User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Borsellino e Mancino

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Borsellino e Mancino

    Mistero Borsellino

    di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza




    Il giudice Paolo Borsellino
    Dopo il "botto" sull'autostrada di Capaci, nei 56 giorni che separarono l'attentato a Giovanni Falcone da quello a Paolo Borsellino, l'allora ministro dell'Interno Nicola Mancino sarebbe venuto a sapere che pezzi dello Stato avevano intavolato una "trattativa" con Cosa nostra per far cessare il terrorismo mafioso, in cambio di alcune concessioni legislative: prima fra tutte la revisione del maxiprocesso. Sarebbe stato uno dei protagonisti di quel negoziato, Vito Ciancimino, a chiedere alcune "garanzie istituzionali", tra cui quella che Mancino fosse informato.

    E avrebbe ottenuto, attraverso canali tuttora al vaglio dei magistrati, che l'informazione giungesse al destinatario. È uno dei passaggi più delicati delle nuove rivelazioni fatte nei giorni scorsi ai pm di Palermo da Massimo Ciancimino, il figlio prediletto di Vito, l'ex sindaco mafioso del capoluogo siciliano che fu per decenni la longa manus del boss Bernardo Provenzano nel cuore della Dc.

    I nuovi verbali, trasmessi subito a Caltanissetta, sono già sul tavolo del procuratore Sergio Lari, che coordina l'ultimo fascicolo rimasto aperto sui mandanti esterni della strage di via D'Amelio e contengono rivelazioni che potrebbero imprimere una svolta alle indagini sull'eliminazione di Borsellino, la pagina più inquietante della sfida mafiosa sferrata contro le istituzioni all'inizio degli anni Novanta. Gli stessi verbali sono confluiti nella nuova indagine della procura di Palermo sui "sistemi criminali" in azione in Italia durante la stagione delle stragi. E non è escluso che Nicola Mancino, oggi vicepresidente del Csm, venga chiamato dalle due procure siciliane nelle prossime settimane per fornire la sua versione dei fatti.

    Massimo Ciancimino, l'unico dei quattro figli di don Vito a vivere con lui fino alla fine dei suoi giorni, è un personaggio assai controverso: condannato a cinque anni e otto mesi per riciclaggio del tesoro accumulato dal padre in quarant'anni di attività politico-amministrativa, imprenditore di una miriade di società grandi e piccole, è noto a Palermo per le sue abitudini da bon vivant, tra auto di lusso, yacht miliardari e vacanze esclusive. Da qualche mese, il figlio dell'ex sindaco 'collabora' con gli inquirenti e nelle ultime settimane ha ricostruito nei dettagli con i magistrati di Palermo le fasi cruciali del negoziato che gli uomini del Ros Mario Mori e Giuseppe De Donno, a cavallo tra le due stragi del '92, avviarono con don Vito per chiedere al boss Totò Riina di fermare l'attacco allo Stato. "Mio padre", ha detto Ciancimino, "era molto prudente, comprendeva tutti i rischi della situazione, e voleva essere sicuro che ci fosse una copertura istituzionale al negoziato.



    Voleva accertarsi che gli uomini del Ros avessero concretamente l'approvazione delle istituzioni".
    È questa una circostanza che Mori e De Donno hanno sempre negato, sostenendo di essere andati da Ciancimino in assoluta autonomia, spinti solo dalla necessità di stringere il cerchio attorno a Riina. Ma Ciancimino jr la racconta in un modo diverso, sostenendo davanti ai pm di Palermo di aver visto con i suoi occhi il famoso "papello", il foglio con le richieste che Cosa nostra presentò allo Stato in cambio di uno stop alla stagione delle stragi. "Il medico personale di Riina, Antonino Cinà", ha raccontato, "era il collegamento diretto.

