User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Salvatore Musumeci : A proposito di Autonomia

    Il Presidente
    prof. Salvatore Musumeci



    Santa Venerina, 16 gennaio 2009



    Alla c. a. della patriota


    Neva



    (ROMA)


    A proposito di Autonomia

    Quando diversi anni fa, cominciammo a parlare, su diverse testate giornalistiche e sul nostro sito www.siciliaindipendente.org, di Storia della Sicilia e in particolare dell’opera svolta dal Mis (Movimento per l’Indipendenza della Sicilia) che portò, dopo aspre battaglie, lo Stato Italiano a concedere lo Statuto Speciale di Autonomia alla Sicilia, eravamo quasi una “voce fuori coro” nostalgici non del passato ma di un futuro che non c’è stato. In effetti, contro la storia contemporanea della Sicilia e contro lo Statuto era in atto una “damnatio memoriae” anche da parte di non pochi intellettuali siciliani.
    Di certo, non pensavamo minimamente che sul finire del primo lustro del terzo millennio sarebbe scoppiata una forte “voglia di autonomia” capace di suscitare l’interesse di quanti (soprattutto uomini politici) in sessant’anni avevano continuamente disconosciuto lo Statuto Siciliano, strumento giuridico che, se applicato integralmente, avrebbe reso la Sicilia un “quasi-stato”, così come affermava l’on. Attilio Castrogiovanni nel corso della prima legislatura regionale.
    D’innanzi ai nuovi equilibri politici determinatesi all’Assemblea Regionale Siciliana corre d’obbligo una riflessione: come “folgorati sulla via di Damasco”, come se si fosse scoperto l’uovo di Colombo, in molti è esplosa la “voglia di autonomia”, ma sono in pochi a ricordarsi che lo Statuto Speciale della Regione Siciliana approvato il 15 maggio 1946 con decreto-legge luogotenenziale n° 455, a conclusione della trattativa fra lo Stato Italiano e i Siciliani in armi per l’indipendenza (guidati dal Mis e dall’Evis), ha il valore sostanziale di un trattato internazionale fra due entità nazionali.
    Già nella travagliata stesura, quanto più nelle ore che lo videro introdotto nella Costituzione della neonata Repubblica Italiana e nei mesi ed anni successivi, che lo hanno visto disatteso, inapplicato, sostituito dalla prassi politica clientelare ed antisiciliana, lo Statuto è stato oggetto di un vilipendio continuo, proprio a causa del suo essere la vera e propria Costituzione di uno Stato (quello Siciliano, con la sua quasi millenaria storia di statualità) associato ad un altro Stato, quello Italiano.
    La Sicilia, su quella carta costituzionale, sarebbe stata un vero e proprio “stato federato”, come più volte lamentato anche da Luigi Einaudi, che pure invano cercò di bloccare l’approvazione dell’articolo 38 dello in quanto avrebbe potuto consentire alla Sicilia di «battere moneta».
    E oggi, mentre la Catalunya ha visto la conferma di un suo Statuto che, per quanto insoddisfacente, sancisce la realtà della Nazione Catalana, lo Statuto Siciliano ha corso e continua a corre gravi rischi.
    Condividiamo pienamente quanto scritto dal dott. Giuseppe Lazzaro Danzuso sull’argomento, in “La Sicilia” di venerdì 9 gennaio 2009 a pag.17, come pure il pensiero dello storico Tino Vittorio: « () se Raffaele Lombardo raccoglie l’assist lanciato mezzo secolo fa dagli indipendentisti () e riesce a far applicare gli articoli 37 e 38 dello Statuto (), la Sicilia può vincere la partita». Ma sia chiaro, ciò deve avvenire in tempi molto brevi e prima che passi il federalismo fiscale così come concepito dalla Lega Nord, che assimilerebbe la Sicilia alle altre regioni mortificandola e penalizzandola ancora di più. E che si chieda nel contempo la riattivazione dell’Alta Corte.
    Infatti, l’art. 24 dello Statuto istituisce, con sede in Roma, l’Alta Corte per la Regione Siciliana con sei membri e due supplenti, oltre che il Presidente ed il Procuratore Generale, nominati in pari numero dalle Assemblee Legislative dello Stato e della Regione, e scelti fra persone di particolare competenza giuridica.
    L’Alta Corte giudica sulla costituzionalità: a) delle Leggi emanate dall’Assemblea Regionale; b) delle Leggi e dei Regolamenti emanati dallo Stato, rispetto alle competenze statutarie ed ai fini della efficacia dei medesimi entro la Regione (art.25).
    L’Alta Corte ha pure una speciale competenza in materia penale perché giudica sui reati compiuti dal Presidente e dagli Assessori Regionali nell’esercizio delle rispettive funzioni, e a seguito di accuse formulate dall’Assemblea Regionale (art.26).
    Un Commissario, nominato dal Governo dello Stato, promuove i giudizi di competenza dell’Alta Corte, anche in mancanza di accuse da parte dell’Assemblea Regionale (art.27). Il Presidente della Regione ed il Commissario dello Stato, possono impugnare per incostituzionalità, davanti all’Alta Corte, le Leggi e i Regolamenti dello Stato, entro trenta giorni dalla loro pubblicazione (art.30).
    È opportuno ricordare che l’Alta Corte venne costituita il 31 maggio 1948, dopo due anni dalla promulgazione dello Statuto, e durante la sua attività (1948-56) sono state emesse ben 91 sentenze. L’Alta Corte ha assolto, dunque, egregiamente i compiti previsti dallo Statuto, fino a quando è stato reso impossibile il suo ulteriore funzionamento per la mancata integrazione dei suoi componenti.
    A tal fine il 4 aprile 1957 avrebbe dovuto tenersi una riunione della Camera e del Senato, in seduta comune, per l’elezione di un membro effettivo e di uno supplente. Senonché, con un messaggio datato 3 aprile, l’allora Presidente della Repubblica on. Giovanni Gronchi consigliò un rinvio “sine die” della seduta.
    Successivamente la Corte Costituzionale, con propria sentenza n. 38 del 9 marzo 1957, giudicò la competenza dell’Alta Corte “travolta”, sostituendosi ad essa in modo arbitrario. Considerato che l’Alta Corte, di fatto, non è stata mai abrogata, ne riteniamo legittimo il possibile ripristino.
    I Siciliani, cui non interessano i bizantinismi costituzionali italici, chiedono dignità, vivibilità, libertà, e lo fanno consapevoli di avere una vera e propria Carta Costituzionale, lo Statuto Speciale, che garantisce loro ampia governabilità. I Siciliani non credono in quanti sostengono la superfluità, o addirittura la dannosità, dell’Autonomia; e sono sempre meno disposti a cogliere e seguire le campagne tricolori di italoassimilazionismo che tutti i partiti hanno proposto negli ultimi appuntamenti elettorali, dalle “politiche” alle “regionali”.
    Questo lo diciamo e sottolineiamo soprattutto a quanti oggi governano e “rappresentano” la Sicilia tanto a Palermo quanto a Roma: si parla di nuove riforme costituzionali in tempi brevi, ma bisogna tenere bene a mente una certa prassi, per il momento pressoché aliena al sistema politico italiano, sull’argomento.
    In effetti, le modifiche costituzionali, salvo piccoli e circostanziati ammodernamenti che non stravolgano il senso della Carta, non possono essere fatte in forma di concertazione esclusiva fra i partiti rappresentati in parlamento o a colpi di maggioranza o referendum.
    È invece chiaro che, in assenza di una nuova, specifica, Assemblea Costituente, i partiti (che ai parlamenti di Palermo e Roma hanno avuto accesso superando o aggirando specifici sbarramenti percentuali) debbano aprire il dialogo con quelle forze politiche che scrissero la Costituzione Italiana.
    Fra quelle, c’era il Movimento per l’Indipendenza della Sicilia. Non si illudano, quindi, le coalizioni esposte di poter eleggere ad interlocutore uno o più della miriade di movimenti “autonomisti” o “sicilianisti”, spesso creati ad hoc, asserviti ad una delle coalizioni e privi di una reale partecipazione popolare: il Mis esiste, ed è sempre e comunque disponibile a fornire il proprio apporto pratico e di idee.
    Auguriamo al Presidente Lombardo, a costo di apparire provocatori, di fare sul serio, di trasformarsi in quel “De Valera” profetizzato dal nostro leader Andrea Finocchiaro Aprile nel suo Testamento Spirituale, e di agire da capo di Stato, solo così si ricomincerà a riscrivere la storia della Nazione Siciliana – federata all’Italia –, e del suo Popolo secondo i principi statutari accordatici, virtualmente, nel 1946.
    Si provveda, dunque, a recuperare nella sua pienezza quanto c’è già: lo Statuto Speciale d’Autonomia, nato dal “pactum” fra il Popolo siciliano in armi e lo Stato italiano, con funzione “riparatrice” per i danni derivati alla Sicilia dall’annessione del 1861, e per dare una via d’uscita – dopo una lunga trattativa –, pacifica ed onorevole, ad una situazione conflittuale determinatasi dal 1943 in poi. Dalla totale applicazione dello Statuto può iniziare, dunque, il percorso giuridico verso la totale indipendenza della Sicilia.
    Certo ci sono anche altre vie giuridico-istituzionali, ma rese volutamente farraginose, di conseguenza, meglio approfittare di ciò che è stato normato, con il sacrificio dei caduti per la “causa siciliana”.
    Antudo!

