User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    P 6
    P 6 è offline
    X mod
    Data Registrazione
    05 Jul 2011
    Messaggi
    2,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Twitter censura: a che punto è in Italia ?

    Per esempio, una lobby o addirittura un governo potrebbe far sparire i tweet che non sono a sua favore?



    Twitter isn't Censoring You. Your Government is.

    Twitter isn’t censoring you. Your government is. By Nancy Messieh, Friday, 27 Jan '12, 06:08pm

    t’s barely been a day since Twitter made the announcement that, going forward, tweets could be censored based on the local laws that govern a user’s location, and the rumour mill is hard at work trying to figure out the reasons behind the decision.At the same time, many Twitter users are calling for a Twitter Blackout on January 28, vowing to keep Twitter quiet tomorrow.
    While Twitter cited the example of the ban of pro-Nazi content in Germany and France, could there be more to it than meets the eye?
    Why is Twitter doing this?

    Taking a look at the hashtag, #TwitterCensored, a lot of fingers were very quick to point straight at the recent investment by Saudi Prince, Alwaleed bin Talal, without considering the fact that his stake in the company is a mere 3%. Alex Macgillivray, the general counsel of Twitter, has also confirmed to BoingBoing that the move has nothing to do with any investments that Twitter has received.
    While up until now, Twitter is said to have only blocked content that violates copyright laws, the change expands to include tweets that violate the laws of any given country, provided that they are asked to remove the offending tweets.
    One possible reason is that Twitter has been consistently targeted by governments for allowing what is considered “illegal” content to be shared via the site. Israeli law firm, Shurat HaDin threatened to sue the microblogging site if it didn’t boot accounts with ties to Hezbollah and al-Qaeda. Twitter has also seen increasing pressure from US politicians, with Congressman Lieberman decrying the fact that the Taliban has a very vocal Twitter presence.
    Twitter obviously used carefully selected words to convey the changes – at the end of the day blocking tweets can’t be defined in any terms other than censorship. But it is a half-hearted form of censorship that seems to appease the lawmakers but has no real direct effect on the user.
    Does this affect activists?

    Much has been made of the use of social media in the Middle Eastern uprisings, particularly in Egypt. In 2011, Twitter proved to be one of the essential tools used to broadcast news from Egypt to the world, while a year before that, Cairo-based activists used Twitter to coordinate protests and warn each other of security presence around the city. Twitter provides one of the easiest mobile methods to disseminate information online today.
    While it may be understandable to withhold racist, hateful or threatening content, Twitter’s definition is all-encompassing and has the potential to take down perfectly acceptable content.
    Following the uprising in Egypt, the government passed a law criminalizing protests. What if a law were passed that criminalizes online criticism of authorities? It’s no stretch of imagination, not when bloggers have been arrested and imprisoned for exercising their freedom of speech. In that case, the government in question could tell Twitter what is considered acceptable content.
    So does this mean that Twitter has given governments complete power to control what their citizens see on Twitter?
    Is it really a big deal?

    It’s very easy to criticize Twitter for this move, but the fact remains that in one day, it provided users with the news that content could be censored by location, while also giving them a simple method, one-click away, to make sure that the tweets do flow, regardless of location.
    The backlash has been harsh, and Twitter has even been accused of committing social suicide, assuming that an algorithm would be taking care of the extremely sensitive task of censoring content. In it’s announcement however, Twitter points out:
    “…if we receive a valid and properly scoped request from an authorized entity, it may be necessary to reactively withhold access to certain content in a particular country from time to time.”
    Twitter is not placing an automated censorship system in place, but rather will only comply with what it sees are valid requests.
    Twitter has actually found something of a compromise. With the use of a technicality, Twitter is able to safeguard the company legally, comply with governmental requests, and still make the content available to users with the workaround.
    The alternative would be to see Twitter blocked entirely in countries which consider its content to be a violation of their local laws. If the finger should be pointed at anyone, it isn’t Twitter, but rather the lawmakers that make it possible to censor content in the first place.
    Twitter is viewing a hyperventilation of sorts, going to the point of calling for a Twitter boycott for one day, but as Jillian York points out, the announcement is not a significant change to Twitter’s existing policies.
    The current attack on Twitter is no different from the common, but misguided, accusations that are often heard, that Twitter censors certain hashtags from making it into its Trending Topics, when in fact that is an entirely algorithm-based system, driven mainly by news outlets, and represent “topics that are immediately popular, rather than topics that have been popular for a while or on a daily basis.”
    Taking a look at Google’s Transparency Report, which we reviewed here, you’ll find that Google is already exercising similar practices, having withheld content locally in the past in India, while refusing some requests to remove content, in the US for example.
    It is not clear whether or not Twitter will do the same, and we could do well to give them the benefit of the doubt, before burning them at the stake.


