User Tag List

Pagina 19 di 19 PrimaPrima ... 91819
Risultati da 181 a 190 di 190
  1. #181
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,420
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,215
    Mentioned
    156 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Seconda guerra mondiale e paesi neutrali : I parte la Svizzera

    Dato che per l'inverno del '40 trovo pochi eventi degni di nota, riporto ancora qualche documento storico. In questo caso, un documento diplomatico statunitense del 1943:

    « Il Segretario di Stato [Cordell Hull] all'Ammiraglio William D Leahy Capo di Stato Maggiore al Comandante in Capo dell'Esercito e della Marina
    WASHINGTON 14 aprile 1943

    MIO CARO AMMIRAGLIO LEAHY
    La legazione svizzera ha presentato un programma di approvvigionamento per l'esercito svizzero con la richiesta che la Svizzera possa importare attraverso il blocco dal nostro Paese e da altre fonti in questo emisfero le quantità di rifornimenti necessarie per soddisfare i requisiti minimi annuali dell'esercito svizzero.
    L'elenco delle merci desiderate è allegato.
    La legazione svizzera ci ha assicurato che se le forniture saranno autorizzate le autorità svizzere saranno pronte a distribuire le spedizioni nei prossimi tre trimestri in modo che solo un terzo degli importi richiesti tranne l'avena dovrebbe essere autorizzato contemporaneamente.
    La gomma, l'avena e il toluolo sono ritenuti più urgentemente necessari.
    Si sostiene che la situazione in Europa richiede che l'esercito svizzero sia mantenuto in un alto grado di preparazione.
    Le autorità svizzere offrono tutte le garanzie che le forniture richieste saranno utilizzate esclusivamente dall'esercito svizzero e sono stato informato che l'addetto militare americano a Berna è soddisfatto che i rifornimenti richiesti sono, in effetti, esclusivamente ad uso dell'Esercito Svizzero, e il Generale Guisan, Comandante in Capo dell'Esercito Svizzero, ha assicurato che ogni controllo che l'addetto militare desidera sarà stabilito a questo scopo.

    Come sapete è stato raggiunto un accordo di compensazione con la Svizzera, in base al quale alcuni materiali critici per l'esercito svizzero saranno scambiati con manufatti svizzeri essenziali.
    Le quantità ora richieste dagli svizzeri sono in aggiunta e in alcune voci un aumento rispetto alle quantità stabilite nell'accordo.
    Il nostro ministro a Berna e il suo addetto militare ci hanno raccomandato di soddisfare le esigenze dell'esercito svizzero il più prontamente possibile senza attendere le esportazioni compensative complete negli Stati Uniti ai sensi dell'accordo.
    Gli sviluppi della situazione militare rispetto all'Europa metteranno a dura prova gli alleati dell'Asse. A loro volta faranno maggiori richieste ai neutrali, che nel caso della Svizzera può includere il passaggio di truppe. Gli svizzeri ci hanno assicurato che qualsiasi richiesta di questo tipo sarà rifiutata e il Paese resisterà con tutta la sua forza a qualsiasi tentativo di violare la sua neutralità.

    A mio parere è nel nostro interesse vitale che l'esercito svizzero sia mantenuto al più alto livello possibile di preparazione ed efficienza militare. Finché le rotte di approvvigionamento per la Svizzera sono ancora aperte, bisogna approfittarne per portare l'esercito svizzero al livello essenziale per la difesa della Svizzera, indipendentemente da qualsiasi accordo presente o in sospeso di natura compensativa. L'opinione dei capi di stato maggiore congiunti è ovviamente fondamentale. Ti sarò grato se mi informerai delle loro opinioni e se concordano con la mia e se emanerai le direttive necessarie alle altre agenzie interessate di questo governo.

