User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Sardegna Nel Mio Cuore

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    23 Jun 2007
    Messaggi
    52
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sardegna Nel Mio Cuore

    L'uomo più ricco d'Italia spende un mare di soldi pubblici, nostri per una guerra elettorale privata a Soru: plateale abuso di potere.

    «Non è indecente e oltraggioso che l'uomo più ricco d'Italia faccia pagare ai contribuenti, in questo momento di drammatica recessione, una tassa arbitraria per gli eccessi e gli interessi di una personalissima campagna elettorale in una Regione di un milione 600mila abitanti rispetto ai 60 dell'Italia? Perché nessuno, e neanche tra voi sardi, denuncia lo scandalo? Diventerà sempre più clamoroso via via che Berlusconi manterrà l'impegno di andare in Sardegna nove volte per attaccare Soru, anziché lasciare che voi sardi decidiate in santa pace chi volete che vi governi. Avete ancora il complesso dei colonizzati, se accettate una così incredibile interferenza nelle cose vostre. Stando anche zitti sullo spreco di soldi pubblici che viene fatto in vostro nome, non certo per i vostri e nostri interessi. I tagli alla spesa pubblica e sociale incidono ogni giorno di più sulla vita dei cittadini meno abbienti, sui servizi prestati alle fasce più deboli.



    Come si può accettare che il presidente del Consiglio spenda tanti soldi pubblici, con aerei di Stato, mobilitazione di forze dell'ordine, spese straordinarie per la sicurezza non in una accettabile sortita ma addirittura nove, per una guerra privata contro il governatore di una Regione importante quanto si vuole ma periferica, dove certo non si giocano le sorti dell'Italia ma solo le scelte elettorali della sua autonomia?». È una lettera lunga e articolata, questa che ci ha inviato Marco Vitali dalla Lombardia. Come spesso accade, un lettore ha la vista più lunga e acuta, uno spirito critico più sviluppato degli operatori dell'informazione e dei politici anche oppositori di Berlusconi. Bada e va al sodo, su una questione apparentemente minore ma in realtà enorme per il disprezzo che sottende dei soldi pubblici, del buon gusto, della continenza da parte del capo del governo. Il lettore grida: "il re è nudo" mentre tutti lo vedevamo abbigliato, impomatato e liftato come sempre. Abbiamo criticato l'esagerato presenzialismo elettorale di Berlusconi, che già si era imbucato nelle celebrazioni di Bonaria con il Papa grazie all'assist del cappellano di Forza Italia, noto come monsignor Mani. Ma non avevamo badato alla sostanza materiale, ovvero al costo della presenza a saturazione annunciata e confermata sabato da Berlusconi. Abbiamo fatto quattro conti. Tra aereo di Stato (potrebbe usare almeno uno della sua flotta privata), mobilitazione dell'apparato di sicurezza a Roma e Cagliari, impegno di centinaia di agenti e carabinieri in straordinario, furgoni blindati come le molte grandi auto impegnate, più l'elicottero che sorvola il corteo all'andata e al ritorno e il luogo della manifestazione col premier, ogni trasferta in Sardegna del premier costa per poche ore davvero un pacco di soldi. Se lo moltiplichiamo per nove arrivi-partenze concentrati in un mese, si arriva a una cifra sproporzionata, a una spesa inaccettabile rispetto all'importanza - tutta e solo personal-politica, niente da spartire con l'interesse nazionale - che dovrebbe giustificarla. Berlusconi viaggia con una scorta imperiale, da presidente degli Stati Uniti, come tutti hanno potuto e possono vedere. Le ragioni di sicurezza ci sono, anche se amplificate oltre ogni limite: non è Bush, per intenderci. E comunque l'apparato è triplicato rispetto a quello che proteggeva Romano Prodi.

    Comunque, finché si tratta di visite di Stato per affari importanti e d'interesse nazionale, niente da eccepire. Ma qui è solo una campagna elettorale regionale, che Berlusconi ha deciso di combattere in prima persona come fosse un appuntamrento cruciale del Paese. Invece si tratta solo della sua ostilità a Soru e, soprattutto, della protezione e assistenza al suo candidato inadeguato. Prestargli una copertura soffocante come tutor elettorale a spese della comunità - ha ragione il lettore - è una vergogna in un momento come questo. Berlusconi ha pieno diritto di fare campagna elettorale dove e per chi vuole. Ma se ignora ogni misura, se abusa del suo ruolo e dei soldi del contribuente, deraglia in modo e misura inaccettabili.

