User Tag List

Pagina 25 di 63 PrimaPrima ... 1524252635 ... UltimaUltima
Risultati da 241 a 250 di 628
  1. #241
    Viva la piadina!!!
    Data Registrazione
    20 Nov 2009
    Località
    Miami, FL, USA
    Messaggi
    86,095
     Likes dati
    1,355
     Like avuti
    7,428
    Mentioned
    369 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Focus - Fine del predominio del dollaro.

    Emerging Markets Snap Up Cheap Dollars to Build Reserves

    By Andrea Wong and Andrea Jaramillo May 14, 2014 33 AM ET 4 Comments Email Print


    Save



    Photographer: Dhiraj Singh/BloombergForeigners increased their Indian holdings by 21 percent this year, spurring a 3.6...Read More

    Related


    Nations from Colombia to Indonesia are taking advantage of the longest emerging-market currencies rally since 2009 to pile up record reserves, bolstering their ability to fend off the next foreign-exchange crisis.
    The 12 developing nations with the biggestforeign reserves outside of China added $34 billion in the past three months, lifting their combined holdings to $2.98 trillion on April 30, the most since Bloomberg began compiling the data in 2008. A gauge of 20 emerging-market currencies is recovering after tumbling in February to the lowest level since April 2009.
    “It makes sense to make hay while the sun’s shining, as they may have used up some reserves,” Clyde Wardle, a strategist at HSBC Holdings Plc, said in a phone interview from New York on May 8.
    Emerging-market reserves were depleted by $22 billion in January alone as nations fended off currency speculators to tackle the fallout from the Federal Reserve cutting bond-buying and global political and financial instability. Since then, the currencies gauge has rallied 5 percent from the February low, with policy makers now buying dollars to temper the gains, which make exports more expensive, while giving themselves more resources to help curb selloffs in the future.
    ‘Under Pressure’

    Bloomberg’s index of 20 major emerging-market currencies fell 3 percent in January in the worst start to a year since 2009, in a rout sparked by events ranging from the Fed’s decision to start pulling back on stimulus to a slowdown in Chinese manufacturing and the devaluation of Argentina’s peso. Turkey and South Africa sought to stem a run on their currencies by raisinginterest rates.
    Of the dozen biggest reserve holders among developing economies, India, Indonesia and Turkey boosted their holdings the most as government efforts to tame volatility and narrow current-account deficits succeeded in luring back overseas investors.
    “Some countries where reserves seemed to be under pressure, like India and Indonesia, have recovered,” Alan Ruskin, the global head of Group-of-10 foreign exchange at Deutsche Bank AG in New York, said in a May 7 phone interview.
    Overseas Investors

    India’s coffers expanded 7.6 percent since the end of January through yesterday to $285 billionafter touching a three-year low of $247 billion in September. Indonesia’s reserves gained 4.9 percent and Turkey’s rose 4.1 percent.
    The reserve pools have expanded as global investors returned to buying the nations’ assets. Foreigners hold record amount of Indonesian local-currency bonds, while they increased their Indian holdings by 21 percent this year, spurring a 5.5 percent surge in the rupiah versus the U.S. currency and a 3.6 percent rise in the rupee.
    Net overseas purchases of Turkish debt were $697 million this quarter, trimming net selling this year to $2.9 billion. The lira has climbed 4 percent versus the dollar in 2014.
    China, not included in the reserves index because its size would skew results, boosted foreign reserves by $126.8 billion in the first quarter to a record $3.95 trillion.
    Russia has been an exception among developing economies, depleting its reserves to stem losses in the ruble triggered by the country’s escalating conflict with neighboring Ukraine.
    Putin Pressure

    Bank Rossii sold $24.7 billion and 2.5 billion euros ($3.4 billion) in the past two months as international sanctions against officials including President Vladimir Putin prompted investors to pull money from Russia.
    The ruble has weakened 5.2 percent this year against the dollar, the worst performance after Argentina’s peso among 24 emerging-markets currencies tracked by Bloomberg.
    “For the medium term, reserve depletion is an important risk to watch,” Jacob Nell, a London-based economist at Morgan Stanley, said in an e-mail on May 12.
    For countries that rely on exports for economic growth, building reserves helps temper currency gains to maintain competitiveness in global markets.
    Colombia saw reserves rise 0.7 percent in March to $41.8 billion, the biggest increase since September, as the peso’s almost 5 percent advance over the past three months allowed it to buy the U.S. currency more cheaply. It’s the fourth best-performer among developing currencies during that period, data compiled by Bloomberg show.
    Buying Time