    Sinceramente tuo
    CORDELL HULL

    Elenco allegato delle merci richieste dall'esercito svizzero nel 1943

    Avena 10'000 m. tonnellate
    Cotone 4'000 m. tonnellate
    Lana 3'000 m. tonnellate
    Cuoio e pelli 2'000 m. tonnellate
    Rame 500 m. tonnellate
    Nichel 30 m. tonnellate
    Gomma 200 m. tonnellate
    Toluene 200 m. tonnellate
    Glicerina 200 m. tonnellate
    Olio di ricino 200 m. tonnellate
    Banda stagnata 1'000 m. tonnellate
    Cromo 70 m. tonnellate *
    Molibdeno 50 m. tonnellate *
    Manganese 50 m. tonnellate *
    Fogli di acciaio e profili 1.000 m. ton
    Piastre d'acciaio 500 m. tonnellate
    Fogli di ferro decappati 300 m. tonnellate
    Catene per biciclette 6 m. ton
    Stellite 900 libbre

    * Questi tre elementi sarebbero adatti puri o in composti ferrosi - Nota a piè di pagina nell'originale.
    22 marzo 1943
    »
    Foreign Relations of the United States: Diplomatic Papers - 1943, Volume 2 (pag. 901-902)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #182
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,420
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,215
    Mentioned
    156 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Seconda guerra mondiale e paesi neutrali : I parte la Svizzera

    Avevo avuto modo in passato di parlare della negoziazione tra Jean-Marie Musy e Heinrich Himmler per liberare gli ebrei prigionieri dai campi di concentramento. Riuscì, a quanto avevo letto finora, a far arrivare in Svizzera circa 1'200 ebrei da Theresienstadt e, con successive negoziazioni e pressioni, a salvare la vita ad altre migliaia di prigionieri.
    Ora scopro che l'autore canadese Max Wallace ha dedicato a questa vicenda un libro, « In the Name of Humanity: The Secret Deal to End the Holocaust », che mette tale negoziazione in un contesto molto più ampio, così come rende nettamente più ampi i suoi risultati.

    « Un accordo segreto con un leader nazista ha salvato 300.000 ebrei durante la seconda guerra mondiale, rivela un libro

    Un autore canadese afferma di aver scoperto “una documentazione convincente” che mostra che un potente leader nazista fu indotto con l'inganno a fermare lo sterminio di massa degli ebrei nei campi di concentramento mesi prima della fine della seconda guerra mondiale.
    Nel suo nuovo libro, "In The Name of Humanity: The Secret Deal to End the Holocaust", Max Wallace dice che il leader delle SS naziste Heinrich Himmler è stato manipolato allo scopo di porre fine alla "Soluzione finale", il piano dei nazisti per annientare gli ebrei.

    Nel novembre 1944, Himmler proibì ulteriori uccisioni di ebrei e ordinò la distruzione dei forni crematori e delle camere a gas di Auschwitz. La maggior parte degli storici lo ha descritto come un tentativo di nascondere la portata dei crimini nazisti una volta diventato chiaro che la Germania stava perdendo la guerra. Ma Wallace dice di aver scoperto prove che Himmler è stato indotto a credere di poter negoziare una "pace separata" con gli Alleati nel momento in cui i piani della "Soluzione Finale" fossero stati fermati.
    "Ho scoperto una documentazione molto convincente che collega il decreto (di Himmler) a questi negoziati segreti", ha detto Wallace a Your Morning di CTV martedì.
    "Sembra che questi negoziati, questi eventi, possano aver salvato fino a 300.000 ebrei".

