User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18
Like Tree15Likes

Discussione: II seduta - Elezione della Corte Costituzionale

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    13 Apr 2012
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    14,438
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito II seduta - Elezione della Corte Costituzionale

    La lista delle candidature per i candidati giudici della Corte Costituzionale è pronta: http://forum.termometropolitico.it/6...l#post13287618
    ---------------------------------------------------------------------
    la Presidenza della Camera

    ai sensi e per gli effetti degli articoli 35 Cost. e 1 legge Corte Cost.
    comunicata la possibilità della candidatura e viste le accettazioni espresse pervenute nel termine dato

    trasmette la seguente lista di candidati per la Corte Costituzionale al Presidente del Senato



    1. [email protected]: due ricorsi persi, uno vinto come resistente ed uno come avvocato di parte;
    2. Haxel: due ricorsi parzialmente vinti;
    3. FalcoConservatore: un ricorso rigettato;
    4. Ronnie: quattro ricorsi vinti, un ricorso parzialmente accolto;
    5. Supermario: una vittoria ed un rigetto;
    6. Manfr: una vittoria;
    7. Laico: una vittoria;
    8. Danny (già presidente di POL)
    9. Daniele (già Giudice della Corte)
    10. Cristiano72 (già Presidente di POL)



    poichè la lista così formata riporta più di nove candidati non si darà luogo a candidature libere

    f.to Ronnie
    Vicepresidente della Camera
    -----------------------------------------------------------

    Invito i candidati giudici a fare una breve presentazione in questo thread, indicando soprattutto i criteri di interpretazione della Costituzione che adotterebbero qualora fossero eletti.
    Questa fase avrà termine alle 180 dell'11 febbraio.

    Dopodiché si passerà al dibattito, con evenutali domande da parte dei Senatori ai candidati. Per 3 o 4 giorni a seconda di come procederà dibattito.

    Successivamente si voterà per le consuete 48 ore (maggioranza due terzi dei vontanti).
    Ultima modifica di Gracco; 13-03-14 alle 15:35

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: elezione della Corte Costituzionale - breve dibattito

    Buongiorno,
    rispondo all'invito del post di apertura e presento ufficialmente la mia candidatura a giudice della Corte Costituzionale.
    I frequentatori "storici" di Transatlantico mi ricordano, credo, come uno dei giocatori che ai "tempi d'oro" contribuì alla redazione di leggi, regolamenti e norme costituzionali. In passato ho ricoperto la carica di deputato, Presidente della Camera e Vice-presidente di Politica On-Line.
    Detto questo, devo doverosamente ammettere che da molti mesi ormai non prendo più parte alle dinamiche politiche di questo gioco, per via di impegni personali che si sono rivelati gravosi e incompatibili con una partecipazione dignitosa.
    Tuttavia, negli ultimi tempi ho maggiore tempo libero a disposizione e mi sento pronto ad assicurare il mio impegno personale in caso di elezione. Non sarebbe peraltro ammissibile, dal punto di vista etico, candidarsi con riserva, quindi da questo punto di vista garantisco che non ci saranno problemi.
    Per quanto concerne il "curriculum" dei ricorsi vinti/persi, apparentemente non mi trovo in una buona posizione, giacché risulta al mio...passivo 1 ricorso respinto. Non credo però che una simile "classifica" possa rispecchiare il livello di preparazione e di affidabilità di un candidato giudice, perché un ricorrente, se si sente davvero "avvocato" di una parte in causa, non solo ha il diritto, ma precisamente il dovere di difendere fino in fondo il suo cliente, anche nelle condizioni più difficili, anche se esiste la quasi matematica certezza di una sconfitta.
    Non mi pento pertanto di aver difeso e sostenuto, in quella specifica occasione, una tesi poi rigettata. Anzi vado sinceramente fiero di essere arrivato fino in fondo.
    Per quanto concerne i criteri di interpretazione della Costituzione che adotterei in caso di elezione, voglio essere sincero, sono una persona abbastanza pignola e non vedo di buon occhio sentenze fantasiose, anche se ovviamente, trattandosi di una simulazione politica, sarebbe fuori luogo una interpretazione pedissequamente letterale, anche a costo che "perisca il mondo".
    La mia linea-guida sarà il rigore e il rispetto della legge, nel giusto e necessario equilibrio tra la lettera della norma e il suo spirito.
    Non aspettatevi da me giudizi favorevoli a sentenze che vanno fuori dal dettato costituzionale; ma non aspettatevi neppure una giustizia inutilmente cavillosa.
    Non aspettatevi sentenze troppo "tecniche" (non esercito la professione di avvocato, anche se ho superato con ottimi voti esami di diritto pubblico e costituzionale), bensì sentenze chiare, leggibili dall'utenza.
    Termino qui la mia breve presentazione dichiarandomi disponibile a rispondere volentieri a domande e richieste più specifiche.
    Grazie per l'attenzione!
    von Dekken likes this.
    Per aspera ad astra