    Peggio per lui se ha scelto un candidato semisconosciuto e non in grado di camminare da solo, bisognoso che il "papà-premier" lo tenga per mano, lo accrediti e gli attiri i voti che da solo non avrebbe. Oltretutto è probabile che l'abbraccio oscurante ed esagerato danneggi Cappellacci, confermandone pubblicamente la debolezza. Ma Berlusconi avrebbe l'obbligo della continenza. Sa benissimo cosa comporta e costa ogni sua trasferta, non può moltiplicarle come fossero gratuite e lui un privato cittadino che spende di tasca popria: è capo del governo e quando si muove lo fa a spese della collettività. O rinuncia all'apparato costoso che ogni volta mobilita o riduce il suo presenzialismo asfissiante. Non c'è mai stato un presidente della Repubblica e del Consiglio con una scorta così imponente, appunto imperiale. Non c'è mai stato un uomo di Stato che investisse le prerogative e i privilegi della carica in misura sproporzionata per una campagna elettorale regionale. Visibilmente, dichiaratamente per fare la guerra come premier a un presidente di Regione.

    A memoria d'uomo in Sardegna - ma pensiamo in ogni altra regione - non c'è mai stato un presidente del Consiglio che abbia partecipato con nove visite in un mese e a spese della collettività a una campagna elettorale. Anche per preservare la dignità del ruolo: chi presiede il governo resta anche uomo di parte ma con misura, essendo (teoricamente) la guida di tutti i cittadini, inclusi qulli che non hanno votato per lui. Berlusconi è un forzato dell'eccesso. Impunito perché ormai la critica della grande informazione è monocorde, a senso unico e copre tutti i suoi arbitrii. Dove sono i grandi moralisti alla Galli della Loggia, Panebianco e Battista esaltanti il Brunetta che stanga i fannnulloni-spendaccioni? Verso l'alto non guardano mai, su Berlusconi e i suoi eccessi non hanno nulla da dire e fare, magari lasciando che a farlo - in un caso come questo - siano i Gian Antonio Stella e pochi altri veri fustigatori a 360 gradi. Cerchiobottisti d'antan, hanno sposato in pieno il motto più cinico: a che serve il potere, se non se ne abusa? Avesse fatto Prodi la metà di quel che ha combinato il Cavaliere su Alitalia in danno dei contribuenti, avrebbero invocato la lapidazione pubblica. Figurarsi se avesse impegnato e mobilitato l'apparato di palazzo Chigi per nove uscite nove in un'elezione regionale.

    Giorgio Melis
    Fonte: http://italiopoli.ilcannocchiale.it/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    07 Mar 2008
    Località
    IN DISTERRU "SIRADONIA ES LUKE IN S'ISKURU" ES WERANA/U ES S'ABA ES PITZINNIA ES SU WRORE DHE S'INDIPENDENTZIA
    Messaggi
    263
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da enteomane Visualizza Messaggio
    L'uomo più ricco d'Italia spende un mare di soldi pubblici, nostri per una guerra elettorale privata a Soru: plateale abuso di potere.

    «Non è indecente e oltraggioso che l'uomo più ricco d'Italia faccia pagare ai contribuenti, in questo momento di drammatica recessione, una tassa arbitraria per gli eccessi e gli interessi di una personalissima campagna elettorale in una Regione di un milione 600mila abitanti rispetto ai 60 dell'Italia? Perché nessuno, e neanche tra voi sardi, denuncia lo scandalo? Diventerà sempre più clamoroso via via che Berlusconi manterrà l'impegno di andare in Sardegna nove volte per attaccare Soru, anziché lasciare che voi sardi decidiate in santa pace chi volete che vi governi. Avete ancora il complesso dei colonizzati, se accettate una così incredibile interferenza nelle cose vostre. Stando anche zitti sullo spreco di soldi pubblici che viene fatto in vostro nome, non certo per i vostri e nostri interessi. I tagli alla spesa pubblica e sociale incidono ogni giorno di più sulla vita dei cittadini meno abbienti, sui servizi prestati alle fasce più deboli.