    La "donna incredibile" dietro l'affare

    Una figura chiave nella storia dell'Olocausto era dietro i colloqui segreti con Himmler, ha detto Wallace.
    Il suo nome era Recha Sternbuch ed era una donna ebrea ortodossa che ha contribuito a salvare migliaia di vite ebraiche proprio prima e durante l'Olocausto.
    Wallace ha detto che Sternbuch e suo marito Isaac, che guidava un comitato di salvataggio ebraico svizzero, hanno arruolato Jean-Marie Musy, ex presidente della Svizzera, per negoziare con Himmler.
    A quel tempo, Himmler era "alla disperata ricerca di un'alleanza separata con gli Alleati", ha detto Wallace.
    Pensava che la Germania nazista potesse unirsi agli alleati occidentali contro il loro nemico comune - Stalin - per sconfiggere il bolscevismo. I bolscevichi erano le uniche persone che odiava tanto quanto gli ebrei".
    Durante quei colloqui segreti con Musy, Himmler fu manipolato fino a pensare che sarebbe stato in grado di stringere un patto con gli Alleati, a condizione che avesse fermato l'ulteriore distruzione del popolo ebraico. Ha lavorato principalmente alle spalle di Hitler quando ha emesso gli ordini, ha detto Wallace, anche se altre migliaia di ebrei sono morti nei campi di concentramento per malattie e fame prima che la guerra finisse.

    Le ricerche di Wallace si basano su documenti scoperti negli archivi di un gruppo ebraico ortodosso a New York, nonché su file declassificati dal Consiglio per i rifugiati di guerra degli Stati Uniti.
    Crede che altri storici possano essere stati riluttanti a esplorare questi negoziati segreti a causa del timore che potessero essere usati dai negazionisti dell'Olocausto per affermare che Himmler ha effettivamente salvato gli ebrei.
    Ma niente potrebbe essere più lontano dalla verità, ha detto Wallace.
    "Di certo non ha cambiato idea riguardo agli ebrei".
    »
    https://www.ctvnews.ca/canada/secret...eals-1.3556305
    (originale in inglese, traduzione di Google e mia)


  3. #183
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,420
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,215
    Mentioned
    156 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Seconda guerra mondiale e paesi neutrali : I parte la Svizzera

    « In the Name of Humanity: The Secret Deal to End the Holocaust

    Vincitore del Canadian Jewish Literary Award 2018 (categoria Olocausto). Pubblicato da Penguin/Random House, questo lavoro si concentra sulle azioni eroiche di un comitato di salvataggio con sede in Svizzera guidato da una coppia ebrea ultra-ortodossa, Recha e Isaac Sternbuch.
    Prima della guerra, Recha introdusse di nascosto migliaia di ebrei in fuga dalla Germania nazista in Svizzera, aiutato dal capitano della polizia di San Gallo Paul Grüninger, un uomo spesso conosciuto come lo svizzero Schindler. Grüninger è stato licenziato e Recha è stato arrestato nel maggio 1939 dopo che le autorità svizzere hanno appreso della loro vasta operazione di contrabbando sotterraneo.

    Dopo l'inizio della guerra, gli Sternbuch furono i principali responsabili della comunicazione delle notizie della Soluzione Finale a ovest nel 1942 dopo aver ricevuto un cablogramma in codice sul genocidio nazista da una fonte all'interno del ghetto di Varsavia, un mese dopo che il consigliere del WJC Gerhart Riegner aveva inviato un messaggio simile a New York, che è stato tenuto segreto fino a quando il suo contenuto non è stato verificato dal governo degli Stati Uniti.

    Nel 1944, gli Sternbuch appresero che l'ex presidente della Svizzera, Jean-Marie Musy, era intervenuto per liberare una coppia ebrea da un campo di concentramento nazista in Francia. Recha Sternbuch ha successivamente arruolato Musy - un devoto cattolico e simpatizzante fascista - per negoziare con l'architetto del genocidio, il capo delle SS Heinrich Himmler, che conosceva tramite i circoli anticomunisti prima della guerra. Dopo che la guerra iniziò a rivoltarsi contro la Germania, Himmler era noto per aver nutrito speranze per una pace separata in cui gli alleati occidentali si sarebbero uniti alla Germania nazista contro il suo nemico ideologico comune, l'Unione Sovietica, per sradicare il bolscevismo. Musy, che rappresentava l'Unione dei Rabbini Ortodossi e il Comitato di Salvataggio Sternbuch, rimasto inorridito nell'apprendere il genocidio nazista, si recò in Germania per incontrare Himmler nel novembre 1944.

