User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,065
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Il Vescovo si scusa per le frasi pronunciate dal parroco


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    231 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Vescovo si scusa per le frasi pronunciate dal parroco

    A naso il vescovo ha ragione a dover dirimere, ma ha fatto lo stesso errore del parroco , ovvero di usare un linguaggio e degli esempi inopportuni.
    A differenza del parroco, pure assai ambigui.
    Preferisco di no.

  3. #3
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    231 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Vescovo si scusa per le frasi pronunciate dal parroco

    Se il vescovo consegna un prete alla
    pubblica gogna


    (di Riccardo
    Cascioli
    su LaNuovaBussolaQuotidiana) Fare il parroco non è
    mai stato facile, tanto più di questi tempi in Italia dove i cattolici da
    maggioranza assoluta si sono trasformati in una minoranza che, oltretutto, è
    affetta in gran parte da analfabetismo religioso. Però se a questo si aggiunge
    che oggi un parroco – colpevole solo di spiegare il catechismo – può anche
    aspettarsi che il vescovo, per mantenere buoni rapporti con i “nuovi pagani”, lo
    esponga al pubblico ludibrio, bè, allora la faccenda si fa davvero
    difficile.

    L’ultimo caso è di questi giorni e riguarda un anziano parroco del
    paesino di Cameri,
    nella diocesi di Novara. Anche lui deve fare i conti
    con tante situazioni familiari irregolari: un bel problema quando ci sono
    battesimi, comunioni e cresime e bisogna spiegare agli aspiranti padrini e
    madrine che certe situazioni sono incompatibili con l’impegno che dovrebbero
    assumersi. Alcuni parroci non ci provano neanche, ammettono tutto e tutti e chi
    s’è visto s’è visto. Altri, che hanno a cuore il bene dei ragazzi e delle
    persone che hanno di fronte, provano a spiegare: magari è un’occasione perché
    qualcuno almeno intuisca che il cristianesimo è una cosa seria, qualcosa che
    riguarda ciò che conta nella vita. Don Tarcisio Vicario, di stanza a Cameri, è
    uno di questi. Addirittura è così preoccupato di spiegare bene come la pensa Dio
    – così lontano dal modo in cui pensano gli uomini – che lo scrive anche nel
    bollettino parrocchiale, con una Lettera alle Famiglie. Non inventa nulla, è il
    catechismo della Chiesa, solo che prova a spiegarlo anche con degli esempi
    perché si capisca meglio. E invece è qui che scoppia il pandemonio.

    Don Tarcisio spiega infatti che il matrimonio è un
    sacramento
    e quindi chi convive senza sposarsi in chiesa continua a
    peccare senza neanche porsi il problema. Si può anche fare un peccato molto più
    grave, ma se è occasionale, se ci si pente e si cambia vita, si è perdonati.
    Succede anche di commettere lo stesso peccato tante volte, quasi per abitudine,
    ma se c’è reale pentimento e desiderio di conversione questo non è un ostacolo.
    Lo dice anche il Papa: Dio non si stanca di perdonare. Il problema è quando nel
    peccato ci si sguazza come un pesce nell’acqua, lo si giustifica e si pretende
    che sia una cosa giusta. Allora questa è corruzione – ci ha spiegato tante volte
    papa Francesco – e questo non si può accettare.

    Ed ecco le parole usate da don Tarcisio: «Per la Chiesa, che
    agisce in nome del Figlio di Dio, il matrimonio tra battezzati è solo e sempre
    un sacramento. Il matrimonio civile e la convivenza non sono un sacramento.
    Pertanto chi si pone al di fuori del sacramento contraendo il matrimonio civile,
    vive una infedeltà continuativa. Non si tratta di un peccato occasionale (per
    esempio un omicidio), di una infedeltà per leggerezza o per abitudine che la
    coscienza richiama comunque al dovere di emendarsi attraverso un pentimento
    sincero e il proposito vero e fermo di allontanarsi dal peccato e dalle
    occasioni che conducono ad esso».

    Cosa ha detto di sbagliato don Tarcisio? Nulla. Ma quel
    riferimento all’omicidio ha subito provocato reazioni scomposte: «Ha detto che
    convivere è peggio dell’omicidio», è cominciata a girare la voce, e ovviamente
    le sue parole sono state subito strumentalizzate e sono diventate titoli choc di
    giornale.

    Il caso diventa subito nazionale. E il vescovo, monsignor
    Franco Giulio Brambilla, cosa fa? Essendo il pastore della diocesi, il padre dei
    suoi preti, ci si aspetta che protegga il suo sacerdote, che denunci l’evidente
    strumentalizzazione e – se proprio non è d’accordo con le modalità con cui don
    Tarcisio si è espresso – che lo chiami e magari gli dia una lavata di capo a
    quattr’occhi. Così farebbe un padre.

