User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Florian

Discussione: INTERVENTO - Anticomunismo. Storia di una conversione

  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    109 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito INTERVENTO - Anticomunismo. Storia di una conversione

    Anticomunismo. Storia di una conversione



    Negli anni in cui Reagan era al potere io c’ero… ma stavo a sinistra. A sinistra come può starci uno studente di un istituto d’arte portato dalla cultura pop a credere, in via del tutto naturale, che a destra ci fosse soltanto pattume e ignoranza. Destra intesa in senso prettamente neofascista, perché gli yuppies reaganiani costituivano ai miei occhi soltanto una destra di comodo, un conservatorismo politico leggermente più attardato del kennedismo sul fronte della postmodernità. Questo era quel che almeno pensava di loro il sottoscritto, disinteressato alla politica partitica e ancor più delle elezioni americane.

    Nonostante tenessi allora a definirmi di sinistra come – pensavo – qualsiasi persona intelligente e di buon gusto, avevo però tendenze reazionarie. Leggevo infatti Baudelaire e mi deliziavo dei suoi versi antiprogressisti, filocattolici e antifemministi. Ascoltavo Joy Division e Death In June. Più o meno per le stesse ragioni mi piaceva Nietzsche e avevo una passione segreta (segretissima…) per l’immaginario nazista. A Risiko invece sceglievo i rossi maoisti ma solo perché mi apparivano un popolo più ordinato e austero di quello occidentale. Non mi sono mai piaciuti granchè i neri, ma fra gli indigeni, malnutriti, africani e i palestrati mezzosangue americani ho sempre optato per i primi. Nazionalbolscevico? Non avevo alcuna idea di cosa intendesse questa combinazione di idee. Piuttosto ero un decadente, a sinistra per necessità, di destra, forse, per elezione.

    Non c’è dubbio, però, che a quel tempo con i neofascisti tendessi a non simpatizzare. C’era un mio cugino che si diceva di destra: un darwinista sociale che metteva insieme Nietzsche con Reagan pur non avendo mai letto un rigo di Ayn Rand. Andava matto per i cartoni giapponesi e i films di Sylvester Stallone; la palestra, la moto e… le ragazze. Lo trovavo superficiale in maniera detestabile. Se io avevo in camera il poster di Robert De Niro, di cui apprezzavo i ruoli profondi e drammatici, lui, metteva Schwarzenegger e Jeeg Robot. Io mi dilettavo a scrivere poesie e lui si scompisciava per Ezio Greggio: se non avessimo avuto la comune passione per il calcio non ci saremmo mai frequentati…
    Oltretutto questo mio cugino era un pessimo divulgatore delle sue idee (ammesso che ne avesse), nel senso che sembrava fare quasi apposta a renderle insostenibili e caricaturali. Quando gli venne la fissa del Bronson Giustiziere non faceva che parlarne, in maniera così sballata però da allontanare chiunque avesse, come a quel tempo il sottoscritto, poca simpatia per quel genere di personaggi. Per anni ho conservato di quel film un pregiudizio negativo, che ho perduto e ribaltato soltanto dopo aver visto il film in VHS.

    Intanto, mentre mio cugino si dava alle feste e ai bagordi io trascorrevo i miei vent’anni al seguito di poco raccomandabili amicizie anarco-insurrezionaliste. Pur restandovi ai margini, devo ammettere purtroppo che il mio ambiente era quello. Per noi allora un Reagan, un Craxi o un Andreotti non faceva differenza e quando il PCI defunse ricordo solo l’impacciato discorso di un leader locale dell’Autonomia volto a sottolineare che non era il comunismo a morire e... bla bla bla. Diversamente da lui, a me della fine del comunismo sovietico non poteva fregar di meno, quello che mi interessava allora erano piuttosto le battaglie antiproibizioniste. Pur non essendo mai stato né tossicofrocio associavo pedissequamente il vietato vietare con la civiltà e il proibizionismo con la barbarie. Finchè, un certo giorno, in seguito all’allentarsi di alcune relazioni personali a cui tenevo in particolar modo, mi resi conto che la mia vita aveva preso una piega assai diversa da quella che avevo immaginato e troncai di netto con tutto quell’ambiente riorientando completamente e clamorosamente la mia forma mentis.

