User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    18,319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il conte Von Stauffemberg, eroe dell'operazione Valchiria

    « Sento il dovere di fare qualcosa per salvare la Germania. Noi tutti, ufficiali dello Stato Maggiore, dobbiamo assumere la nostra parte di responsabilità. »
    (Da una lettera indirizzata alla moglie.[1])



    Il conte, colonnello Von Stauffemberg a cavallo

    Claus Philipp Maria Schenk Graf von Stauffenberg (Jettingen-Scheppach, 15 novembre 1907 – Berlino, 21 luglio 1944) è stato un militare tedesco che svolse un ruolo di primo piano nell'attentato del 20 luglio contro Adolf Hitler e nel successivo tentativo di colpo di stato. Il suo cognome completo era Schenk Graf von Stauffenberg, in quanto la famiglia Stauffenberg aveva aggiunto il termine Graf (conte) come parte del cognome, dopo l'abolizione dei titoli nobiliari da parte della Repubblica di Weimar.

    Von Stauffenberg non aveva pienamente aderito al Nazismo; allo scoppio della Seconda guerra mondiale combatté in Africa col grado di colonnello, ma il 7 marzo 1943 venne gravemente ferito a causa dello scoppio di una mina. Il famoso chirurgo Ferdinand Sauerbruch riuscì a salvargli la vita, ma non poté impedire che perdesse la mano destra, l'occhio sinistro e due dita (anulare e mignolo) della mano sinistra.

    Pur così ridotto, von Stauffenberg continuò a prestare servizio nell'esercito, ma con animo risolutamente antinazista: infatti da quel momento si dedicò al tentativo di liberare la Germania da Hitler, dopo essersi reso conto che questi stava portando il proprio paese verso la sconfitta; si trova dimostrazione di ciò in una lettera che invia alla moglie nel marzo del 1943: "Sento il dovere di fare qualcosa per salvare la Germania. Noi tutti, ufficiali dello Stato Maggiore, dobbiamo assumere la nostra parte di responsabilità".

    Nello stesso periodo, in un'altra lettera, espresse il parere che, anche se il tentativo di fare un attentato ad Hitler fosse stato destinato al fallimento, "lo si deve compiere egualmente: la cosa importante è dimostrare davanti al mondo e davanti alla storia che il movimento di resistenza tedesco è esistito e che ha osato passare all'azione, a prezzo della vita".

    Fu così che fu ordita la congiura degli ufficiali tedeschi contro il Führer; l'attentato fu fissato per il 20 luglio 1944 nel cuore del quartier generale di Hitler, la cosiddetta tana del lupo, e venne denominato "Operazione Walkiria": la bomba, contenuta all'interno di una valigetta, fu posizionata vicino a Hitler dallo stesso von Stauffenberg, ma venne spostata da qualcuno alcuni metri più lontano; questo fatto, insieme ad altre fortuite circostanze (per il forte caldo, la riunione non si svolse nel bunker, dove l'esplosione non potendo sfogare all'esterno sarebbe stata enormemente più devastante; Stauffenberg aveva predisposto originariamente due bombe, ma a causa della sua menomazione nella fretta riuscì ad armarne solo una; il tavolo della riunione, costruito in solido legno di quercia, attutì ulteriormente la forza d'urto dell'esplosione), fece fallire l'attentato.

    I congiurati vennero fatti arrestare dalle SS e dalla Gestapo, così come tutti coloro che in qualche modo erano venuti a contatto con loro. Gli arrestati furono torturati per ottenere rivelazioni, poi vennero trucidati, spesso senza nemmeno un processo.

