1945 : Con l’Avanzata poderosa dell’Armata Rossa nell’est europeo,con la liberazione dei balcani dai nazi-fascisti ad opera di Tito e delle sue armate partigiane,con la Resistenza italiana che combatte i nazi-fascisti assumendo toni rivoluzionari e guidata dai vertici dei partiti Comunista e Socialista,gli Stati Uniti e la Gran Bretagna decidono di sospendere le ostilità e di iniziare un tavolo di trattativa diplomatica con Hitler e la Germania.Il Fuhrer vola a Londra dove si riunisce con Churchill e Roosvelt per decidere di cessare di farsi la guerra e pensare a frenare l’Armata Rossa e l’Unione Sovietica guidata da Lenin (ancora vivo).
Roosvelt richiede a Hitler che la futura Germania liberata dai sovietici (che hanno conquistato Berlino e il grosso del paese) con l’aiuto anglo-americano deve tornare ad assumere istituzioni democratiche,ma permette al partito nazionalsocialista di guidare la futura ricostruzione per i primi 4 anni.Hitler accetta tutto.

I sovietici liberando i campi di concentramento denunciano lo sterminio degli Ebrei,Stati Uniti e Gran Bretagna con una fortissima propaganda negano tutto e proteggono i nazisti da qualsiasi forma di processo.

Si svolge la conferenza di pace di Parigi,l’asse Londra-Washington impone ai sovietici di ritirarsi dalla Germania e di riconsegnarla ad Hitler e a quest’ultimo di iniziare il piano di ricostruzione tedesca.Lenin e lo stato maggiore del Pcus inviato alla conferenza abbandona l’assemblea e torna a Mosca ordinando all’Armata Rossa di mantenere la posizioni in Germania.

A Mosca si riuniscono i partiti socialdemocratici e comunisti di tutta europa, tra i più importanti ovviamente il Pcus,la Spd tedesca (che ha inglobato i comunisti),il Partito socialista italiano di unità proletaria,il Partito comunista italiano,la Lega dei comunisti jugoslavi,il Partito comunista francese e il clandestino Partito operaio spagnolo (poi Psoe) ecc..

Non accettano di partecipare il Partito riformista italiano (scissione a destra del Psiup),il Partito socialista francese e il Partito laburista inglese.

Nell’assemblea di Mosca si decide di iniziare il socialismo nell’Europa conquistata e liberata dall’Armata Rossa e dalle varie resistenze partigiane.
I vari stati dell’est come Polonia,Romania,Ungheria,Ceco-slovacchia e Bulgaria si fondono in uno mega-stato federale con forti autonomie interne sotto il nome di Repubblica Socialista Popolare dell’Est Europa (RSPEE),Tito crea la Repubblica Democratica Socialista di Jugoslavia (inglobando anche l’Albania).

La germania è divisa a metà,il grosso è sotto il controllo di un comando militare dell’Armata Rossa ,ne è governatore provvisorio Stalin.La parte più occidentale è controllata dalle rimanenti truppe naziste e dagli anglo-americani,stessa situazione per la Francia al cui interno però si muove la guerriglia partigiana del Pcf.

La Spagna è sotto il tallone della dittatura franchista appoggiata con il silenzio degli anglo-americani.

In Italia tutto il Nord-est (Veneto,Trentino,Friuli) e il centro (Toscana,Emilia,Marche,Lazio,Umbria,Abruzzo) sono sotto il controllo delle armate partigiane coordinate dal Pci e dal Psiup.Il nord-ovest è controllato da truppe naziste,nel sud la corte di Vittorio Emanuele III si è spostata in Sicilia protetta dall’esercito fascista di Mussolini sfuggito ai partigiani nella presa di Roma,sono presenti anche forti ammassamenti di truppe anglo-americane.

Con il permanere dell’Armata Rossa in Germania la conferenza di Parigi (Germania nazista,Stati Uniti,Inghilterra,Italia del sud rappresentata da Mussolini,la Spagna e la Francia) dichiarano guerra all’Unione Sovietica.