    E invece monsignor Brambilla decide di unirsi al coro della
    vergogna
    e consegna un suo prete alla pubblica gogna. «Il clamore
    suscitato» dalla lettera alle famiglie di don Tarcisio – scrive monsignor
    Brambilla in una lunga nota – «richiede una netta presa di distanza sia dai toni
    che dai contenuti del testo per una inaccettabile equiparazione, pur introdotta
    come esempio, tra convivenze/situazioni irregolari e omicidio.
    L’esemplificazione, anche se scritta tra parentesi, risulta inopportuna e
    fuorviante e quindi errata».

    «Inaccettabile equiparazione tra convivenze e omicidio»,
    dice il vescovo di Novara, ma don Tarcisio non ha fatto alcuna equiparazione,
    solo una differenza tra peccato grave ma occasionale (seguito da pentimento) e
    peccato magari meno grave ma continuato nel tempo e senza pentimento.

    E poi prosegue monsignor Brambilla: la lettera di don
    Tarcisio è «inopportuna e errata nei contenuti, perché dalle parole di quello
    scritto, non emerge il volto di una Chiesa che è madre, anche quando vuole
    essere maestra di vita». Ma ci si chiede, visto che si condanna l’eventuale
    equiparazione: la Chiesa è madre solo per chi vive situazioni familiari
    irregolari o anche per gli altri peccatori? Forse che l’omicida non ha diritto
    alla misericordia come il concubino?

    Certo, si può capire che l’improvvisa pressione dei media
    abbia magari condizionato il vescovo, qualcuno dice che si è messo paura del can
    can sollevato dalla stampa; possibile, anche se ricordiamo che in passato a
    monsignor Brambilla non è mancato il coraggio; ad esempio quando nel 1989,
    giovane teologo ambrosiano in carriera, fu tra i 63 firmatari del documento dei
    teologi italiani che contestavano il Magistero di Giovanni Paolo II e chiamavano
    i cattolici italiani alla riscossa. Coraggio che fu ben ripagato, perché non
    solo la sua carriera di teologo non ne ha risentito, ma è stato addirittura
    nominato vescovo. In privato, con qualche suo collaboratore pare che abbia
    espresso il suo rincrescimento per quanto accaduto e per le parole che ha dovuto
    dire contro un suo prete, ma con tutto quel clamore «ero obbligato a dire
    qualcosa». D’accordo, però oltre a dire qualcosa sarebbe meglio dirla anche
    giusta.

    Ma aldilà dei contenuti, a lasciare male è proprio questo
    spettacolo di pastori che non ci pensano un attimo a mollare i propri preti, se
    questo aiuta nell’immagine pubblica. E purtroppo non è la prima volta che
    accade.



    Se il vescovo consegna un prete alla pubblica gogna | CR ? Agenzia di informazione settimanale
    Preferisco di no.

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,065
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Il Vescovo si scusa per le frasi pronunciate dal parroco

    Siccome il bene della vita e' indisponibile ( o no?) e un morto , una volta morto, non torna in vita neanche se l'omicida si pente, si capisce che avrebbe dovuto evitare di citare l'omicidio.


    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di Anthos; 24-06-14 alle 18:44

  5. #5
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    231 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Vescovo si scusa per le frasi pronunciate dal parroco

    Citazione Originariamente Scritto da Anthos Visualizza Messaggio
    Siccome il bene della vita e' indisponibile ( o no?) e un morto , una volta morto, non torna in vita neanche se l'omicida si pente, si capisce che avrebbe dovuto evitare di citare l'omicidio.


    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
    Guarda che nessuno ha plaudito l'opportunità di tale frase.
    Ciò che si rimprovera è

    A) Non capire che a parità di peccato un peccato occasionale è meno grave di un peccato continuato. Questo era il senso. Prima di fare i tuttologi col ditino alzato, il paragone è logico e calzante. Chiediamoci se è "meglio" un serial killer od uno che imbriago tira sotto uno sulle strisce . Siamo veramente all'analfabetismo religioso passato per scoperta giornalistica.

    B) Utilizzare una frase un po' sfortunata di un parroco di campagna per fare la solita caciara antiCristiana, manipolando il senso della frase pronunciata (ed infatti lo "scoop" è di Repubblica). Perché rendiamoci conto, e amo ricordarlo, che esistono forze che hanno della distruzione del Cristianesimo la loro ragion d'essere.

