User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    12 Feb 2008
    Messaggi
    20,160
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito "Matri rimane, via Marchetti e Larrivey. Arriva Bisoli

    Presidente, iniziamo dalla fine. Il Cagliari ha chiuso il campionato a quota quarantaquattro punti, in quintultima posizione insieme a Chievo e Udinese, davanti a Livorno, Siena, Atalanta, retrocesse in B, e Bologna. Contento?
    «Speravo di fare di più. Il mio programma, varato due stagioni fa, in coincidenza con l'arrivo di Allegri, prevedeva di lottare per un posto in Europa League. Abbiamo subito un intoppo. Il sedici maggio, con Cagliari-Bologna, si è chiuso il primo round. Il primo luglio inizierà il secondo».

    Questo significa che l'obiettivo della prossima stagione sarà più ambizioso della semplice, se si può definire così, salvezza?
    «Esatto. Quindi dico subito, prima che inizi il solito ritornello, che non cambio la squadra e la rinforzo».

    Nel concreto, quante cessioni ha in animo di fare?
    «Dentro di me, non vorrei vendere nessuno, perché sento di aver costruito questa squadra pezzo per pezzo e il pensiero che ci sia chi vorrebbe portarmene via qualcuno, mi dà fastidio. Diciamo che Marchetti ha già il sostituto naturale, Agazzi, e che potrebbe essere l'unica cessione».

    Matri?
    «Resta al cento per cento. Lo dico a chiare lettere, in maniera che resti scritto indelebilmente: non vendo Matri».

    E il Milan, il Napoli, la Fiorentina?
    «Non sono problemi che mi riguardano. Ho rifiutato due giorni fa quattordici milioni da una squadra importante. Ho in mente un progetto tecnico ambizioso e non si può realizzare vendendo i giocatori migliori».

    Ci sarà inevitabilmente qualche partenza.
    «Lupatelli, Parola e Barone sono in scadenza di contratto».

    Lo è anche Lopez, che intende fare?
    «Questo è un capitolo delicatissimo, mi permetta di avere un po' di prudenza. Diego è come se fosse mio figlio, dobbiamo capire se è ancora in grado di giocare a certi livelli. Si farà agli inizi di luglio e poi si prenderà una decisione».

    A chi toccherà decidere, a lei, al dg Marroccu o al nuovo allenatore?
    «A due persone: a me e a Massimo Cellino. Non è cosa che possa delegare a qualcuno, tanto meno all'allenatore».

    Parliamo dell'attacco, particolarmente ampio e, quindi, bisognoso di una ridefinizione. Che cosa pensa di fare?
    «Non rinuncio ai tredici gol di Matri e agli otto di Jeda, che ha vissuto una stagione difficile ma che ha qualità indiscutibili. Gli ridaremo entusiasmo e brillantezza e tornerà molto utile. Nenè ne ha segnato altrettanti, nonostante fosse alla sua prima stagione in serie A e abbia giocato a singhiozzo. Non può che migliorare. Al reparto abbiamo aggiunto Pinardi, che può agire da trequartista o da seconda punta. Su Ragatzu sono pronto a scommettere».

    Stando così le cose, il sacrificato dovrebbe essere Larrivey.
    «Vedremo. A volte i giocatori hanno bisogno di cambiare aria per scrollarsi di dosso la negatività».

    C'è poi la questione delle comproprietà: Ariaudo con la Juventus, Astori con il Milan, Dessena con il Parma, Lazzari con l'Atalanta. Qual è la sua previsione?
    «Temo qualche difficoltà solo per Dessena».

    Ma Astori non è destinato al Milan?
    «Astori resterà al Cagliari, l'accordo c'è, si tratta solo di definire la cifra del riscatto. Galliani vorrebbe 4,5 milioni di euro, io spero di scendere a 3,8. Le voci che il Milan lo vorrebbe sono, appunto, solo voci. Questa è la realtà».