    ---


    (trad automatica)
    Twitter non sta censurando. Il vostro governo è.

    'appena passato un giorno da quando Twitter ha dato l'annuncio che, andando avanti, i tweet potranno essere censurati in base alle leggi locali che regolano la posizione di un utente, e le voci di corridoio è al lavoro per cercare di capire le ragioni della decisione.Allo stesso tempo, molti utenti di Twitter stanno richiedendo un Twitter Blackout il 28 gennaio, promettendo di tenere Twitter domani tranquilla.
    Mentre Twitter ha citato l'esempio del divieto di contenuti pro-nazista in Germania e in Francia, ci potrebbe essere di più ad esso che soddisfa l'occhio?
    Perché Twitter facendo questo?

    Dando uno sguardo al hashtag, # TwitterCensored , un sacco di dita erano molto veloce per puntare dritto al recente investimento dal principe saudita, Alwaleed bin Talal, senza considerare il fatto che la sua partecipazione nella società è un mero 3%. Alex Macgillivray, il consigliere generale di Twitter, ha anche confermato di BoingBoing che il movimento non ha nulla a che fare con eventuali investimenti che Twitter ha ricevuto.
    Mentre fino ad ora, Twitter si dice che abbia solo contenuto bloccato che viola le leggi sul copyright , il cambiamento si espande per includere i tweet che violano le leggi di un determinato paese, a condizione che gli viene chiesto di rimuovere i tweet incriminati.
    Una possibile ragione è che Twitter è stato costantemente di mira dai governi per permettere quello che è considerato il contenuto "illegale" da condividere attraverso il sito. Studio legale israeliano, Shurat HaDin minacciato di citare in giudizio il sito di microblogging, se non si è avviato conti con legami con Hezbollah e al-Qaeda. Twitter ha anche visto una crescente pressione da parte dei politici americani, con il deputato Lieberman condanna il fatto che i talebani ha una presenza molto vocale Twitter.
    Twitter, ovviamente, ha usato parole accuratamente selezionati per trasmettere le modifiche - alla fine della giornata di blocco tweet non può essere definito in qualsiasi condizioni diverse da censura. Ma è una forma timida di censura che sembra placare i legislatori ma non ha alcun reale effetto diretto sull'utente.
    Questo influisce attivisti?

    Molto è stato fatto l'uso dei social media nelle rivolte del Medio Oriente, in particolare in Egitto. Nel 2011, Twitter ha dimostrato di essere uno degli strumenti essenziali utilizzati per trasmettere le notizie dall'Egitto al mondo, mentre un anno prima , gli attivisti con sede al Cairo usato Twitter per coordinare le proteste e mettere in guardia l'un l'altro di presenza di sicurezza intorno alla città. Twitter offre uno dei metodi più semplici mobili di diffondere informazioni online oggi.
    Mentre può essere comprensibile a trattenere contenuti razzisti, odio o minaccioso, la definizione di Twitter è onnicomprensiva e ha il potenziale per abbattere il contenuto perfettamente accettabile.
    Dopo la rivolta in Egitto, il governo ha approvato una legge che criminalizza le proteste . Che se una legge fosse approvata che criminalizza la critica on-line delle autorità? Non è un tratto di immaginazione, non quando i blogger sono stati arrestati e imprigionati per aver esercitato la loro libertà di parola. In tal caso, il governo in questione potrebbe dire Twitter quello che è considerato contenuti accettabili.
    Quindi questo significa che Twitter ha dato ai governi completo potere di controllare ciò che i cittadini vedono su Twitter?
    E 'davvero un grande affare?