    The finance ministry of the Andean nation, which exports coal, oil, and coffee, will restart dollar purchases as a competitive exchange rate is “for the benefit of the country,” minister Mauricio Cardenas said on Twitter yesterday.
    In South Korea, where exports account for about half of the $1 trillion economy, foreign-currency reserves climbed to a record $354 billion by the end of March as the central bank said it would move to stabilize the currency if necessary. The won has strengthened 2.5 this year.
    “A very-appreciated currency will in the short term reduce the competitiveness of the local economy -- it’s a logical move to try and take the most of the inflows by adding to international reserves,” Gabriel Gersztein, head of Latam currency strategy at BNP Paribas SA in Sao Paulo, said May 7. “A country with a high level of reserves is a country that’s better prepared to weather any kind of financial crisis.”
    To contact the reporters on this story: Andrea Wong in New York at awong268@bloomberg.net; Andrea Jaramillo in Bogota at ajaramillo1@bloomberg.net
    To contact the editors responsible for this story: Dave Liedtka at dliedtka@bloomberg.netKenneth Pringle, Paul Armstrong


    Emerging Markets Snap Up Cheap Dollars to Build Reserves - Bloomberg
    Globalizzazione..... si grazie.

  2. #242
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
     Likes dati
    2,981
     Like avuti
    2,134
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Focus - Fine del predominio del dollaro.

    Citazione Originariamente Scritto da Elnath Visualizza Messaggio
    Beh a dire il vero qualcosina si capiva già da quello che posti, non c'era bisogno di confermare.
    Al di la del sarcasmo, meglio non lasciare dubbi....... non trovi?
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  3. #243
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
     Likes dati
    11,791
     Like avuti
    6,198
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Focus - Fine del predominio del dollaro.

    Firmato il “contratto del secolo” tra Mosca e Pechino

    © Collage: «La Voce della Russia»


    Le trattative tra Gazprom e la compagnia cinese CNPC, durate alcuni anni, si sono finalmente concluse. Il “contratto del secolo” per la fornitura del gas russo alla Cina è stato firmato a Shanghai in presenza del presidente Putin e del suo omologo cinese Xi Jinping.


