User Tag List

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 34
Risultati da 31 a 39 di 39
Like Tree5Likes

Discussione: Idi di giugno

  1. #31
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Idi di giugno

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    Non permetteranno mai che da noi si estragga l'uranio, come per il gas e per il petrolio.
    Sono le compagnie padrone di miniere simili in altri continenti che non vogliono avere questa concorrenza.

    Adesso capisci tutto.
    O si taglia o il caos

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #32
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Idi di giugno

    http://www.corriere.it/economia/14_giugno_29/corte-conti-societa-partecipate-drenano-26-miliardi-all-anno-a17398ae-ffa0-11e3-ae4d-7c1f18234268.shtml
     

     
    Sono un esercito di oltre 5000 società, espressione di un mondo ancora poco conosciuto e poco trasparente, eppure costano allo Stato ventisei miliardi all'anno: sono le partecipate pubbliche, imprese che è ladenuncia della Corte dei conti - andrebbero sottoposte ad un «disegno di ristrutturazione organico e complessivo». Per il loro peso finanziario e per la dimensione economica, gli enti partecipati - sottolinea il procuratore generale Salvatore Nottola nel suo giudizio sul rendiconto generale dello Stato -«hanno un forte impatto sui conti pubblici, sui quali si ripercuotono i risultati della gestione, quando i costi non gravano sulla collettività, attraverso i meccanismi tariffari

    Un terzo delle partecipate dagli enti locali. In realtà  le imprese partecipate in Italia sono circa 7500: 50 sono partecipate dallo Stato, 2214 sono organismi di varia natura (come consorzi, fondazione, e così¬ via), e 5258 sono quelle in mano degli enti locali: ed è proprio su queste che si concentra l'analisi impietosa del procuratore generale presso la Corte dei Conti. Perchè un terzo di queste società  risulta in perdita: significa che alla fine a rimetterci sono Regioni, Province e Comuni, che rimpolpano le casse quando i conti vanno in rosso. E' il caso, per fare un esempio, delle società di trasporto pubblico locale, che garantendo un servizio essenziale per la collettività  vengono spesso mantenute in regime pubblico: con conseguenze però spesso devastanti, visto che oltre il 40% delle società è in perdita nonostante autobus, tram e metro in molte città funzionino male.


    Complessivamente, il movimento finanziario indotto dalle società  partecipate dallo Stato, costituito dai pagamenti a qualsiasi titolo erogati dai Ministeri nei loro confronti ammontato a 30,55 miliardi nel 2011, 26,11 miliardi nel 2012 e 25,93 nel 2013.Ma anche le società partecipate dai ministeri hanno il loro peso (economico): sono costate 785,9 milioni nel 2011 alle casse dello Stato, 844,61 milioni nel 2012, e 574,91 milioni nel 2013.

    Sono numeri che vanno calando nel corso del tempo, e che dimostrano che lo Stato sta provando ad intervenire per razionalizzare i costi. Il piano di razionalizzazione di Cottarelli dovrebbe arrivare a breve, entro il mese di luglio, ma intanto i magistrati contabili rilevano che un giro di affari così consistente richiederebbe "assoluta trasparenza del fenomeno" Invece la realtà è diversa: l'assetto delle società è mutevole e soggetto a vicende che i magistrati contabili definiscono complesse, con aspetti contabili che sono «spesso oscuri». Da qui la richiesta di Nottola al mondo politico: bisognerebbe attuare un disegno di ristrutturazione organico e complessivo, che preveda regole chiare e cogenti, forme organizzative omogenee, criteri razionali di partecipazione, imprescindibili ed effettivi controlli da parte degli enti conferenti e dia a questi ultimi la responsabilità dell' effettivo governo degli enti partecipati


     
    O si taglia o il caos

  3. #33
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Idi di giugno

    Non ci salviamo più.

    Fino a che la cultura arabo-levantina gestisce la politica e questa gestisce la economia succede che tutto va a rotoli.

    Ma ci rendiamo conto di quanto ci è costata la unità d'italia?. Sia da un punto di vista economico come da un punto di vista culturale.


    Bisogna verificare attraverso un profondo esame di coscienza se l'unità d'italia è stata solamente un maldestro atto economico oppure sia stata un disegno criminale
    O si taglia o il caos

  4. #34
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,969
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Idi di giugno

    Può servire il compensato?
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  5. #35
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,577
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Idi di giugno

    sicuramente nelle partecipate la casta ci sguazza,
    ed è una riserva per parcheggiare i bocciati alle
    elezioni, voto di scambio, e altre comprensibili,
    inconfessabili ragioni.

    il messaggio che sta passando è che sono costose,
    e pesano sulle tasche dei cittadini;
    mi chiedo però se una volta cedute ai privati,
    i cittadini avranno i benefici promessi, perché mi
    da tanto l'impressione che i "privati" altro non siano
    più o meno le stesse persone, che si ricollocano
    nelle nuove società, per continuare a mangiare
    nella greppia, stavolta con altra ragione sociale.

