User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree1Likes
  • 1 Post By novis

Discussione: Morto Emilio Riva

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,653
    Mentioned
    44 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Morto Emilio Riva

    Morto Emilio Riva, imprenditore dell'acciaio e proprietario dell'Ilva di Taranto

    di Paolo Bricco30 aprile 2014Commenti (4)






    Con Emilio Riva se ne va uno degli ultimi grandi vecchi della siderurgia italiana. Prima, il 26 agosto 2013, Luigi Lucchini. Poi, il 10 settembre 2013, Steno Marcegaglia. Adesso tocca al "ragiunatt", il ragioniere che seppe farsi re dell'acciaio. Un mondo è dunque al tramonto. Il mondo della manifattura italiana del Novecento. Qualcosa che, comunque si risolva l'enigma dell'Ilva oggi commissariata da Enrico Bondi, è ormai finito. Cose del secolo scorso, che però ci definiscono nella nostra identità di Paese industriale oscillante fra la nostalgia di un secolo troppo breve e la tensione verso un futuro in cui tutto – anche la nostra collocazione nelle mappe del capitalismo globale – sta cambiando. Dagli anni Dieci e, poi, soprattutto dal secondo dopoguerra, l'Italia si è trasformata – con una violenta vitalità e un disordine metodico – in un Paese ad alto tasso di industrializzazione. Questo processo di crescita si è nutrito di acciaio.
    L'Italia, con la sua economia di trasformazione, ha avuto dunque una componente essenziale nella siderurgia pubblica di matrice Iri e nella siderurgia privata (prima i "baroni", dai Falck agli Orlando, quindi gli outsider come Riva e Marcegaglia). Ora è davvero tutto cambiato. La morte di Emilio Riva rappresenta l'epilogo personale di un finale di partita che, per l'economia e la società italiana, avrebbe potuto essere di caratura diversa. Sì, perché la parabola del gruppo Riva e la vita di Emilio saranno segnate per sempre dall'acquisizione – durante la campagna di privatizzazioni dell'Iri nel 1994 – dell'Italsider, che permetterà al gruppo di compiere un salto dimensionale tale da farne un protagonista internazionale, e dai guai giudiziari che scaturiranno dal problema ambientale di Taranto. Guai giudiziari che, per Emilio, si tradurranno in un lungo periodo di arresti domiciliari. Taranto rappresenta davvero il punto in cui ogni cosa – nella storia italiana – è andata male.

    ARTICOLI CORRELATI








    L'economia pubblica ha mostrato appieno, in quella città, la sua forza devastatrice. L'impatto ambientale, soprattutto nei vent'anni compresi fra il 1974 del raddoppio dello stabilimento (da 5 a 10 milioni di tonnellate di capacità produttiva all'anno) e il 1994 della privatizzazione, è stato durissimo e nessuno, a Roma, si è mai curato dei suoi effetti. I partiti hanno occupato militarmente posizioni su posizioni della vecchia Italsider. I ceti politici locali sono cresciuti attaccati al seno dell'acciaieria, lavoro e consenso, squilibri finanziari e scarsa redditività industriale effettiva, fumi neri nell'aria e il quartiere di Tamburi che cresceva a ridosso dell'acciaieria, quando i Riva nemmeno erano mai andati in vacanza a Taranto. Allora si chiamava Prima Repubblica. E, a Taranto, i sindacati mostravano tutta la loro capacità collusiva, forma estrema del consociativismo italiano. Poi sono arrivati i Riva. I quali hanno trasformato il rottame in un gioiello. L'impianto ha raggiunto livelli di produttività e di efficienza assai rilevanti. Produttività, appunto. Efficienza (industriale), appunto. Gli investimenti nell'acciaieria sono stati indirizzati soprattutto al miglior funzionamento e, in parte minore, al rimedio di una condizione ambientale che lo Stato inquinatore aveva lasciato in condizioni al limite dell'incurabilità. Il tutto con una serie di metodi duri e padronali che all'inizio sono stati essenziali per riordinare il caos anarcoide di Taranto. Ma che, poi, si sono rivelati uno spesso diaframma fra la fabbrica e la città, i Riva e i tarantini. Un diaframma inutile e irrazionale, soprattutto quando ha cominciato a delinearsi, con tutta la sua forza, il tema ambientale. Una questione che i Riva avrebbero dovuto affrontare con metodi più ragionevoli e sistemici rispetto a quelli invece adottati, rozzi e da spicciafaccende.
    Quando la magistratura – ordine che nella constituency italiana è sistematicamente chiamato a risolvere complessi problemi sistemitici disponendo soltanto dell'unilateralità dei codici - ha incominciato ad operare come un chirurgo convinto che l'Ilva fosse un tumore da estirpare e basta, Emilio Riva si è trovato avvolto da tutta questa rete. Prima a casa sua, ai domiciliari. Poi, su un letto di ospedale.

    http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&...65788261,d.bGE



    E' morto qualche giorno fa uno degli ultimi impenditori padani dell'acciaio..perseguitato dalla magistratura itagliana, espropriato e infine ridotto in ospedale....
    Posto qui questa triste notizia, perchè solo qui e al massimo sul forum della Lega la cosa può essere sentita in modo giusto
    Ultima modifica di novis; 03-05-14 alle 21:18
    Juv likes this.
    Gladstone: " Se il popolo d'Inghilterra avesse dovuto attendere le libertà dal ricorso ai mezzi legali, esso le aspetterebbe ancora"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,776
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Morto Emilio Riva

    Grazie per la considerazione a nome del forum, credo.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226