    L’amministratore delegato di Gazprom, Aleksej Miller, si è rifiutato di comunicare il prezzo che sarà pagato dalla Cina dicendo che è un “segreto commerciale”. Ha fatto sapere tuttavia che il contratto, che ha la validità trentennale, frutterà alla Russia 400 miliardi di dollari. Ciò permette di supporre che il prezzo per la Cina sarà di circa 350 dollari USA per 1000 metri cubi.
    Le forniture del metano russo alla Cina inizieranno nel 2018. Ogni anno la Cina riceverà 38 miliardi di metri cubi di gas russo. In seguito, come previsto dal contratto, le forniture potrebbero essere aumentate fino a 60 miliardi di metri cubi. Si confrontino queste cifre con il volume delle esportazioni verso Europa, dove quest’anno Gazprom fornirà poco più di 160 miliardi di metri cubi.
    Firmando questo contratto la Russia ha rafforzato le proprie “retrovie”. L’Ucraina, essendo il principale ponte di transito per il gas russo destinato all’Europa, ha più volte ricattato Mosca cercando di aggiudicarsi degli sconti o dei vantaggi politici. Ancora oggi l’ucraina Naftogaz non ha pagato il gas ricevuto dall’inizio di quest’anno. Il suo debito oggi ammonta a più di 3,5 miliardi di dollari. Allo stesso tempo l’Unione Europea sta strumentalizzando la posizione strategica dell’Ucraina per far pressione su Mosca.
    Firmando il contratto del gas Mosca e Pechino hanno fatto dei passi l’una incontro all’altra. La Russia ha proposto di azzerare l’imposta sull’estrazione delle risorse minerarie per i giacimenti che forniranno il gas alla Cina in base al contratto, mentre la parte cinese si è detta disposta a congelare i dazi sull’importazione del gas russo.
    Siccome l’Europa è chiaramente preoccupata dalla svolta orientale della Russia, il primo ministro Dmitry Medvedev, che ha rilasciato una lunga intervista all’agenzia Bloomberg, ha assicurato che le forniture all’Asia non si faranno a scapito dell’Europa. Con Pechino abbiamo svolto le trattative per molti anni e ora si tratta di cooperazione autentica di tipo strategico, destinata a durare per anni e anni, ha detto Medvedev.
    Teniamo molto ai nostri partner europei. Con loro siamo in rapporti da molti decenni. È un mercato prezioso e molto importante, e voglio che lo capiscano tutti. D’altra parte, non possiamo vendere il nostro gas soltanto all’Europa. Il gas ci basta per venderlo anche al mercato asiatico, il più rapidamente crescente del mondo.
    Il lungamente atteso contratto con Pechino è più di un semplice contratto commerciale, crede il capo del dipartimento analitico della società d’investimento Zerih Capital Management, Nikolaj Podlevskih. È un accordo per creare una nuova infrastruttura per l’estrazione e la distribuzione del gas:
    Le forniture di gas in direzione dell’Oriente comportano grandissime spese, enormi investimenti nella costruzione dei gasdotti e delle stazioni di compressione, e anche nello sviluppo dei giacimenti. Queste cose si scrivono comunque sul contratto. Non è un semplice contratto di fornitura, bensì un accordo che prevede anche degli investimenti della Cina nello sviluppo dei giacimenti e nella costruzione dei gasdotti.
    Un altro accordo, non meno importante, raggiunto durante le trattative di Shanghai, riguarda i pagamenti nell’ambito dell’interscambio bilaterale: Russia e Cina aumenteranno la quota dei pagamenti diretti in valute nazionali. Questo meccanismo riguarda non solo il commercio, ma anche gli investimenti e i prestiti bancari.
    Da alcuni ultimi anni la Cina è all’avanguardia degli sforzi per detronizzare il dollaro americano che rimane la principale moneta internazionale. Già da tempo Pechino sta cercando di convincere i suoi partner del gruppo BRICS. La Cina crede che l’uso del dollaro nei pagamenti per le risorse energetiche, in qualità di moneta mondiale, dia agli USA troppi vantaggi infondati. L’accordo raggiunto tra Pechino e Mosca per passare gradualmente all’uso dei rubli e yuan al posto dei “petrodollari” potrebbe accelerare questo processo. Consentirà anche di stabilizzare le valute nazionali.

    In Russia, Nel mondo, Gas, Russia, Cina, Contratto, Economia
    Per saperne di più:
    Firmato il ?contratto del secolo? tra Mosca e Pechino - Notizie - Economia - La Voce della Russia
    Ultima modifica di Metabo; 21-05-14 alle 17:11

  4. #244
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
     Likes dati
    11,791
     Like avuti
    6,198
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Ultima modifica di Metabo; 21-05-14 alle 18:06

  5. #245
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
     Likes dati
    11,791
     Like avuti
    6,198
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Focus - Fine del predominio del dollaro.

    Riporto un commento a mio avviso interessante come contributo alla discussione.... Sarei interessato a sapere cosa ne pensano i c.d. "filo americani" di questa discussione.

    In Ucraina il cannone tuona per salvare l?egemonia del Dollaro | geopolitica-rivista.org



