User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Neutrino NO-TUNNEL
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    35,812
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Vivisezione, «le alternative ci sono» Scienziati a confronto, il convegno alla Camera

    L’ex ministro Brambilla: «È una pratica anti-scientifica, un enorme business dannoso per la salute dell’uomo»

    ROMA - La vivisezione può costituire uno strumento valido per la ricerca sulla salute umana? Se gli uomini fossero roditori da settanta chili probabilmente si. Ma così non è. E’ questa la posizione di tanti fisici, biologi, medici e ricercatori italiani ed europei sulla sperimentazione animale: un metodo inutile, inaffidabile e soprattutto dannoso per cavie e persone, al di là della questione etica. A vacillare per gli esperti sarebbe infatti la possibilità di rinvenire un qualsiasi fondamento scientifico derivante dal gap incolmabile tra i due generi. Che determinerebbe, come già accaduto, non solo inutili sacrifici ma anche rischi per la salute degli esseri umani. Per dire basta alla sperimentazione animale come tecnica di ricerca questa mattina i ricercatori hanno partecipato al convegno ‘La ricerca scientifica senza animali per il nostro diritto alla salute’, organizzato a Roma da ‘Nel Cuore’ Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente, fondata dalla deputata di Forza Italia, Michela Vittoria Brambilla.
    IL FALLIMENTO DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE - Basta guardare le statistiche sull’evoluzione delle problematiche sanitarie per tirare le somme sui risultati raggiunti dalla sperimentazione animale, secondo il biologo e tossicologo molecolare Claude Reiss, ex direttore di ricerca al Cnrs francese e presidente di Antidote Europe. Dai dati elaborati dall’Oms, negli ultimi dieci anni la popolazione colpita da diabete e cancro al seno sarebbe raddoppiata, la diffusione dell’alzheimer aumentata dal 5% al 24% e l’autismo incremento di 50 volte. Per un totale di 680 mila persone con diagnosi positive nel 2000 a fronte dei 6 milioni odierni. Cifre che dimostrerebbero «l’inutilità della ricerca condotta sulle cavie da laboratorio», aggiunge il ricercatore con “rischi concreti per le generazioni future: dei bambini nati dopo il 2000 il 40% entro il 2050 avrà il diabete, 5 milioni di donne il cancro al seno, 60 mila uomini il cancro alla prostata, 300 persone saranno autistiche ed entro il 2080 l’infertilità maschile colpirà in modo diffuso l’intera popolazione.
    METODI ALTERNATIVI CLASSICI E INNOVATIVI - L’unica soluzione è cambiare metodo di ricerca: dall’animale all’essere umano. «E’ già in corso una rivoluzione silente - spiega Marcel Leist, specialista in biomedicina e tossicologia in vitro, professore della School of chemical biology - Germania - A partire dagli anni ‘80 l’industria farmaceutica ha ridotto in modo significativo l’utilizzo di animali a vantaggio delle nuove tecnologie con risultati scientifici migliori, costi inferiori e risultati più veloci. Adesso e’ in corso la seconda fase». Sarebbero infatti diverse le tecniche alternative in fase di sperimentazione, molte delle quali già ritenute equivalenti o migliori dei test animali in predittività ed efficienza: dalla generazione in laboratorio di pelle umana per test cosmetici, ricerca su melanoma e allergie, alla creazione di tessuto polmonare, epatico o renale per studiare infezioni organiche. Tra le innovazioni più recenti invece il progetto dell’embrione virtuale ottenuto attraverso l’inserimento di cellule umane nel computer, condotto negli Usa dall’Agenzia Epa. E replicato dall Germania con l’elaborazione del fegato virtuale. Luigi Campanella: metodi innovativi per soddisfare la direttiva europea delle 3 R
    TESTIMONIANZE DIRETTE - La necessità di un cambio di passo, dunque, che possa ridare fiducia anche a chi nella ricerca ha riposto ogni speranza. Come Linda Guerra, 41 anni, paralizzata per una lesione al midollo spinale. «Trovo la sperimentazione sugli animali moralmente inaccettabile - ha spiegato ieri nel corso del convegno - Ma cercare la cura ad una malattia come la mia provocando lesioni alla spina dorsale di cani o scimmie è oltre tutto poco utile. La loro spina dorsale e’ diversa dalla nostra, e’ più elastica e si spacca in modo diverso. E’ come giocare alla roulette - ha aggiunto - Le malattie sono specie specifiche, lo stress nei laboratori altera le condizioni immunitarie e la malattia provocata artificialmente ha una genesi e un decorso diverso. Si inizi a sperimentare sulle cellule umane».
    UN’ALTRA SCELTA E’ POSSIBILE - «Vogliamo chiarire all’Italia che non è più necessario che muoiano animali per salvare le persone - ha concluso Michela Vittoria Brambilla, fondatrice della Federazione ‘Nel Cuore’ -. C’e’ una ragione scientifica per dire no alla sperimentazione animale: il modello animale è diverso dall’uomo e da’ risposte fuorviante per la nostra salute. La sperimentazione sugli animali e’ solo un grande business e non possiamo permettere agli interessi privati economici e alle lobby che li tutelano di prevalere sul diritto dei cittadini di godere di una ricerca affidabile per la nostra salute».

