User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    24,673
    Mentioned
    369 Post(s)
    Tagged
    27 Thread(s)

    Predefinito «Trattati da reinterpretare»

    Economista francese, intellettuale controcorrente, Jean-Paul Fitoussi in questa intervista insiste sull'urgenza di una svolta nella politica economica europea: la dottrina tedesca alla lunga non è sostenibile nemmeno per la Germania. Ci vuole un'interpretazione più flessibile dei Trattati Ue e gli altri leader Ue devono trovare insieme la forza di imporla. Per il bene di tutti. E dell'Europa.
    Derive nazionaliste ed euroscettiche in aumento, monocultura tedesca sempre più dominante anche perché le altre latitano, asse Merkel-Hollande in profonda crisi, frattura Nord-Sud e diseguaglianze in aumento, solidarietà ai minimi, dialogo tra paesi Ue quasi nullo, ripresa fragilissima, disoccupazione alle stelle: dove va questa Europa?
    L'Europa si è fatta togliendo competenze a Stati membri. Che hanno accettato in cambio di qualcosa di simile al federalismo e di rapporti di forza più equilibrati. Poi c'è stata un'accelerazione della storia con l'allargamento piuttosto che con l'approfondimento. È successo dopo la creazione della monete unica e ha segnato la fine dell'Europa federalista. Che era possibile a 10-12 paesi, non a 28.

    Vuol dire che nell'allargamento a Est sta l'origine della crisi?
    No, ma è una delle ragioni. Un'altra è la corsa al liberalismo, il marchio di fabbrica dell'Europa. Strada facendo però si è perso un potere politico forte in grado di correggerne accelerazioni e storture eccessive.
    Risultato?
    Si sono prese alle lettera le regole del liberalismo: deregulation, moneta unica con il solo obiettivo dell'inflazione minima e pareggio di bilancio. Queste regole sono state scolpite nei Trattati e nelle Costituzioni: e così, per la prima volta al mondo, sono entrate nelle politiche correnti. Siccome i Trattati europei prevalgono sulle leggi nazionali , tutti i paesi ne sono vincolati ma alcuni più di altri.
    In che senso?
    Nel 2005 la Germania ha violato il tetto del disavanzo pubblico e per farlo ha cambiato il patto di stabilità assieme alla Francia. Poi, con la crisi finanziaria, siccome ha sofferto meno degli altri paesi Ue, la Germania è diventata il paese più forte d'Europa, cosa che non era prima. Di qui un potere politico forte, che però è tale anche perché gli altri Stati non sono al suo livello: per debolezza dei loro leader, mancanza di coraggio. E per l'equilibrio del terrore.
    Che cosa vuol dire in questo caso equilibrio del terrore?
    Molto semplice: se un paese si dichiara contro la politica tedesca, il suo spread immediatamente aumenta. Il fatto che quella politica vada accettata per ragioni di spread fa sì che anche i Governi di sinistra non abbiano più il coraggio di dire cose di sinistra. Ma dicano cose di destra.

    Il che è paradossale …
    Visto che ormai tutto è fissato dai Trattati, qui sta il grande paradosso europeo, il popolo ha finito per capire che, anche se si cambia Governo, non si cambia politica.
    Ma, così come è, questa Europa secondo lei è politicamente e socialmente sostenibile?
    No. E le elezioni europee hanno cominciato a dimostrarlo. Ma prima aveva provveduto a farlo l'enorme tasso di disoccupazione e l'aumento della povertà al Sud. Quando non ha più niente da perdere, la gente sfida il sistema, si dice che è meglio cambiarlo piuttosto che morire di fame.
    A questo punto è realistico aspettarsi in Europa politiche di rigore meno nemiche della crescita, che sono anche nell'interesse tedesco, oppure vede la Germania arroccata sul dogma della crescita come premio delle virtù?
    L'interesse della Germania è un'Europa forte. Ma non credo che sarà disposta ad ammorbidire la linea se non si troverà di fronte interlocutori politici forti, capaci di dirle basta: o tu ascolti anche le nostre ragioni oppure sei tu che te ne devi andare. In Germania il peso delle dottrine è molto forte e non cambia neanche quando i fatti dicono che sono sbagliate.
    Il dogmatismo però deriva anche dalla sfiducia nei partner: la crisi dell'euro ha rilanciato la sindrome del club Med. Siamo allora condannati a morire tutti tedeschi?
    I Trattati possono essere interpretati in modo diverso. Vi si parla per esempio di disavanzo strutturale, che lascia margini di manovra per le politiche di bilancio. E di circostanze eccezionali: se non siamo in circostanze eccezionali quando la disoccupazione giovanile in certi paesi supera il 50%, non capisco che cosa significhi.
    Quindi ci sarà una svolta?
    Esiste un altro modo di interpretare i Trattati ma ci vuole un gruppo di paesi che difendano un'interpretazione alternativa. Se tutti si allineano alle regole anti-deficit e debito, la Germania non ha nessuna ragione di muoversi. Per ora Berlino è il leader europeo. Però ha vinto la battaglia politica, non quella economica.
    Ma non è l'unica superpotenza economica europea?
    Negli ultimi 5-6 anni il tasso di crescita tedesco è stato più debole di quello del Giappone. La Germania non è un grande esempio di successo economico. La diseguaglianza nel paese è in forte aumento, figlia delle riforme di Schroeder.
    Da anni l'asse franco-tedesco, il motore Ue, si trascina malconcio: crollerà sulla debolezza del presidente Hollande?
    Lo vedo in ripresa forse con il prossimo presidente francese. Per il momento mi sembra difficile.
    Cinque anni di crisi dell'euro hanno creato profondi squilibri Nord-Sud. La Germania se l'è cavata meglio degli altri perché ha anche lucrato sulle disgrazie altrui. O no?
    Sicuramento ne ha tratto grandi benefici. Quando si pagano tassi di interessi negativi, il debito pubblico non è più un problema. Ma la sua è una vittoria di breve termine.
    Davvero?
    Gli altri paesi hanno capito che la strada da seguire è la svalutazione interna. Se avranno successo e se tutti seguiranno, la Germania si troverà in difficoltà. E la Ue diventerà un'Unione per combattersi, non più per stare insieme ed essere solidali.
    «Trattati da reinterpretare» - Il Sole 24 ORE

