User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20

Discussione: La sinistra degli snob

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    10,522
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    10

    Thumbs up La sinistra degli snob

    Respingimento.

    Su questa parola altamente evocativa gli animi si stanno dividendo. Da una parte il ministro dell’Interno Maroni e la Lega, orgogliosi che l’Italia sia riuscita - per la prima volta - a impedire a diverse imbarcazioni cariche di migranti di raggiungere illegalmente le nostre coste.

    Dall’altra la Chiesa, le organizzazioni umanitarie e ieri anche il Consiglio d’Europa.

    Preoccupati che fra i migranti vi possano essere persone che, una volta sbarcate in Italia, avrebbero chiesto e ottenuto asilo politico.

    In mezzo, su posizioni leggermente meno estreme, si collocano i nostri due maggiori partiti, il Popolo della libertà e il Partito democratico, il primo tentato di inseguire la Lega (nonostante i distinguo di Fini), il secondo tentato di inseguire la Chiesa (nonostante i distinguo di Fassino).

    Che i partiti di governo, nonostante qualche timido mugugno, plaudano all’azione del ministro dell’Interno è del tutto naturale.

    La sicurezza è uno dei punti chiave del programma del centro-destra, e sarebbe strano che il «respingimento» dei barconi nei porti di partenza non fosse salutato con un sospiro di sollievo.

    Quel che a me pare invece meno scontato è l’accanimento con cui il Pd e il suo neosegretario da tempo combattono qualsiasi idea venga partorita dal ministro Maroni.

    Non solo non mi pare né ovvio né normale, ma mi pare estremamente interessante, per non dire rivelatorio.

    L’ostinazione con cui la sinistra respinge al mittente qualsiasi proposta concreta in materia di sicurezza, senza essere minimamente sfiorata dal dubbio di aver torto, ci fornisce una preziosa radiografia dei suoi mali.

    L’astrattezza, prima di tutto.

    Astrattezza vuol dire non voler vedere la dimensione pratica, concreta, materiale di un problema.

    Se non fossero ammalati di astrattezza i dirigenti del Pd capirebbero che il problema dell’Italia è che attira criminalità e manodopera clandestina più degli altri Paesi perché non è in grado di far rispettare le sue leggi, e che l’unico modo di scoraggiare l’immigrazione irregolare è di convincere chi desidera entrare in Italia che può farlo solo attraverso le vie legali.


    A questo serve il «respingimento», ma a questo serviva anche la norma che prolunga da 2 a 6 mesi la permanenza nei centri di raccolta degli immigrati (i vecchi Cpt, ora ridenominati Cie), una norma necessaria ma ottusamente combattuta dall’opposizione.

    Senza il respingimento (in mare) i trafficanti di immigrati continuerebbero a scaricarli sulle nostre coste, senza il prolungamento dei tempi di permanenza (nei Cie) l’identificazione sarebbe perlopiù impossibile, e continuerebbe la prassi attuale, per cui il clandestino viene trattenuto qualche settimana e poi rimesso in circolazione senza possibilità di riaccompagnarlo in patria.

    Io capisco che si possano avere seri dubbi sulle cosiddette ronde, o sui medici-spia (denuncia dei malati clandestini) o sui presidi-spia (denuncia dei genitori clandestini di bambini accolti nelle nostre scuole), e io stesso ne ho molti.

    Ma non capisco il rifiuto pregiudiziale di provvedimenti di puro buon senso, la cui unica funzione è di ristabilire quello che tutti i governi degli ultimi vent’anni avevano sbriciolato, ossia un minimo di deterrenza.

    Tra l’altro questo è uno dei pochi punti fermi degli studi sulla lotta al crimine: minacciare pene più severe serve pochissimo, quel che serve è rendere credibile la minaccia.


    Ma non c’è solo astrattezza, c’è anche molta presunzione, per non dire molto snobismo.

    Lo sa il segretario del Pd che la maggior parte degli italiani approva l’azione del ministro Maroni?

    Sì, probabilmente lo sa, ma si racconta la solita fiaba autoconsolatoria. Gli italiani non sono quelli di una volta, Berlusconi li ha rovinati, la Lega li ha incattiviti, noi politici illuminati non possiamo farci guidare dai sondaggi, noi dobbiamo riforgiare le coscienze, corrotte e intorpidite da vent’anni di berlusconismo.