    13 gennaio 2014





    Vivisezione, «le alternative ci sono» Scienziati a confronto, il convegno alla Camera - Corriere.it
    Nè DAVANTI Nè DI DIETRO, MA DI LATO

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 May 2012
    Messaggi
    1,602
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Vivisezione, «le alternative ci sono» Scienziati a confronto, il convegno alla Ca

    Citazione Originariamente Scritto da Zefram_Cochrane Visualizza Messaggio
    L’ex ministro Brambilla: «È una pratica anti-scientifica, un enorme business dannoso per la salute dell’uomo»



    ROMA - La vivisezione può costituire uno strumento valido per la ricerca sulla salute umana? Se gli uomini fossero roditori da settanta chili probabilmente si. Ma così non è. E’ questa la posizione di tanti fisici, biologi, medici e ricercatori italiani ed europei sulla sperimentazione animale: un metodo inutile, inaffidabile e soprattutto dannoso per cavie e persone, al di là della questione etica. A vacillare per gli esperti sarebbe infatti la possibilità di rinvenire un qualsiasi fondamento scientifico derivante dal gap incolmabile tra i due generi. Che determinerebbe, come già accaduto, non solo inutili sacrifici ma anche rischi per la salute degli esseri umani.
    Com'è che la stragrande maggioranza dei ricercatori e degli scienziati non la pensa così? I topi non sono umani e non c'è corrispondenza al 100%, ma buona parte degli organi e del metabolismo funzionano su basi identiche, sono una buona approssimazione (come altri animali) per scartare i possibili farmaci meno funzionanti o più tossici. Cosa più importante non c'è alternativa, provare su linee cellulari (cosa che si fa già ora) non consente di determinare altri effetti collaterali: se un farmaco per l'epilessia danneggia fegato e reni oppure causa aritmie non puoi saperlo provando su un tot di cellule neuronali.

    Per dire basta alla sperimentazione animale come tecnica di ricerca questa mattina i ricercatori hanno partecipato al convegno ‘La ricerca scientifica senza animali per il nostro diritto alla salute’, organizzato a Roma da ‘Nel Cuore’ Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente, fondata dalla deputata di Forza Italia, Michela Vittoria Brambilla.
    Insomma, c'era un gran contraddittorio.

    IL FALLIMENTO DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE - Basta guardare le statistiche sull’evoluzione delle problematiche sanitarie per tirare le somme sui risultati raggiunti dalla sperimentazione animale, secondo il biologo e tossicologo molecolare Claude Reiss, ex direttore di ricerca al Cnrs francese e presidente di Antidote Europe. Dai dati elaborati dall’Oms, negli ultimi dieci anni la popolazione colpita da diabete e cancro al seno sarebbe raddoppiata, la diffusione dell’alzheimer aumentata dal 5% al 24% e l’autismo incremento di 50 volte. Per un totale di 680 mila persone con diagnosi positive nel 2000 a fronte dei 6 milioni odierni. Cifre che dimostrerebbero «l’inutilità della ricerca condotta sulle cavie da laboratorio», aggiunge il ricercatore con “rischi concreti per le generazioni future: dei bambini nati dopo il 2000 il 40% entro il 2050 avrà il diabete, 5 milioni di donne il cancro al seno, 60 mila uomini il cancro alla prostata, 300 persone saranno autistiche ed entro il 2080 l’infertilità maschile colpirà in modo diffuso l’intera popolazione.
    Questo discorso è talmente idiota che lo capisce anche chi non ha alcuna dimestichezza con la medicina. I farmaci generalmente si usano DOPO che la malattia è insorta, cosa possono centrare con un aumento delle malattie con cause più o meno note con i farmaci ottenuti alla sperimentazione animale è un mistero.

