User Tag List

Pagina 758 di 2354 PrimaPrima ... 2586587087487577587597688088581258 ... UltimaUltima
Risultati da 7,571 a 7,580 di 23540
Like Tree13653Likes

Discussione: 3D unificato - FOCUS UCRAINA

  1. #7571
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Jan 2013
    Località
    oxi
    Messaggi
    5,342
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: 3D unificato - FOCUS UCRAINA

    Poi uno aderisce alla nato o tenta di avvicinarsi all'ue per fare un piacere a putin, ovviamente.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #7572
    Super Troll
    Data Registrazione
    14 Aug 2009
    Messaggi
    51,851
    Mentioned
    67 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: 3D unificato - FOCUS UCRAINA

    Citazione Originariamente Scritto da Elnath Visualizza Messaggio
    Ciccio, il mio primo messaggio è stato "europa dell'est guardinga tranne la biellorussia". All'inizio hai replicato che non è vero e adesso invece mi vieni a dire che gli scudi non sono impenetrabili. Deciditi.
    ciccetto te hai scritto che l'europa dell'est esclusa l'ungheria che notoriamente è ovest
    è ancor piu guardinga verso la russia...
    il che è differente
    infatti le nazioni ostili di solito commerciano con i nemico...

    Infatti con le ultime azioni la russia è riuscita nell'impresa di inimicarsi l'intera europa dell'est, a eccezione della biellorussia per ovvi motivi. Senza aggiungere che i rapporti erano a dir poco problematici già prima.
    Ultima modifica di blobb; 05-05-14 alle 02:17
    amaryllide likes this.
    clash bankrobber

  3. #7573
    Moderatore
    Data Registrazione
    21 Mar 2013
    Località
    sette laghi
    Messaggi
    16,315
    Mentioned
    129 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: 3D unificato - FOCUS UCRAINA

    IMHO l'unione europea politicamente ha perso la faccia in questa faccenda .
    amaryllide likes this.

  4. #7574
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,424
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: 3D unificato - FOCUS UCRAINA

    Citazione Originariamente Scritto da Metabo Visualizza Messaggio
    I miltiari Mosca li ha mandati per difenderli non per conquistarli e ammazzarli.
    ah, davvero? e questo da cosa lo deduci, da quello che dice il kremlino?

    Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk

  5. #7575
    Super Troll
    Data Registrazione
    14 Aug 2009
    Messaggi
    51,851
    Mentioned
    67 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: 3D unificato - FOCUS UCRAINA

    Citazione Originariamente Scritto da Elnath Visualizza Messaggio
    Poi uno aderisce alla nato o tenta di avvicinarsi all'ue per fare un piacere a putin, ovviamente.
    il problema tuo e di paulo è che ancora ragioni con logiche degli anni 80..
    la russia ha ottimi rapporti con la ue infatti è il maggior esportatore di materie prime
    ed una marea di imprese occidentali commerciano con la russia
    la francia addirittura gli vende materiale bellico...
    ora fare una guerra commerciale per difendere gli interessi usa è da babbei .. ma certo te ste cose non le capisci sei rimasto a rambo...
    amaryllide likes this.
    clash bankrobber

  6. #7576
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,424
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: 3D unificato - FOCUS UCRAINA

    Citazione Originariamente Scritto da Metabo Visualizza Messaggio
    VERSO LA FINE DELLA PROPAGANDA STATUNITENSE
    VERSO LA FINE DELLA PROPAGANDA STATUNITENSE





    «Sotto i nostri occhi», cronaca di politica internazionale n°78
    di Thierry Meyssan
    L'impero anglosassone si basa su un secolo di propaganda. È riuscito a convincerci che gli Stati Uniti sono "il Paese della libertà", e che si dedicano alle guerre solo per difendere i loro ideali. Ma la crisi attuale in Ucraina ha appena cambiato le regole del gioco: ormai Washington e i suoi alleati non sono più gli unici a parlare. Le loro menzogne sono apertamente contestate dal governo e dai mezzi di comunicazione di un altro grande Stato, la Russia. Nell'era dei satelliti e di internet, la propaganda anglosassone non funziona più.
    Da sempre i governanti tentano di persuaderci circa la correttezza delle loro azioni, perché le folle non seguono gli uomini di cui si conosca appieno la cattiveria. Il XX secolo ha visto comparire nuove modalità di diffusione delle idee che non si fanno intralciare dalla verità. Gli Occidentali fanno risalire la propaganda moderna al ministro nazista Joseph Goebbels. È un modo per far dimenticare che l'arte di distorcere la percezione delle cose è stata precedentemente sviluppata dagli Anglosassoni. Nel 1916, il Regno Unito creò la Wellington House a Londra, seguita da Crewe House. Contemporaneamente, gli Stati Uniti crearono il Committee on Public Information (CPI). Considerando che la Prima Guerra Mondiale contrapponeva le masse e non più solo le forze armate, queste organizzazioni hanno tentato di intossicare la propria popolazione altrettanto quanto quelle dei loro alleati e dei loro nemici.
    La propaganda moderna inizia con la pubblicazione a Londra del Rapporto Bryce sui crimini di guerra tedeschi, che fu tradotto in trenta lingue. Secondo questo documento, l'esercito tedesco aveva violentato migliaia di donne in Belgio, e pertanto l' armata britannica lottava contro la barbarie. È stato scoperto alla fine della prima guerra mondiale che l'intera relazione era una bufala, composta di false testimonianze con l'aiuto di giornalisti. Da parte sua, negli Stati Uniti, George Creel inventò un mito secondo il quale la seconda guerra mondiale era una crociata delle democrazie per una pace volta a realizzare i diritti dell'umanità. Gli storici hanno dimostrato che la guerra mondiale rispondeva sia a cause immediate sia a cause profonde, delle quali la più importante era la competizione tra le grandi potenze per espandere i loro imperi coloniali. Gli uffici britannici e statunitensi erano organizzazioni segrete che lavoravano per conto dei loro Stati. A differenza della propaganda leninista, che aspirava a "rivelare la verità" alle masse ignoranti, gli anglosassoni cercavano di ingannarle per manipolarle. E per questo le agenzie statali anglosassoni dovevano nascondersi e usurpare delle false identità.
    Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, gli Stati Uniti hanno trascurato la propaganda e le hanno preferito le Pubbliche Relazioni. Non si trattava più di mentire, ma accompagnare per mano i giornalisti affinché vedessero solo ciò che gli veniva mostrato. Durante la guerra del Kosovo, la NATO ricorse a Alastair Campbell, consigliere del primo ministro britannico, affinché raccontasse alla stampa una storia edificante al giorno. Mentre i giornalisti la riproducevano, l'Alleanza poteva bombardare "in pace". Lo story telling puntava meno a mentire quanto semmai a distrarre.
    Tuttavia, lo story telling è tornato in forze con i fatti dell'11 settembre 2001: si trattava di focalizzare l'attenzione del pubblico sugli attentati contro New York e Washington affinché non percepisse il colpo di Stato militare organizzato in quel giorno: il trasferimento dei poteri esecutivi del presidente Bush a un'unità militare segreta e gli arresti domiciliari di tutti i parlamentari. Questo avvelenamento avveniva particolarmente ad opera di Benjamin Rhodes, oggi consigliere di Barack Obama.
    Nel corso degli anni successivi, la Casa Bianca ha installato un sistema di intossicazione con i suoi alleati chiave (Regno Unito, Canada, Australia e naturalmente Israele). Ogni giorno questi quattro governi hanno ricevuto istruzioni o discorsi pre-scritti dall'Ufficio dei media globali per giustificare la guerra in Iraq o diffamare l'Iran. [1]