    Grazie al neo-folk apocalittico avevo già una conoscenza nominale di Julius Evola, che approfondii insieme a Renè Guenon. Nel 1994 ero di fatto passato all’estrema destra, leggendo di tutto, da Malinsky e Romualdi a Rauti e Freda. Mi abbeverai alla critica del mondo moderno e mi fu facile farlo perché dietro la patina del progressista postmoderno celavo già – come ho detto – un’indole reazionaria. La destra ufficiale non mi appassionava per nulla: i Berlusconi, i Dini, i Dole potevano andare bene per mio cugino, non per me. Tuttavia per dire come fossi lontano dal mondo neofascista e di come questo fosse ghettizzato nell’opinione pubblica, ricordo che gustai l’opportunità di votare l’Alessandra Mussolini a sindaco di Napoli come se fosse un perverso piacere.

    Il mondo della Destra Radicale si rivelò però una delusione per le sue ambigue convergenze con l’estrema sinistra. Quando la lettura di Orion diventò per me una tortura dissi basta: dal mondo comunista ero uscito dalla porta e non volevo per nulla rientrarvi, magari dalla finestra. Avevo avuto modo di conoscere gli anarchici dell’Autonomia per quelli che erano: borghesi nichilisti con impresso negli occhi un luciferino sguardo nei confronti della vita. La provocazione come regola, questi distruttori per vocazione erano come etero-diretti al fine della sovversione e dello storpiamento di tutto ciò che la società occidentale (quella benpensante di venti-trent’anni fa, attenzione) e il senso comune percepivano come buono e giusto.
    Questa consapevolezza di aver avuto a che fare con qualcosa di intrinsecamente malvagio è stata per me una scossa salutare. Addirittura Provvidenziale. Mi sono riavvicinato alla Fede Cattolica, per anni tralasciata al rango di bassa superstizione, e grazie a questa iniziato un percorso, che continua tuttora, volto a combattere con l’ardore del neoconvertito il tremendo drago comunista. Oggi posso dire che sono di Destra perché sono già stato di Sinistra. Ho gli anticorpi, ormai non mi fregano più.


    Florian


    Daser likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Accidenti, caro Florian, grazie per la tua testimonianza!
    Anche da questa si può ben arguire come le insidie del progressismo, e specialmente della perniciosità del gramscismo.
    Se anche un sicuro reazionario come Florian per anni è stato tratto in inganno dalla cortina fumogena comunista, figurarsi quante altre persone possono subire il medesimo effetto.

  3. #3
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    109 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Caro Ugo, come la Fede autentica è del peccatore contrito del suo peccato, così chi ha conosciuto dall'interno la Sinistra è nella migliore condizione per controbattere ad essa. Diversamente chi non è mai stato comunista può avere difficoltà a contrastare duramente quel mondo e perfino sentirne il fascino. Non capita così a tutti, ma capita...

  4. #4
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Ti sei fatto gli anticorpi, insomma...
    Molto bene, è importante conoscere il nemico per combatterlo meglio.
    Questa "conversione" può servire come esempio per molti: non è mai troppo tardi per riportarsi sulla retta via, per tornare a servire la Tradizione...
    Non è semplice parlare di sè e del proprio percorso personale, politico e culturale, e quindi, caro Florian, tanto di cappello

  5. #5
    Forumista junior
    Data Registrazione
    12 Nov 2008
    Messaggi
    30
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post

    A quanto pare Florian non è stato marxista, anzi, prima anarchico e poi radicale (e per questo hai la mia simpatia, d'altra parte anche John Randolph of Roanoke, Samuel T. Coleridge e Benjamin Disraeli furono radicali prima di divenire conservatori).
    Anch'io, di famiglia in parte liberale di destra ed in parte cattolica (direi anche clerico-fascista), ho rischiato di diventare "rosso" (anche se non marxista), un po' per reazione alla mia famiglia di origine e un po' grazie a delle simpatie mazziniane e montanelliane che ho nutrito tra i diciotto e i venti anni, oltre ad un certo romanticismo di sinistra alla Che Guevara.
    Poi una breve simpatia per i radicali (di cui però apprezzavo più il liberismo che il libertarismo) e dai vent'anni in poi (dovrebbero reintrodurre la maggiore età a ventuno anni!!), sono stato folgorato sulla via dello studio del common law inglese e del vero diritto naturale. Poi Burke, i conservatori inglesi, Randolph of Roanoke, Kirk ed il resto è storia recente...