    E sinceramente sono assai più perniciosi quei preti che nella loro attività omiletica non citano mai, chessò, il Peccato, i Novissimi, o l'ABC del Catechismo, invece di fare (male) l'esegesi di testi assai difficili e/o di darsi alla sociologia vuota e senza significato, sermoni sulla raccolta differenziata o un inno al "volemose bbbene".

    C) Un vescovo che se la fa sotto ed invece di spiegare il senso e l'ortodossia teologica di tale frase, fa lo scaricabarile e cerca di leccare il deretano alla stampa stessa. E lo fa citando un fantasmatico ed inesistente magistero di Papa Francesco che non mi pare abbia depennato la lista dei peccati (e non può farlo). Già perché anche la nozione di peccato è "indisponibile" da parte di chicchessia, Pontefice compreso.
    Preferisco di no.

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,065
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Vescovo si scusa per le frasi pronunciate dal parroco

    Ripeto: bastava che evitasse ogni riferimento all'omicidio . Avesse utilizzato il furto come esempio....


    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

  7. #7
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    231 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Vescovo si scusa per le frasi pronunciate dal parroco

    Citazione Originariamente Scritto da Anthos Visualizza Messaggio
    Ripeto: bastava che evitasse ogni riferimento all'omicidio . Avesse utilizzato il furto come esempio....


    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
    Repubblica si sarebbe attaccata a tutto, lo sai bene.
    Il dramma è che ormai l'analfabetismo religioso riesce a far passare il bianco per il nero con una facilità assurda.
    Preferisco di no.

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,065
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Il Vescovo si scusa per le frasi pronunciate dal parroco






    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di Anthos; 26-06-14 alle 15:42

  9. #9
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    231 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Vescovo si scusa per le frasi pronunciate dal parroco

    Mi dispiace per questa uscita , ma un altro Cardinale che invece di seguire gli strepiti mediatici nostrani ha fatto un discorso più generale di fatto rimarca la stessa Verità di Fede (che non è il lavoro del sig. Eugenio Scalfari che lavora per la "concorrenza" ) di quel semplice Sacerdote.