1946 : lo scontro è breve ma dolorosissimo per la popolazione civile soprattutto italiana e tedesca.
In Germania Hitler forte dell’appoggio dell’esercito anglo-franco-americano riesce a riconquistare Berlino,Stalin abbandona il territorio tedesco e si prepara a difendere la RSPEE.
Hitler tornato in Germania in fretta e furia insabbia qualsiasi prova dello sterminio anti-semita e distrugge i campi di concentramento e si prepara a muovere sull’Italia ma viene fermato da Mussolini che preferisce l’aiuto degli americani.

In luglio sbarcano in Toscana i marines ma le truppe partigiane esperte del territorio riescono a piegarli,ciononostante il gruppo dirigente del Pci e del Psiup (tra cui Togliatti,Pertini,Terracini,Bordiga,Lelio Basso) si trasferisce a Mosca,rimangono sul territorio a coordinare le truppe operaie,contadine e gli ex-soldati fascisti ammutinati a Mussolini il segretario del partito Antonio Gramsci (ancora vivo) per i comunisti e Pietro Nenni per i socialisti.

A questo punto l’attacco al centro italiano social-comunista viene dal Sud,rinforzato l’esercito fascista Mussolini con l’appoggio di truppe franco-tedesche provenienti dall’Africa settentrionale muove verso Firenze (quartier generale dei generali partigiani) dopo aver riconquistato il Lazio (e quindi Roma dove si ritrasferisce il re).

L’offensiva mussoliniana viene fermata da una poderosa reazione di popolo,Mussolini che guidava l’operazione viene incarcerato e portato prigioniero in Russia.

A questo punto c’è una seconda conferenza di pace a Roma dove si decidono gli assetti dell’Europa dopo la II Guerra mondiale e i breve scontro tra gli ex alleati anti-nazisti.

Ne consegue che :