    Quando l’anno scorso di questi tempi, il presidente Vladimir Putin inviò in Cina il patriarca di tutte le Russie Kirill, non poteva prevedere quel che sarebbe accaduto in Ucraina. Oggi di quella sua iniziativa non può che rallegrarsene. Infatti, l’incontro di Kirill con Xi Jinping, che nel novembre 2012 è stato eletto segretario generale del Partito Comunista cinese e nel marzo 2013 è diventato presidente del Paese, si svolse – sarà lo stesso presidente Xi a spiegarne il perché – nel palazzo dell’Assemblea del Popolo in piazza Tienanmen. «Lei è il primo capo religioso in visita ufficiale al nostro Paese», aveva detto salutandolo il presidente Xi. «È una chiara dimostrazione dell’elevato livello e dell’ottima qualità delle relazioni tra i nostri due paesi», aveva aggiunto e, così dicendo, aveva consacrato Kirill alla Storia come il primo rappresentante di una Chiesa cristiana e per di più russa a essere ricevuto con l’ufficialità di un capo di Stato dal presidente della Repubblica Popolare Cinese.E’ anche questo un fatto che aiuta a capire la velocità con cui sta mutando il mondo, tant’è che non a caso l’ex-ministro degli Esteri francese Hubert Vedrine parla di “punizione sado-masochista” che l’Occidente si è inflitto, poiché sanzionando la Russia ha avviato un processo di cambiamenti che gli si ritorcerà contro. Hubert Vedrine non ha dubbi: dalla crisi in Ucraina ne trarrà vantaggio soprattutto la Cina e naturalmente la Russia e con essi il Brasile, l’India e il Sud Africa che insieme costituiscono il BRICS.Si tenga a mente che i Paesi BRICS rappresentano più di un quarto delle terre emerse del mondo, oltre il 40 per cento della popolazione del globo, e il 35 per cento delle riserve valutarie mondiali. Le economie dei cinque paesi BRICS assommano a 12 mila miliardi di dollari, e supereranno quella statunitense – 15 mila miliardi dollari – entro il prossimo anno, come assicurano gli esperti. Anzi, secondo le stime dell’ex economista della Goldman Sachs, Jim O’Neill, entro il 2020 il Pil del BRICS sarà addirittura di 25 mila miliardi di dollari. Questo è il risultato di un’alleanza nella quale ciascun Paese è sostanzialmente differente dall’altro, non soltanto per razza o colore o fede, ma anche per come ciascun Paese del gruppo si amministra. Insomma, nonostante tutto la formula funziona, e l’obiettivo che il gruppo si pone è di rivoluzionare il mercato globale piuttosto che quello regionale o locale. Il che vuol dire, per prima cosa, diversificare le valute di riferimento in modo che il dollaro non sia più l’unica moneta di pagamento a livello mondiale.Il 20 maggio il presidente della Russia Vladimir Putin sarà in visita ufficiale in Cina. Prima tappa a Shanghai per firmare il contratto per la costruzione di un gasdotto dalla Russia alla Cina che è destinato a stravolgere le regole del mercato della energia, poiché le operazioni di compera e vendita non saranno più in dollari bensì nella valute nazionali dei due Paesi. Il successo della visita è scontato, almeno secondo Vladimir Yevseyev, direttore del Centro per gli Studi Socio-Politici russo, quando spiega che «La Cina, vuole comprare non solo il nostro gas naturale, ma anche il nostro combustibile nucleare per alimentare le sue centrali nucleari. Sarà pure rafforzata sensibilmente la cooperazione tecno-militare, saranno create nuove joint venture. Insomma stiamo entrando in un nuovo livello di relazioni».Sicché prendono forma le previsioni di Arvind Subramanian e Martin Kessler del Peterson Institute for International Economics statunitense che disegnano un quadro nel quale la moneta nazionale cinese – il renminbi, il RMB – si rafforza mentre il dollaro s’indebolisce. Essi confermano che il RMB è già la moneta di riferimento in India e in Sud Africa. Poi spiegano che dalla metà del 2010 il RMB ha fatto passi da giganti come valuta di riferimento rispetto al dollaro e all’euro. «Le valute di Corea del Sud, Indonesia, Malesia, Filippine, Taiwan, Singapore e Thailandia ora sono collegate più al RMB che al dollaro. Il predominio del dollaro come moneta di riferimento in Asia orientale è ora limitato a Hong Kong, Vietnam e Mongolia». Pertanto, «Il dollaro e l’euro hanno ancora un ruolo che va ben al di là di quello del RMB, ma tutto sta cambiando a favore della moneta cinese», conclude la relazione di Arvind Subramanian e Martin Kessler.L’accordo che sarà firmato a Shanghai accelererà questa tendenza che, come ho avuto occasione di scrivere, certamente avrà effetti devastanti sui meccanismi economico-finanziari che sostengono lo status di superpotenza degli Stati Uniti. Infatti, l’unico modo che essi da sempre hanno per far sì che il resto del mondo continui ad accettare riserve di dollari sempre più svalutati (dopo la fine della conversione in oro, decisa da Franklin D. Roosevelt e poi confermata da Richard Nixon) è quello di legare indissolubilmente il biglietto verde ad un bene fondamentale per tutte le economie: l’energia. Ogni volta che è venuta meno questa certezza gli Stati Uniti hanno fomentato una crisi: Libia e Egitto, Siria e Afghanistan, Pakistan e Iraq e adesso l’Ucraina – una catena di orrori senza soluzione di continuità.Quest’ansia perversa di salvaguardare il dollaro e con esso il governo dell’America sul mondo sta alimentando in Ucraina uno scontro che coinvolgendo la Russia rischia davvero di mettere in gioco gli equilibri geopolitici dell’intero pianeta. Ne è una conferma tra le tante, il pogrom antirusso di Odessa, con il lancio di molotov, di granate artigianali, di assedi, di incendi e un bilancio di almeno una cinquantina di morti ad opera delle squadre nazistoidi di Pravy Sektor (“Settore Destro”), protette e inquadrate – è risaputo – dalla Cia. Quanto basta per scatenare un conflitto mondiale.Questa caparbia volontà degli Stati Uniti i quali, pur di conservare lo status di superpotenza globale scatenano sanzioni ed embarghi, esercito e marina, droni e blocchi contro quelle nazioni che, a loro insindacabile giudizio, metterebbero a rischio il loro potere, si scontra inevitabilmente con le ambizioni economiche di una Cina la quale non vuole non solo più dipendere dal dollaro, ma è decisa a sbarazzarsi anche di quelli che ha. Il risultato è che le sanzioni statunitensi non producono effetti sulle nazioni che sono partner commerciali della Cina.Così è accaduto con l’Iran del quale la Cina è il primo partner commerciale, come conferma il quotidiano britannico Financial Times. E così accadrà con la Russia di Vladimir Putin. Il quale arriverà il 20 maggio a Shanghai e il giorno dopo a Pechino con tutto il patrimonio energetico, economico, e con il gotha della finanza e dell’imprenditoria russa.Assetata com’è di materie prime, la Cina ha di recente intensificato la sua presenza pure in America Latina, quella che nell’immaginario è da sempre “il cortile degli Usa”. E dunque, con gli Usa impantanati in Ucraina, non poteva scegliere stagione migliore il ministro degli Esteri cinese Wang Yi che ha appena terminato il suo viaggio nel continente sudamericano durante il quale ha visitato Cuba, Venezuela, Argentina e Brasile. A luglio, sarà il presidente Xi Jinping che compirà il medesimo giro e s’incontrerà con Raul Castro, Nicolas Maduro, Cristina Fernandez e Dilma Rousseff. L’occasione è il vertice del BRICS che si svolgerà a Fortaleza, in Brasile appunto dal 15 al 17 di luglio.E’ un appuntamento molto atteso poiché avviene dopo la visita di Putin a Shanghai e l’adozione del rublo e del renminbi anche nel mercato dell’energia. Dopotutto, proprio l’anno scorso in Sud Africa, dove si è svolta l’ultima riunione del BRICS, Brasile e Cina hanno firmato un accordo, per un valore di 30 miliardi di dollari, che consente ai due Paesi di usare le proprie rispettive monete per gli scambi commerciali bilaterali. Il tutto in sintonia con quanto conclamato nel 2009, nello storico primo summit delle economie emergenti riunito in Russia, che si concluse con la dichiarazione congiunta: «Crediamo che sia veramente necessario avere un sistema di divise più stabile (del dollaro statunitense), di facile pronostico e più diversificato».Nel giro di un lustro dalle dichiarazioni i Cinque sono passati ai fatti. Se ne è accorta per prima la Germania che nel marzo scorso si è aggiudicata il titolo di piazza finanziaria dell’eurozona per gli scambi nella moneta cinese. Francoforte diventa l’hub europeo, l’unico autorizzato a regolare le transazioni finanziarie in renminbi cinesi. «E’ un passo importante sulla strada della internazionalizzazione della nostra moneta», ha detto il presidente Xi Jinping ai politici e agli imprenditori di Düsseldorf, durante la sua visita in Germania. A far da fondale ci sono i resoconti annuali dei flussi commerciali tra la Cina (la seconda più grande economia del mondo) e la Germania (la più grande d’Europa), che superano di gran lunga quelli con la Francia, la Gran Bretagna e l’Italia messe insieme.Sicché meglio si capisce il nervosismo, ad ogni sussulto del dollaro, della Federal Reserve Bank, dellelobby finanziarie, dei gruppi di interesse fautori di un globalismo esasperato, e di un capitalismo ferreo. Costoro reagiscono ammassando forze militari e paramilitari ai confini russi in Europa, e nelle acque della Cina in estremo Oriente. Poiché le controversie tra Ucraina e Russia su Crimea e federalismo ucraino diventano un utile pretesto per incoraggiare l’uso della forza, del confronto armato, con lo scopo non ultimo di distrarre l’attenzione da quello che è il loro problema principale: la salvezza del dollaro e con esso dell’impero americano. Su questo l’amministrazione Obama fa quadrato, poco importa se il cannone è tornato a tuonare nel centro dell’Europa. L’impressione è che tuonerà per molto tempo ancora, perché questa maxi intesa tra Cina, Germania e Russia, per non dire dell’accordo energetico monstre in renminbi-rubli tra Putin e Xi, preoccupa gli americani parecchio.