    Tutte le volte che mio padre ha iniziato la trattativa, l'ho visto spesso a casa mia". Ma a portare il "papello", secondo il giovane imprenditore, sarebbe stata un'altra persona, un "signore distinto", che avrebbe consegnato materialmente la busta con le rivendicazioni di Cosa nostra. "Mio padre lo conosceva", ha aggiunto Massimo Ciancimino, "lo aveva incontrato varie volte a Roma. Non so perché la busta gli venne consegnata a Palermo". Quel "signore distinto" il figlio di don Vito non lo conosce, non sa chi sia. I pm di Palermo gli hanno sottoposto una serie di fotografie, ma l'esito degli accertamenti è ancora top secret.

    È a questo punto della trattativa che l'ex sindaco di Palermo, secondo il figlio, avrebbe chiesto una "garanzia" istituzionale per procedere nel negoziato con lo Stato. Chiedendo di informare il ministro Mancino degli incontri avviati tra Roma e Palermo con gli uomini del Ros. Secondo Ciancimino jr, quella richiesta sarebbe stata esaudita. Il padre avrebbe avuto la conferma che Mancino era stato informato. Mistero Borsellino




    Nicola Mancino
    Dopo questa rivelazione, l'attenzione investigativa si è concentrata sull'incontro del 1 luglio 1992, il giorno in cui Paolo Borsellino venne convocato al Viminale durante la cerimonia di insediamento di Mancino, che subentrò a Vincenzo Scotti alla guida del ministero degli Interni. I pm hanno acquisito l'interrogatorio reso da Mancino ai magistrati di Caltanissetta nel '98: "Non ho precisa memoria di tale circostanza, anche se non posso escluderla", ha detto Mancino ai pm, "era il giorno del mio insediamento, mi vennero presentati numerosi funzionari e direttori generali. Non escludo che tra le persone che possono essermi state presentate ci fosse anche il dottor Borsellino. Con lui però non ho avuto alcuno specifico colloquio e perciò non posso ricordare in modo sicuro la circostanza".

    Un incontro che, invece, ricorda l'avvocato generale di Palermo Vittorio Aliquò che quel giorno accompagnò Borsellino sulla soglia della stanza del neo-ministro. Ricorda di averlo visto entrare, di averlo visto uscire poco dopo, e di essere entrato a sua volta, ma da solo.

    Perché questo incontro è importante per le indagini? Perché, ipotizzano i magistrati, se è vero che Mancino fu avvertito della trattativa in corso, anche Borsellino, erede di Falcone, in quel momento uomo-simbolo della lotta alla mafia in Italia, e candidato in pectore alla Superprocura, potrebbe esserne stato a sua volta informato quel giorno al Viminale. E se davvero Borsellino avesse saputo che lo Stato era sceso a patti con Cosa nostra, è la tesi investigativa, la sua posizione di netta contrapposizione o di presa di distanza potrebbe averne determinato la morte. È certo, sottolineano in procura, che ad un certo punto la trattativa si arenò, le richieste di Cosa nostra vennero giudicate inaccettabili, e Riina decise di provocare un nuovo "botto" per riavviare i contatti istituzionali. E le sentenze di due processi, quello per la strage di Firenze e il Borsellino-bis concluso a Caltanissetta, acquisite a Palermo agli atti della nuova inchiesta, hanno sostenuto che fu proprio la trattativa interrotta a provocare una ripresa della stagione delle stragi.

    "Dopo la morte di Borsellino, mio padre si sentiva in colpa", ha rivelato Massimo Ciancimino. "Mi confidò le sue riflessioni su tutta questa storia: disse che avviare la trattativa era già stata una prova di debolezza da parte dello Stato, ma che fermarla aveva avuto un effetto disastroso".

    Fin qui le rivelazioni del figlio di don Vito, che nei giorni scorsi a Palermo è rimasto vittima di un'intimidazione che lo ha costretto ad anticipare la partenza per la città del nord Italia dove vive attualmente con la famiglia.