    Siamo al capitolo allenatore. Sarà Pierpaolo Bisoli?
    «Non posso rispondere a questa domanda. Ci sono campionati in corso e, addirittura, la Lega non ci ha ancora messo a disposizione i moduli per mettere sotto contratto gli allenatori per la stagione 2010-11. Non sarebbe serio che annunciassi un allenatore senza avergli fatto firmare prima il contratto».

    Ci dia almeno qualche indicazione.
    «Giovane, determinato e capace».

    E che sta vincendo il campionato di serie B.
    «Ha per caso visto l'altro giorno Lecce-Cesena? Uno spettacolo: al Lecce bastava un punto per andare in serie A, per il Cesena, un pareggio in trasferta sul campo della capolista indiscussa del torneo sarebbe stato prezioso. Bene, il Cesena, davanti a quarantamila tifosi leccesi pronti a festeggiare, è andato a vincere 2-1 in rimonta. Così mi piace».

    Non è che ricorda il nome dell'allenatore del Cesena?
    «Bisoli».

    Ah, ecco. Certo che sta compiendo un mezzo miracolo.
    «Ho avuto qualche informazione. Il Cesena non paga gli stipendi a calciatori e allenatori da dicembre, il presidente è in vacanza da settimane alle Seychelles e la squadra è andata da Cesena a Lecce, settecentocinquanta chilometri, in pullman, pagato personalmente da Bisoli. Nonostante questa situazione, il Cesena è terzo in classifica».

    A proposito di allenatori, la storia di Allegri alla Juventus era una favoletta. Allora, dica, perché lo ha esonerato?
    «La squadra stava volando e si è presentata al recupero di Udine del 24 febbraio. Finito il primo tempo, vinceva per 1-0 e aveva agganciato la Juventus al quarto posto. Allegri ha sbagliato a non effettuare due cambi nell'intervallo. Avrebbe dovuto inserire Lazzari e Matri, che erano in panchina, dando così un segnale forte alla squadra: si vince e si corre per l'Europa che conta. Allegri ha avuto “il braccino”. Abbiamo perso 2-1 e ci è crollato il mondo addosso. Avrei dovuto esonerare Allegri in quel preciso istante ma non ho avuto le palle per farlo. Ho sbagliato, non sono stato un buon presidente».

    Perché non lo ha fatto?
    «Perché mi sono fatto condizionare dalla popolarità di Allegri. Ci siamo trovati tutti di fronte a una situazione nuova per noi: competere per l'Europa, stare tra i grandi. Non abbiamo avuto gli strumenti per muoverci con sicurezza in uno scenario simile. Ma è tutta esperienza che ci tornerà utile per la prossima stagione. Una cosa è certa: non ripeterò certi errori. Voglio farle un esempio. Si parla ancora, a distanza di sedici anni, della famosa semifinale di Coppa Uefa Inter-Cagliari».

    Il 12 aprile '94, di cui si dice che sia stata “regalata” ai nerazzurri.
    «Proprio quella, una assurdità che ancora circola. Lei pensa che, dopo quella esperienza, gestiremmo una semifinale del genere nello stesso modo?

    Cosa farebbe di diverso?
    «Intanto, chiederei il controllo antidoping che all'epoca, in campo europeo, non era previsto se non su richiesta. E non aggiungo altro. Questo per dire che dagli errori si impara più che dalle cose fatte bene».

    Sprizza ottimismo, nonostante le quattordici partite senza vittorie con cui la sua squadra ha chiuso il campionato.
    «Dico una cosa che non ho confessato neanche a mia moglie né ai miei collaboratori: se fossimo retrocessi, la società sarebbe sparita. Invece, abbiamo subito un ko ma siamo rimasti in gara e adesso sono pronto a spaccare il mondo».

    E siamo al famoso (o fantomatico?) progetto di ampio respiro che traspare spesso dai suoi discorsi senza, però, emergere mai chiaramente. Può dire di che cosa si tratta?
    «No. Posso solo dire che siamo all'anno X, ho deciso che il Cagliari deve fare il salto di qualità e perciò farò tutti i passi necessari per far crescere la squadra e la società».

    Sta parlando dello stadio?
    Non solo. L'annuncio è previsto entro il trenta settembre, solo dopo che il progetto sarà messo a punto nei minimi particolari con tutti gli enti interessati. Non posso svelare nulla perché non sarebbe serio. Mi creda, non posso andare oltre».

    Coinvolgerà i tifosi?
    «Naturalmente e dico ai nostri affezionati spettatori e, soprattutto, ai nostri abbonati, che non resteranno delusi e che saranno coinvolti con modalità mai sperimentate prima nel mondo del calcio».

    Perlomeno ci può dire se crede ancora nel progetto di ristrutturazione del Sant'Elia.
    «Una cosa è certa: il Sant'Elia non sarà ristrutturato. Non da me, almeno».

    Sembra una nuova puntata della telenovela stadio.
    «Per me è la parola fine. La Cagliari Calcio non - ripeto - non parteciperà alla ristrutturazione né alla ricostruzione del Sant'Elia».

    Significa che costruirà uno stadio nuovo? E se sì, dove?
    «La risposta alla prima domanda è sì. Alla seconda: sono fatti miei».

    Beh, non è che possa nascondere uno stadio. Ci vorrebbe David Copperfield, sa, quel mago americano che ha fatto “sparire” la Statua della Libertà.
    «Allora, diciamo che mi sto guardando intorno e che prima o poi saprete».

    Quando?
    «Entro il trenta settembre, quando inizierà l'anno X del Cagliari».

    TMW: Cagliari - "Matri rimane, via Marchetti e Larrivey. Arriva Bisoli, punto all'Europa". Ecco il Cellino-pensiero
    Dannato Barone Rosso.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    globalista
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Messaggi
    19,387
    Mentioned
    534 Post(s)
    Tagged
    23 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Matri rimane, via Marchetti e Larrivey. Arriva Bisoli

    Mi ricordo un' intervista a Cellino di circa 10 anni fa...In quell' occasione disse che se gli facevano fare lo stadio come voleva lui avrebbe conseguentemente potuto allestire una squadra da primi 6-7 posti e non avrebbe più venduto nessuno o quasi...Tutti pensarono che quelle dette da Cellino allora fossero solo balle...In questi ultimi anni però un certo cambiamento della gestione del Cagliari da parte di Cellino c' è stato, giocatori come Conti per esempio 10-15 anni fa sarebbero stati venduti all' istante...Invece tolti certi giocatori in comproprietà e quelli a fine contratto, solo Suazo è stato venduto negli ultimi anni
    Questa intervista è molto confortante perchè Cellino ha fatto capire che ciò che disse in quell' intervista di 10 anni fa lo vuole fare veramente, ma prima ci vuole lo stadio nuovo come lo vuole il presidente del Cagliari, e visto che il comune di Cagliari continua a tentennare, lo ha baipassato...A questo punto dove si farà il nuovo stadio del Cagliari, a Quartu (il sindaco si è già detto molto favorevole a questa opzione circa 1 anno fa) o a Assemini?

  3. #3
    History Lesson - Part III
    Data Registrazione
    19 Jul 2009
    Località
    Wollongong / NWS (AUS)
    Messaggi
    740
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Matri rimane, via Marchetti e Larrivey. Arriva Bisoli

    ma il mercato del Cagliari é tutto qui ?

 

 

Discussioni Simili

  1. bisoli esonerato. donadoni nuovo allenatore del cagliari
    Di tzirboneddu nel forum Cagliari Calcio
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 16-11-10, 20:09
  2. bisoli vs conti&agostini
    Di tzirboneddu nel forum Cagliari Calcio
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 07-10-10, 18:13
  3. il Cagliari acquista Marchetti
    Di merello nel forum Cagliari Calcio
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 12-07-08, 15:50
  4. Larrivey : "Il mio modello è Crespo"
    Di Istèvene (POL) nel forum Cagliari Calcio
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 24-05-08, 18:00
  5. Matri: "Stagione importante"
    Di seruzzi70 nel forum Cagliari Calcio
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-07-07, 13:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226