    METODI ALTERNATIVI CLASSICI E INNOVATIVI - L’unica soluzione è cambiare metodo di ricerca: dall’animale all’essere umano. «E’ già in corso una rivoluzione silente - spiega Marcel Leist, specialista in biomedicina e tossicologia in vitro, professore della School of chemical biology - Germania - iA partire dagli anni ‘80 l’industria farmaceutica ha ridotto in modo significativo l’utilizzo di animali a vantaggio delle nuove tecnologie con risultati scientifici migliori, costi inferiori e risultati più veloci.
    Almeno qualcuno lo dice che l'industria farmaceutica ha tutto da guadagnare a saltare la fase della sperimentazione animale.

    Adesso e’ in corso la seconda fase». Sarebbero infatti diverse le tecniche alternative in fase di sperimentazione, molte delle quali già ritenute equivalenti o migliori dei test animali in predittività ed efficienza: dalla generazione in laboratorio di pelle umana per test cosmetici, ricerca su melanoma e allergie, alla creazione di tessuto polmonare, epatico o renale per studiare infezioni organiche. Tra le innovazioni più recenti invece il progetto dell’embrione virtuale ottenuto attraverso l’inserimento di cellule umane nel computer, condotto negli Usa dall’Agenzia Epa. E replicato dall Germania con l’elaborazione del fegato virtuale. Luigi Campanella: metodi innovativi per soddisfare la direttiva europea delle 3 R
    Se saranno ritenute alternative o migliori ben venga, questo però dovrà essere giudicato dalla comunità scientifica e dagli enti a tutela della salute pubblica.

    TESTIMONIANZE DIRETTE - La necessità di un cambio di passo, dunque, che possa ridare fiducia anche a chi nella ricerca ha riposto ogni speranza. Come Linda Guerra, 41 anni, paralizzata per una lesione al midollo spinale. «Trovo la sperimentazione sugli animali moralmente inaccettabile - ha spiegato ieri nel corso del convegno - Ma cercare la cura ad una malattia come la mia provocando lesioni alla spina dorsale di cani o scimmie è oltre tutto poco utile. La loro spina dorsale e’ diversa dalla nostra, e’ più elastica e si spacca in modo diverso. E’ come giocare alla roulette - ha aggiunto - Le malattie sono specie specifiche, lo stress nei laboratori altera le condizioni immunitarie e la malattia provocata artificialmente ha una genesi e un decorso diverso. Si inizi a sperimentare sulle cellule umane».
    Parte "morale": scelta personale, se qualcuno vuole rinunciare ai benefici della medicina che lo faccia, ma non pretenda di imporlo ad altri.
    Parte "scientifica": come dicevo sopra, la corrispondenza non è al 100% ma neanche allo 0%, tuttavia è più vicina a 100 che a 0. Poi non ha molto senso prima parlare di "spina dorsale diversa, più leggera, si spacca in modo diverso" e poi pretendere che su cellule umane funzioni meglio (là non hai neanche una spina dorsale!).

    UN’ALTRA SCELTA E’ POSSIBILE - «Vogliamo chiarire all’Italia che non è più necessario che muoiano animali per salvare le persone - ha concluso Michela Vittoria Brambilla, fondatrice della Federazione ‘Nel Cuore’ -. C’e’ una ragione scientifica per dire no alla sperimentazione animale: il modello animale è diverso dall’uomo e da’ risposte fuorviante per la nostra salute.
    E allora perché la stragrande maggioranza della comunità scientifica è contraria? Tutti stupidi, cattivi e sadici?

    La sperimentazione sugli animali e’ solo un grande business e non possiamo permettere agli interessi privati economici e alle lobby che li tutelano di prevalere sul diritto dei cittadini di godere di una ricerca affidabile per la nostra salute».
    Come detto sopra, la sperimentazione animale costa alle aziende farmaceutiche e molto.

 

 

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225