    le famose, "privatizzazioni" fin qui realizzate, non mi sembra
    abbiano portato i vantaggi che promettevano, se si eccettuano
    quelli a beneficio delle nuove società, che ogni anno
    pretendono aumenti doppi o tripli, rispetto agli aumenti medi.

    insomma, i tromboni suonano perché lo stato svendi tutto,
    sicuri che le "nuove" caste si possano ricollocare entro ambiti
    non più criticabili per le loro performance.

    mi sa che il teatrino continua, mentre l'organetto suona lo stesso
    motivetto per chiamare il popolino ad assistere allo stesso,
    squallido spettacolo, in cartellone da 150 anni.
    ventunsettembre likes this.

  6. #36
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Idi di giugno

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio
    Può servire il compensato?
    Si è proprio il compensto che ha fatto questo aborto.
    O si taglia o il caos

  7. #37
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Idi di giugno

    "La metà dei dipendenti delle aziende a partecipazione regionale di tutta Italia lavora in Sicilia. E nei cda ecco i soliti “fedelissimi”."


    Il buco nero delle Partecipate | Sindacando ? il Blog di Benedetto Mineo

    Conti in rosso e troppi dipendenti Il buco nero delle Partecipate - Live Sicilia



  8. #38
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Idi di giugno

    Potrebbe accadere che chi parla del costo delle ditte pubbliche, abbia il secondo fine per cui le medesime andando male vengano spinte alla vendita al privato, con enormi guadagni da parte di questo ultimo.

    Privato che è quasi sempre in comunella con i politici dello stato venditore.
    Ma il dramma del caso patologico dell'italia non è dovuto all'esistere delle ditte pubbliche ma è colpa di chi l'amministra cioè dei politici infilati nella direzione.

    Il problema nasce dall'aver fatto con l'italia l'unione di due parti, non soffermandosi che in una parte della penisola vi è una mentalità differente da quella che alberga nella parte continentale.
    E' che la politica italiana risente ed è permeata dalla cultura meridionale.
    Questa cultura nasce dal condizionamento millenario della natura non maligna, che permette di raccogliere con abbondanza i frutti della terra trasformando l'uomo prettamente in raccoglitore.

    Il politico prima di tutto è un essere umano che conserva le sue prerogative ancestrali e genetiche:
    RACCOGLIERE.

    Conseguentemente il politico nell'amministrale la cosa pubblica in buona fede, in modo naturale,quasi senza accorgersi "raccoglie" per se e per gli amici.
    Poi vi è chi raccoglie di più, chi di meno ma tutti sono latini.

    Inoltre occorre considerare che il politico nella quasi totalità dei casi è uno che non sa amministrare ed abbraccia la via politica perché è molto facilitata per chi, volutamente o non, ignora il senso dello stato. Nel suo comportamento il politico quai inconsciamente si lascia trascinare da quella maledizione culturale latina che lo perseguita.

    Non si può gestire uno stato che vuole progredire seguendo una mentalità latina.
    Tale mentalità era validissima quando la cultura era basata sulla prevaricazione,.

    Pertanto o si trova la possibilità di permettere ai latini di vivere in una loro terra con le loro regole,oppure dobbiamo continuare con l'attuale bottega fino allo scoppio.

    Però è privare della libertà altrui il voler imporre alla massa di latini di natura raccoglitori, l'obbligo di amministrare il bene pubblico senza che pensino prima a loro stessi.

    Tuttavia lasciamoli liberi ma lontano.
    Ultima modifica di jotsecondo; 30-06-14 alle 13:31
    O si taglia o il caos

  9. #39
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Idi di giugno

    Citazione Originariamente Scritto da Quayag Visualizza Messaggio
    "La metà dei dipendenti delle aziende a partecipazione regionale di tutta Italia lavora in Sicilia. E nei cda ecco i soliti “fedelissimi”."


    Il buco nero delle Partecipate | Sindacando ? il Blog di Benedetto Mineo

    Conti in rosso e troppi dipendenti Il buco nero delle Partecipate - Live Sicilia
    Il nostro sbaglio è che si scandalizziamo perché siamo condizionati che la Sicilia faccia parte culturalmente dell'Europa.

    Se la Sicilia fosse considerata uno stato africano non vi sarebbe alcunchè da ridire.

    La culura africana che vi è in Sicilia è eterna, e non si può far nulla.

    L'unica cosa è andarsene e non dare più i nostri denari a quella fonderia senza fondo.
    Non vi è alcuna cifra di denaro che riesca a trasformare la Sicilia in uno stato europeo.
    ventunsettembre and Freezer like this.
    O si taglia o il caos

 

 
Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226