    Vincenzo Maddaloni, giornalista, ha una lunga esperienza d'inviato all'estero. Il suo sito personale è www.vincenzomaddaloni.it

  6. #246
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
     Likes dati
    11,791
     Like avuti
    6,198
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Focus - Fine del predominio del dollaro.

    Guerra economica, Russia e Cina: banche iniziano a non accettare più dollari
    Guerra economica, Russia e Cina: banche iniziano a non accettare più dollari


    Stampa Invia Commenta (1) di: WSI | Pubblicato il 22 maggio 2014| Ora 11:19

    Accordo tra VTB e Bank of China. Mosca continua a smobilizzare Treasuries a livelli record. E punta sull'oro.


    Ingrandisci la foto
    Tonfo delle partecipazioni della Russia in Treasuries Usa.


    NEW YORK (WSI) - La guerra fredda economica Usa-Russia continua. Mosca affila le armi nella sua strategia di annientare il dollaro e il potere degli Stati Uniti, e trova sostegno nella Cina.

    L'asse con Pechino non è solo a parole. VTB Group, la seconda banca russa, ha firmato un accordo con Bank of China, affinché le transazioni vengano pagate in valute nazionali, e non più in dollari.

    "Secondo i termini dell'accordo, le banche puntano a sviluppare la loro partnership in diverse aree, attraverso la cooperazione in transazioni effettuate con rubli e yuan". L'utilizzo delle valute nazionali è contemplato nelle operazioni di "investment banking, di prestiti interbancari, trade finance e mercati di capitali", si legge nel comunicato di VTB.

    Questo, mentre continuano gli smobilizzi scatenati di Treasuries Usa da parte della Russia, pari soltanto nel mese di marzo al record di $26 miliardi, ben il 20% delle sue partecipazioni.

    Mosca preferisce puntare più che altro sull'oro: una conferma è arrivata dalla Banca centrale russa, che ha reso noto che, nel mese di aprile, ha aumentato le sue riserve in oro di 900.000 once, per un valore di $1,17 miliardi. In realtà, in termini di once e di quantità complessiva, l'acquisto incide sulle riserve estere detenute dalla Russia per una percentuale molto bassa, pari allo 0,24%.

    La quantità totale di oro, inoltre, sul totale delle riserve, è di appena il 10%, ben al di sotto della media di altre importanti banche centrali come la Bundesbank, la Banca di Francia e la Fed, superiore al 65%.

    Ma è vero che l'acquisto di quasi 1 milione di once nel mese di aprile rappresenta indubbiamente un aumento della domanda di oro dal momento che, a partire dal 2006, gli acquisti russi sono stati in media di 500.000 once al mese.

    Le riserve di oro sono così cresciute ad aprile a 34,4 millioni di once rispetto a 33,5 milioni di marzo, mentre il valore delle partecipazioni in oro, in data 1° maggio, è aumentato a $44,30 miliardi, contro i $43,36 miliardi del mese precedente.

    Nella settimana terminata lo scorso 9 maggio, il valore complessivo di riserve estere e oro detenuti dalla Russia è rimasto praticamente invariato a $471,1 miliardi. Le riserve sono scese dall'inizio della crisi ucraina ma, secondo gli economisti, rimangono molto alte.

    L'incidenza dell'esposizione verso i Treasuries Usa è decisamente calata. Le partecipazioni sono crollate di quasi $50 miliardi nel periodo compreso tra ottobre 2013 e marzo 2014, ovvero di quasi 1/3 rispetto alle partecipazioni totali della Russia.

    Più della metà degli smobilizzi è avvenuta a marzo, con liquidazioni per $26 miliardi, successive all'imposizione delle sanzioni contro Mosca.

  7. #247
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
     Likes dati
    11,791
     Like avuti
    6,198
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Focus - Fine del predominio del dollaro.