    In questo incontro, coltivò l'illusione di Himmler informandolo falsamente che l'Occidente era aperta a una simile alleanza, ma solo se la Germania avesse prima posto fine al genocidio contro gli ebrei. Meno di tre settimane dopo, il 25 novembre 1944, Himmler diede l'ordine di distruggere i forni crematori e le camere a gas ad Auschwitz-Birkenau dove più di 1,1 milioni di ebrei erano stati assassinati dal 1942. Il leader del salvataggio ebraico ungherese, Reszo Kasztner, affermò che gli era stato mostrato un ordine scritto emesso da Himmler, sempre il 25 novembre, "che vieta l'ulteriore uccisione di ebrei". Lo storico israeliano Yehuda Bauer ha descritto il decreto di Himmler su Auschwitz come la fine dello "sterminio pianificato, sistematico e totale degli ebrei".

    Molti storici credevano in precedenza che Himmler avesse ordinato la distruzione dell'apparato omicidio di Birkenau per nascondere le prove dei crimini nazisti prima dell'avvicinarsi dell'Armata Rossa sovietica, anche se i tedeschi lasciarono più di 7.000 detenuti quando evacuarono il campo due mesi dopo. Nel 1974, Bauer ha contestato questa teoria al primo simposio dell'Istituto Yad Vashem sulle operazioni di salvataggio. "C'è chi sostiene che l'ordine sia stato il risultato dell'avanzata dei sovietici e degli americani, ecc.", ha detto Bauer al raduno, "ma si può anche presumere che l'avanzata di queste forze avrebbe potuto portare esattamente al risultato opposto, cioè avrebbe potuto accelerare il processo di sterminio".

    Per la prima volta, il libro di Wallace presenta prove che collegano il decreto di Himmler a questi negoziati segreti dopo che l'autore ha scoperto documenti conservati in un archivio ebraico ortodosso presso l'Università Yeshiva di New York che collegavano gli ordini di Himmler ai negoziati di Musy. Tra questi documenti c'è un cablogramma inviato dagli Sternbuch attraverso il canale diplomatico polacco al Vaad ha-Hatzalah a New York il 20 novembre 1944 che descriveva nei dettagli i negoziati di Musy con Himmler. Il cablogramma informava il Vaad che Musy aveva ricevuto una "promessa di cessare lo sterminio nei campi di concentramento". Il 22 novembre, gli Sternbuchs hanno inviato un altro cablogramma rivelando che il nunzio papale in Svizzera aveva "ricevuto la promessa che i massacri cesseranno". Tre giorni dopo, Himmler ordinò la distruzione dell'apparato di sterminio di Auschwitz.

    Il libro documenta anche una drammatica battaglia durante gli ultimi mesi della guerra tra Himmler, ancora alla ricerca di una pace separata con gli alleati occidentali, e Adolf Hitler, che voleva abbattere "fino all'ultimo ebreo nel Reich". Incoraggiati dai funzionari dell'intelligence occidentale, gli Sternbuch e Musy progettarono un enorme inganno che vide Himmler revocare gli ordini di Hitler di minare i campi di concentramento e di accettare di consentire ai funzionari della Croce Rossa Internazionale di entrare nei campi per consegnare cibo e forniture mediche, a condizione che accettassero di rimanere nei campi per tutta la durata della guerra.

    Durante le ultime settimane di guerra, questi negoziati sfociarono anche in uno straordinario incontro tra un rappresentante svedese del Congresso ebraico mondiale, Norbert Masur, e Himmler, nel profondo della Germania la notte del compleanno di Hitler, il 20 e 21 aprile 1945. Dopo aver lasciato questo incontro, Himmler ha incontrato il capo della Croce Rossa svedese, il conte Folke Bernadotte, e ha offerto una resa tedesca sul fronte occidentale. Quando Hitler seppe di questo "tradimento" da uno dei suoi più fidati luogotenenti meno di 48 ore prima di suicidarsi nel Führerbunker, ordinò l'arresto e la scomunica di Himmler dal partito nazista. Il Canadian Jewish News ha descritto il libro di Wallace come "un impressionante testo di studio e un capitolo avvincente della storia dell'Olocausto". Il libro è stato anche finalista per il 2018 RBC Taylor Prize per la migliore opera di saggistica letteraria.
    »
    https://en.wikipedia.org/wiki/Max_Wa..._the_Holocaust
    (originale in inglese, traduzione di Google e mia)