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    cancellato
    Messaggi
    47,800
    Mentioned
    1005 Post(s)
    Tagged
    38 Thread(s)

    Predefinito Re: «Trattati da reinterpretare»

    come temevo: la Francia debole, l'Italia peggio che andar di notte, l'Inghilterra euroscettica: la Germania non ha interlocutori seri e quindi è forte e lo è ancora di piu' a causa della debolezza politica ed economica dei suoi interlocutori.

    la tendenza potrebbe iniziare a cambiare quando un nuovo presidente francese sarà eletto, cioè nel 2017, se sarà Sarkozy, oppure, c'è da ridere, se sarà la Le Pen

    Sul rafforzamento dell'Italia ci ho sperato tanto con Berlusconi ma ora ho perso tutte le speranze

    La Gran Bretagna ha ormai credo definitivamente preso una strada anti-Europa e quindi da quel lato non è un bilanciatore dello strapotere tedesco
    Ultima modifica di FrancoAntonio; 18-06-14 alle 09:48
    non piu' interessato a questo forum

  3. #3
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,823
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: «Trattati da reinterpretare»

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    come temevo: la Francia debole, l'Italia peggio che andar di notte, l'Inghilterra euroscettica: la Germania non ha interlocutori seri e quindi è forte e lo è ancora di piu' a causa della debolezza politica ed economica dei suoi interlocutori.

    la tendenza potrebbe iniziare a cambiare quando un nuovo presidente francese sarà eletto, cioè nel 2017, se sarà Sarkozy, oppure, c'è da ridere, se sarà la Le Pen

    Sul rafforzamento dell'Italia ci ho sperato tanto con Berlusconi ma ora ho perso tutte le speranze

    La Gran Bretagna ha ormai credo definitivamente preso una strada anti-Europa e quindi da quel lato non è un bilanciatore dello strapotere tedesco
    purtroppo la Francia non è europeista ma nazionalista (avendo in pratica inventato lei stessa questa forma di distorsione mentale e politica).

    Credo che l'unico interlocutore plausibile per la Germania sia - come al solito negli ultimi duemila anni - il Popolo Italiano : ma chi lo rappresenta, se gli attori politici hanno tutti firmato per tutelare interessi non italiani?
    di necessità virtù

  4. #4
    Forumista storico
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    cancellato
    Messaggi
    47,800
    Mentioned
    1005 Post(s)
    Tagged
    38 Thread(s)

    Predefinito Re: «Trattati da reinterpretare»

    Citazione Originariamente Scritto da Maria Vittoria Visualizza Messaggio
    purtroppo la Francia non è europeista ma nazionalista (avendo in pratica inventato lei stessa questa forma di distorsione mentale e politica).

    Credo che l'unico interlocutore plausibile per la Germania sia - come al solito negli ultimi duemila anni - il Popolo Italiano : ma chi lo rappresenta, se gli attori politici hanno tutti firmato per tutelare interessi non italiani?
    già!
    non piu' interessato a questo forum

 

 

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226