User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,423
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Il consiglio regionale approva referendum indipendenza

    Il consiglio regionale approva referendum indipendenza - Veneto - il Mattino di Padova


    La legge che lo indice passa con 30 favorevoli (Lega e una parte di Forza Italia), 12 contrari (Pd), 3 astenuti


    VENEZIA. Il giorno dopo aver votato la legge che dà mandato al presidente Zaia di negoziare con il governo l’indizione di un referendum sull’autonomia differenziata, il Consiglio regionale del Veneto – a maggioranza e con voto nominale – ha detto ‘sì’ all’indizione di un referendum sull’indipendenza, per chiedere ai veneti se sono favorevoli a fare del Veneto una “Repubblica indipendente e sovrana”. Ma con divisioni trasversali agli schieramenti e alla singole forze politiche.

    A votare a favore del referendum ‘indipendentista’, proposto daStefano Valdegamberi (ex Udc ora Futuro Popolare) e dal gruppo consiliare della Lega, sono stati 30 consiglieri su 45 votanti: oltre al gruppo leghista (presente al gran completo con il presidente Luca Zaia), a Valdegamberi e a Gustavo Franchetto di Futuro popolare, hanno detto ‘sì’ Diego Bottacin, Giovanni Furlanetto, Santino Bozza e Sandro Sandri del gruppo misto, Mariangelo Foggiato di Unione Nordest, Leonardo Padrin, Davide Bendinelli e Remo Sernagiotto di Forza Italia, Maria Luisa Coppola di Forza Italia per il Veneto, Costantino Toniolo, Clodovaldo Ruffato del Nuovo centrodestra.


    Dodici i contrari: nove consiglieri del Partito Democratico, Antonino Pipitone e Gennaro Marotta di Italia dei Valori e Moreno Teso di Forza Italia. Tre gli astenuti: Giancarlo Conta e Carlo Alberto Tesserin (Ncd) e Raffaele Grazia di Futuro Popolare. Dario Bond, Piergiorgio Cortelazzo, Elena Donazzan e Massimo Giorgetti, esponenti di Forza Italia per il Veneto, Nereo Laroni del Nuovo centrodestra e Mauro Mainardi di Forza Italia, non hanno partecipato al voto. Non ha partecipato al voto nemmeno Piero Ruzzante (Pd), uscito dall’aula. Pietrangelo Pettenò della Federazione della Sinistra veneta,pur rimanendo in aula, ha scelto di non votare.

    Ecco come hanno votato i consiglieri uno per uno.


    Il Consiglio regionale ha detto così l’ultima parola sul travagliato argomento della consultazione referendaria per un Veneto indipendente, dopo aver impegnato sul tema sei sedute nel giro di due anni: sfidando i rischi di una possibile impugnativa per illegittimità costituzionale o, come teme qualche giurista, addirittura delloscioglimento per ‘atti contrari alla costituzione’.

    L’assemblea legislativa del Veneto ha stabilito di indire il referendum entro sei mesi, in una data che sarà individuata con apposito provvedimento,chiamando al voto tutti i cittadini residenti in Veneto (bocciata la richiesta di IdV di far votare anche i veneti residenti all’estero). Il risultato sarà considerato valido se avranno votato la metà più uno degli aventi diritto. I costi della consultazione (quantificabili nell’ordine dei 14 milioni di euro) saranno sostenuti con erogazioni liberali e donazioni da parte di cittadini e imprese (Foggiato aveva proposto di destinare il 5 per mille dell’Irpef pagata dai veneti).


    “Finalmente ci siamo, dopo mesi, anzi anni”, ha esultato Mariangelo Foggiato (Unione Nordest) – Le generazioni future vi ringrazieranno per quello che oggi state facendo”. “Oggi si consuma una pagina nera per la vita della Regione e di questo Consiglio – gli ha fatto da contraltare Lucio Tiozzo, capogruppo del Pd – questo voto approfondisce il distacco politico del Veneto dal resto del Paese e segna il fallimento di una linea politica condotta senza soluzione di continuità dal centrodestra e dalla Lega”.

    Per Tiozzo la strada “cieca” del referendum è solo una mossa elettorale, che non aiuta a “costruire il nuovo Veneto”: “Questa è una sconfitta delle forze moderate presenti nella maggioranza – ha concluso – e della capacità di leadership della classe politica veneta”. Di “corsa al facile consenso” e di “falsa soluzione” ha parlato Gennaro Marotta (Italia dei Valori) che ha evidenziato la contraddizione tra il via libera al referendum indipendentista e il mandato dato ierial governatore del Veneto a negoziare con il governo nazionale una maggiore autonomia.

    Marotta, inoltre, ha chiesto che si renda pubblico e trasparente il nome di chi sottoscriverà erogazioni liberali e donazioni per sostenere l’onere del referendum.

    Per il proponente Stefano Valdegamberi il via libera al referendum “apre la strada a un nuovo futuro per il Veneto che si sente già regione europea”, in un’Europa federale dei popoli e non degli Stati, e non è più disponibile “a sobbarcarsi il peso di un sistema inefficiente e borbonico”. “Sarò contento di essere imprigionato per tutelare la libertà di pensiero e di espressione delle persone – ha concluso – mi preoccuperei al contrario di finire in carcere per ruberìe e corruzione”.

    Per Giovanni Furlanetto, consigliere del gruppo misto ed esponente di ‘Prima il Veneto’, il referendum “andrà a riscattare il vulnus storico del plebiscito del 1866 che segnò l’annessione forzosa del Veneto all’Italia”.

    Pietrangelo Pettenò (Federazione della Sinistra veneta) ha definito il referendum “una presa in giro” che non darà risposta alle attese dei veneti e ha criticato l’incertezza aleatoria della norma finanziaria, affidata alle libere offerte di cittadini e imprese. “Uno degli effetti di questo voto – ha preconizzato Moreno Teso (Forza Italia), spiegando il proprio voto contrario, in dissenso rispetto al proprio gruppo – sarà l’esodo di quella ventina di comuni di confine che, in base al voto espresso dai propri cittadini, hanno chiesto di staccarsi dal Veneto e di passare nella regione confinante, Trentino o Friuli”.

    “Non abbiamo votato una legge che dichiara l’indipendenza del Veneto, ma una legge che autorizza una consultazione referendaria. E il ricorso a questo strumento è azione legittima e democratica, sarebbe antidemocratico e illegale negare ai veneti il diritto di esprimersi sul proprio destino”, ha ribadito Paolo Tosato, a nome del gruppo della Lega Nord, confermando il pieno sostegno all’indizione del referendum. “Negli ultimi cinque anni il Veneto è molto cambiato – ha rilevato Remo Sernagiotto (Forza Italia), neoeuroparlamentare – approvando questo referendum diamo avvio a un percorso politico che avrà ripercussioni anche in Europa. Con questo referendum indurremo anche altre parti d’Italia a riflettere sul proprio destino e solleciteremo la stessa Europa ad affrontare la specificità delle realtà locali”.
    Ultima modifica di Maxadhego; 12-06-14 alle 20:05

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226