    P.s.: riguardo all'incontro tra Himmler e Masur, ho ricordato questo thread aperto tempo fa:
    https://forum.termometropolitico.it/...la-storia.html

  4. #184
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,420
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,215
    Mentioned
    156 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Seconda guerra mondiale e paesi neutrali : I parte la Svizzera

    Accadde oggi, ottant'anni fa.

    Il ministro degli esteri britannico Anthony Eden porge le scuse del suo governo alla Svizzera per gli errori di rotta della RAF che hanno causato il bombardamento di Basilea (16 dicembre) e di Zurigo (23 dicembre), che fecero rispettivamente 4 e 11 morti.

  5. #185
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,420
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,215
    Mentioned
    156 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Seconda guerra mondiale e paesi neutrali : I parte la Svizzera

    Accadde oggi, ottant'anni fa.

    Curiosità: dopo una discussione con alcuni giornalisti svizzeri, Joseph Göbbels afferma, in un discorso: « Se la Svizzera ha deciso di tenersi in ogni caso fuori dalla nostra orbita non posso impedirglielo, ma dovrà ricordarsi che sarà esclusa da tutti i vantaggi che il Nuovo Ordine porterà all’Europa. »
    Il quotidiano "La Nation" di Berna replicò: « Noi speriamo che il dottor Göbbels mantenga la sua parola. Questo sarebbe il più bel messaggio possibile per il nostro Paese, che ha un solo desiderio: restarsene da soli. »
    (citazioni riprese da "La Svizzera nel mirino")

  6. #186
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,420
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,215
    Mentioned
    156 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Seconda guerra mondiale e paesi neutrali : I parte la Svizzera

    Accadde oggi, ottant'anni fa.

    Con la "Legge svizzera sulla navigazione marittima", vengono poste le basi per la costituzione della flotta mercantile svizzera d'alto mare. Dieci giorni dopo venne registrata sotto bandiera elvetica la prima nave mercantile, il "Calanda", acquistata da una società svizzera già nel 1940 ma fino ad allora registrata a Panama.
    Durante il conflitto, la flotta mercantile svizzera conterà 14 navi. Una di esse venne affondata per errore da aerei inglesi nel 1943, un'altra attaccata sempre da aerei inglesi nel 1944 e due sabotate dai tedeschi nel porto di Marsiglia nello stesso anno.


  7. #187
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,420
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,215
    Mentioned
    156 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Seconda guerra mondiale e paesi neutrali : I parte la Svizzera

    Accadde oggi, ottant'anni fa...

    Dopo che il 19 aprile nel porto di Savona era stata issata la bandiera svizzera sulla nave mercantile "Calanda", il 30 aprile il console svizzero issa la bandiera elvetica sul mercantile "Maloja" nel porto di Genova.
    Entrambe le navi erano già state acquistate da società svizzere, che le avevano registrate a Panama, e nell'estate del 1940 erano state tra l'altro impiegate in un infruttuoso tentativo di evacuare i cittadini svizzeri che si trovavano in Gran Bretagna.


    ... e un qualche giorno non meglio precisato del mese...