    Salvatore Musumeci


    Presidente Nazionale Mis

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2008
    Messaggi
    317
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Quindi il MIS nella veste del suo Presidente appoggierebbe il Presidente dell'MPA nel far valere lo Statuto dato che gli dicie di comportarsi come un capo di Stato, e cosi sono anch'io d'accordo nel mio piccolo.

    Dobbiamo liberarci dai partiti nazionali in Sicilia e al Parlamento e in Europa e nell'Unione del Mediterraneo, dovremmo affacciarci con il proprio diritto senza l'intermediazione dello Stato italiano, là dove ha i suoi limiti da rispettare.
    Nell'operazione il rispetto del vangelo di Gesù è una grande istruzione.

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Base04 Visualizza Messaggio
    Quindi il MIS nella veste del suo Presidente appoggierebbe il Presidente dell'MPA nel far valere lo Statuto dato che gli dicie di comportarsi come un capo di Stato, e cosi sono anch'io d'accordo nel mio piccolo.

    Dobbiamo liberarci dai partiti nazionali in Sicilia e al Parlamento e in Europa e nell'Unione del Mediterraneo, dovremmo affacciarci con il proprio diritto senza l'intermediazione dello Stato italiano, là dove ha i suoi limiti da rispettare.
    Nell'operazione il rispetto del vangelo di Gesù è una grande istruzione.
    << Ma sia chiaro, ciò deve avvenire in tempi molto brevi e prima che passi il federalismo fiscale così come concepito dalla Lega Nord, che assimilerebbe la Sicilia alle altre regioni mortificandola e penalizzandola ancora di più. E che si chieda nel contempo la riattivazione dell’Alta Corte.>>

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2008
    Messaggi
    317
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sai una cosa, di queste cose se ne stà occupando il PDL.
    Diciamo che l'MPA mostra debolezza.
    Boh! Magari raccogliendo attorno a se forza e sostegno, il discorso cambia.
    Che altro c'è da fare se non seguire la tattica di accostare l'MPA.

    Non ci sono tante forze e la prova è che il PDL è vicino allo Statuto nel senso che i suoi ne parlano, ultimo Enrico La Loggia che dice ne vuole migliorare un suo articolo (ma che c'è da migliorare? Quando per diritto dovremmo avere una propria pressione fiscale adeguata.), l'EX Pres. Cuffaro parla di autonomia (e nella sua legislatura si sono venduti i beni immobili indisponbili in modo cupo), il Sind. Sgarbi parla di annessione e nessuno gli ha detto nulla, insomma dov'è l'identità siciliana?
    Eppure abbiamo tanti gruppi sicilianisti.