  3. #3
    Giolittiano
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    8,405
    Mentioned
    19 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: elezione della Corte Costituzionale - breve dibattito

    Mi candido come Giudice perchè ho una grande esperienza sia reale, in quanto professionalmente sono "quasi" avvocato, sia dal punto di vista ludico, ho contribuito a scrivere 3 costituzioni.

    Sono stato presidente dell'assemblea costituente e presidente del congresso, primo ministro, ministro etc ...

    Come sapete mi sono sempre dimostrato imparziale anche quando andava contro i miei interessi.

    Come obiettivo dell'eventuale elezione a giudice cercherò con i miei colleghi di "fare giurisprudenza", estrapolando dalle norme della costituzione alcuni principi del gioco e applicandoli imparzialmente a tutte le fattispecie.
    von Dekken and Seyen like this.

  4. #4
    Fiamma dell'Occidente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Nei cuori degli uomini liberi. ---------------------- Su POL dal 2005. Moderatore forum Liberalismo.
    Messaggi
    38,158
    Mentioned
    131 Post(s)
    Tagged
    47 Thread(s)

    Predefinito Re: elezione della Corte Costituzionale - breve dibattito

    CANDIDATO: On. RONNIE
    Avvocato polliano, Ministro della Giustizia, Deputato e VicePresidente della Camera
    precedenti esperienze Istituzionali:
    già Ministro
    già più volte Congressista, Presidente di Commissione e Presidente del Congresso
    già Giudice e Giudice Presidente della Corte Suprema


    On. Presidente, Senatori
    prima di tutto mi voglio complimentare per la prassi di discussione scelta, che riprende quella del Senato Americano quando vota la Corte Suprema. In secondo luogo passo a esporre con forzata brevità -chè molti dovran farlo e molto avrete da leggere- quelle che sono le mie personali convinzioni nella materia del giudizio.

    I diritti di natura

    Ho sempre creduto nel giusnaturalismo come migliore posizione teorica nella materia dei diritti fondamentali. Non giudicherei, dunque, in quella materia, cercando di restringere le norme che concedono diritti o di espandere quelle che cerchino di limitarli, poichè sono profondamente convinto dall'analisi razionale delle cose che appaiono che il diritto come nucleo fondamentale di libertà e di sanzioni alla loro privazione non sia una costruzione dell'uomo, quanto una costruzione dell'umanità, un modo di essere naturale della specie umana, che non può venire cambiato da una persona, o da una maggioranza, ma solo dal lentissimo millenario mutamento dei rapporti normali tra le persone. Per chi crede, non a dire che io non lo faccia, la forza dietro questi mutamenti, la stessa che mosse il primo sasso nella cascata dell'evoluzione delle specie, è in definitiva Una sola: la volontà di Dio.

    Il diritto pubblico

    In ognuna delle nuove materie che scaturiscono dal contrattare sociale intorno ai diritti, dalla scienza amministrativa, a quella parlamentare, il mio profondo rispetto per il diritto naturale determina di conseguenza un profondo rispetto per le decisioni di chi decise, quando decise, ciò che decise intorno alla limitazione dei diritti e l'edificazione dell'impalcato del diritto pubblico, del diritto degli Stati, degli organi di essi. Io credo nella interpretazione degli atti secondo la volontà espressa dei legislatori che li scrissero, non nella teoria per la quale un testo possa venire preso e modificato di significato da chi sia sopraggiunto senza intermedia deliberazione del parlamento, ovvero degli unici successori legittimi degli uomini che trattarono il significato di certe parole. Questo mio principio originarista, trova temperamento, oltrechè negli immutabili diritti di natura, solo nella circostanza dell'assenza di documento delle volontà espresse dell'epoca e nella necessità di far coesistere norme parimenti legittime e diverse tra loro. Queste sono le uniche ragioni che possono imporre interpretazioni adeguatrici e conformanti originariamente non volute dai legislatori originari, ma solo perchè inimmaginabili all'epoca per l'assenza della norma parallela, sopravvenuta per l'azione di altri a loro successivi. Sono questi argomenti importanti, che riportano nell'alveo popperiano del diritto come prodotto culturale l'idea delle norme, ma che non possono togliere il senso fondamentale del rispetto per il significato originale delle norme a quella che è la mia visione di esse.

    L'Indipendenza

    Io ho una concezione autonoma, indipendente, indiscussa, del potere giudiziario. Il Giudice non può essere chiamato a equilibrismi, mediazioni, tolleranze, trattative, clemenze, tipiche del contrattar mercanzie o del trattar posti, ma al contrario deve essere roccioso ed aspro con chiunque cerchi di proporle od ancor peggio imporle. Il Giudice risponde solo a se stesso per tutto tranne che per la volontà sovrana del parlamento legiferante. Ma attenzione: non quello del tempo presente, ma quello che decise, quando decise, le norme che si applichino al caso. Il Giudice non prende ordini, il Giudice ordina. Ordina sulla base del diritto, un comando cristalizzato versato nella pietra da chi scrisse le leggi, costruite per l'esercizio di quei comandi naturali scritti nel sangue dell'uomo. Questo è il Giudice: un uomo fiero al servizio di un potere estraneo alla politica, superiore, inconoscibile se non con gli strumenti della ragione, che non si piega a compromessi, che si fa rimuovere o uccidere piuttosto che cambiare idea. Sacerdote di una religione antica: quella del rispetto dei diritti dell'uomo, imparziale per sua posizione di principio, incapace di limitarsi nella pretesa che la Legge sia Legge, che dall'azione proceda la conseguenza. Soggetto unicamente al Parlamento, il Giudice non negozia sui suoi atti. Se sbaglia, accetta d'essere rimosso col voto legale del Parlamento, ma non di ammettere l'errore, se non per la sua convinzione personale d'aver sbagliato. Questo, solo questo, è il Giudice garante di tutti. Il Giudice su cui ognuno possa fare affidamento. Il Giudice che possa mostrare umanità, ma solo nei termini della comprensione, e mai del negozio.

    La mia eventuale elezione

    Da Ministro, Deputato, Vicepresidente della Camera, Presidente della Commissione di Garanzia, io, francamente, avrei tutto da perdere dal venire eletto in un organo incompatibile con questi incarichi. Come è noto non sono gli incarichi ad essermi mancati. Quando potevo rifiutare ho tuttavia scelto di accettare la candidatura per guardare in faccia, da vincitore del maggior numero di ricorsi, tutti ed ognuno di voi Senatori e chiedervi che scegliate bene. Che scegliate per convinzione e non per convenienza. Che usiate del vostro diritto di votare tutti quelli che ritenete validi o non validi in questo e non in un altro mestiere, perchè sia chiaro a tutti chi stimate come giurista e chi no, e non chi volete promuovere qui ed ora a Giudice da "politico". Da un certo punto di vista, sottopormi a questo voto, con queste premesse, è quasi un ingiustificato azzardo politico. Eppure ci tenevo a vedere da vicino questo processo, e a non far mancare la mia disponibilità perchè fossero raggiunti i 9 candidati minimi e scongiurato il pericolo delle candidature preconfezionate di qualche trombato politico. Così non è andata: ci siamo riusciti. Questo parlamento discuterà solo di persone con esperienza processuale o istituzionale, e chi in futuro vorrà fare il giudice dovrà in questa legislatura fare un ricorso ed arrivare in ammissione, dimostrando di credere a quel Diritto del quale ambisca ad esser Sacerdote.

    Decidete e decidete bene.
    con deferenza

    vostro Ronnie
    Ultima modifica di Ronnie; 10-02-14 alle 13:46
    von Dekken and Supermario like this.
    _
    P R I M O_M I N I S T R O_D I _P O L
    * * *

    Presidente di Progetto Liberale

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    39,362
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Re: elezione della Corte Costituzionale - breve dibattito

    Salve a tutti,

    molti di voi mi conosceranno, in un passato remoto fui protagonista della 'prima vita' del Gioco. In quel di Camera, tra il 2003 ed il 2009, ricoprii vari incarichi. Da moderatore del forum a Presidente del Congresso, da Presidente di POL a Ministro delle Riforme, passando per la Vicepresidenza di POL e per il Premierato. Contribuii a redigere la prima Costituzione di POL ed altri regolamenti nonchè alcune loro successive modifiche.