  6. #6
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    109 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da straight con Visualizza Messaggio
    A quanto pare Florian non è stato marxista, anzi, prima anarchico e poi radicale
    Verissimo straight con, mai stato marxista... ed è per questo che tuttora non ho un approccio economico alla politica... ed è sempre per questo motivo che il nemico da battere per me è la new left, molto più della old left... per via del fatto che il vero nemico di ognuno di noi è se stesso e si ama e si odia in fondo solo quanto attiene in profondo alla nostra persona.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    18,319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ora non ti resta che deborbonizzarti, per il resto sei sulla via di Damasco! ;-) ;-) ;-)
    NOI SIAMO LA VERA ITALIA !
    RICOSTRUIAMO LA NOSTRA PATRIA !

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 Apr 2009
    Messaggi
    562
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Florian Visualizza Messaggio
    Anticomunismo. Storia di una conversione



    Negli anni in cui Reagan era al potere io c’ero… ma stavo a sinistra. A sinistra come può starci uno studente di un istituto d’arte portato dalla cultura pop a credere, in via del tutto naturale, che a destra ci fosse soltanto pattume e ignoranza. Destra intesa in senso prettamente neofascista, perché gli yuppies reaganiani costituivano ai miei occhi soltanto una destra di comodo, un conservatorismo politico leggermente più attardato del kennedismo sul fronte della postmodernità. Questo era quel che almeno pensava di loro il sottoscritto, disinteressato alla politica partitica e ancor più delle elezioni americane.

    Nonostante tenessi allora a definirmi di sinistra come – pensavo – qualsiasi persona intelligente e di buon gusto, avevo però tendenze reazionarie. Leggevo infatti Baudelaire e mi deliziavo dei suoi versi antiprogressisti, filocattolici e antifemministi. Ascoltavo Joy Division e Death In June. Più o meno per le stesse ragioni mi piaceva Nietzsche e avevo una passione segreta (segretissima…) per l’immaginario nazista. A Risiko invece sceglievo i rossi maoisti ma solo perché mi apparivano un popolo più ordinato e austero di quello occidentale. Non mi sono mai piaciuti granchè i neri, ma fra gli indigeni, malnutriti, africani e i palestrati mezzosangue americani ho sempre optato per i primi. Nazionalbolscevico? Non avevo alcuna idea di cosa intendesse questa combinazione di idee. Piuttosto ero un decadente, a sinistra per necessità, di destra, forse, per elezione.

    Non c’è dubbio, però, che a quel tempo con i neofascisti tendessi a non simpatizzare. C’era un mio cugino che si diceva di destra: un darwinista sociale che metteva insieme Nietzsche con Reagan pur non avendo mai letto un rigo di Ayn Rand. Andava matto per i cartoni giapponesi e i films di Sylvester Stallone; la palestra, la moto e… le ragazze. Lo trovavo superficiale in maniera detestabile. Se io avevo in camera il poster di Robert De Niro, di cui apprezzavo i ruoli profondi e drammatici, lui, metteva Schwarzenegger e Jeeg Robot. Io mi dilettavo a scrivere poesie e lui si scompisciava per Ezio Greggio: se non avessimo avuto la comune passione per il calcio non ci saremmo mai frequentati…
    Oltretutto questo mio cugino era un pessimo divulgatore delle sue idee (ammesso che ne avesse), nel senso che sembrava fare quasi apposta a renderle insostenibili e caricaturali. Quando gli venne la fissa del Bronson Giustiziere non faceva che parlarne, in maniera così sballata però da allontanare chiunque avesse, come a quel tempo il sottoscritto, poca simpatia per quel genere di personaggi. Per anni ho conservato di quel film un pregiudizio negativo, che ho perduto e ribaltato soltanto dopo aver visto il film in VHS.