    Chiarezza sugli incontri di quel primo luglio al Viminale hanno sempre reclamato i fratelli di Paolo Borsellino, Rita e Salvatore. "Chiedo soprattutto al senatore Nicola Mancino del quale ricordo, negli anni immediatamente successivi al '92, una sua lacrima spremuta a forza durante una commemorazione di Paolo a Palermo", ha scritto Salvatore Borsellino in una lettera aperta nel luglio del 2007, "lacrima che mi fece indignare al punto da alzarmi e abbandonare la sala, di sforzare la memoria per raccontarci di cosa si parlò nell'incontro con Paolo" (08 gennaio 2009)

    http://espresso.repubblica.it/dettag...ino/2056007//1

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2008
    Messaggi
    317
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    http://www.politicaonline.net/forum/...d.php?t=487039

    Riflettete pure che in certe zone del paese dicono la Mafia crea sottosviluppo ma in altri muove l'economia?

    Comunque và cercato sicuramente un nuovo rapporto frà regioni.
    http://www.youtube.com/watch?v=_KdfoRrUpo8

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Chi testimonia il falso, Paolo o Mancino ?
    Scritto da Salvatore Borsellino Domenica 11 Gennaio 2009 22:07
    In una recente dichiarazione il vicepresidente del CSM Mancino, con riferimento alla pubblicazione della documentazione delle telefonate intercorse tra lui e Saladino ha dichiarato: "Non ho mai telefonato a Saladino, la chiamata da uno dei miei numeri di telefono è stata fatta da un'altra persona, da un rappresentante di Comunione e Liberazione, Angelo Armini, che nel 2001 era nella schiera dei miei collaboratori".
    Sono passati ben 7 anni ma Mancino ricorda perfettamente tutto.
    E poi ha aggiunto: "Ho consultato le mie agende di allora e ho fatto indagini, scoprendo così che quella conversazione è stata fatta da un'altra persona, Angelo Arminio".
    Mancino quindi ha anche delle agende e le può consultare per rinfrescare la sua memoria quando questa si affievolisce o si oscura.
    Dato che la sua memoria, da quanto ha dichiarato fino ad oggi, ha inghiottito in uno dei suoi buchi neri la giornata del 1 Luglio 1992, quando convocò nella sua stanza al ministero Paolo Borsellino mentre stava interrogando Gaspare Mutolo.
    Dato che non ricorda di avergli comunicato che lo Stato aveva avviato una trattativa con quella stessa criminalità organizzata che aveva da poco, nella strage di Capaci, massacrato Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della sua scorta.
    Dato dato che non ricorda la reazione di Paolo a fronte di questa ignobile proposta, così sdegnata da rendere necessaria, necessaria e rapida, la sua eliminazione.
    Dato che in una precedente occasione non ha risposto alla mia sollecitazione con la quale gli contestavo il fatto che Paolo stesso ha testimoniato su quell'incontro tramite una annotazione lasciata sulla sua agenda grigia, quella che contrariamente all'agenda rossa è ancora in nostro possesso perché non è stata sottratta dai "servizi", voglio cercare di rinfrescargli io la memoria mostrandogli una pagina di quell'agenda, nella quale. alla pagina del 1 luglio, alle ore 19.30, c'è l'annotazione "(Mancino)".
    Paolo quindi testimonia di essere stato nel pomeriggio di quel giorno,dalle 15 all 18.30 alla DIA ad interrogare Mutolo, di avere incontrato dalle 18.30 alle 19.00 il Capo della Polizia Parisi, di avere incontrato dalle 19.30 alle 20.00 Mancino e di essere poi tornato alle 20 ala DIA per proseguire l'interrogatorio di Mutolo, il quale dichiarò di avere notato in lui un nervosismo spinto al punto da mettere in bocca contemporaneamente due sigarette.
    A questo punto chiedo ancora una vola a Mancino, e questa volta pretendo una risposta prima che debba in ogni caso darla ai giudici di Palermo, di Caltanissetta e di Firenze dai quali spero sarà presto convocato, di dichiarare se è lui stesso o Paolo a testimoniare il falso.
    E se non si senta in obbligo, come ha promesso nel momento in cui anche l'ombra di un dubbio sul suo operato lo avesse sfiorato, di rassegnare le dimissioni da vicepresidente del CSM.



    http://www.19luglio1992.com/index.ph...riali&Itemid=4

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Domenica18 gennaio, nel corso del progranmma di approfondimento REALITY Silvia Resta intervista Salvatore Borsellino e, separatamente, Nicola Mancino