- La Germania viene trasformata in una Repubblica Federalista con istituzioni democratiche,al Partito nazionalsocialista e ad Adolf Hitler viene dato il compito di guidare la transizione fino alle elezioni democratiche del 1948 (il periodo di transizione viene ridotto da 4 a 2 anni rispetto agli accordi precedenti di Londra del 45).Escono dalla clandestinità la Spd (che risente dell’influenza leninista),il partito Cattolico (Zentrum) e il partito liberal-conservatore (gli eredi della politica dell’equilibrio di stampo bismarckiana).Dalla Germania però viene staccata una piccola porzione di territorio orientale che viene inglobata nella RSPEE.
- In Francia vengono ritirate le truppe naziste e quelle anglo-americane e si indicono subito nuove elezioni.
Vengono vinte (anche abbastanza inaspettatamente) dal maresciallo Petain (che aveva guidato il regime collaborazionista di Vichy,asservito ai nazisti) appoggiato dal Partito Nazionalista Francese (37%) e dal Partito conservatore-Famiglia e Tradizione (15%).Sconfitta la sinistra che si presentava divisa tra Partito socialista (10%),Partito Comunista ( 12,5%) e Partito radicale (7%),buona affermazione dei liberali (8%) e dei cattolici del Partito Cristiano Popolare (10,5%).
- Per quanto riguarda la Spagna su richiesta dell’Urss,dell’RSPSS,della RDSJ e dei rappresentanti delle regioni social-comuniste italiane Londra e Washington impongono a Franco elezioni democratiche entro il 1948 come in Germania,al contrario però in Spagna vengono inviati osservatori speciali americani sull’operato della fase di transizione verso l’assetto democratico.
- il Giappone che aveva affiancato l’Italia e la Germania nella II guerra Mondiale,trovando un nuovo forte alleato nell’Inghilterra (con la quale stipula forti trattati commerciali in Asia) conquista posizioni sul continente a discapito dell’Impero Cinese (nella quale,ancora in stato embrionale,la rivoluzione proletaria guidata da Mao Tse-Tung era stata schiacciata dalle armate dell’Imperatore) ormai in declino.D’altra parte però perde molte isole del pacifico in favore degli americani.
-gli Americani,appunto,avanzano nel pacifico a scapito dei giapponesi e qui incominciano a costruire basi scientifico-militari d’avanguardia e a condurre i più segreti esperimenti nucleari e bellici di ogni sorta.Inoltre incomincia forti relazioni commerciali e diplomatiche con la Germania,la Francia e la Spagna superando l’Inghilterra nel ruolo di forza centrale negli equilibri europei.
- In Inghilterra l’opinione pubblica massacra Churchill che dalla conferenza di Roma non ha ricavato nulla oltre a degli accordi strategici con i giapponesi riguardo alcuni porti asiatici e le elezioni anticipate dopo le dimissioni del primo ministro vedono trionfare i Laburisti (48%),una sconfitta pesante per i conservatori (32%) e un’inaspettata affermazione di altre formazioni come ill Partito Anglicano (emanazione della casta religiosa anglicana e della corona che arriva al 12%),la Lega degli Operai Inglesi (che si schiera su posizioni più marxiste e in contrasto con il riformismo laburista,arrivanoal 5%) e il Movimento Indipendentista scozzese (3%).
- La Repubblica Socialista Popolare dell’Est Europa e la Repubblica Democratica Socialista Jugoslavia diventano paesi satelliti dell’Urss leninista,i partiti di destra,quelli cattolici e quelli riformisti vengono soppressi,il Partito comunista è il partito unico e rappresenta lo stato.In etrambi i casi però l’assetto federale permette alle varie diramazioni etniche di essere particolarmente autonome.
- L’Italia rappresenta il nodo più difficile ed intricato da sciogliere.La paura di un’altra guerra tra sovietici e americani e rispettivi alleati fa tremare i polsi alle altre nazioni.
Per questo inglesi e francesi ma soprattutto i tedeschi (Hitler di fatto tradisce le aspettative fasciste di Mussolini e del Re V.Emanuele III) convincono Roosvelt e gli americani a lasciare che l’Italia diventi una repubblica socialista secondo il piano di Lenin.
Vittorio Emanuele III finisce in esilio in Francia,Mussolini rimane prigioniero in Russia (morirà in carcere dopo due anni per motivi mai dichiarati dai sovietici),dopo secoli la sede del Papato viene spostata in Spagna in Galizia (nella città di Santiago di Compostela).Nasce la Repubblica Democratica del Popolo Italiano.Il Partito nazionale fascista,il Partito Popolare Italiano,il Partito Liberale e il Partito Riformista vengono messi fuori legge.Il Psiup entra nel Pci che diventa l’unico partito legale.Palmiro Togliatti guida il governo,l’unico sindacato libero è la CGIL perfettamente allineata al Governo.

1947 : L’Unione Sovietica inizia un ingente Piano di Ricostruzione Socialista formato da grandi somme di denaro e risorse per i paesi alleati (Italia,RSPEE e Jugoslavia) che permettono di rimettere in sesto l’economia delle nazioni disastrate dalla guerra.
In Germania Hitler sposta il Partito nazionalsocialista su posizioni di libero mercato in economia ma sul piano politico riavvia un’operazione autoritaria e reazionaria che spinge Socialdemocratici e sindacati a imponenti scioperi generali che di fatto bloccano il paese che fino alle elezioni del 48 vive un clima teso,difficile e una crisi economica dura.
Il governo Petain in Francia riesce a zittire le opposizioni e opera forti restrizioni nei confronti dei lavoratori obbligati a sacrifici e sforzi per risollevare il paese.
In Spagna Franco che punta ad essere rieletto nel 48 apre ad una linea moderata e avvicina il suo Partito Franchista alle posizioni dei Popolari e della Chiesa contro il Partito Socialista Operaio,principale forza di opposizione.
In Italia il Governo Togliatti opera grandi riforme socialiste a favore delle masse :
- una riforma Agraria che distribuisce l’80% del territorio che si coltiva direttamente al contadino,i proprietari terrieri profondamente contrari rimangono proprietari solo del restante 20%
- sul piano operaio vengono ampliati i diritti sindacali (legge sugli infortuni sul lavoro,ridotto l’orario di lavoro,alzati i salari per legge ecc…)
- gli imprenditori del nord,le poche famiglie rimaste ex-nobili di alta classe sociale e il ceto medio benestante sono soggetti a forti pressioni fiscali.