    Per ordine del generale Guisan e sotto la direzione dell'esercito, come parte dell'organizzazione chiamata "Esercito e Focolare" (Heer und Haus), viene costituita una campagna d'informazione alla popolazione civile, per illustrare la situazione politica e militare in Europa e discutere dei temi d'attualità, che la stampa stentava sempre più a trattare a causa della censura (e in buona misura dell'auto-censura) imposta dalle continue proteste e minacce naziste.
    La campagna venne portata avanti tramite conferenze ad invito, in cui gruppi di 150-250 persone alla volta venivano ospitate dall'esercito per alcuni giorni; si tenevano discorsi sulla situazione, si invitava a fare domande e s'intavolavano discussioni tra i conferenzieri e gli ospiti, il tutto senza censura. S'invitava inoltre a prendere appunti per riferire a conoscenti e amici.
    La campagna coinvolgerà l'ormai onnipresente Hans Hausamann e suoi principali collaboratori della Lega degli Ufficiali, oltre a stretti collaboratori del generale Guisan. Durante la guerra condurrà oltre 3'000 conferenze a cui parteciperanno circa 450'000 persone. A disposizione di quest'organizzazione, che si basava sul lavoro di meno di duecento militari, stavano centinaia di conferenzieri volontari e circa 7'000 corrispondenti civili che portavano alla sezione informazioni sullo stato d'animo della popolazione e sugli avvenimenti interni.
    Fu una parte importante della "Difesa spirituale", oltre che un valido metodo per poter raccontare alla popolazione la verità sulla situazione svizzera e internazionale, senza censura.

  8. #188
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    96,128
     Likes dati
    19,641
     Like avuti
    33,861
    Mentioned
    1056 Post(s)
    Tagged
    63 Thread(s)

    Predefinito Re: Seconda guerra mondiale e paesi neutrali : I parte la Svizzera

    Citazione Originariamente Scritto da Halberdier Visualizza Messaggio
    Accadde oggi, ottant'anni fa.

    Curiosità: dopo una discussione con alcuni giornalisti svizzeri, Joseph Göbbels afferma, in un discorso: « Se la Svizzera ha deciso di tenersi in ogni caso fuori dalla nostra orbita non posso impedirglielo, ma dovrà ricordarsi che sarà esclusa da tutti i vantaggi che il Nuovo Ordine porterà all’Europa. »
    Il quotidiano "La Nation" di Berna replicò: « Noi speriamo che il dottor Göbbels mantenga la sua parola. Questo sarebbe il più bel messaggio possibile per il nostro Paese, che ha un solo desiderio: restarsene da soli. »
    (citazioni riprese da "La Svizzera nel mirino")
    Beh, se i tedeschi avessero vinto ci sarebbe stato da divertirsi a vedere cosa sarebbe successo.
    "Io nacqui a debellar tre mali estremi: / tirannide, sofismi, ipocrisia"


    IL DISPUTATOR CORTESE

    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.

  9. #189
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,420
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,215
    Mentioned
    156 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Seconda guerra mondiale e paesi neutrali : I parte la Svizzera

    Citazione Originariamente Scritto da occidentale Visualizza Messaggio
    Beh, se i tedeschi avessero vinto ci sarebbe stato da divertirsi a vedere cosa sarebbe successo.
    Da divertirsi proprio no, e in effetti al di là di tutto si sapeva che la parola di Göbbels non valesse granché, e non solo in questo caso...

  10. #190
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    28,420
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16,215
    Mentioned
    156 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Seconda guerra mondiale e paesi neutrali : I parte la Svizzera

    Segnalo un canale Youtube contenente vari video-documentario dedicati a fortezze e bunker svizzeri della seconda guerra mondiale:

    MADE BY TSCHANZ

    Il canale ha anche iniziato un documentario in più episodi dedicato al ridotto nazionale nel suo complesso, di cui finora ha pubblicato due video di circa 35-40 minuti. Purtroppo causa restrizioni ai messaggi non li posso riportare entrambi, al secondo metterò un link:

    RÉDUIT Teil 1: Die vorgezogene Stellung / Doku


    RÉDUIT Teil 2: Grenzzonen / Doku

    Sono in tedesco, ma la traduzione automatica in italiano dei sottotitoli riesce quantomeno a far capire di cosa si parla.

 

 
Pagina 19 di 19 PrimaPrima ... 91819

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •