SOLIDARIETA’ CON EUSKAL HERRIA
SOLIDARIETA’ CON I COMPAGNI D3M
Le notizie che provengono da Euskal Herria (Paese Basco) e dallo stato spagnolo non sono affatto confortanti per tutti coloro i quali hanno a cuore gli ideali di democrazia e libertà.

Alla proposta elettorale della sinistra indipendentista lo stato spagnolo ha risposto con il solo modo che conosce, la repressione; quando mancavano solo tre giorni alla presentazione delle liste elettorali, un’operazione di polizia ha portato all’arresto di otto militanti indipendentisti che contribuivano alla creazione del nuovo cartello politico. Anche se il Ministero dell’interno ha dichiarato di voler impedire, in questo modo, la ricostituzione di Batasuna (Partito della sinistra indipendentista basca), il giudice Baltasar Garzón e il leader del PSOE (Partito Socialista Spagnolo) nei Paesi Baschi, Patxi López, hanno ammesso che l’obiettivo é quello di impedire che la sinistra indipendentista basca possa presentarsi alle elezioni del 1 marzo.

La folle strategia dello stato spagnolo ormai è chiara a tutti, fermare a tutti i costi l’impegno politico costante per un reale cambiamento all’interno di Euskal Herria. Il governo spagnolo dimostra ancora una volta di non conoscere i principi della democrazia.

Trecento poliziotti hanno arrestato Amparo Lasheras, Eli Zubiaga, Arantza Urkaregi, Iker Rodrigo, Imanol Nieto, Iñaki Olade, Hodei Egaña e Agurtzane Solabarrieta. Inoltre, hanno perquisito, sempre nella stessa notte, le abitazioni private di vari militanti della sinistra indipendentista basca e le sedi delle piattaforme elettorali Gasteiz Izan e Herria Aurrera di Bilbao, portandosi via computer e documentazione varia.

Arrestando i compagni, il governo spagnolo rende esplicita la sua volontà di debilitare irrevocabilmente il processo di pace e di procedere a una soluzione militare nei confronti delle istanze di libertà, indipendenza, democrazia e socialismo del popolo basco.

A Manca pro S’Indipendentzia esprime totale solidarietà e chiama il popolo sardo al sostegno attivo nei confronti di quello basco e condanna nettamente la vile provocazione dello stato spagnolo che dietro ad una maschera democratica e progressista nasconde il bieco volto del franchismo!

Libertade pro Euskal Herria
Libertade pro sa Sardigna
Nuoro, 26 gennaio 2009