    Per il ruolo in cui concorro posso garantire umiltà ed onestà di giudizio. Non sono un tecnico della materia giuridica, mi atterrò quindi alle regole presenti e nel caso ciò non basti, al buonsenso.


    Grazie per l'opportunità

    Danny
    von Dekken likes this.
    Se hai un po di tempo da perdere fai un salto qui:
    www.candidonews.wordpress.com
    Un blog in cui parlare di Politica, Informazione, Televisione, Cinema e tanto altro...

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    13 Apr 2012
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    14,438
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: elezione della Corte Costituzionale - breve dibattito

    Ringrazio i candidati che hanno voluto presentarsi al Senato. Invito i colleghi che lo desiderino a porre loro delle domande.

  7. #7
    Presidente uscente di POL
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Località
    Genova, Italy
    Messaggi
    27,431
    Mentioned
    54 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: elezione della Corte Costituzionale - breve dibattito

    Io vorrei porre alcune domande a Ronnie.

    1) Lei è stato eletto in un colleggio uninominale, a prescindere delle altre cariche governative prese successivamente (ministro, etc...). Come si pone con l'eventuale successivo obbligatorio abbandono di tale carica? Non le pare di prendere in giro tutti quegli elettori (tanti) che le hanno dato fiducia per rappresentarli in sede di parlamento, e poi vedersi snobbare per ambire ad una carica di puro valore personale e magari far passare quella carica ad uno con 1-2 voti?

    2) Il fatto che abbia scritto di suo pugno buona parte della Costituzione attualmente in uso, e visto che alcune interpretazioni quasi se le è costruite da solo, non sarebbe ECCESSIVO che poi arrivi nelle sue mani anche il potere di decidere e dirimere eventuali incongruenze della stessa? Non sarebbe meglio lasciare questo compito ad altre persone?

    Grazie
    Cabraizinho likes this.
    "La disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile" (Corrado Alvaro)

  8. #8
    Britney National Party
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Casa del Diavolo
    Messaggi
    12,983
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: elezione della Corte Costituzionale - breve dibattito

    Mi associo alla seconda domanda di Seyen, lo trovo un punto fondamentale.
    Seyen likes this.
    “Senza dualità dei sessi, niente matrimoni, senza matrimoni niente famiglie, senza famiglie nessuna società, l’individualismo puro è tirannia”.

    Pierre Joseph Proudhon

  9. #9
    Fiamma dell'Occidente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Nei cuori degli uomini liberi. ---------------------- Su POL dal 2005. Moderatore forum Liberalismo.
    Messaggi
    38,158
    Mentioned
    131 Post(s)
    Tagged
    47 Thread(s)

    Predefinito Re: elezione della Corte Costituzionale - breve dibattito

    Citazione Originariamente Scritto da Seyen Visualizza Messaggio
    Io vorrei porre alcune domande a Ronnie.
    grazie Senatore, a sua disposizione
    Citazione Originariamente Scritto da Seyen
    1) Lei è stato eletto in un colleggio uninominale, a prescindere delle altre cariche governative prese successivamente (ministro, etc...). Come si pone con l'eventuale successivo obbligatorio abbandono di tale carica? Non le pare di prendere in giro tutti quegli elettori (tanti) che le hanno dato fiducia per rappresentarli in sede di parlamento, e poi vedersi snobbare per ambire ad una carica di puro valore personale e magari far passare quella carica ad uno con 1-2 voti?
    Lei parla polemicamente, mi dispiace.

    Allora prima di tutto le segnalo che io non mi sono candidato di mia volontà: mi ha candidato la legge come avvocato polliano (e come migliore avvocato al momento, viste le vittorie anche nella Corte di cui lei faceva parte), e se anche non fossi stato avvocato polliano, sarei stato candidato comunque dalla legge come ex Presidente della Corte Suprema. Le aggiungo che lei ha certamente il diritto di chiedersi perchè io non abbia rifiutato la candidatura, ma ciò non cambia la questione. Quel che posso dirle è che quando io fui candidato e per tutto il durare della finestra in cui potevo rifiutare c'erano sette candidati e non i nove almeno previsti dalla legge, e se non ci fossero stati successivamente tre ex incaricati istituzionali a candidarsi -che io non sapevo affatto in quel momento se lo avrebbero fatto o no- non ci sarebbe stato il minimo di nove previsto per scongiurare l'ipotesi, vista negativamente dai costituenti, di candidature "politiche". Ho ritenuto così di non rifiutare prima di tutto per impedire ai partiti di acquisire -a causa del mancato raggiungimento dei nove- il via libera alle candidature libere così da proporre dei propri candidati che non fossero mai stati avvocati o rappresentanti delle istituzioni, per assicurare che la Corte destinata ad applicare la Costituzione che abbiamo scritto insieme tutti avesse un alto livello di competenza che per tale ruolo è conveniente ci sia, e non si infarcisse di trombati elettorali.