    E 'molto facile criticare Twitter per questa mossa, ma resta il fatto che in un solo giorno, ha fornito agli utenti con la notizia che il contenuto possa essere censurato per posizione, mentre anche dando loro un metodo semplice , con un solo clic di distanza, per assicurarsi che i tweet non scorrono, indipendentemente dalla loro ubicazione.
    La reazione è stata dura, e Twitter è stato anche accusato di commettere suicidio sociale , partendo dal presupposto che un algoritmo sarebbe prendere cura del compito estremamente sensibile di censurare contenuti. Nel suo annuncio però, Twitter sottolinea:
    "... Se riceviamo una richiesta valida e correttamente ambito da un organismo autorizzato, può essere necessario trattenere reattivo l'accesso a determinati contenuti in un determinato paese di volta in volta."
    Twitter non sta disponendo un sistema di censura automatico a posto, ma rispetterà solo con ciò che vede sono richieste valide.
    Twitter ha effettivamente trovato una sorta di compromesso. Con l'uso di un cavillo, Twitter è in grado di salvaguardare la società legalmente, soddisfare le richieste governative, ed ancora rendere il contenuto disponibile agli utenti con la soluzione.
    L'alternativa sarebbe di vedere Twitter bloccato interamente in paesi che considerano il suo contenuto costituisca una violazione delle loro leggi locali. Se il dito deve essere puntato verso chiunque, non è Twitter, ma piuttosto i legislatori che permettono di censurare contenuti in primo luogo.
    Twitter sta visualizzando una sorta di iperventilazione, andare al punto di chiedere un boicottaggio Twitter per un giorno, ma come Jillian York sottolinea , l'annuncio non è un cambiamento significativo per le politiche esistenti di Twitter.
    L'attacco corrente su Twitter non è diverso dal comune, ma sbagliata, accuse che sono spesso sentito, che Twitter censura alcuni hashtag da fare nelle sue Trending Topics, quando in realtà che è un tutto algoritmo sistema basato, trainata principalmente dalle notizie punti vendita , e rappresentare "argomenti che sono immediatamente popolare, piuttosto che gli argomenti che sono stati popolari per un po 'o su una base quotidiana."
    Dando uno sguardo alla relazione di trasparenza di Google , che abbiamo recensito qui , vi accorgerete che Google sta già esercitando pratiche simili, dopo aver trattenuto il contenuto localmente in passato in India, pur rifiutando alcune richieste di rimuovere i contenuti, negli Stati Uniti, per esempio.
    Non è chiaro se o non Twitter farà lo stesso, e abbiamo potuto fare bene per dare loro il beneficio del dubbio, prima di bruciarli sul rogo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Aug 2009
    Messaggi
    7,478
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    7

    Predefinito Re: Twitter censura: a che punto è in Italia ?

    Gli affari sono affari, per entrare in nuovi mercati bisogna rispettare le legislazioni locali...
    Controllori di volo pronti per il decollo,
    telescopi giganti per seguire le stelle
    (F. Battiato, No time no space)

  3. #3
    P 6
    P 6 è offline
    X mod
    Data Registrazione
    05 Jul 2011
    Messaggi
    2,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Twitter censura: a che punto è in Italia ?

    L'esperimento di Facebook appena rivelato conferma la possibilità di manipolare/condizionare mediante algoritmi "pilotati"

    Facebook e l’esperimento sugli utenti «Dispiaciuti per l’ansia causata» - Corriere.it
    la scoperta, e la risposta di Menlo Park

    Facebook e l’esperimento sugli utenti
    «Dispiaciuti per l’ansia causata»

    Il social network ha sottoposto 689mila utenti, inconsapevoli, a una ricerca sociale. Esponendoli a contenuti ‘emotivi” fortemente positivi e negativi. Per valutare le reazioni
    di Martina Pennisi


    Don’t be evil è il motto scelto da Google per convincerci a sottostare tacitamente alle sue regole mentre ci muoviamo fra le pagine della Rete. Lui decide cosa farci vedere e come, compresa la priorità ai servizi che eroga rispetto a quelli dei concorrenti, e noi sostanzialmente ci fidiamo del fatto che si tratti della selezione più giusta e imparziale possibile. Don’t be evil è l’accordo non scritto che di fatto sigliamo ogni volta che entriamo in una piattaforma digitale con i nostri dati personali, le nostre fotografie e le nostre esternazioni quotidiane. Non essere cattivo, la traduzione italiana: non approfittartene anche se gli elastici termini di servizio veri e propri te lo consentono. Facebook nelle ultime ore ha fatto un passo un po’ più ardito in questa direzione.



