User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo - Cisalpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    8,502
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    97

    Predefinito Quarto oggiaro e la criminalita' meridionale

    Pulce, il piccolo Vallanzasca/2 | Servizio Pubblico

    E la borghesia padaniota fascio leghista (non più pseudo secessionista) se la prende con gli immigrati, con i comunisti e facendo propaganda anti Euro.

    Paura e contatti tra le due fazioni.

    Report L'Arena

    MA CHE BEL PAESE VERO!!
    Ultima modifica di GILANICO; 02-05-14 alle 18:50

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo - Cisalpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    8,502
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    97

    Predefinito Re: Quarto oggiaro e la criminalita' meridionale

    CI AGGIUNGO PURE QUESTA COSA:

    Carmine Schiavone “sbarca” in Germania. Il pentito di Camorra, ex boss del clan dei Casalesi, ha rilasciato una lunga intervista al Der Spiegel, interessato a conoscere i retroscena del traffico di rifiuti dalla Germania all’area nord di Napoli, in quella che oggi viene chiamata Terra dei Fuochi ma che per un lungo periodo è stata una grande pattumiera dove anche i tedeschi “nascondevano” scorie nucleari, naturalmente con il benestare delle organizzazioni criminali. Era il 1997 quando Carmine Schiavone avvisò la Commissione Bicamerale d’Inchiesta: “Gli abitanti del paese rischiano di morire tutti di cancro entro venti anni. Non credo che si salveranno gli abitanti di paesi come Casapesenna, Casal di Principe, Castel Volturno e così via avranno forse venti anni di vita!”. La sua è stata una profezia, vista l’incidenza dei tumori che colpisce l’area a Nord di Napoli.
    Ebbene, nell’intervista allo Spiegel Schiavone afferma: “La mia testimonianza sul traffico di rifiuti tossici è stata secretata da Re Giorgio”. Parla di Napolitano, all’epoca dei fatti Ministro dell’Interno del Governo Prodi, tenuto a secretare la testimonianza visto che era in corso un’indagine. “Tutte le informazioni in mio possesso – ha raccontato Schiavone al giornalista Walter Mayr – le ho date ai funzionari dell’anti Mafia italiana negli anni ’90. In quei documenti era anche scritto il nome di un’azienda intermediaria basata a Milano, che ha giocato un ruolo importante nel trasferimento dal nord al sud. Ma quella parte della mia testimonianza è stata classificata da Re Giorgio, che era ministro dell’Interno”. Lo Spiegel chiede chi ci fosse dietro la società milanese: “Uno dei soci era Paolo Berlusconi” (il quale, però, ha già commentato come “una favola” il racconto del pentito).

    Ma non è tutto. Carmine Schiavone fa i nomi di quattro personaggi che sulla vicenda ebbero – a suo dire – una grande influenza: “Alessandro Pansa, che allora era a capo dello Sco (Servizio Centrale operativo) e adesso è Capo della Polizia; Nicola Cavaliere era con la polizia e fu coinvolto nel caso, sempre secondo il pentito, ora è vice capo dell’Aisi; Giorgio Napolitano, che era primo ministro dell’Interno e incaricato dell’indagini. Oggi è il Presidente della Repubblica del Paese; Gennaro Capoluongo che, secondo Schiavone, era a bordo di un elicottero che faceva un tour delle discariche di rifiuti tossici. Oggi è il capo dell’Interpol in Italia”. E ancora: “La mafia – afferma schiavone – è una parte dello stato. I Casalesi sono un clan statale”. Accuse durissime che il collaboratore di giustizia assicura di poter provare.
    La mafia è una parte dello stato, Schiavone dice, aggiungendo che i Casalesi erano un “clan Stato” e che lo Stato profitto dal business spazzatura, come pure – gravi accuse che egli dice che può dimostrare.L’ex mafioso apre la porta in una stanza dove tiene scatole di documenti, scava nelle carte e inizia a fare nomi, date e luoghi.
    Al termine dell’intervista Schiavone racconta anche: “Avevamo dei nostri uomini in Germania che avevano contatti con i politici tedeschi. Anche grazie a loro i rifiuti, anche nucleari, sono arrivati alla società milanese. Il materiale radioattivo è stato consegnato in contenitori di piombo lunghi circa 50 centimetri sepolti a 20 metri di profondità. Ma la sonda che è stata utilizzata per le misurazioni è andata solo a sei metri”.

    Carmine Schiavone: ?Fusti di scorie nucleari sepolti 20 metri sotto terra? | Fanpage

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226