium Consilium pro laicis nel 1981.

    Indubbiamente Luigi Gedda non ha ricevuto tanto quanto ha dato. Indicato — come si può leggere anche nel ricordo dell’Azione Cattolica Italiana in occasione della sua morte su “L’Osservatore Romano” del 29 settembre 2000 — come esempio di "cattolico pre-conciliare", senza precisazioni di sorta e senza attenzione per la cronolgia, da quanti usano il Concilio Ecumenico Vaticano II per dialettizzare la storia della Chiesa, trasmette piuttosto un esempio di grande fedeltà alla Chiesa di sempre, che ha servito e insegnato a servire, con passione e con dedizione, spesso nel silenzio, imitando Gesù nel Getsemani e così vivendo il Mistero che più amava.


    tratto da: Cristianità, n. 303, gennaio-febbraio 2001, p. 6.

    http://www.storialibera.it/epoca_con...id=2553&titolo=

  3. #3
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    109 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Luigi GEDDA
    I Comitati civici


    I Comitati civici furono la risposta organizzativa della Chiesa, nel 1948, dinanzi al pericolo di una imminente vittoria politica del Fronte Popolare del Partito comunista e del Partito socialista.


    "Intorno al 10 gennaio 1948 [...] chiedo un'udienza privata che avrebbe dovuto aver luogo il 18 gennaio, ma viene spostata al 20 [...].
    L'udienza, fissata per le 11.15, ha inizio alle 11.10 e dura fino alle 12.30, per cui ho modo di recitare a mezzogiorno l'Angelus con Pio XII.
    Trovo il Santo Padre in apprensione per le affermazioni di Togliatti al Congresso del Partito socialista italiano e riportate dai giornali del giorno, nelle quali il segretario del Pci si dichiarava sicuro della vittoria del Fronte Popolare.
    Il Pontefice dice che in effetti si tratta di una lotta decisiva e che perciò è il momento di impegnare tutte le nostre forze. Egli si dimostra scontento per gli errori commessi dai democristiani, per le beghe interne al partito, per la leggerezza con la quale essi affrontano i problemi (proprio in quei giorni per un solo voto avevano perso una votazione al Senato). Il Santo Padre afferma che tutti gli aventi diritto al voto, senza eccezione, devono sentire il dovere di accettare l'imperativo di questa battaglia, e mi chiede se siamo ancora in tempo.
    Mi permetto di suggerire il progetto di puntare sull'elettorato del Mezzogiorno, che può essere più facilmente mobilitato per finalità religiose. Il Papa apprezza l'idea, però mi domanda: "Chi farà tutto questo?". Io propongo di costituire un "Movimento Animatori", prospettiva che piace a Pio XII, e mi metto a Sua disposizione. [...]
    Ancora mi permetto di far presente che sarebbe psicologicamente utile invitare tutte le tipografie cattoliche a stampare volantini di sostegno alla campagna elettorale che potrebbero poi essere lanciati su città e villaggi da aeroplani appositamente noleggiati. Questo progetto piace molto al Pontefice, che mi raccomanda di stabilire intanto un elenco delle tipografie romane da mobilitare.
    La mia proposta nasceva dal ricordo di quando all'Unione Giovani Cattolici di Casale Corte Cerro (Novara) si era pensato di attirare l'attenzione dei casalesi gettando dall'alto del campanile migliaia di foglietti con la scritta "Viva il Papa".
    Successivamente Pio XII affronta il problema di quali possano essere le candidature ed accetta la lista dei nomi che Gli sottopongo. Egli pensa che sarebbe utile includervi Gino Bartali, data la sua immensa popolarità [...].
    Congedandomi da questa fondamentale udienza durata circa ottanta minuti, [...] scendo la Scala regia che mi porta in piazza San Pietro. Durante il percorso penso a come chiamare il movimento elettorale che avevo ricevuto l'incarico di formare, senza che esso si confonda con l'Azione Cattolica o con la Democrazia Cristiana, e mi viene in mente il nome che fu quello definitivo e fece epoca: Comitati Civici".