    Anche von Stauffenberg fu arrestato e fatto fucilare assieme agli altri congiurati nella stessa notte del 20 luglio 1944 nel cortile del Bendlerblock, sede del Comando Supremo dell'Esercito a Berlino. Fu poi detto che prima di essere ucciso, lo Stauffenberg avesse gridato: "Lunga vita alla Germania libera". Su ordine del Führer, tutti i membri delle famiglie dei colpevoli dovevano essere eliminati: questo portò anche all'arresto, alla deportazione e uccisione di molti innocenti, che avevano la disgrazia di condividere il nome, anche senza essere parenti, dei congiurati. Per quanto riguarda la famiglia von Stauffenberg il fratello maggiore, Berthold, fu giustiziato; la moglie di Stauffenberg, Nina, ed i suoi quattro figli (la donna era incinta della quinta figlia, Konstanze, che sarebbe nata il 17 gennaio 1945 a Francoforte sull'Oder, durante la prigionia) furono arrestati dalle SS; i quattro figli furono messi, sotto falso nome, in un orfanotrofio in Bassa Sassonia. Successivamente e fino alla fine della guerra, Nina venne tenuta prigioniera in provincia di Bolzano. Liberati dall'arrivo delle truppe alleate, tutti i membri della famiglia poterono finalmente riunirsi dopo la fine della guerra.[/QUOTE]

    [QUOTE=Soldato del Re;9359802][COLOR="Blue"]L'attentato ad Hitler
    20 luglio 1944 Alle ore 12,42 la Wolfsschanze (“Tana del lupo”), il Quartier Generale di Hitler a Rastenburg, in una foresta della Prussia Orientale, è scossa da una spaventosa deflagrazione: una fiammata e una nube di fumo si alzano dalla baracca dove si tengono,presente il Fuhrer, le quotidiane riunioni dello Stato Maggiore tedesco (quando avviene lo scoppio ne è in corso per l’appunto una, iniziata da pochi minuti).Si sentono i lamenti dei feriti (alcuni sono stati proiettati fuori dalle finestre aperte)e le invocazioni di aiuto; altri giacciono ormai senza vita. E Hitler? Il capo del nazismo è rimasto ferito ma in maniera molto lieve.E', si, sotto shock (la sua prima reazione è stata: “I miei calzoni nuovi...!”), ma a parte il viso annerito, i capelli arruffati e i calzoni a brandelli e qualche escoriazione, è del tutto incolume al punto che qualche ora dopo, alle 16, può ricevere la visita di Mussolini, prevista in un primo tempo per le 14,30. Non ci vuole molto a classificare l’episodio come un attentato alla vita di Hitler: si tratta di smascherare l’autore, o gli autori, che non possono essere lontani, anzi devono essere sicuramente ricercati tra coloro che hanno partecipato alla riunione. A parte i morti, manca all’appello un giovane colonnello di 37 anni, il conte Claus Schenk von Stauffenberg (che in un primo tempo viene creduto tra i feriti ricoverati in ospedale) ed è su di lui che si appuntano i primi sospetti degli investigatori, quando si scopre che il colonnello è uscito dalla stanza dove si teneva la riunione qualche minuto prima dello scoppio. Sospetti che diventano certezza dopo la testimonianza di alcuni ufficiali e soldati delle SS di guardia a Rastenburg: l’attentatore non può essere che lui. Ma chi è von Stauffenberg? ha agito da solo o è semplicemente l’esecutore di un complotto più vasto per eliminare Hitler? Per rispondere, bisogna fare un passo indietro, al 7 aprile 1943, quando il colonnello von Stauffenberg, discendente da una nobile famiglia della Germania meridionale, rimane gravemente ferito in Tunisia saltando in aria, con la sua automobile, su un campo di mine: perde l’occhio sinistro, la mano destra e due dita della sinistra ed è costretto a una lunga convalescenza durante la quale può riflettere sulla situazione dei suo paese giungendo ad alcune gravi e fondamentali decisioni. ‘‘Devo fare qualcosa" scrive alla moglie “per salvare la Germania”; più esplicitamente, in un’altra lettera dichiara: “Anche se il tentativo fosse destinato al fallimento, lo si deve compiere. La cosa importante è dimostrare al mondo e alla storia che il movimento di resistenza tedesco è esistito e che ha osato passare all’azione, a costo della vita”. Entra quindi a far parte di un gruppo di oppositori che si propongono di eliminare il dittatore e di por fine alla guerra salvando quanto è salvabile della Germania. Del gruppo fanno parte, tra gli altri, l’ex borgomastro di Lipsia Cari Gòrdeler, il gen. Ludwig Beck (capo militare del complotto),l’ex ambasciatore a Roma Ulrich von Hassel, il gen. Friedrich Olbricht, il feldmaresciallo Erwin von Witzleben, il gen. Hans Henning von Tresckow, capo di stato maggiore dello Heeresgruppe Centro sul fronte russo, il gen. Erich Fellgiebel, capo delle trasmissioni a Rastenburg, l’ex ambasciatore a Mosca Friedrich Werner von der Schulenburg, il gen. Edward Wagner, il pastore Dietrich Bonhoeffer e il gesuita Alfred Delp, il politico socialdemocratico Julius Leber, il giovane conte Helmuth James von Moltke e altri giovani discendenti di illustri casate prussiane (lo stesso Stauffenberg del resto è un pronipote del conte August von Gneisenau, eroe nazionale della guerra contro Napoleone). Sanno del complotto, anche se non vi prendono parte attivamente, Rommel, von Kluge, nonché il capo dell’A bwehr (il servizio segreto militare) amm. Hans Wilhelm Canaris. Una posizione ambigua tiene il gen. Fritz Fromm, capo delle forze dell’interno, comprendenti l’armata territoriale che presidia Berlino. Nel pomeriggio del 19 luglio von Stauffenberg viene convocato da Hitler a Rastenburg per prendere parte, in qualità di capo di stato maggiore del gen. Frìtz Fromm (comandante in capo delle forze dell’interno) alla riunione dei massimi esponenti militari del Reich, prevista per il giorno dopo alle 13. E' l’occasione che Stauffenberg aspetta e ne informa gli altri congiurati.Il piano (chiamato operazione “Walkiria”) non deve fallire, la preparazione è stata meticolosa, le alleanze e le complicità sono a tutta prova. La mattina del 20 luglio, dunque, von Stauffenberg parte in aereo da Rangsdorf, uno degli aeroporti di Berlino: porta con sé una borsa in cui, tra i documenti, è nascosta una bomba confezionata dal gen. Helmut Stieff con uno speciale esplosivo britannico, munita di detonatore a scoppio ritardato. Poco dopo le 10 l’aereo atterra a Rastenburg. La riunione, anticipata di mezz’ora perché Hitler attende l’arrivo di Mussolini, inizia alle 12,30 precise. Stauffenberg entra nella stanza alle 12,36 assieme a Keitel: ha già rotto la capsula del detonatore e di li' a 6 minuti, a meno di qualche inconveniente, la bomba esploderà. Nella stanza, di circa 9 metri per 4,5, hanno già preso posto, attorno a un grande tavolo ovale, oltre a Hitler (che siede voltando le spalle alla porta su uno dei lati lunghi del tavolo), 22 tra alti ufficiali delle tre armi e delle SS: Keitel prende posto alla sinistra e Stauffenberg alla destra del Fuhrer, tra i