User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Immobiliare Usa: c’è già il rischio bolla

    Immobiliare Usa: c'è già il rischio bolla | Economia Web
    Immobiliare Usa: c’è già il rischio bolla


    di Stefania Arcudi La vendita di case è sui massimi dal 2008. Per la Fed traina la ripresa. L'Fmi teme il collasso dei mutui. E il Pil crolla.

    Il mercato immobiliare americano, dopo il rallentamento dei primi mesi dell’anno, dovuto per lo più alla straordinaria ondata di maltempo che aveva investito gli Stati Uniti, ha ripreso a marciare a passo sostenuto. Gli ultimi indicatori sembrano confermare la tesi della Federal Reserve, secondo cui il mattone è in buona salute e continuerà a fare da traino a una ripresa che a sua volta ha subito una battuta d’arresto nel primo trimestre: il Pil ha registrato una contrazione del 2,9%, la prima dal 2008 e la peggiore dal 2009, e soprattutto è stato molto superiore alle previsioni che davano al massimo un arretramento dell’1,8%.
    LA CASA BIANCA AMMETTE LA FRENATA E SI ATTACCA AL MATTONE
    E il Governo ha dovuto ammettere: «La ripresa dalla Grande Recessione resta incompleta e il presidente, Barack Obama, continuerà a fare il possibile per sostenerla». La Casa Bianca ha messo comunque in evidenza che i dati congiunturali più recenti indicano un’accelerazione. E soprattutto che sono stati rivisti al ribasso con la revisione delle spese dei consumatori per la sanità, molto più basse delle attese, e per le esportazioni. Il Governo si è affrettato a sottolineare che è un rallentamento temporaneo e che «i dati di Pil sono volatili da trimestre a trimestre». E proprio il real estate potrebbe continuare a fare da traino come è stato finora. I dati, per ora, confermano, ma quello che ci si chiede è se non si stia formando un’altra bolla. Ecco 5 cose da guardare per capire dove andrà il mercato.
    1. DATI POSITIVI, VENDITE E PREZZI IN RIALZO Gli ultimi dati macro sono positivi: le vendite di case nuove, che già erano cresciute del 6,4% in aprile, a maggio hanno segnato un aumento del 18,6%, l’aumento percentuale più sostenuto dal 1992, a 504.000 unità, il massimo da maggio 2008. Su base annuale, ovvero rispetto a maggio 2013, il dato è in rialzo del 16,9%, una netta inversione di tendenza rispetto ai cali dei mesi precedenti. Sempre a maggio le vendite di case esistenti sono aumentate del 4,9%, il secondo rialzo consecutivo e un dato superiore alle previsioni degli analisti. Anche i costi delle case sono in aumento: l’indice Case-Shiller che misura l’andamento dei prezzi nelle maggiori aree metropolitane si è attestato in aumento superiore al 10% su base annuale e dell’1% circa rispetto al mese precedente. Da segnalare tuttavia che i nuovi cantieri avviati e la richiesta di permessi per costruire, segno dell’andamento futuro del mercato, in maggio si sono attestati in calo, a conferma del fatto che le incertezze non sono del tutto superate.
    2. IL FMI METTE IN GUARDIA CONTRO NUOVE BOLLE I rischi sono tutti superati? La storia insegna che bisogna stare sempre in guardia e leggere i segnali: la crisi del 2008 è iniziata proprio dall’esplosione della bolla immobiliare e dal collasso del mercato dei mutui. E la storia può ripetersi. A lanciare l’allarme è stato il Fondo monetario internazionale: “Anche se la ripresa del mercato immobiliare è uno sviluppo benvenuto, bisogna alzare la guardia contro un altro boom insostenibile. Il real estate è un settore essenziale dell’economia di qualunque Paese e ha implicazioni sistemiche, che vanno analizzate in modo trasversale”, ha detto Min Zhu, vicedirettore generale dell’istituto.
    3. MA LA FEDERAL RESERVE È PIÙ OTTIMISTA Al momento negli Stati Uniti il problema non c’è ancora: i prezzi delle case sono in rapido aumento, ma non sono sopravvalutati e sono ancora del 13,4% al di sotto della media di lungo termine rispetto ai redditi e solo del 2,6% al di sopra della media rispetto agli affitti. Secondo la Federal Reserve, come si leggeva nell’ultimo Beige Book, il rapporto sull’economia americana pubblicato ogni sei settimane, i prezzi delle case sono aumentati in modo sostenibile e il mercato degli affitti è “per lo più robusto”. Del resto non necessariamente si assisterà alla formazione di una bolla: in alcuni casi si tratta di un balzo dopo la brusca correzione subita durante la recessione, ma in altri si assiste a un aumento lento continuo, dunque sostenibile.
    4. L’INCOGNITA DELL’IMPATTO DELLA POLITICA MONETARIA Proprio le scelte della Federal Reserve potranno incidere sull’andamento del mercato. La Banca centrale americana ha scelto la via di una politica monetaria estremamente accomodante: i tassi di interesse sono fermi ai minimi storici da dicembre 2008 e sono stati avviati tre round successivi di misure di stimolo all’economia, l’ultimo dei quali ancora in corso e in fase di riduzione (la conclusione del piano di acquisto di bond e titoli è attesa per l’autunno). Questo ha contribuito a tenere anche i tassi sui mutui bassi, incoraggiando dunque gli acquisti. Bisogna dunque vedere cosa succederà una volta che la Fed avrà sospeso il programma di quantitative easing e, soprattutto, quando comincerà ad alzare il costo del denaro, secondo gli esperti attorno alla metà del 2015.
    5. IN CALO GLI ACQUISTI DI PRIME CASE Un altro elemento da tenere sotto controllo è il calo dell’acquisto di prime case, ingrediente fondamentale per un mercato immobiliare realmente in buona salute. Secondo i dati Markit, il mese scorso il numero di persone che hanno comprato un’abitazione per la prima volta è stato pari al 27% delle transazioni totali, un livello molto al di sotto della quota del 40-45% considerato ottimale dagli esperti. Il dato indica le difficoltà nel mettere da parte i soldi per l’anticipo e nell’avere un merito creditizio sufficientemente buono per ottenere un mutuo. Se soprattutto i giovani sono in affanno, lo stesso non si può dire dei pensionati e dei ricchi: il numero di offerte solo in contanti, provenienti più da singoli individui che da investitori tradizionali, secondo i dati di CoreLogic è salito del 40% a livello nazionale.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2009
    Località
    new york
    Messaggi
    59,404
    Mentioned
    369 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Immobiliare Usa: c’è già il rischio bolla

    Ma quale bolla, chi scrive sti articoli non sa fare manco di conto.

    Il picco dell'attivita edilizia in termini di case costruite si raggiunge nel 2005 con oltre 2.1 milioni di unita. All'epoca negli USA vivevano circa 288 milioni di persone.


    Per l'anno in corso si prevedono 1.1 milioni di unita in piu, ma la popolazione ammonta a 317 milioni di abitanti.

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226