    Intanto, mentre mio cugino si dava alle feste e ai bagordi io trascorrevo i miei vent’anni al seguito di poco raccomandabili amicizie anarco-insurrezionaliste. Pur restandovi ai margini, devo ammettere purtroppo che il mio ambiente era quello. Per noi allora un Reagan, un Craxi o un Andreotti non faceva differenza e quando il PCI defunse ricordo solo l’impacciato discorso di un leader locale dell’Autonomia volto a sottolineare che non era il comunismo a morire e... bla bla bla. Diversamente da lui, a me della fine del comunismo sovietico non poteva fregar di meno, quello che mi interessava allora erano piuttosto le battaglie antiproibizioniste. Pur non essendo mai stato né tossicofrocio associavo pedissequamente il vietato vietare con la civiltà e il proibizionismo con la barbarie. Finchè, un certo giorno, in seguito all’allentarsi di alcune relazioni personali a cui tenevo in particolar modo, mi resi conto che la mia vita aveva preso una piega assai diversa da quella che avevo immaginato e troncai di netto con tutto quell’ambiente riorientando completamente e clamorosamente la mia forma mentis.

    Grazie al neo-folk apocalittico avevo già una conoscenza nominale di Julius Evola, che approfondii insieme a Renè Guenon. Nel 1994 ero di fatto passato all’estrema destra, leggendo di tutto, da Malinsky e Romualdi a Rauti e Freda. Mi abbeverai alla critica del mondo moderno e mi fu facile farlo perché dietro la patina del progressista postmoderno celavo già – come ho detto – un’indole reazionaria. La destra ufficiale non mi appassionava per nulla: i Berlusconi, i Dini, i Dole potevano andare bene per mio cugino, non per me. Tuttavia per dire come fossi lontano dal mondo neofascista e di come questo fosse ghettizzato nell’opinione pubblica, ricordo che gustai l’opportunità di votare l’Alessandra Mussolini a sindaco di Napoli come se fosse un perverso piacere.

    Il mondo della Destra Radicale si rivelò però una delusione per le sue ambigue convergenze con l’estrema sinistra. Quando la lettura di Orion diventò per me una tortura dissi basta: dal mondo comunista ero uscito dalla porta e non volevo per nulla rientrarvi, magari dalla finestra. Avevo avuto modo di conoscere gli anarchici dell’Autonomia per quelli che erano: borghesi nichilisti con impresso negli occhi un luciferino sguardo nei confronti della vita. La provocazione come regola, questi distruttori per vocazione erano come etero-diretti al fine della sovversione e dello storpiamento di tutto ciò che la società occidentale (quella benpensante di venti-trent’anni fa, attenzione) e il senso comune percepivano come buono e giusto.
    Questa consapevolezza di aver avuto a che fare con qualcosa di intrinsecamente malvagio è stata per me una scossa salutare. Addirittura Provvidenziale. Mi sono riavvicinato alla Fede Cattolica, per anni tralasciata al rango di bassa superstizione, e grazie a questa iniziato un percorso, che continua tuttora, volto a combattere con l’ardore del neoconvertito il tremendo drago comunista. Oggi posso dire che sono di Destra perché sono già stato di Sinistra. Ho gli anticorpi, ormai non mi fregano più.


    Florian


    quanti oh quanti amici della bassa padana hanno fatto il tuo percorso...
    Però molti si sono fossilizzati, almeno a livello politico. auguri vk

  9. #9
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,745
    Mentioned
    114 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    molto illuminante Florian,dico davvero

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 212
    Ultimo Messaggio: 06-09-13, 12:28
  2. La commovente storia di una conversione
    Di Cuordy nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-02-13, 14:46
  3. 10 - Storia : Anticomunismo
    Di Conterio nel forum Monarchia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-07-08, 20:12
  4. Storia di una conversione
    Di niocat55 (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-02-06, 11:35

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226