    Come si può accettare che il presidente del Consiglio spenda tanti soldi pubblici, con aerei di Stato, mobilitazione di forze dell'ordine, spese straordinarie per la sicurezza non in una accettabile sortita ma addirittura nove, per una guerra privata contro il governatore di una Regione importante quanto si vuole ma periferica, dove certo non si giocano le sorti dell'Italia ma solo le scelte elettorali della sua autonomia?». È una lettera lunga e articolata, questa che ci ha inviato Marco Vitali dalla Lombardia. Come spesso accade, un lettore ha la vista più lunga e acuta, uno spirito critico più sviluppato degli operatori dell'informazione e dei politici anche oppositori di Berlusconi. Bada e va al sodo, su una questione apparentemente minore ma in realtà enorme per il disprezzo che sottende dei soldi pubblici, del buon gusto, della continenza da parte del capo del governo. Il lettore grida: "il re è nudo" mentre tutti lo vedevamo abbigliato, impomatato e liftato come sempre. Abbiamo criticato l'esagerato presenzialismo elettorale di Berlusconi, che già si era imbucato nelle celebrazioni di Bonaria con il Papa grazie all'assist del cappellano di Forza Italia, noto come monsignor Mani. Ma non avevamo badato alla sostanza materiale, ovvero al costo della presenza a saturazione annunciata e confermata sabato da Berlusconi. Abbiamo fatto quattro conti. Tra aereo di Stato (potrebbe usare almeno uno della sua flotta privata), mobilitazione dell'apparato di sicurezza a Roma e Cagliari, impegno di centinaia di agenti e carabinieri in straordinario, furgoni blindati come le molte grandi auto impegnate, più l'elicottero che sorvola il corteo all'andata e al ritorno e il luogo della manifestazione col premier, ogni trasferta in Sardegna del premier costa per poche ore davvero un pacco di soldi. Se lo moltiplichiamo per nove arrivi-partenze concentrati in un mese, si arriva a una cifra sproporzionata, a una spesa inaccettabile rispetto all'importanza - tutta e solo personal-politica, niente da spartire con l'interesse nazionale - che dovrebbe giustificarla. Berlusconi viaggia con una scorta imperiale, da presidente degli Stati Uniti, come tutti hanno potuto e possono vedere. Le ragioni di sicurezza ci sono, anche se amplificate oltre ogni limite: non è Bush, per intenderci. E comunque l'apparato è triplicato rispetto a quello che proteggeva Romano Prodi.

    Comunque, finché si tratta di visite di Stato per affari importanti e d'interesse nazionale, niente da eccepire. Ma qui è solo una campagna elettorale regionale, che Berlusconi ha deciso di combattere in prima persona come fosse un appuntamrento cruciale del Paese. Invece si tratta solo della sua ostilità a Soru e, soprattutto, della protezione e assistenza al suo candidato inadeguato. Prestargli una copertura soffocante come tutor elettorale a spese della comunità - ha ragione il lettore - è una vergogna in un momento come questo. Berlusconi ha pieno diritto di fare campagna elettorale dove e per chi vuole. Ma se ignora ogni misura, se abusa del suo ruolo e dei soldi del contribuente, deraglia in modo e misura inaccettabili.

    Peggio per lui se ha scelto un candidato semisconosciuto e non in grado di camminare da solo, bisognoso che il "papà-premier" lo tenga per mano, lo accrediti e gli attiri i voti che da solo non avrebbe. Oltretutto è probabile che l'abbraccio oscurante ed esagerato danneggi Cappellacci, confermandone pubblicamente la debolezza. Ma Berlusconi avrebbe l'obbligo della continenza. Sa benissimo cosa comporta e costa ogni sua trasferta, non può moltiplicarle come fossero gratuite e lui un privato cittadino che spende di tasca popria: è capo del governo e quando si muove lo fa a spese della collettività. O rinuncia all'apparato costoso che ogni volta mobilita o riduce il suo presenzialismo asfissiante. Non c'è mai stato un presidente della Repubblica e del Consiglio con una scorta così imponente, appunto imperiale. Non c'è mai stato un uomo di Stato che investisse le prerogative e i privilegi della carica in misura sproporzionata per una campagna elettorale regionale. Visibilmente, dichiaratamente per fare la guerra come premier a un presidente di Regione.

    A memoria d'uomo in Sardegna - ma pensiamo in ogni altra regione - non c'è mai stato un presidente del Consiglio che abbia partecipato con nove visite in un mese e a spese della collettività a una campagna elettorale. Anche per preservare la dignità del ruolo: chi presiede il governo resta anche uomo di parte ma con misura, essendo (teoricamente) la guida di tutti i cittadini, inclusi qulli che non hanno votato per lui. Berlusconi è un forzato dell'eccesso. Impunito perché ormai la critica della grande informazione è monocorde, a senso unico e copre tutti i suoi arbitrii. Dove sono i grandi moralisti alla Galli della Loggia, Panebianco e Battista esaltanti il Brunetta che stanga i fannnulloni-spendaccioni? Verso l'alto non guardano mai, su Berlusconi e i suoi eccessi non hanno nulla da dire e fare, magari lasciando che a farlo - in un caso come questo - siano i Gian Antonio Stella e pochi altri veri fustigatori a 360 gradi. Cerchiobottisti d'antan, hanno sposato in pieno il motto più cinico: a che serve il potere, se non se ne abusa? Avesse fatto Prodi la metà di quel che ha combinato il Cavaliere su Alitalia in danno dei contribuenti, avrebbero invocato la lapidazione pubblica. Figurarsi se avesse impegnato e mobilitato l'apparato di palazzo Chigi per nove uscite nove in un'elezione regionale.