    Luigi GEDDA, "18 aprile. Memorie inedite dell'artefice della sconfitta del Fronte Popolare", Mondadori, Milano 1998, p. 115.116.



    Il risultato fu tale che Pio XII ricevendo il professor Luigi Gedda dopo il 18 aprile ebbe a dire: "è stato un lavoro ben fatto". Sarà proprio Gedda, molto più tardi, a ricordare quel compiacimento di papa Pio XII, quando nel corso di un'intervista rilasciata ad Arrigo Petacco per un programma storico della Rai concluse dicendo: "Sento di aver obbedito alla Chiesa per un problema importante, importante allora ed importante oggi, anzi direi ancor più oggi di allora, perchè allora si trattava di difedere l'Italia. Oggi si vede che quella difesa dell'Italia era la difesa dell'Europa".

    Luigi GEDDA, "Si trattava di difendere l'Italia", in Programma della Rai I giorni e la storia. I primi dieci anni di pace 1945-1955, a cura di Arrigo Petacco, Rai 2, 27.10.1990.


    http://www.storialibera.it/epoca_con...itati%20civici

  4. #4
    CONSERVATORE
    Data Registrazione
    03 Nov 2008
    Messaggi
    105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Molte grazie, era una figura a me sconsciuta.

  5. #5
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Luigi Gedda è una figura chiave del mondo politico e cattolico italiano, soprattutto nella fase del dopo-guerra. L'uomo giusto al posto giusto per la resistenza nei confronti del comunismo dilagante, a suprema difesa e protezione di principi cristiani in un'epoca difficile e segnata da conflitti molto rischiosi.
    La sua fu una attività frenetica, infaticabile, e pervasiva, a sostegno di gruppi di ispirazione cristiana in ogni corpo della società e in ogni professione (medici, insegnanti, giuristi, ecc.).
    Pio XII potè avvalersi delle energie fisiche e morali evocate da Gedda per affermare il ruolo e la potenza della Chiesa e ricordare a tutti gli italiani l'esistenza di radici profonde, a base della nazione da tempi immemorabili , messe in pericolo dall'ideologia atea e materialista rappresentata dal comunismo.

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 Jun 2010
    Messaggi
    7,877
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    De Gasperi, Gedda, la Dc e il «partito romano»
    </B>