generali Korten e Brandt, rispettivamente capi di stato maggiore della Luftwaffe e delle operazioni.Stauffenberg, appena seduto, posa la borsa a terra a circa due metri dalle gambe di Hitler, all’interno dello zoccolo che regge la parte destra del tavolo. Sta parlando il gen. Hensinger, capo di stato maggiore aggiunto dell’esercito, che illustra la situazione sul fronte russo facendo frequenti riferimenti alla carta geografica spiegata sul tavolo: sono le 12,37 e i minuti passano inesorabili. Von Stauflenberg si allontana non visto dalla stanza. Tutti prestano la massima attenzione a quanto va riferendo Hensinger: particolarmente interessato è il gen. Brandt che, allungandosi sul tavolo per vedere meglio la carta, urta col piede la borsa di Stauffenberg. Cerca di spostarla con un piede, poi si abbassa e la depone sul lato esterno dello zoccolo di destra che sostiene il tavolo:è questo spostamento che salva, probabilmente, la vita di Hitler. Alle 12,42, l’esplosione. Stauffenberg, che si trova ormai a circa 200 metri, vede saltare letteralmente in aria la baracca e, convinto che l’attentato è andato a segno, lascia Rastenburg. Alle 13 riparte col suo aereo alla volta di Berlino a raccogliere i frutti del suo gesto. Egli non sa ancora che l’attentato è fallito e, soprattutto, il gen. Fellgiebel, capo delle trasmissioni di Rastenburg, non esegue l’ordine di trasmettere immediatamente la notizia ai congiurati a Berlino né quello, ben più importante, di bloccare le comunicazioni tra il Quartier Generale di Hitler e la capitale. I cospiratori quindi, che attendono a Berlino, rimangono all’oscuro di tutto per alcune ore, incerti sul da farsi. Nel frattempo, il complotto è stato scoperto e Himmler è già partito per Berlino con l’ordine di stroncare un’eventuale rivolta. Stauffenberg giunge nella capitale tedesca alle 16,30, quando la notizia che il Fùhrer è sfuggito all’attentato ha già raggiunto i supremi capi militari della città. Il gen. Fromm, comandante in capo delle forze dell’interno, che aveva aderito solo formalmente alla congiura, quando viene a sapere che Hitler non è morto, corre nell’ufficio del gen. Friedrich Olbricht, capo della sezione approvvigionamenti dell’esercito territoriale, dove c’è anche Stauffenberg che sta mettendosi in contatto telefonico con tutti i comandi tedeschi in Europa, e gli comunica senza mezzi termini che deve suicidarsier tutta risposta Stauffenberg e Olbricht lo arrestano. Il ministro della Propaganda, Goebbels, è rimasto indisturbato nel suo ufficio alla Wilhelmstrasse.Il comandante della piazza di Berlino, von Hase (altro congiurato), ordina al Wachtbataillon Grossdeutschland, comandato dal magg. Otto Ernst Romer, di presidiare e circondare i ministeri. Ma Goebbels riesce a conferire con Remer e a farlo parlare direttamente con Hitler. Allora il battaglione accorre alla Bendlerstrasse, dove è il quartier generale dei congiurati. Ma l’astuto Fromm (che nel frattempo è stato liberato) per togliere di mezzo pericolosi testimoni, ha già fatto fucilare il colonnello di S.M. Mertz von Quirnheim, il gen. Olbricht e lo stesso col. Stauffenberg nel cortile del Comando Supremo dell’Esercito a Berlino, alla luce dei fari di un camion. Il gen. Beck può invece togliersi la vita da solo. Ma, nonostante il suo zelo, alla fine anche Fromm sarà fucilato. Giudicati da tribunali del popolo, circa 5000 tedeschi saranno fucilati o impiccati nei mesi seguenti.Sono messi a morte tra gli altri il feldmaresciallo Erwin von Witzleben, i generali Hase, Stieff e molti altri ufficiali e alti funzionari, ex diplomatici come von Hassel e von der Schulenburg, ambasciatori, nonché il consigliere di legazione Adam von Trott zu Solz; uomini politici come Goerdeler, l’ex ministro delle finanze di Prussia Johannes Popitz, i politici socialdemocratici Wilhelm Leuschner e iulius Leber, i religiosi Alfred Delp e Dietrich Bonhoefler.
    NOI SIAMO LA VERA ITALIA !
    RICOSTRUIAMO LA NOSTRA PATRIA !

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Apr 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,279
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Diciamo che lui si potè fare qualche cosa ma comunque il 44 era troppo tardi; io ultimamente più che questa come occasione persa vedo il colpo di stato dell'Action Francaise non riuscito nel 34 che se fosse andato in porto avrebbe voluto la Francia stringere un accordo con l'Italia contro il nazismo tedesco e questa fu veramente un occasione persa comunque per il resto non si può che fare onore ad un personaggio come questo Conte uomo giusto e coraggioso.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    18,319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Già, il conte Von Stauffemberg fu un coraggioso, un uomo d'onore, un martire cristiano....inoltre era di famiglia monarchica.
    NOI SIAMO LA VERA ITALIA !
    RICOSTRUIAMO LA NOSTRA PATRIA !

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-04-10, 21:59
  2. Barack Obama teodem!
    Di lupoDL nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 50
    Ultimo Messaggio: 17-03-07, 16:53
  3. Ma...
    Di Nicki (POL) nel forum FantaTermometro
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 12-03-07, 23:49
  4. Farnesina: "Mastrogiacomo è vivo"
    Di salerno69 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-03-07, 20:47
  5. La Monnalisa va al restauro
    Di Nebbia nel forum Arte
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 01-05-04, 10:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225