    E’ la solita storia: «alla sinistra non piacciono gli italiani», come scrisse fulmineamente Giovanni Belardelli quindici anni fa, allorché la «gioiosa macchina da guerra» di Occhetto, sconfitta e umiliata, non si capacitava che un rozzo imprenditore lombardo avesse potuto sconfiggere una classe politica colta e raffinata qual era quella del vecchio Pci.

    E qui si arriva all’ultimo e più grave male della sinistra, la sua distanza dai problemi delle persone normali, specie se di modeste origini o di modesta cultura.

    Quando si parla di criminalità, di sicurezza, di immigrazione clandestina, nella gente c’è certamente anche molto cattivismo gratuito, molta insofferenza, molta intolleranza.

    Ma una forza politica dovrebbe sapere che i cattivi sentimenti non vengono dal nulla, e quelli buoni hanno talora origini imbarazzanti.

    L’insofferenza verso gli immigrati è più forte nei ceti popolari perché è nei quartieri degradati che la sicurezza è un problema grave; ed è innanzitutto per chi non ha grandi risorse economiche che la concorrenza degli stranieri per il posto di lavoro e per servizi pubblici può diventare un problema serio.

    L’apertura verso gli stranieri, il sentimento di solidarietà, l’attitudine a tutti accogliere albergano invece in quelli che lo storico inglese Paul Ginsborg ha battezzato i «ceti medi riflessivi», e raggiungono l’apice fra gli intellettuali, dove - soddisfatti i bisogni primari - ci si può dedicare all’arredamento della propria anima: chi ha un lavoro gratificante e un buon reddito, chi può permettersi di vivere nei quartieri migliori di una città, chi non deve combattere per un posto all’asilo o per una prenotazione in ospedale, può coltivare più facilmente un sentimento di apertura.

    Insomma, l’insofferenza degli uni è spesso frutto dell’emarginazione, il solidarismo degli altri è spesso frutto del privilegio.

    Possibile che la sinistra, che pure continua a dire di voler rappresentare gli umili, non riesca a rendersi conto del paradosso?


    Ma forse in questi giorni assistiamo anche, lentamente, quasi impercettibilmente, a uno smottamento.

    Nel Pd qualche timida voce di concretezza e di pragmatismo si è pur fatta sentire: prima Fassino, poi Parisi, poi Rutelli.

    Speriamo che non siano rapidamente sopraffatti dalla forza del passato, dai tanti luoghi comuni che essi stessi hanno alimentato e che ora frenano il cambiamento.


    http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tm...ione=&sezione=

    hefico:

    iaociao:iaociao:

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Libre Penseur
    Data Registrazione
    10 Apr 2009
    Località
    Torino
    Messaggi
    1,548
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La sinistra degli snob

    L'articolo in questione mi trova spesso d'accordo e rafforza la mia equidistanza....

    (Il mio accanirmi con il PDL infatti non nasce da un mio presunto sinistrismo quanto dall'inutilità di attaccare sti radical chic che passano il tempo a parlarsi addosso.... fan da soli...)

    Per il buddismo zen, quando ci si trova davanti ad un’alternativa binaria, a possibilità di risposte solo dualistiche, bisogna passare oltre...

  3. #3
    Agente provocatore.
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    73,362
    Mentioned
    159 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    19

    Predefinito Ecco qui la sinistra snob!

    http://www.la7.it/approfondimento/de...ficando&video=

    Che poi, per carità, anche io preferisco questo tipo di umorismo, ma farne un elemento qualificante ...

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Europa Nazione
    Messaggi
    5,751
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La sinistra degli snob

    :giagia:
    PER L'EUROPA NAZIONALE, CATTOLICA, REPUBBLICANA, POPOLARE
    Unica speranza per noi cittadini e lavoratori poveri è un vero governo di destra, che ripristini il potere di governo, riorganizzi l'economia, diffonda moralità, legge ed ordine. \o

  5. #5
    Super Troll
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Messaggi
    55,909
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Ecco qui la sinistra snob!

    Citazione Originariamente Scritto da THE MATRIX Visualizza Messaggio
    http://www.la7.it/approfondimento/de...ficando&video=

    Che poi, per carità, anche io preferisco questo tipo di umorismo, ma farne un elemento qualificante ...
    Ma dove lo hanno "rubato" un simile commentatore?

    Le battute scritte per essere interpretate dal presidente verde degli Stati Falliti non sono tutte divertentissime, ma lui, il "nostro è
    troppo strong, nonostante non gli riesca di "bucare il video".

    Gli basta fare una pastrugnata di antiberlusconismo e antileghismo spicciolo per mantenere la famiglia, confidando sulle frustrazioni di una sinistra allo sfascio, senza programma, senza leader, senza militanti.

    Ma va, va, va...

  6. #6
    Liberale
    Data Registrazione
    12 May 2009
    Messaggi
    14
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La sinistra degli snob

    Vaime è un coacervo di banalità e ipocrisia.
    Ma il bello è che più parlano più aumentano i voti del centrodestra.

  7. #7
    Agente provocatore.
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    73,362
    Mentioned
    159 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    19

    Predefinito Riferimento: Ecco qui la sinistra snob!

    Citazione Originariamente Scritto da ugolupo Visualizza Messaggio
    Ma dove lo hanno "rubato" un simile commentatore?

    .
    L'Enrico è un ex di lotta continua come Sofri e Lerner e tanti altri. Ma l'altro giorno, sempre in quel programma, commentava l'iniziativa del capo dello stato sulla questione pinelli. Vaime spiega che il processo condotto da d'ambrosio ora parlamentare non aveva condotto a nulla e quindi non si poteva dire che era stato assassinato. Poi aggiunge che analogamente non era chiaro cosa fosse capitato a Calabresi. Ma qui non fa cenno nè del processo nè della confanna a Sofri. Si censura da solo. Alcune cose che non gli piacciono non riesce proprio a considerarle.

  8. #8
    Agente provocatore.
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    73,362
    Mentioned
    159 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    19

    Predefinito Riferimento: La sinistra degli snob

    Citazione Originariamente Scritto da Wilbur Walsh Visualizza Messaggio
    Vaime è un coacervo di banalità e ipocrisia.
    Ma il bello è che più parlano più aumentano i voti del centrodestra.
    E che vuoi fare? Succede, basta solo saperlo.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 Jun 2004
    Messaggi
    16,607
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La sinistra degli snob

    articolo spettacolare.

    questa parte poi è pura poesia:

    --
    L’apertura verso gli stranieri, il sentimento di solidarietà, l’attitudine a tutti accogliere albergano invece in quelli che lo storico inglese Paul Ginsborg ha battezzato i «ceti medi riflessivi», e raggiungono l’apice fra gli intellettuali, dove - soddisfatti i bisogni primari - ci si può dedicare all’arredamento della propria anima:
    --

    sublime. :giagia:

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    10,522
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    10

    Thumbs up Riferimento: La sinistra degli snob

    Citazione Originariamente Scritto da italoconservatore Visualizza Messaggio
    articolo spettacolare.

    questa parte poi è pura poesia:

    --
    L’apertura verso gli stranieri, il sentimento di solidarietà, l’attitudine a tutti accogliere albergano invece in quelli che lo storico inglese Paul Ginsborg ha battezzato i «ceti medi riflessivi», e raggiungono l’apice fra gli intellettuali, dove - soddisfatti i bisogni primari - ci si può dedicare all’arredamento della propria anima:
    --

    sublime. :giagia:
    ...Luca Ricolfi nella sua lucidità ed onestà intellettuale spesso sembra una vera "quinta colonna" del PD...

    hefico:

    ...un grande peccato non essere riusciti a candidarlo alle politiche con noi...

    :giagia:

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 14-01-11, 12:47
  2. Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 24-02-10, 23:13
  3. Dove studiano i figli degli snob di sinistra?
    Di APOL nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 135
    Ultimo Messaggio: 27-10-08, 18:16
  4. J'suis snob
    Di tolomeo nel forum Hdemia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-02-07, 00:23
  5. Fascisti snob...
    Di Hogan nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-09-03, 20:48

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226