    TV LA7
    23.30 - 23.35

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Venerdì 16 Gennaio 2009 12:27
    Leggo sul sito dell'Espresso una lettera di Nicola Mancino titolata "Verità su Borsellino" nella quale Mancino continua piuttosto ad insistere nelle sue menzogne, o nel migliore dei casi, nelle sue croniche amnesie..
    Ne riporto alcuni passi : "Escludo in maniera categorica che lo Stato abbia trattato con esponenti della mafia (dal servizio del settimanale sembrerebbe con Riina tramite Ciancimino): nessuno dei vertici delle forze di polizia me ne parlò né chiese il mio parere....".
    Ora sul fatto che una "trattativa" ci sia stata credo che non ci sia ormai più ombra di dubbio. Ci sono delle sentenze, dei processi e delle indagini in corso al riguardo e solo una persona in assoluto stato confusionale potrebbe affermare il contrario.
    Se ci sono dei punti controversi riguardano solo il fatto che la trattativa stessa sia iniziata dopo la strage di Via D'Amelio, come affermano Mori e De Donno che la trattativa condussero in prima persona con Vito Ciancimino, o se, come ha rivelato di recente Massimo Ciancimino, il figlio di Vito, che per il padre faceva da corriere, tale trattativa sia iniziata a metà Giugno, dopo la strage di Capaci e quindi, come io sostengo da tempo e come adesso cominciano a ipotizzare anche i magistrati incaricati delle inchieste a Caltanissetta a Palermo e a Firenze, possa essere stata la causa scatenante dell'assassinio di Paolo e della sua scorta.


    Sarebbe più semplice per Mancino sostenere, come sostiene, soltanto che lui sia stato tenuto all'oscuro di questa trattativa, il fatto invece che escluda "in maniera categorica" che questa trattativa sia mai avvenuta non fa altro che mettere in evidenza la sua mala fede.
    Dice ancora Mancino: "Per quanto riguarda il mio presunto incontro con il giudice Borsellino il primo luglio 1992, giorno del mio insediamento al Viminale, ai magistrati di Caltanissetta, che mi interrogarono come teste nel 1998, ebbi a dire - e tuttora confermo - di non averne memoria - non conoscevo fisicamente quel magistrato, ma non ho escluso che fra le tante strette di mano per congratularsi con me ci potesse essere anche quella del giudice Borsellino".
    Queste parole mi indignano, signor Mancino, la mano di Borsellino non era una mano qualsiasi tra tante altre, era la mano di un giudice che in quei giorni sapeva, come tutti gli Italiani sapevano, tranne lei a quanto pare, che era solo questione di giorni perchè arrivasse la sua morte annunciata, era la mano di un morto che camminava e lei non si può permettere di sostenere che "non conoscevo fisicamente quel giudice". Dovrebbe allora sostenere che dalla strage di Capaci in poi lei non abbia più letto i giornali o guardato la televisione, Paolo in quei giorni compariva in tutti i telegiornali e la sua fisionomia, la sua immagine, avrebbe dovuto essere stampata nella sua testa, come lo era in quella di tutto il resto degli italiani.

    E ancora: "Nessuno me lo presentò, neppure il capo della Polizia Parisi, che pure nel pomeriggio di quel giorno, mi aveva chiesto se avessi avuto nulla in contrario a che il dott. Borsellino mi venisse a salutare".
    Forse farebbe meglio, signor Mancino, a continuare ad insistere sulla sua amnesia e non aggiungere altri particolari che rendono meno verosimili le sue affermazioni, oppure ci dovrebbe spiegare perchè il dott. Parisi avrebbe dovuto a ipotizzare che lei potesse avere qualcosa in contrario ad incontrare il dott. Borsellino, si trattava forse di una persona pericolosa o a lei poco gradita ?