1948 : In Germania si svolgono le elezioni,Hitler che era riuscito a costruire una coalizione di governo ampia dal Partito nazionalsocialista (25%) ai cattolici (10%) ai liberal-conservatori (16,5%),le vince di poco rispetto al grosso risultato della Spd (48,5%) che diviene il partito più votato e quindi di maggioranza relativa,relegato però all’opposizione.
Legittimato dale elezioni Hitler procede nella via autoritaria sul modello di Petain limitando sempre più i diritti delle masse operaie,stringendo patti con le autorità ecclesiastiche ottenendo cosi il consenso delle masse rurali meno istruite.
In Spagna invece nonostante la forte campagna del Papa che spinge per far eleggere Franco,il Psoe va al potere con il 53% dei consensi contro il 47% dell’alleanza tra Popolari (30%) e Franchisti (17%).Differenziandosi però dall’Italia e dall’Europa orientale i socialisti spagnoli non impongono alcune forma pseudo-dittatoriale ma accettano il parlamentarismo democratico che prevede un governo di 4 anni e quindi non sciolgono i partiti dell’opposizione.

1951 : Dopo 5 anni di governo autoritario Petain si ripresenta alle urne francesi e riottiene la maggioranza parlamentare ampliando la coalizione di governo in direzione del Partito Cristiano Popolare (12%),mantengono forti consensi i suoi due principali partiti di riferimento,quello Nazionale Francese (38%) e quello Conservatore-Famiglia e Tradizione (16,1%).Sempre più tragica la situazione delle forze liberali e di sinistra.Il cartello elettorale Coalizione Progressista (che univa socialisti riformisti,liberali e radicali) si ferma al 27%,i comunisti arretrano al 6,9%.
Anche in Inghilterra si torna a destra con la vittoria dei Conservatori (40,5%) stavolta alleati con il Partito Anglicano ( 13,4%).Sconfitti i Laburisti (30,1%) che non hanno cercato l’alleanza né con i marxisti della Lega degli Operai (7%) né con gli Indipendentisti scozzesi (9%) dei quali hanno subito la forte erosione del voto più popolare.

1952 : Nel 1952 il vento cambia e nelle elezioni in Germania (dopo 4 anni di dure politiche del lavoro di Hitler) i Socialdemocratici (51,3%) vincono le elezioni contro la coalizione di governo che si presentava alle elezioni divisa tra Nazionalsocialisti ormai in declino (11,2%) alleati ai Liberal-conservatori (23,4%),con la corsa solitaria dei Cattolici (14,1%) in profondo contrasto con le politiche hitleriane.Anche in questo caso le forze di sinistra arrivate al potere con il consenso popolare non imboccano la via rivoluzionaria ed autoritaria ma mantengono il parlamentarismo democratico e la sfida dell’alternanza con le forze conservatrici.
Il grande trionfo della sinistra europea che poi farà scatenare na vera e propria rivoluzione culturale e politica nei paesi del Socialismo d’ispirazione sovietica,avviene nelle elezioni spagnole dove dopo 4 anni di governo socialista il popolo conferma la fiducia alla sinistra del Psoe (55,7%) relegando ancora all’opposizione sia i popolari (31%) che i franchisti (10,2%) ormai (come i nazionalsocialisti in Germania) in pieno declino elettorale,fa capolino anche un movimento indipendentista Autonomia e Progresso (3,1%) che ha radici nei Paesi Baschi.

Dopo i successi elettorali dei partiti di sinistra in Germania e in Spagna su iniziativa Italiana nasce il Comitato Progressista Internazionale-Verso la Democrazia che prevede con l’approvazione della maggioranza del Pcus leninista (una minoranza interna però ha seridubbi ed è ostile a questo processo,una frangia guidata da Stalin),dei vari partiti comunisti regionali della RSPEE (solo la componente bulgara è contraria),della Lega dei Comunisti Jugoslavi (all’unanimità) e del Pci (con una minoranza interna che su modello stalinista è molto contraria) la transizione dalla forma Dittatoriale che avevano assunto i paesi socialisti verso un’assetto democratico-parlamentare con relative elezioni ogni 4 o 5 anni basato sull’alternanza tra forze progressiste e forze conservatrici.