    Cose da pazzi. Il cardinale Collins e il curato di campagna


    Dopo Müller, Brandmüller, Caffarra e De Paolis, un altro cardinale è sceso in campo alla grande contro le tesi pro comunione ai divorziati risposati sostenute dal loro collega teologo Walter Kasper nel concistoro dello scorso febbraio.
    È il canadese Thomas Collins, arcivescovo di Toronto, 66 anni, cardinale dal 2012 e stella emergente del sacro collegio, tra l’altro chiamato da papa Francesco a far parte della rinnovata commissione cardinalizia di sovrintendenza sullo IOR.
    Il cardinale Collins è intervenuto sulla questione in un’ampia intervista a Brandon Vogt per il blog cattolico americano “The Word on Fire”, pubblicata il 25 giugno, vigilia della diffusione dell’”Instrumentum laboris“, cioè del testo base del prossimo sinodo sulla famiglia:
    > Marriage, Divorce, and Communion
    In un passaggio dell’intervista, Collins argomenta così l’impossibilità di dare la comunione ai divorziati risposati:
    “I cattolici divorziati e risposati non possono ricevere la santa comunione dal momento che, quali che siano la loro disposizione personale o le ragioni della loro situazione, conosciute forse solo da Dio, essi persistono in una condotta di vita che è oggettivamente in contrasto con il chiaro comando di Gesù. Questo è il punto. Il punto non è che essi hanno commesso un peccato; la misericordia di Dio è abbondantemente assicurata a tutti i peccatori. L’omicidio, l’adulterio e altri peccati, non importa quanto gravi, sono perdonati da Gesù, specialmente attraverso il sacramento della riconciliazione, e il peccatore perdonato riceve la comunione. In materia di divorzio e di secondo matrimonio il problema sta nella consapevole decisione, per le ragioni più diverse, di persistere in una durevole situazione di lontananza dal comando di Gesù. Sebbene non sia giusto per loro ricevere i sacramenti, dobbiamo trovare migliori vie per aiutare le persone che si trovano in questa situazione, per offrire loro una cura amorevole.
    “Un elemento di possibile aiuto sarebbe che tutti noi capissimo che non è obbligatorio ricevere la comunione quando si va a messa. Sono molti i motivi per i quali un cristiano può decidere di non ricevere al comunione. Se ci fosse minore pressione perché ciascuno riceva la comunione, ciò sarebbe d’aiuto per coloro che non sono in condizione di farlo”.
    E ancora:
    “Dobbiamo riflettere su che cosa possiamo fare per aiutare le persone che si trovano in questa situazione, in forme amorevoli ed efficaci. Ma facendo questo, dobbiamo anche essere fedeli al comando di Gesù e alla necessità di non mettere a rischio al santità del matrimonio, con le più gravi conseguenze per tutti, specialmente in un mondo in cui la stabilità del matrimonio è già tragicamente compromessa. Se noi dessimo prova con i fatti, se non con le parole, che il patto matrimoniale non è effettivamente quello che Gesù dice che è, ciò offrirebbe un sollievo solo momentaneo, al prezzo di una sofferenza di lunga durata. Se la santità del patto matrimoniale fosse progressivamente indebolita, alla fine sarebbero i figli a soffrire di più”.
    Ma nell’intervista Collins dice molto più di quanto qui riportato. Verso la fine egli fa anche un parallelo tra le aspettative di cambiamento che precedettero la “Humanae vitae” di Paolo VI e quelle – a suo giudizio altrettanto infondate – che precedono il prossimo sinodo:
    “Negli anni che precedettero l’enciclica di papa Paolo VI che ha riaffermato il costante insegnamento cristiano che la contraccezione non è in accordo con la volontà di Dio, c’era la diffusa aspettativa che la Chiesa stesse per cambiare il suo insegnamento. Questo tipo di aspettativa era basata per una certa parte sull’idea che la dottrina cristiana è come la politica di un governo: quando le circostanze cambiano, o quando più gente sostiene un’alternativa invece di un’altra, allora la politica cambia.
    “Ma l’insegnamento cristiano è fondato sulla legge naturale che è scritta nei nostri cuori da Dio, e specialmente sulla parola rivelata di Dio. Noi scopriamo la volontà di Dio, e le Scritture e la fede vivente della Chiesa ci aiutano a fare ciò. Noi non modelliamo la volontà di Dio secondo ciò che attualmente ci pare meglio.
    “Così, quando papa Paolo VI non cambiò ciò che non era nei suoi poteri cambiare, ma riaffermò la fede cristiana, molta, molta gente fu contrariata, e semplicemente decise di ignorare l’insegnamento. Questa è la nostra situazione presente. Io spero davvero che non abbiamo a soffrire una ripetizione di questo, mentre si diffondono infondate aspettative riguardo a un cambiamento da parte della Chiesa dell’esplicito insegnamento di Gesù sul matrimonio”.
    Una curiosità. Come s’è visto sopra, anche il cardinale Collins, per spiegare l’impossibilità di dare la comunione ai divorziati risposati, fa il paragone tra la loro situazione di perdurante e consapevole “lontananza dal comando di Gesù” e quella di un colpevole di altro peccato anche gravissimo come l’omicidio, che però, pentito, può essere assolto e riammesso alla comunione.
    La curiosità è che questo stesso paragone, fatto negli stessi giorni dal parroco di Cameri nella diocesi di Novara, don Tarcisio Vicario, ha invece esposto costui al pubblico ludibrio da parte del cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del sinodo, che il 26 giugno ha definito le parole del sacerdote come “una pazzia, un’opinione strettamente personale di un parroco che non rappresenta nessuno, neanche se stesso”.
    Il giorno precedente anche il vescovo di Novara, Franco Giulio Brambilla, s’era sentito in dovere di “una netta presa di distanza sia dai toni che dai contenuti del testo” di quel suo parroco, a motivo della “inaccettabile equiparazione, pur introdotta come esempio, tra convivenze irregolari e omicidio. L’esemplificazione, anche se scritta tra parentesi, risulta inopportuna e fuorviante, e quindi errata”.
    Per la precisione, ecco le parole testuali del malcapitato curato: “Per la Chiesa, che agisce in nome del Figlio di Dio, il matrimonio tra battezzati è solo e sempre un sacramento. Il matrimonio civile e la convivenza non sono un sacramento. Pertanto chi si pone al di fuori del sacramento contraendo il matrimonio civile vive una infedeltà continuativa. Non si tratta di un peccato occasionale (per esempio un omicidio), né di una infedeltà per leggerezza o per abitudine che la coscienza richiama comunque al dovere di emendarsi attraverso un pentimento sincero e il proposito vero e fermo di allontanarsi dal peccato e dalle occasioni che conducono ad esso”.
    Il cardinale Collins non ha detto niente di diverso. Una “pazzia” anche la sua?

    Settimo Cielo - Blog - L?Espresso
    Preferisco di no.

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,065
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Vescovo si scusa per le frasi pronunciate dal parroco

    Bene , vuol dire che c'e' diversita di vedute anche tra alti esponenti del clero.


    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226