    1. Un volume su de Gasperi
    È stata pubblicata da poco una importante biografia politica di Alcide De Gasperi (1881-1954), scritta da Piero Craveri, storico e docente all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli (1).
    Si tratta di un’opera corposa, di oltre seicento pagine, frutto di un ingente lavoro di archivio e di molte letture, che inevitabilmente condizionerà per molti anni gli studi sul personaggio e sul suo periodo storico e che meriterà attenzione meno episodica.
    Tuttavia, vi sono alcune affermazioni nel testo, relative a personaggi e a prese di posizione dell’epoca, che mi hanno suggerito alcune riflessioni «a caldo», che mi portano a sostenere opinioni molto diverse da quelle di Craveri.
    A p. 545 Craveri definisce Luigi Gedda (1902-2000) «uomo di nessuna finezza politica e attitudine per la vita democratica» e mero esecutore delle decisioni di una «consorteria curiale», che voleva, nel 1952, in occasione della cosiddetta «operazione Sturzo» — cioè del tentativo di presentare, in occasione delle elezioni comunali di Roma, una lista anticomunista senza simboli di partito composta da democristiani, monarchici e missini, di cui il fondatore del Partito Popolare, Luigi Sturzo (1871-1959), sarebbe stato la bandiera — ma anche in altre circostanze, costituire accanto alla Dc un partito cattolico d’indirizzo conservatore oppure sostituirla con periodiche liste elettorali non partitiche opposte a quelle socialcomuniste.
    Quattro pagine più avanti, Craveri plaude al fallimento dell’«operazione Sturzo» e sostiene la tesi che il movimento politico dei cattolici fosse da cinquant’anni anni molto più avanti rispetto alla gerarchia della Chiesa «nel rapporto con la realtà sociale, politica e culturale, maturato in autonomia sul terreno della democrazia». Viene da sorridere, pensando che forse la Dc era troppo avanti, vista la fine che ha fatto dopo la rimozione del Muro di Berlino — e non sto pensando a «Tangentopoli», ma alla sua inutilità nello scenario post-comunista —, mentre la gerarchia della Chiesa è non solo viva e vegeta — questa è una promessa divina — ma ha rilanciato la propria presenza nel mondo attraverso una nuova evangelizzazione, che la rende protagonista della storia del terzo millennio cristiano.
    2. Luigi Gedda, il «partito romano» e la Dc
    Ma non è questo quello di cui vorrei scrivere. Mi piacerebbe invece riuscire a chiarire almeno un po’ l’antica questione riguardante i rapporti fra Luigi Gedda e la Dc.
    Nel partito democristiano vi era allora una contrapposizione fra un’ala sinistra guidata da Giuseppe Dossetti (1913-1996), forse un po’ integralista — nel senso della pretesa di usare lo Stato per costruire una società più giusta —, molto aperta a una collaborazione, più simile a una concorrenza, a sinistra, e un centro del partito, facente capo a De Gasperi, anticomunista e antifascista, laico e liberale.
    AL di fuori di questa contrapposizione e, comunque, con una visione politica diversa rispetto a entrambe queste posizioni, vi era l’Azione Cattolica di Gedda e soprattutto i Comitati Civici, l’organizzazione da lui fondata nel 1948 e diretta negli anni 1950 e 1960.
    La mancanza di sensibilità politica e democratica di Gedda, che Craveri denuncia, si risolse forse nel rifiuto del seggio senatoriale «sicuro» di Viterbo che la Dc di De Gasperi gli offrì per due volte, ma non altrove. E questo rifiuto di entrare nel partito e di candidarsi gli costò l’accusa, ricorrente ancora oggi, di voler sabotare l’unità politica dei cattolici e di essere un clerico-fascista, perché voleva aprire alle destre. Se si avesse invece la pazienza di studiare quei pochi documenti disponibili — per esempio alcune annate della rivista dei Comitati Civici Collegamento —, ci si renderebbe conto che i Comitati hanno sempre sostenuto la Dc nelle elezioni.
    Ma, domando: anche se questo sostegno non vi fosse stato, se fosse nato cioè quel «partito romano», cattolico e conservatore, desiderato da mons. Roberto Ronca (1901-1977) e da molti altri cattolici, ecclesiastici e laici — che fu promotore dell’«operazione Sturzo» —, contrariati e dispiaciuti del progressismo della Dc, che male ci sarebbe stato, per la democrazia e per il mondo cattolico, oltre che per il bene comune del Paese?
    Se qualcuno aveva dei dubbi circa questo partito per il timore che potesse favorire il Pci dividendo i cattolici, sarebbe stata una perplessità comprensibile, che sembra abbia avuto lo stesso Pio XII, e di questo si potrebbe discutere.