In Russia il Pcus programma le elezioni per il 1953,passa il diritto di associazione politica e sindacale,,la libertà religiosa e nascono nuovi partiti : Alleanza dei Liberali(liberali di centro),Partito Democratico Nazionale Russo (sinistra liberale moderata),il forte Partito della Nazione Russa (destra nazionalista,populista ed identitaria) ed infine la Comunione Ortodossa Russa ,organizzazione partitica emanazione dei principi della religione ortodossa.
Partiti più o meno analoghi vanno ad affiancare il locale partito comunista in Jugoslavia (dove si voterà nel 54) e nella RSPEE (nel 53).In Italia si programmano le elezioni del 1954 e nascono accanto al Pci : la Democrazia Cristiana (nuovo nome del Ppi,partito cattolico che si schiera per il ritorno del Papa a Roma e per politiche anti-socialiste e più attenti sia alle classi basse ma anche e soprattutto al ceto-medio,vicino agli Usa e al Regno Unito),il Partito Liberale Italiano (fortemente anti-comunista,influenzato dalla figura storica di Cavour),rinasce il Partito Riformista (anch’esso anti-comunista,liberalsocialista vicino alla Dc),si riforma il partito fascista sotto il nome di Movimento Nazionale (vicino ai franchisti spagnoli),nasce un movimento monarchico Alleanza per il Re e un movimento del Nord indipendentista su modello di Scozia e paesi baschi,forte in Lombardia sotto il nome di Lega Lombarda Autonoma.

1953 : Prime elezioni democratiche in Russia e nella ex Repubblica Socialista Popolare dell’Est Europa (adesso FEE,Federazione est europa).Nell’ex-Urss (ora Repubblica Russa) il Partito comunista operaio russo (Pcor) vince le elezioni con il 51,2% dei voti,forte affermazione del Partito della Nazione Russa (38%),flop dell’alleanza tra Liberali (2%) e PDNR (3,1%),vanno bene gli Ortodossi (5,7%).
Nella Federazione Est Europa invece i risultati sono profondamente diversi,il Partito Operaio (ex-partito comunista) si ferma al 35,7%,vanno al governo i Socialisti Democratici Est-Europeei (35,6%) scissionisti dell’ex Partito comunista che si schierano su posizioni più moderate,che ottengono la maggioranza grazie all’alleanza con i Liberali Riformisti di centro (16%),dando il via alle prime forme sperimentali di centro-sinistra,alleanze tra centristi e sinistra riformista.L’estrema destra del Movimento Razza ed Identità arriva al 10%,l’estrema sinistra della lista Stato Proletario-Bulgari Comunisti (che vuole il ritorno alla dittatura) racimola solo il 2,7%.

1954 : Pochi mesi prima delle elezioni italiane del 1954 (protagoniste di questo sondaggio) si vota nella ex RDSJ (adesso Repubblica Jugoslava Unita),il maresciallo Tito e il suo Partito Democratico del Socialismo (ex-Lega dei comunisti,50,8%) vincono per poco le elezioni contro i Liberali Slavi Uniti (centro-destra,45,2%),l’estrema destra nazionalista di Orgoglio Jugoslavo (2,5%) e gli indipendentisti albanesi di Albania Libera (1,5%).

Si vota nella Repubblica Italiana (ex-RDPI) .

Il Pci e la Lega Lombarda Autonoma stringono un patto elettorale (con un programma federalista contro quello centralista democristiano) e ricandidano Palmiro Togliatti,la Dc,i riformisti e i liberali stringono un’alleanza di centro-sinistra candidando Amintore Fanfani,il Movimento Nazionale e Alleanza per il Re candidano Achille Lauro.

Chi votate ?