    Per la rapida diffusione delle sue bugie, Washington si è appoggiata, sin dal dal 1989, alla CNN. Nel corso del tempo, gli Stati Uniti hanno creato un cartello di catene d'informazione satellitari (Al-Arabiya, Al-Jazeera, BBC, CNN, France 24, Sky). Nel 2011, durante il bombardamento di Tripoli, la NATO giunse a sorpresa a convincere i libici che avevano perso la guerra e che era inutile resistere ancora. Ma nel 2012, la NATO non è riuscita a replicare questo modello e a convincere i siriani che il loro governo sarebbe inevitabilmente caduto. Questa tattica è fallita perché i siriani erano a conoscenza della manipolazione effettuata dalle televisioni internazionali in Libia e hanno potuto prepararsi [2]. E questo fallimento segna la fine dell'egemonia di questo cartello dell'«informazione».
    L'attuale crisi tra Washington e Mosca sull'Ucraina ha costretto l'amministrazione Obama a rivedere il proprio sistema. Infatti, Washington ora non è più la sola a parlare, deve contraddire il governo e i media russi, accessibili ovunque nel mondo via satellite e via internet. Il Segretario di Stato John Kerry ha perciò nominato un nuovo vice per la propaganda, nella persona dell'ex direttore di Time Magazine, Richard Stengel [3]. Ancor prima di prestare giuramento, il 15 aprile, stava già occupando il suo ufficio e, dal 5 marzo, ha inviato ai principali mezzi di comunicazione atlantisti una "Scheda documentata" sulle «10 contro verità» che Putin avrebbe enunciato sull'Ucraina [4]. Si ripeteva il 13 aprile con una seconda scheda che presentava «10 altre contro-verità» [5]. Ciò che colpisce nel leggere questa prosa è la sua inettitudine. Punta a convalidare la storia ufficiale di una rivoluzione a Kiev e screditare il discorso russo sulla presenza di nazisti nel nuovo governo. Tuttavia, ora sappiamo che in realtà più che di una rivoluzione, si trattava casomai di un colpo di Stato organizzato dalla NATO e attuato dalla Polonia e da Israele mescolando le ricette delle "rivoluzioni colorate" e delle "primavere arabe". [6].
    I giornalisti che hanno ricevuto queste schede e le hanno ritrasmesse conoscevano perfettamente le registrazioni delle conversazioni telefoniche dell'Assistente del Segretario di Stato Victoria Nuland, sulla maniera in cui Washington avrebbe cambiato il regime a spese dell'Unione europea, e il ministro affari esteri estone Urmas Paets sulla vera identità dei cecchini di Maidan. Inoltre, hanno poi appreso le rivelazioni del settimanale polacco Nie sulla formazione - due mesi prima degli eventi - dei rivoltosi nazisti presso l'Accademia di polizia polacca. Quanto a negare la presenza di nazisti nel nuovo governo ucraino, equivale ad affermare che la notte è luminosa. Non è nemmeno necessario andare a Kiev, basta leggere gli scritti degli attuali ministri o ascoltare i loro propositi per constatarlo [7].
    In definitiva, se questi argomenti contribuiscono a dare l'illusione di un ampio consenso dei media atlantisti, non hanno alcuna possibilità di convincere i cittadini curiosi. Al contrario, è così facile con internet scoprire l'inganno che questo tipo di manipolazione non potrà che intaccare ancora un po' di più la credibilità di Washington.
    L'unanimità dei media atlantisti in occasione dell'11 settembre ha consentito di convincere l'opinione pubblica internazionale, ma il lavoro svolto da molti giornalisti e cittadini, di cui sono stato il precursore, ha dimostrato l'impossibilità materiale della versione ufficiale. Tredici anni dopo, centinaia di milioni di persone sono diventate consapevoli di queste menzogne. Questo processo potrà solo crescere dato il nuovo dispositivo di propaganda statunitense. In definitiva, tutti coloro che riamplificano gli argomenti della Casa Bianca, specie i governi e i media della NATO, distruggono da soli la propria credibilità.
    Barack Obama e Benjamin Rhodes, John Kerry e Richard Stengel hanno effetto solo a breve termine. La loro propaganda convince le masse solo per poche settimane e fa sì che si ribellino quando capiscono la manipolazione. Involontariamente, minano la credibilità delle istituzioni degli Stati della NATO che le ritrasmettono consapevolmente. Hanno dimenticato che la propaganda del XX secolo poteva avere successo solo perché il mondo era diviso in blocchi che non comunicavano tra loro, e che il suo principio monolitico è incompatibile con i nuovi mezzi di comunicazione.
    La crisi ucraina non è finita, ma ha già profondamente cambiato il mondo: nel contraddire in pubblico il Presidente degli Stati Uniti, Vladimir Putin ha compiuto un passo che ormai impedisce il successo della propaganda statunitense.
    NOTE:
    ecco, dopo aver letto la definizione degli scopi della propaganda leninista, ho smesso di leggere

    questo e' matto

    Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk

  7. #7577
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,424
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: 3D unificato - FOCUS UCRAINA

    Citazione Originariamente Scritto da blobb Visualizza Messaggio
    ne spari di cavolate....
    mo gli alleati naturali sono gli anglosassoni
    oddio, lo uk conta ben poco, ormai

    Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk
    blobb likes this.

  8. #7578
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,424
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: 3D unificato - FOCUS UCRAINA

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    proprio perchè sono talassocratici, gli inglesi sono DA SEMPRE i piùferoci nemici di una proiezione mediterranea e marittima dell'Italia. Il regno dei Borbone aveva la seconda marina commerciale del Mediterraneo prima dell'arrivo di Garibaldi, i Savoia distrussero completamente l'economia meridionale per evitare agli inglesi di avere un serio rivale nel Mediterraneo
    eh?

    fammi capire, il meridione feudale sarebbe stato un potenziale concorrente degli inglesi nel mediterraneo? ma cosa hai fumato?

    Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk

  9. #7579
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,424
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: 3D unificato - FOCUS UCRAINA

    Citazione Originariamente Scritto da paulhowe Visualizza Messaggio
    L'italia non ha "alleati naturali".

    E' un paese troppo piccolo per esercitare un controllo sugli eventi internazionali, ma allo stato troppo "grande" (sopratutto per ragioni storico-culturali) per sottomettersi completamente ad altri nazioni.

    E' quindi un paese che ha dovuto fare di necessita virtu.

    Nella NATO si trova benissimo, da paese arretrato dalla fine della 2a guerra mondiale e' diventata una delle massime potenze industriali del mondo.

    Questo certo non grazie ai russi !!!


    Le rivalita storiche militari con gli inglesi sono state messe da parte, del resto Londra non ha piu un impero.

    Con i tedeschi non c'e mai stato amore, del resto vuoi mettere il giudizio che hanno i crucchi sugli "italianen", di quello degli yankees !!!

    Washington ha interesse ad un equilibrio geopolitico, hanno la politica del "divide et impera", ma l'italia puo giocare di sponda, perche si inserisce benissimo nelle dispute che possono sorgere e rivendicare di avere una posizione geografica strategica nel mediterraneo.

    Le basi della NATO per Roma sono appunto un asset, perche puo diventare parte del processo decisionale e limitare le ambizioni franco-inglese-tedesche.
    e' ora di piantarla con queste stronzatine da ex grandi potenze

    l'europa, uk escluso perche' non c'entra un CUT, deve darsi una struttura federale e farsi i CUT i suoi

    Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di v!olet; 05-05-14 alle 08:15
    blobb likes this.

  10. #7580
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,424
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: 3D unificato - FOCUS UCRAINA

    Citazione Originariamente Scritto da Armonica Visualizza Messaggio
    Interessi altrui? Niente affatto, interessi nostri.

    Il punto è che, bisognerebbe capirlo una volta per tutte, la dipendenza italiana dall'estero in ambito energetica è una delle situazioni peggiori che si possano immaginare.
    Non dobbiamo bearci di avere rapporti privilegiati con gentaglia come Gheddafi o Putin : dobbiamo fare in modo di poterli mandare dove meritano senza colpo ferire, se la situazione lo richiede.

    Ma questo è colpa nostra. Bisogna porvi rimedio il prima possibile.

    Sull'Iran sono d'accordo, di farlo fuori è interesse americano e non nostro.
    ma non e' neanche interesse americano, far fuori l'iran...sarebbe piu' interesse russo/saudita....

    Inviato dal mio GT-I9100 utilizzando Tapatalk

 

 

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226