    Il meeting segreto e la cospirazione di Mosca per annientare il dollaro
    Il meeting segreto e la cospirazione di Mosca per annientare il dollaro


    Stampa Invia Commenta (8) di: WSI | Pubblicato il 14 maggio 2014| Ora 12:05

    La Russia non sarebbe sola. Suoi alleati, Cina e Iran. Putin prepara piano diabolico anti Usa.

    Ingrandisci la foto
    Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il presidente russo Vladimir Putin.


    NEW YORK (WSI) - Un meeting segreto, una cospirazione vera e propria per porre fine al dominio, sui mercati valutari globali, del dollaro; una riunione orchestrata dalla Russia, pronta a vendicarsi delle sanzioni che gli Stati Uniti hanno imposto dopo l'apertura della crisi ucraina.

    Stando all'agenzia di stampa Prime, lo scorso 24 aprile il governo russo ha organizzato un incontro, al fine di trovare una soluzione per sbarazzarsi del dollaro Usa negli scambi commerciali.

    Top analisti del settore energetico e bancario e agenzie governative sono state chiamate a partecipare, per valutare una serie di misure in risposta alle sanzioni americane.

    Il meeting - definito in America "de-dollarization meeting" - è stato presieduto dal vice primo ministro della Federazione russa Igor Shuvalov, a conferma della determinazione di Mosca di porre fine all'utilizzo del dollaro. Non è stata certo l'unica riunione.

    Un secondo meeting è stato presieduto dal vice ministro delle Finanze Alexey Moiseev, che successivamente ha riferitpo al canale Rossia 24 che "l'ammontare dei contratti denominati in rubli sarà aumentato" e che nessuno degli esperti e rappresentanti delle banche ha rilevato problemi nel piano del governo di aumentare i pagamenti in rublo negli scambi commerciali.

    Voice of Russia, anche, ha riportato che il Ministero delle Finanze russe è pronto a dare il via libera a un piano che punta a rafforzare il ruolo del rublo nelle esportazioni, riducendo la quota di transazioni che avvengono utilizzando il dollaro.

    Fonti governative riferiscono che il sistema bancario russo è "pronto a gestire il numero in aumento delle transazioni denominate in rubli".

    La Russia ha anche un alleato nel perseguire il suo obiettivo: si tratta dell'Iran e della Cina.

    Fonti citate da Politonline.ru hanno menzionato i due paesi. E già si specula sul fatto che, con la visita a Pechino prevista per il 20 maggio, il presidente Vladimir Putin tenterà di convincere Pechino a siglare i contratti per la fornitura di petrolio e gas in rubli e yuan, e non in dollari.

  8. #248
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    16 Nov 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,898
     Likes dati
    2,981
     Like avuti
    2,134
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Focus - Fine del predominio del dollaro.

    Hai notato METABO, i nostri simpatici compagni di discussione non hanno un cazzo da dire sull'"accordino" siglato tra Russia e Cina e dire che Barroso ieri implorava la Russia di rispettare gli accordi con l'Europa, Europa, vabbè un parolone!!
    AMATIIIIIIIII, PULLOWERRRRRRR, se ci siete, battete un colpo, grassieeeeee
    Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
    Eraclito


    VUOI SAPERE COS'E' L'ANTIFASCISMO? E' non avere cura del Creato, disboscando, inquinando, cementificando tutto nel nome dello Sviluppo.

  9. #249
    Viva la piadina!!!
    Data Registrazione
    20 Nov 2009
    Località
    Miami, FL, USA
    Messaggi
    86,095
     Likes dati
    1,355
     Like avuti
    7,428
    Mentioned
    369 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Focus - Fine del predominio del dollaro.

    Citazione Originariamente Scritto da Ringhio Visualizza Messaggio
    Hai notato METABO, i nostri simpatici compagni di discussione non hanno un cazzo da dire sull'"accordino" siglato tra Russia e Cina e dire che Barroso ieri implorava la Russia di rispettare gli accordi con l'Europa, Europa, vabbè un parolone!!
    AMATIIIIIIIII, PULLOWERRRRRRR, se ci siete, battete un colpo, grassieeeeee

    Caro Ringhio… ci sono altre due discussioni al riguardo… dove Metabo ha avuto la risposta…. vuole un copia incolla? O bisogna ripetere le cose diverse volte?