    Giorgio Melis
    Fonte: http://italiopoli.ilcannocchiale.it/
    Ascò perchè non ve lo richiudete in qualche circo, ha noi non piace l'uomo più incontinente d'italia.
    Comunque per risponderti, è da quando ha fatto il programma di visite che battiamo su questo punto, per quanto riguarda la campagna elettorale.
    Per quanto riguarda le elezioni in sardegna sarà vero per voi che siamo periferici e lo constatiamo dal tempo dei savoia e con la repubblica italiana non è cambiato niente, non ve ne mai fregato un tubo della sardegna tant è che non spendete una parola contro le servitù militari in sardegna, che se vi prendeste un po di tempo per informavi scoprireste che il 3% del "territorio italiano" è sottomesso con il 67% rispetto al territorio italiano vero e proprio, con in più l'80% dei bombardamenti continui ma a voi questo forse non interessa, chi come vicenza la sicilia e altre regioni con il problema delle servitù militari capisce il nostro problema e noi siamo solidali, al restante pare proprio di non interessare.
    Ancora, sardegna non è italia, per favore fateci il piacere di portarvi via anche i nostri politici italianisti.
    Noi indipendentisti stiamo cercando di creare la Repubblica Sarda indipendente, con una politica che supera le divisioni create dalla destra e dalla sinistra, che non ci fa vivere degnamente come popolo.
    Un po di autocritica da parte degli italiani che cercano di far capire a noi sardi il problema che voi avete e indirettamente ci tocca perchè colonia della vostra mentalità nazionalista.
    Ancora oggi si sente in qualche trasmissione televisiva e radiofonica "ti sbatto in sardegna" intesa come punizione e nessuno dico nessuno che dica qualcosa contro questo tipo di mentalità ottusa e disprezzante nei nostri confronti.
    E...si bella la sardegna, ma.... da turista....
    Se poi diamo una occhiata all'economia italiana in generale non so se la sardegna sia poi tanto marginale per l'italia, vedi vertenza fiscale, dall'1987 che l'italia si tiene i nostri soldi, vedi moratti con la saras che ha reso la sardegna il luogo più inquinato d'europa e paga le tasse in lombardia a noi sodi niente ma veleni tanti, vedi l'eni a porto torres cosa nasconde il sottosuolo che con lo stoccagio dei rifiuti illegali ha messo in crisi il sistema acquifero.
    Poi parliamo della bauxite dello zinco, del rame, l'argento ormai ve lo siete papato quasi tutto, il carbone, le foreste che ci avete distrutto per poter sostenere l'italia che a noi ci ha dato solo morte e povertà, o parliamo delle sabie silicee che crea un indotto di circa 25.000 persone in emilia quando da noi sono in 5 a lavorarci.
    Etc.etc.etc. ecco di queste cose non si parla, ma ripeto tenettevelo da voi per favore, quell'incontinente querulante cosi risparmiate un po di soldi e noi saremo più liberi.

    In sardegna ci sono lavori in corso, qui si lavora per l'indipendenza.
    Meglio iRS
    indipendenzia Repubrica de Sardinnia.
    Per favore informarsi prima di parlare.
    Comunque tornando a monte, siamo d'accordo, ne scriviamo e parliamo tutti i giorni, vedi che non siamo distratti.
    Un saluto indipendentista

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    14 Apr 2006
    Messaggi
    98
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    o giorgio melis..... tottu beridades..... e visto che siamo in vena sveliamole tutte.... questi giorni circola un giornale di ben 32 pagine formato quotidiano dove si fa propaganda elettorale a renato soru..... è zeppo di fotografie e dati commissionati E QUINDI PAGATI dalla R.A.S. regione sarda ( e quindi dai contribuenti sardi), tutto materiale ad uso istituzionale. adesso non ho voglia di scrivere un trattato a riguardo ma ci andrebbe bene tutta la pappardella scritta sopra per il rivale berlusca, identica.

    fortza paris

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 19-12-12, 17:08
  2. Chi votereste alle elezioni russe?
    Di dedelind nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 26-09-11, 23:17
  3. Rutelli: Due Opposizioni Ma La Maggioranza E' Una Sola
    Di Repubblica nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-02-07, 18:42
  4. Bush a Roma: costituito il Comitato di Benvenuto...
    Di Totila nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 09-05-04, 15:53

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226