User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Nostalgico
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    17,556
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Maurizio Merli, un vero eroe italiano




    Un vero eroe italiano


    Inauguriamo la sezione MITI*, dedita alle figure dello spettacolo e della cultura popolare che hanno lasciato un segno nell’immaginario conservatore, con un attore particolarmente caro alla destra italiana: Maurizio Merli, il Commissario di Ferro, celebre protagonista di tanti films poliziotteschi degli anni settanta. Tuttavia ci preme sfatare innanzitutto un luogo comune, ovvero che il successo, tra noi, di questo genere di films sia dovuto essenzialmente al compiacimento della violenza delle scene e dei modi spicci con cui poliziotti e vigilantes affrontavano i malviventi. Se c’è qualcuno che, magari sull’onda del fenomeno Tarantino, nel rivedere quei film-culto si accontenta soltanto di questo… beh, peggio per lui. Noi preferiamo ricordare Maurizio Merli e i suoi film per molto altro ancora.

    Perché allora Maurizio Merli a distanza di vent’anni dalla sua prematura scomparsa, dovrebbe piacere, e molto, ad un pubblico conservatore? Anche Clint Eastwood e Charles Bronson, prototipi americani del poliziotto-giustiziere, hanno picchiato duro criminali e reietti della società, venendo egualmente dipinti come fascisti dalla stampa di sinistra, eppure nonostante ciò non sono diventate delle icone del nostro mondo o comunque non nella stessa misura di Merli. Allora giocoforza ci dev’essere dell’altro.

    Per chi scrive, questo attore dallo sguardo magnetico e dal sorriso sornione sotto i baffi, ha incarnato, riuscendoci benissimo, la figura di un vero eroe italiano, una figura molto lontana dai modelli d’oltreoceano, sicuramente più uomo che eroe, ma nonostante ciò in grado di rivaleggiare con i più rinomati colleghi e persino di batterli commercialmente nella sfida al botteghino. Infatti, per quanto oggi sia difficile crederlo, vista la perenne agonia del nostro cinema, in quegli anni le sale che proiettavano i polizieschi all’italiana (così come anche i western all’italiana e la commedia all’italiana) erano stracolmi. Il cinema nazionale, quando si proponeva con linguaggio e contenuti popolari veniva premiato dal pubblico allontanando così i tempi della colonizzazione culturale Made in USA. Prima che sbarcassero gli Stallone e gli Schwarzenegger, con il loro fisico da culturista e le armi avveniristiche, gli italianissimi poliziotti di Merli ci hanno fatto appassionare ad una tipologia di eroe assai diversa, per nulla invincibile ma dal più alto spessore morale, uomini di tutti i giorni per i quali esercitare la professione di poliziotto era una ragione di vita. Come e più dei Callaghan d’importazione i Tanzi e i Betti pagavano sulla propria pelle gli atavici mali della burocrazia così come i vigliacchi attacchi della stampa progressista. Il poliziotto raffigurato da Merli è così un uomo solo, a volte legato sentimentalmente ad una donna, il cui senso del dovere, dell’onesta e della lealtà alle Istituzioni nazionali lo porta a non indietreggiare mai dinanzi al pericolo, sacrificando se necessario carriera, relazioni e la vita stessa.

    Simpatico e guascone, il Commissario interpretato da Merli è al tempo stesso segnato da un velo di tristezza e di malinconia. Il crimine dilaga e la polizia non ha i mezzi per farvi fronte, i cittadini cadono vittime di una violenza cieca e nichilista. Riviste oggi dopo trent’anni queste pellicole conservano intatta l’estrema tensione e la drammaticità, con il crimine mai interamente sconfitto e il lieto fine che raramente arride ai buoni e, quando capita, solamente a pochi di essi. Girati negli anni Settanta, gli anni della contestazione, caratterizzati da anarchia sociale e violenza metropolitana, questi films vennero allora duramente osteggiati a sinistra per il loro messaggio, ritenuto perbenista e conservatore. Specularmente vennero adottati dal popolo della destra, fortemente caratterizzato allora in senso giustizialista e legalitario. Il missino vedeva in Merli il prototipo del commissario senza paura, vedendosi ricambiata da quest’ultimo l’epidermica simpatia. In alcuni film il nostro girerà con “Il Secolo d’Italia” sotto il braccio e chi ha lavorato con lui sapeva bene quali fossero le sue inclinazioni politiche e come lui sentisse il bisogno di impersonare sullo schermo quell’uomo di destra che era nel privato.

    L’italianità dei poliziotteschi girati da Merli non riguarda però soltanto i personaggi, essendo una caratteristica dei films nella loro interezza. Quelle pellicole hanno ritratto con fedele piglio documentaristico le nostre belle città, le nostre piazze popolate, i nostri costumi e i nostri monumenti. Cosicché riaccostarsi oggi a questa produzione è anche un modo per rivivere nostalgicamente l’Italia di ieri, riprodotta in uno specchio fedele che ritrae fedelmente le auto e i vestiti dell’epoca. Grazie all’abile regia di grandi artigiani del nostro cinema popolare, da Umberto Lenzi a Stelvio Massi, i nostri poliziotteschi si ricordano ancora per memorabili scene d’azione, inseguimenti in auto all’ultimo respiro, le stupende colonne sonore. Ripensando a quegli anni possiamo ben dire che quando eravamo ancora italiani e fieri di esserlo ci identificavamo tutti nel Commissario Betti. Un vero mito.


    Florian



    * MITI è una sezione del forum Il Conservatore, che ha dedicato un thread a Maurizio Merli, con articoli, links e video.

    http://www.politicaonline.net/forum/...d.php?t=488985

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    20 Jan 2011
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    15,362
    Mentioned
    196 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito

    Un ottimo articolo, come al solito. Anch'io ho sempre apprezzato molto Maurizio Merli. I Commissari che ha interpretato meritano un posto nel Pantheon dei conservatori.

  3. #3
    Reazione
    Data Registrazione
    25 Sep 2007
    Località
    Basilicata,Italia,Europa
    Messaggi
    2,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Voglio ringraziare Florian per il suo contributo di ottimi articoli anche su tradizione e identità,e poi questo articolo per me è veramente interessante dato che sono un appassionato di polizieschi et similia,veramente onore a Merli, vero eroe per noi conservatori.

  4. #4
    Nostalgico
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    17,556
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grazie amici...

 

 

Discussioni Simili

  1. Maurizio Merli, un vero eroe italiano
    Di Florian nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-01-09, 20:56
  2. MITI - Maurizio Merli, il commissario di ferro
    Di Florian nel forum Conservatorismo
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 17-01-09, 19:34
  3. Un Vero Eroe Italiano
    Di Crack! nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-01-06, 16:44
  4. Un ricordo per un VERO eroe
    Di Oli nel forum Fondoscala
    Risposte: 121
    Ultimo Messaggio: 28-01-05, 18:16
  5. Un eroe vero
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-05-04, 11:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225