    Eccola accontentato:

    https://forum.termometropolitico.it/...l#post13524574
    Ultima modifica di Amati75; 22-05-14 alle 15:32
    Globalizzazione..... si grazie.

  10. #250
    Viva la piadina!!!
    Data Registrazione
    20 Nov 2009
    Località
    Miami, FL, USA
    Messaggi
    86,095
     Likes dati
    1,355
     Like avuti
    7,428
    Mentioned
    369 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Focus - Fine del predominio del dollaro.

    Citazione Originariamente Scritto da Metabo Visualizza Messaggio
    Guerra economica, Russia e Cina: banche iniziano a non accettare più dollari
    Guerra economica, Russia e Cina: banche iniziano a non accettare più dollari


    Stampa Invia Commenta (1) di: WSI | Pubblicato il 22 maggio 2014| Ora 11:19

    Accordo tra VTB e Bank of China. Mosca continua a smobilizzare Treasuries a livelli record. E punta sull'oro.


    Ingrandisci la foto
    Tonfo delle partecipazioni della Russia in Treasuries Usa.


    NEW YORK (WSI) - La guerra fredda economica Usa-Russia continua. Mosca affila le armi nella sua strategia di annientare il dollaro e il potere degli Stati Uniti, e trova sostegno nella Cina.

    L'asse con Pechino non è solo a parole. VTB Group, la seconda banca russa, ha firmato un accordo con Bank of China, affinché le transazioni vengano pagate in valute nazionali, e non più in dollari.

    "Secondo i termini dell'accordo, le banche puntano a sviluppare la loro partnership in diverse aree, attraverso la cooperazione in transazioni effettuate con rubli e yuan". L'utilizzo delle valute nazionali è contemplato nelle operazioni di "investment banking, di prestiti interbancari, trade finance e mercati di capitali", si legge nel comunicato di VTB.

    Questo, mentre continuano gli smobilizzi scatenati di Treasuries Usa da parte della Russia, pari soltanto nel mese di marzo al record di $26 miliardi, ben il 20% delle sue partecipazioni.

    Mosca preferisce puntare più che altro sull'oro: una conferma è arrivata dalla Banca centrale russa, che ha reso noto che, nel mese di aprile, ha aumentato le sue riserve in oro di 900.000 once, per un valore di $1,17 miliardi. In realtà, in termini di once e di quantità complessiva, l'acquisto incide sulle riserve estere detenute dalla Russia per una percentuale molto bassa, pari allo 0,24%.

    La quantità totale di oro, inoltre, sul totale delle riserve, è di appena il 10%, ben al di sotto della media di altre importanti banche centrali come la Bundesbank, la Banca di Francia e la Fed, superiore al 65%.

    Ma è vero che l'acquisto di quasi 1 milione di once nel mese di aprile rappresenta indubbiamente un aumento della domanda di oro dal momento che, a partire dal 2006, gli acquisti russi sono stati in media di 500.000 once al mese.

    Le riserve di oro sono così cresciute ad aprile a 34,4 millioni di once rispetto a 33,5 milioni di marzo, mentre il valore delle partecipazioni in oro, in data 1° maggio, è aumentato a $44,30 miliardi, contro i $43,36 miliardi del mese precedente.

    Nella settimana terminata lo scorso 9 maggio, il valore complessivo di riserve estere e oro detenuti dalla Russia è rimasto praticamente invariato a $471,1 miliardi. Le riserve sono scese dall'inizio della crisi ucraina ma, secondo gli economisti, rimangono molto alte.

    L'incidenza dell'esposizione verso i Treasuries Usa è decisamente calata. Le partecipazioni sono crollate di quasi $50 miliardi nel periodo compreso tra ottobre 2013 e marzo 2014, ovvero di quasi 1/3 rispetto alle partecipazioni totali della Russia.

    Più della metà degli smobilizzi è avvenuta a marzo, con liquidazioni per $26 miliardi, successive all'imposizione delle sanzioni contro Mosca.

    "aiuto" la Russia diminuisce i suoi Treasury.. e' la fine del mondo…. questi i titoli dei soliti blogs "doom & gloom"… poi c'e' la realtà :

    http://www.treasury.gov/ticdata/Publish/mfh.txt
    Globalizzazione..... si grazie.

 

 
Pagina 25 di 63 PrimaPrima ... 1524252635 ... UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •