User Tag List

Pagina 2 di 4 PrimaPrima 123 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 32
Like Tree20Likes

Discussione: Italia e Gran Bretagna: due casi di Giustizia a confronto

  1. #11
    Fun Cool
    Data Registrazione
    17 Apr 2010
    Messaggi
    29,623
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Italia e Gran Bretagna: due casi di Giustizia a confronto

    Citazione Originariamente Scritto da Roberto il Guiscardo Visualizza Messaggio
    Secondo me tu stai sbagliando obiettivo. Che i magistrati ci si accomodino in questo marasma italiano che si chiama "giustizia" è probabile, anzi quasi certo. Ma che questo marasma sia stato voluto da chi ha legiferato in fatto di giustizia da almeno tre o quattro decenni, anche questo è un dato di fatto incontrovertibile.
    Così come è altrettanto incontrovertibile il fatto che solo in Italia possano esistere porcate come quelle che concedono ad un tizio di non presentarsi nemmeno al lavoro o di rinviare una causa (e non certo al giorno dopo, nb).

    Per non parlare dei tempi che qualche scalda sedie impiega per trascrivere le sentenze, con conseguente uscita di galera di gente condannata.
    Prova a fare queste stronzate in Inghilterra o negli USA, poi mi dici.

    Ah, ovviamente nel sostenere questi dati di fatto si farebbe il gioco del nano, secondo le menti devastate di qualche abelinato che scagazza le sue puttanate sul forum...
    Antonio Banderas likes this.
    Non rispondo a mitomani, onanisti e depensanti...a questi ci dovrebbe pensare l'ASL.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Jan 2013
    Messaggi
    19,122
    Mentioned
    27 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia e Gran Bretagna: due casi di Giustizia a confronto

    Citazione Originariamente Scritto da fiume sand creek Visualizza Messaggio
    I magistrati britannici sono comunisti.
    o forse è perchè proprio i britannici i comunisti non li hanno mai avuti come è capitato in italia
    orgogliosamente detentore della tessera numero 4 di "e ma il pd" (Gonfu for ever).

  3. #13
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Jan 2013
    Messaggi
    19,122
    Mentioned
    27 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia e Gran Bretagna: due casi di Giustizia a confronto

    comunque mi paicerebbe anche yb confronto tra la politica inglese e quella italiana.

    e tenete presente che l'inghilterra ha una costituzione non scritta.

    fosse così in italia....
    orgogliosamente detentore della tessera numero 4 di "e ma il pd" (Gonfu for ever).

  4. #14
    Presidente uscente di POL
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Località
    Genova, Italy
    Messaggi
    27,317
    Mentioned
    54 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia e Gran Bretagna: due casi di Giustizia a confronto

    Citazione Originariamente Scritto da Roberto il Guiscardo Visualizza Messaggio
    1 - Omicidio di Meredith Kercher, cittadina britannica, avvenuto a Perugia il primo novermbre 2007. Dopo 7 anni il processo non si è ancora concluso e ora è pendente in Cassazione

    2 - Omicidio di Joele Leotta, cittadino italiano, avvenuto a Maidston, nel Kent, Inghilterra, il 20 ottobre 2013. Dopo soli 9 mesi, la sentenza: ergastolo per gli assassini.



    Per carità, non vuole essere un paragone definitivo, ma certo che la cosa fa impressione, per la rapidità della giustizia britannica, al contrario della lentezza da lumaca di quella italiana. Si, certo... le garanzie, i diritti della difesa, e tutto il resto. Ma il tormentone di una giustizia penale che rischia di non far finire mai un processo, quello ce l'abbiamo solo noi...



    Omicidio Leotta: ergastolo per i tre cittadini lituani
    Questo perchè, come si legge bene, di la dopo il primo grado non puoi ricorrere se non hai motivi più che validi (e cmq a tuo rischio visto che il processo è un nuovo processo, non una revisione del primo). Da noi ricorri in appello ed in Cassazione anche a fronte di condanne certe e sicure.

    Il primo grado, salvo situazioni particolari, in massimo due anni è finito.
    "La disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile" (Corrado Alvaro)

  5. #15
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    29 Jan 2009
    Località
    Giornalia
    Messaggi
    47,403
    Mentioned
    693 Post(s)
    Tagged
    18 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Italia e Gran Bretagna: due casi di Giustizia a confronto

    Citazione Originariamente Scritto da Roberto il Guiscardo Visualizza Messaggio
    Secondo me tu stai sbagliando obiettivo. Che i magistrati ci si accomodino in questo marasma italiano che si chiama "giustizia" è probabile, anzi quasi certo. Ma che questo marasma sia stato voluto da chi ha legiferato in fatto di giustizia da almeno tre o quattro decenni, anche questo è un dato di fatto incontrovertibile.
    ma non dire cazzate... si vabbè, sarebbe come dirti di non respirare...
    la politica non la sfiora nemmeno la magistratura... guardate meno tv e andate nei tribunali a vedere come "funziona" la giustizia...