    L’esperimento

    L’esperimento, in realtà, risale al gennaio del 2012. Pubblicato sulla rivista Proceedings of the national academy of sciences e firmato dalla squadra di Data science del social network, in collaborazione con le università della California e Cornell, ha esposto 689mila utenti a contenuti per la maggior parte positivi, in un primo caso, e soprattutto negativi, nel secondo. Farlo dal dietro le quinte di Facebook è un gioco da ragazzi: l’algoritmo che regola quotidianamente gli aggiornamenti che vediamo scorrere nel newsfeed si basa già su una serie di principi, totalmente automatizzati, stabiliti per dare priorità a uno o all’altro contenuto in base agli amici con cui entriamo più spesso in contatto o alla popolarità di uno stato o di una foto. Nel caso specifico la gerarchia è stata modificata con uno scopo preciso e con l’ausilio del software Linguistic inquiry and word count, a cui è stata affidata la selezione dei termini associabili ai due sentimenti in 3 milioni di post. I risultati hanno mostrato come, innanzitutto, limitare la condivisione di emozioni sia in un senso sia nell’altro porti a una riduzione ulteriore di contenuti di questo tipo e che sentimenti positivi ci portano ad esprimerne di altrettanto ottimisti mentre vedere amici e conoscenti di cattivo umore ci condiziona in questo senso. Emozioni espresse incoraggiano la condivisione e l’umore altrui ha effetti diretti sul nostro, in parole povere. Facebook ha agito nella piena legalità, essendoci fra i termini di servizio l’accettazione a partecipare a ricerche, e ha confermato quanto in parte già riscontrato in precedenza con, ad esempio, il tasto Io voto.




    Condizionamenti

    Secondo Nature, nel 2012 340mila persone (in più) si sono recate alle urne negli Stati Uniti dopo aver visto su Facebook i loro contatti fare altrettanto. Ci facciamo condizionare e ci lasciamo trascinare, secondo lo studio in esame, a dire il vero, in modo davvero contenuto: la percentuale di variazione del comportamento è stata nell’ordine del decimo di punto percentuale. Comunque interessante per chi con la comunicazione pubblicitaria o quella politica vuole provare a orientare le nostre scelte e il nostro pensiero e sempre meno sorprendente pensando al numero di persone, ormai siamo ben oltre il miliardo, che sceglie di comunicare con il social network di Menlo Park. Interessante e per certi versi preoccupante. A far rizzare i capelli in testa a molti in questo è stata però la fonte dell’esperimento stesso: sono stati i ricercatori di Facebook a manipolare l’algoritmo per orientare le reazioni e studiarne poi gli effetti. Lo hanno fatto senza chiedere il permesso ai 700mila coinvolti nonostante, lo ripetiamo, le condizioni lo permettano.



    Risultati

    Nel comunicato stampa di annuncio dei risultati viene inoltre precisato che «i ricercatori non hanno avuto accesso ai contenuti degli stati analizzati», con una metodologia non condivisa da tutti anche a livello scientifico, e le voci iniziali su un coinvolgimento del Governo statunitense sono state smentite. Adam D. I. Kramer, membro della squadra di analisi dei dati di Facebook e fra gli autori della ricerca, ha risposto alle polemiche sottolineando come l’obiettivo primario della ricerca fosse «rendere migliore il servizio» e che «nessun post è stato nascosto». «Sono dispiaciuto per l’ansia causata», ha aggiunto. In sostanza: lo abbiamo fatto (anche) per voi e non c’è motivo per smettere di fidarsi della buona di Facebook, a fronte di risultati che ne confermano il potenziale in termini di condizionamento sociale. Don’t be evil, dicono a Mountain View.

    30 giugno 2014 | 128

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    San Gottardo
    Messaggi
    26,213
    Mentioned
    243 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Twitter censura: a che punto è in Italia ?

    a me dispiacerebbe se si censurasse anche qui su TP, ed in particolare in questa sezione!

  5. #5
    P 6
    P 6 è offline
    X mod
    Data Registrazione
    05 Jul 2011
    Messaggi
    2,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Twitter censura: a che punto è in Italia ?

    Citazione Originariamente Scritto da Regina Visualizza Messaggio
    a me dispiacerebbe se si censurasse anche qui su TP, ed in particolare in questa sezione!
    ... stavamo parlando di censure e condizionamenti da parte di autorità istituzionali politiche e commerciali ... non di trollaggi nei forum

    a proposito, sull'argomento del 3d, da citare il recente blocco delle autorità cinesi dei siti che seguivano le proteste degli studenti e popolazione di Hong Kong

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    San Gottardo
    Messaggi
    26,213
    Mentioned
    243 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Twitter censura: a che punto è in Italia ?

    comunque un amico mi ha dato che quando vai su Skipe con la telecamera posta sul PC tutti possono vederti e sapere chi sei

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226