    E poi: "non ho mai visto il fratello che pure ingiustamente mi accusa, adesso, di cinica indifferenza prima, ma soltanto dopo molti anni dal tragico evento, di avere mentito sul fatto di non avere incontrato il fratello".
    Lei non mi avrà mai incontrato ma io ricordo di averla vista parlare negli anni immediatamente successivi al '92 al tristemente noto "Centro Borsellino" di Palermo e forse avrà notato una persona alzarsi dalla prima fila e allontanarsi dalla sala mentre lei, parlando di Paolo, asciugava una lacrima che riteneva le bagnasse gli occhi, quella persona era il fratello di Paolo Borsellino, una persona che non ha mai sopportato le ipocrisie dello Stato che, come alla Cattedrale di Palermo, si presenta a piangere le persone che ha contribuito a far si che fossero uccise.
    E infine : "mi riservo ogni azione penale nei confronti del signor Massimo Ciancimino, assurde ingiuriose e calunniose apparendomi le ammissioni di quest'ultimo (conoscenza delle trattative) nei confronti di chi, come me, si è opposto ad ogni ipotesi di trattativa sul caso Moro....".
    Forse farebbe meglio, on. Mancino, in qualità di vicepresidente del CSM, ad aspettare l'esito delle indagini e dei procedimenti in corso su questo argomento, a meno che le azioni che si riserva non sono le stesse azioni che il CSM ha espletato nei confronti di Luigi De Magistris, di Clementina Forleo o l'ultima, peggiore di ogni altra nei confronti del Procuratore Apicella, cioè dei veri e propria assassinii senza bisogno di tritolo.

    Su una cosa in particolare Mancino continua a tacere e a non rispondere in alcuna maniera, su quanto riportato dallo stesso Paolo nella sua agenda grigia che conferma, senza omba di dubbio, che l'incontro di Paolo con Mancino sia effettivamente avvenuto. Gli ho contestato più di una volta questa prova e ho addirittura pubblicato la riproduzione della pagina dell'agenda nella quale, nella pagina del 1° luglio, alle ore 19.30, c'è una incontrovertibile annotazione scritta di proprio pugno da Paolo : (Mancino)
    Mancino ha sempre finto di non ascoltare questa contestazine ma nelle sua ultime dichiarazioni riportate nella lettera all'Espresso c'è un punto in particolare che lascia tanto da pensare.
    Mi riferisco alla presunta richiesta che gli avrebbe fato il capo della polizia Parisi di presentargli il procuratore Paolo Borsellino. Mancino sembra quasi volere preconfigurarsi una linea di difesa nel caso in cui, nella sede opportuna, gli venisse contestata questa circostanza. Potrebbe allora sostenere che Paolo abbia voluto annotare in quell'agenda un'appuntamento previsto ma che poi non ha avuto luogo.
    Farebbe però meglio Mancino, prima di adoperare questa linea di difesa, a considerare che Paolo usava scrivere queste annotazioni nell'agenda grifgia alla fine della sua giornata di lavoro, per riassumere le attività nel corso della giornata e che Parisi, essendo morto per infarto nel 1995, non può ne confermare ne smentire questa circostanza.
    Ma forse per Mancino è più importante il fatto che non possa smentirla piuttosto che non possa confermarla. L'arte di far parlare i morti, o approfittare del fatto che i morti non possano parlare, è ben consolidata nel nostro paese e per saperne di più, per avere prove certe dugli ultimi giorni di Paolo, potrebbe aiutarci solo l'Agenda Rossa del Ggiudice.
    Ma per questa aspettiamo ancora il pronunciamento della Cassazione per avere la possibilità di arrivare ad un dibattimento sulla sua sottrazionbe da parte del cap. Giocvanni Arcangioli che una improvvida sentenza di un GUP ha bloccato in fase di udienza preliminare.

    Salvatore Borsellino

    http://www.19luglio1992.com/index.ph...riali&Itemid=4

 

 

Discussioni Simili

  1. Per lui scatterà la Mancino?
    Di L'Europeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 02-05-09, 03:47
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-01-09, 10:57
  3. Il tiro Mancino
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-06-08, 09:35
  4. No, Mancino No!!!!!!!!!
    Di Furlan nel forum Padania!
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 02-08-06, 23:46
  5. Risposte: 150
    Ultimo Messaggio: 16-12-05, 16:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226