    Viceversa, se il problema era di principio, perché in nome della democrazia e della libertà, cui ci s’ispirava come valori discriminanti, si fece di tutto per impedire che agli elettori cattolici venisse offerta un’alternativa al partito democristiano? Si badi bene: la nascita di un nuovo soggetto politico venne ostacolata in tutti i modi non da chi aveva paura che il Pci diventasse il partito di maggioranza relativa, ma da coloro che rifiutavano «dogmaticamente» un’alleanza di centro-destra.
    L’unico esempio di lista cattolica anticomunista aperta alle destre fu quella promossa a Pompei (Napoli) quando era vescovo mons. Ronca, nel 1952, lo stesso anno dell’«operazione Sturzo» a Roma, e fu dedicata al fondatore del santuario, il beato Bartolo Longo (1841-1926): a differenza di Roma, a Pompei la lista Longo vinse le elezioni, scavalcando la Dc e le sinistre rimasero sconfitte. È vero: Pompei non è l’Italia, comunque lì andò così.
    3. Luigi Gedda e il mondo cattolico
    Ancora oggi il nome di Gedda è impronunciabile in certo mondo cattolico non solo progressista, mentre i più non lo conoscono o lo conoscono male. Viene considerato come una sorta di longa manus del clero, solo perché aveva un rapporto diretto con Papa Pio XII (1939-1958). Per questo è accusato di essere «confessionale» e, soprattutto, di voler favorire l’ingerenza clericale nella misura in cui fosse cresciuto il suo potere.
    Anche qui bisogna conoscere e cercare di capire. Il fatto di avere l’appoggio di un Pontefice e di alti prelati non significa di per sé essere clericale. De Gasperi aveva i suoi appoggi presso la Santa Sede — noto è il legame con mons. Giovanni Battista Montini (1897), poi Papa Paolo VI (1963-1977) — e tuttavia viene considerato laico e non confessionale; Dossetti aveva a sua volta non poche amicizie nel clero.
    Il fatto è che esisteva una profonda divergenza culturale in seno al mondo cattolico di allora fra chi, come Gedda, voleva combattere il socialcomunismo e opporsi al secolarismo avanzante con tutti i mezzi leciti e possibili e chi, invece, vedeva altre priorità. Le divergenze avrebbero potuto essere ricomposte? Forse sì, tuttavia non andò così e l’astio che ancor oggi ristagna verso chi allora assunse le posizioni dei Comitati Civici continua a stupirmi.
    Certamente qualcuno potrebbe obiettare che Gedda e i Comitati difendevano l’Italia cattolica cercando di limitare gli spazi di libertà per le culture e le forze ostili a quest’Italia, soprattutto cercando di salvaguardare i principi morali nella vita pubblica influendo sugli organi dello Stato preposti alla legislazione e all’ordine pubblico. Ma era sbagliato usare questi mezzi contro un Pci che veniva finanziato da uno Stato nemico del nostro Paese? Era sbagliato usare anche le leggi per combattere il laicismo che si insinuava sempre di più nelle pieghe della società italiana?
    Certamente sarebbe arrivata una stagione diversa per il mondo cattolico, quella del Concilio Vaticano II e della libertà religiosa, che sarà anche quella in cui i cattolici italiani avrebbero scoperto di essere diventati una minoranza e di dover operare di conseguenza, rinunciando per esempio ai privilegi concessi loro dallo Stato — il che pure, in un Paese quasi totalmente cattolico, ha una sua ragionevolezza.
    Anche in questo caso, se abbiamo la pazienza di andare a vedere le carte, scopriamo che Gedda aveva una elevata sensibilità — forse anticipatamente — missionaria, orientata soprattutto a recuperare i «lontani», ad andare a cercare i non più cattolici: questo fu il senso della proposta lanciata dalla sua Azione Cattolica Italiana negli anni 1950 — gli anni «del grande ritorno» — ai comunisti dopo la loro sconfitta il 18 aprile 1948 e all’indomani della scomunica loro inflitta dal Santo Uffizio nel 1949.
    L’uomo Gedda, per quanto possa essere criticato — ma va anche studiato —, aveva una sensibilità spiccata in tal senso, che non bisogna dimenticare.

 

 

Discussioni Simili

  1. I Comitati Civici Cattolici
    Di Affus nel forum Cattolici in Politica
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-10-11, 07:59
  2. Comitati Civici di Difesa Nazionale
    Di Barney nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 12-09-06, 10:30
  3. Comitati Civici di Difesa Nazionale
    Di Barney nel forum Destra Radicale
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 12-09-06, 09:42
  4. Comitati Civici di Difesa Nazionale
    Di Barney nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-09-06, 17:16
  5. I Comitati Civici
    Di Affus nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25-04-03, 09:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226