User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21
Like Tree1Likes

Discussione: 4 novembre 1918: ricordando l'Inutile Strage

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,165
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito 4 novembre 1918: ricordando l'Inutile Strage

    24 Maggio 1915: una sporca guerra sulla pelle dei popoli

    Nonostante la "Leggenda del Piave" celebri l’entrata in guerra in relazione
    alla necessità di “far contro il nemico una barriera”, la verità dei fatti
    riguardo le vicende del maggio 1915 è ben diversa. L’entrata in guerra dell’ Italia sabaudizzata fu compiuta attraverso la palese violazione di accordi in politica estera e attraverso il disprezzo per la pubblicità delle decisioni governative e la sovranità del popolo. Con una spregiudicatezza utilitarista da far ombra ai totalitarismi novecenteschi, il governo Salandra prima si rifiutò di entrare in guerra con Austria e Prussia, adducendo alcuni pretesti che non cambiano la sostanza della questione, e poi intavolò segretamente accordi coll’ Inghilterra attraverso il tramite privilegiato del ministro degli esteri Giorgio Sidney Sonnino, che con molti diplomatici inglesi condivideva l’odio anticattolico protestante e massonico. Sonnino è l’esempio più fulgido dell’ indirizzo politico liberal-conservatore italiano, ostile all’allargamento del suffragio, che avrebbe spalancato le porte del Parlamento alla rappresentanza cattolica e socialista, incrinando così le posizioni di dominio della finanza e
    dell’economia delle élites massoniche che fino ad allora avevano governato il paese. L’intervento in guerra era d’altronde visto con favore solo da una percentuale della popolazione assolutamente minoritaria: industriali riuniti attorno al “Corriere della Sera” di Luigi Albertini, massoni, indebitati poeti cicalanti e dalla posa estetizzante come D’Annunzio, vani esaltati come Marinetti e i futuristi, cattolici “aperturisti” e antesignani di futuri tradimenti come Filippo Meda, ecc. La maggioranza era sì neutrale ma ebbe il demerito di essere assolutamente silenziosa di fronte a ciò che stava
    avvenendo. La partecipazione al conflitto fu comunque decisa coi segretissimi “Patti di Londra” del 26 aprile 1915 negoziati da Sonnino, accettati passivamente da Salandra e approvati con un decisivo telegramma dal re. I tre depositari del segreto avrebbero dovuto nel mese seguente ottenere l’approvazione per l’imprudente passo compiuto contro la maggioranza della Camera, indirizzata verso un accordo coll’Austria, che in quel momento sarebbe stata disposta a cedere a tutte le richieste “irredentiste”. Oramai per il re, impegnatosi direttamente con gli altri sovrani dell’Intesa, era però una questione di prestigio tanto che si vide costretto, con una sorta di colpo di stato contro la maggioranza neutralista del Parlamento, a respingere le dimissioni di Salandra e accomodare le cose in modo che i deputati non potessero far altro che votare a favore di un conflitto deciso sopra le loro spalle. Tutta la drammaticità e crudeltà del conflitto è specchio dell’ antidemocraticità e dell’andamento esoterico delle trattative. I soldati, privati nelle trincee di qualsiasi tipo di umanità, venivano trattati dal general Cadorna come carne da macello e costretti a combattere con i fucili puntati alla schiena. L’arcivescovo di Padova, Luigi Pelizzo, descrisse la tremenda situazione in una lettera a Papa Benedetto XV: “Ci sono reggimenti che rifiutano di andare avanti e che vengono disarmati. Ci sono altri, spinti avanti dalle armi impugnate, i quali, ad un certo punto, rivolgono le armi contro i carabinieri, mettendoli al suolo a decine, a centinaia!”. Non diverso fu anche il trattamento riservato alla popolazione civile che, nella più
    completa ignoranza di ciò che avveniva al fronte, fu sottoposta ad un
    inflessibile controllo atto a sondare atteggiamenti di “disfattismo”, termine onnicomprensivo equivalente all’odierna accusa di “antisemitismo”. All’indomani di Caporetto, in virtù dell’arbitrio offerto dal decreto Scotto vennero accusati di disfattismo tutti coloro che accennavano velatamente alla futura possibilità di una pace. L’accusa ideologica di disfattismo trascinò in carcere molti vescovi, preti, religiosi e anche semplici fedeli laici. Tra le vittime di questa repressione spietata troviamo persino un prete che consolava il genitore di un soldato caduto in mano agli austriaci e i genitori di una bambina che pregava in Chiesa perché Gesù regalasse pace alla sua terra. Le parole che più sembrano idonee a descrivere sommariamente quello che avvenne in quegli anni sono quelle di Papa Benedetto XV: “Inutile strage”. Ma la strage non per tutti fu inutile: lo scoppio della Prima Guerra Mondiale non fu solamente l’inizio di cinque anni di scontri bensì l’inizio di una Guerra Civile Europea che sarebbe durata un trentennio, insanguinando l’Europa e consegnando definitivamente le chiavi del Fortezza Europa agli Stati Uniti d’America a alla ben nota elitè che li domina.

    A cura della Comunità Antagonista Padana
    Dell'Università Cattolica del Sacro Cuore
    Ultima modifica di Luca; 23-11-12 alle 03:10

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,165
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 24 maggio 1915: una sporca guerra sulla pelle dei popoli


  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,165
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 24 maggio 1915: una sporca guerra sulla pelle dei popoli


  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,165
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 24 maggio 1915: una sporca guerra sulla pelle dei popoli



    Un'immagine della conferenza di formazione militante dell'11 novembre 2008. Davide Canavesi (a destra nella foto), con al fianco i ritratti di Carlo I d'Asburgo e Benedetto XV, ha parlato lungamente degli aspetti politici più rilevanti della prima guerra mondiale (parte iniziale della "guerra civile europea") dalla fine degli imperi tradizionali all'insorgere dei nazionalismi sciovinistici, spesso incoraggiati dalla massoneria internazionale. Una conferenza ricca di suggestioni e di dettagli poco noti come alcune citazioni da autori pur laici come Joseph Roth e Guido Morselli. E' stato ricordato l'impegno di Papa Benedetto XV per una rapida conclusione del conflitto e lette alcune relazioni dei vescovi veneti sullo sfacelo dell'esercito di Cadorna nel 1917. Alle spalle del tavolo del relatore campeggiava uno stemma dell'impero austro-ungarico, dipinto a mano in questi giorni da alcuni militanti della Cap, oltre ad alcune fotografie dell'imperatore Francesco Giuseppe e del Kaiser Wilhelm II. Alla fine è stato suonato In memoriam l'inno "Serbi Dio l'austriaco regno"
    Ultima modifica di Luca; 23-11-12 alle 03:10
    Guelfo Nero likes this.

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Cermenate (CO)
    Messaggi
    22,609
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Cermenate (CO)
    Messaggi
    22,609
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 4 novembre 1918: ricordando l'Inutile Strage

    Papa Benedetto XV definì la guerra "un'inutile strage" e "suicidio dell'Europa"; i cattolici intransigenti furono tra i pochi non interventisti. Testo dell'esortazione apostolica "Dès le début":
    Esortazione Apostolica Dès le début

  7. #7
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 4 novembre 1918: ricordando l'Inutile Strage

    Finis Europae, il crollo - anche se avvisaglie vi erano già state precedentemente - dello jus publicum europaeum con le nefaste conseguenze che ne seguirono (durante il conflitto, in sede di trattati di pace e successivamente più in generale nello scenario internazionale e nel campo della limitazione del fenomeno bellico).

    Quanto ai fatti, che dire, se non rimarcare l'ennesima giravolta dopo la parola data, i patti stracciati nel segreto delle riunioni con i londinesi, una guerra fratricida europea che spazzò via in un solo colpo l'Impero tedesco, l'Impero austro-ungarico e l'Impero zarista certificando così sulle loro macerie il declino della grande vecchia Europa. Insomma, nulla di cui andare particolarmente fieri.
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  8. #8
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 4 novembre 1918: ricordando l'Inutile Strage







    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  9. #9
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    19 Sep 2005
    Località
    Oggiono (LC)
    Messaggi
    19,165
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 4 novembre 1918: ricordando l'Inutile Strage

    Grazie di cuore, Berghem.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. 4 novembre 1918 - 4 novembre 2012
    Di Bisentium nel forum Destra Radicale
    Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 16-11-12, 09:09
  2. 4 Novembre: cosa resta dell'inutile strage
    Di l'inquirente nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 12-11-11, 19:15
  3. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 06-11-08, 11:43
  4. 4 novembre 1918 - 4 novembre 2006: ricordiamo la vittoria!
    Di Orazio Coclite nel forum Destra Radicale
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 10-11-06, 16:48
  5. 4 novembre 1918
    Di Penelope (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07-11-03, 23:16

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226