    E' stordita.

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Gioa, non ' è più il momento delle parole ma dei fatti. Se Lombardo fosse un sincero autonomista non dovrebbe fare altro che uscire dalla maggioranza governativa di Roma che lo vede alleato con la Lega Nord. Dovrebbe chiedere e pretendere l' attuazione piena e totale dello Statuto .
    In questo caso, sono sicura che non gli mancherebbe l' appoggio dei siciliani che aspirano alla propria autodeterminazione.
    Dichiararsi ' autonomista' a parole, ma nei fatti fare l' opposto...no, così non va...

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2008
    Messaggi
    317
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Guarda quanto interesse:

    Commissione speciale per la revisione e l'attuazione dello Statuto autonomistico:
    Presidente PDL Alessandro Aricò (PDL che per me in Sicilia rappresenta uno Stato illegale per la violazione dello Statuto)

    Vice Presidente PD Giovanni Barbagallo che dice:
    ***L'adeguamento delle istituzioni autonomistiche alla mutata realtà istituzionale sociale e politica è quanto mai urgente***.
    http://www.giovannibarbagallo.it/impegno.aspx

    Ecco i partiti nazionali che rappresentano un Italia con occhio al Nord e che hanno guardato alla Sicilia in posizioni non chiare anche verso la criminalità organizzata si occupano di Statuto Speciale, una legge costituzionale antecedente anche la Repubblica, di una legge che permette alla Sicilia di richiamare le istituzioni italiane alle proprie responsabilità.
    Si deve rilanciare a mio parere, la mossa è abolire lo Stato unitario e crearlo confederato in certe questioni, ma che dallo Stato mi vengano a dire che la mia legge costituzionale è da migliorare o da adeguare alla politica sociale di adesso quando hanno violato per molte volte l'applicazione della legge statutaria, mi suona come un crimine, perche parlano di politica ma violano le leggi statutarie.
    Lo Statuto non deve essere toccato a mio parere anzi deve essere applicato e questa è legge (loro non lo applicano sono i fuori legge) e i partiti nazionali nell'isola non dovrebbero essere più votati, questa è politica.

    --------------------------------------------------------------------------------

    Scusami Neva non lo capisco stò fatto del ritiro dalla maggioranza.
    Anche se si ritira e ciò sarebbe simbilico e un messaggio comunque, che succede?
    Sempre governano PDL e Lega.

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Giù le mani dalllo Statuto. Nessun ascaro venduto, e traditore del Popolo siciliano si azzardi a manipolare ciò che è costato il sangue dei nostri Martiri.
    LO STATUTO VA' SOLAMENTE APPLICATO ! !

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2008
    Messaggi
    317
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Guarda ripeto che già c'è la commissione per la modifica dello Statuto.

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Base04 Visualizza Messaggio
    Guarda ripeto che già c'è la commissione per la modifica dello Statuto.
    Gioa, questa commissione esiste fin da quando è stato è stato promulgato lo Statuto. E comunque con le leggi vigenti la commissione può soltanto proporre; par cambiare lo Statuto, essendo una legge costituzionale, è necessario un voto del parlamento romano a maggioranza dei due terzi dei votanti.
    Ovviamente questo non deve assolutamente tranquillizzarci, sappiamo bene che da un parlamento che fa gli interessi dello Stato che ci ha colonizzati possiamo attenderci di tutto.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Apr 2009
    Messaggi
    757
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma non c'è già il forum del MIS per i comunicati del MIS?

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20-01-09, 15:48
  2. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 17-01-09, 02:47
  3. Musumeci e Storace per un AN/2
    Di normanno nel forum Destra Radicale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 08-10-07, 14:31
  4. Lombardo e il Movimento per l'Autonomia... si ma 'autonomia' di che e da che?
    Di Federico III nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 66
    Ultimo Messaggio: 01-02-06, 14:57
  5. Musumeci su alleanze
    Di BOY74 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 05-12-05, 21:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226