    Vengo all'argomento principale: lei dice che i deputati sono stati eletti per stare in parlamento. Ebbene io non ci sono stato? Sono stato eletto vicepresidente. Ho inaugurato e presiedo una commissione, attuando la costituzione. Ho già proposto due testi articolati, una mozione e una legge sono sul tavolo del CDM. tre ricorsi ho già presentato facendo uso della mia iniziativa di deputato. Ma al di là di questo, può ritenersi davvero da parte di un elettore (e di un mio elettore soprattutto) ragionevole che chi viene eletto intenda il mandato ricevuto come invito a fermarsi, a non correre più avanti, e che un elettore sia contento di aver scelto un mediocre che non si propone più alti traguardi? Questi elettori secondo lei sono imbecilli o sono piuttosto persone ragionevoli come io penso? Conta più un deputato, su ventuno, o un ministro, su dieci, o un Giudice Costituzionale su tre, quanto a garanzia del rispetto delle intenzioni del corpo elettorale? Col suo principio, quello che vorrebbe divieti di transito nel giudiziario, non avrei dovuto accettare di entrare nel governo. Avrei dovuto fare solo il deputato, se mi avevano eletto per il legislativo e mica per l'esecutivo no? Ma appunto gli elettori non sono imbecilli, indi per cui non mi seguo l'illogica del suo argomento.

    Infine una postilla: una carica nella magistratura non è affatto di valore personale ma un servizio reso alla Comunità, e tanto più è forte il potere di essa tanto più è il servizio reso. Chi poi prendesse tale incarico rinunciando platealmente al potere derivante dal cumulo di incarichi di deputato, ministro, vicepresidente della camera e presidente di commissione, certo non potrebbe essere accusato di ingordigia, perchè seppure il potere di un giudice come lei sa è enorme in ogni caso esso è comparabilissimo con quello che io ho oggi. Influirei sul gioco comunque anche non facendolo.


    Citazione Originariamente Scritto da Seyen
    2) Il fatto che abbia scritto di suo pugno buona parte della Costituzione attualmente in uso, e visto che alcune interpretazioni quasi se le è costruite da solo, non sarebbe ECCESSIVO che poi arrivi nelle sue mani anche il potere di decidere e dirimere eventuali incongruenze della stessa? Non sarebbe meglio lasciare questo compito ad altre persone?
    Francamente visto che rinuncerei al potere di usare la mia conoscenza delle norme per giocare meglio di altri, circoscrivendomi in una torre eburnea nella quale potrei solo usarlo per giudicare meglio, senza poterne trarre alcun vantaggio visto che sarei incompatibile con ogni altro ruolo, non credo si possa parlare di "eccesso". Semmai il mio sarebbe l'unico modo per ridurre il vantaggio innato di conoscere le norme meglio di ogni altro e riequilibrare il gioco. Ciò detto le ripeto: mi sono candidato per sport. Non ambisco. Non mi converrebbe. E' per vedere, prima di tutto, funzionare questo processo bene. E' per vedere chi vota come vota. E' per fissare precedenti. Auspico altri siano eletti. Se avessi voluto fare il giudice non avrei insistito per chiamare gli ex fino a molto indietro, cosa che mi avrebbe tolto la concorrenza di calibri come Cristiano72 e Falco, per citarne due della mia area. Eppure ho preteso io che fossero convocati e candidati. Potevo non farlo. Gdem era per non chiamare così indietro.

    Ho dimostrato più volte coi fatti che io uso il mio sapere a fini generali e particolari, non a fini particolari contro fini generali.
    _
    P R I M O_M I N I S T R O_D I _P O L
    * * *

    Presidente di Progetto Liberale

  10. #10
    Francpolitik
    Data Registrazione
    05 Jul 2010
    Località
    Pescara
    Messaggi
    6,171
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: elezione della Corte Costituzionale - breve dibattito

    Io ho una domanda da porre a tutti: questa Corte è eletta per un anno o fino alla prossima legislatura?
    L'uomo è nato libero ma ovunque è in catene

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226