  6. #16
    ... sempre più nera...
    Data Registrazione
    09 Mar 2010
    Messaggi
    33,259
    Mentioned
    61 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Italia e Gran Bretagna: due casi di Giustizia a confronto

    Ultima modifica di acquazzurra; 09-07-14 alle 19:14
    Non sono i popoli a dover aver paura dei propri governi, ma i governi che devono aver paura dei propri popoli.
    Thomas Jefferson

  7. #17
    Socialdemocrazia Palmiana
    Data Registrazione
    14 Sep 2010
    Messaggi
    13,615
    Mentioned
    19 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia e Gran Bretagna: due casi di Giustizia a confronto

    vabbè, ma alla fine chi in italia sosterrebbe:

    fine del divieto di reformatio in peius per i ricorsi dell'imputato (attualmente se l'imputato fa ricorso - non se il ricorso è del pm, ci mancherebbe - la sentenza successiva non può peggiorare la precedente, questo ovviamente è un incentivo ai ricorsi, nel resto del mondo il principio o non c'è o non è automatico in tutti i casi ma viene stabilito in base alla natura del ricorso)

    prescrizione che non può più decorrere dal momento del rinvio a giudizio (mentre oggi può cassare un processo anche in corso, caso unico, insieme alla grecia, nel mondo, questo viene giustificato coi tempi lunghi dei processi, ma paradossalmente è uno dei fattori che li allunga, dato che la difesa tende a tattiche dilatorie proprio per mirare alla prescrizione, allungando il tempo dei processi penali)

    vaglio serio degli appelli in corte d'appello sia di accusa che di difesa, con giudizio di legittimità preventivo obbligatorio per tutti i ricorsi, nel mondo anglosassone ad esempio non è ammesso il ricorso per semplice contestazione delle motivazioni della sentenza, se non ci sono nuove prove o un errore procedurale in primo grado in sostanza i ricorsi sono destinati ad essere rigettati, salvo pochissime eccezioni.
    mentre meno si può fare per la cassazione, dato che in tal caso il ricorso è un diritto costituzionale, in caso di privazione della libertà. (altra cosa nel settore civile o - nel penale- per sanzioni pecuniarie, dove è ridicolo che si arrivi in cassazione per liti condominiali o falsificazione di un biglietto ferroviario, ci son casi di processi penali per biglietti da 2 euro che arrivano in cassazione, con costi per lo stato enormi a fronte del danno subito!)

    cambiare il patteggiamento, che andrebbe reso più accessibile (oggi i reati esclusi sono tanti, basterebbe limitarsi a escludere quelli da corte d'assise) ma più stringente (prevedendo l'obbligo di dichiarazione di colpevolezza e mettendo limiti ragionevoli agli sconti sulla mediana edittale)

    per non parlare di come in italia si gestiscono arlecchinamente alcuni passaggi, il ritmo delle udienze italiane è ridicolo, all'estero è serrato, e non ci son tanti giochi per dilatarlo, si corre il rischio di essere condannati per oltraggio alla giustizia... in italia sembra di avere a che fare con ragazzi del liceo "ero impegnato" "ho il certificato medico"..
    o sulle testimonianze, in italia chi testimonia il falso ha tempo per "pentirsi" cattolicamente fino alla fine del processo, all'estero se dici il falso sei nella merda e non c'è riparazione possibile, hai mentito col fine di falsare la ricerca pubblica della verità
    Ultima modifica di zlais; 09-07-14 alle 20:46
    Il coro del Bunga Bunga:
    Silvio: ♪fa ♪re ♪sol ♪do ♪fa ♪re ♪sol ♪do
    I ministri: ♪mi ♪fa ♪fa ♪re ♪sol ♪do ♪mi ♪fa ♪fa ♪re ♪sol ♪do
    Le ministre: ♪si ♪la ♪do ♪si ♪la ♪do ♪si ♪la ♪do
    Il giudice: ♪si ♪fa ♪la minore ♪si ♪fa ♪la minore

  8. #18
    fascista nervoso
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Monza
    Messaggi
    3,026
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia e Gran Bretagna: due casi di Giustizia a confronto

    La lungaggine della giustizia conviene in primis allo stato che è sempre affamato dei soldi dei contribuenti.
    Recentemente un avvocato mi ha detto: "ultimamente i bolli sulle cause giudiziarie sono aumentati in maniera esponenziale, praticamente per fare la causa più semplice occorrono almeno 4 o 500 euro in tali bolli".
    E voi credete davvero che uno stato gestito da ladri e grassatori come il nostro faccia qualcosa per limitare ricorsi e controricorsi?
    Mauri61 likes this.

  9. #19
    4° class schedina 2015
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    59,811
    Mentioned
    409 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)

    Predefinito Re: Italia e Gran Bretagna: due casi di Giustizia a confronto

    Citazione Originariamente Scritto da zlais Visualizza Messaggio
    vabbè, ma alla fine chi in italia sosterrebbe:

    fine del divieto di reformatio in peius per i ricorsi dell'imputato (attualmente se l'imputato fa ricorso - non se il ricorso è del pm, ci mancherebbe - la sentenza successiva non può peggiorare la precedente, questo ovviamente è un incentivo ai ricorsi, nel resto del mondo il principio o non c'è o non è automatico in tutti i casi ma viene stabilito in base alla natura del ricorso)

    prescrizione che non può più decorrere dal momento del rinvio a giudizio (mentre oggi può cassare un processo anche in corso, caso unico, insieme alla grecia, nel mondo, questo viene giustificato coi tempi lunghi dei processi, ma paradossalmente è uno dei fattori che li allunga, dato che la difesa tende a tattiche dilatorie proprio per mirare alla prescrizione, allungando il tempo dei processi penali)

    vaglio serio degli appelli in corte d'appello sia di accusa che di difesa, con giudizio di legittimità preventivo obbligatorio per tutti i ricorsi, nel mondo anglosassone ad esempio non è ammesso il ricorso per semplice contestazione delle motivazioni della sentenza, se non ci sono nuove prove o un errore procedurale in primo grado in sostanza i ricorsi sono destinati ad essere rigettati, salvo pochissime eccezioni.
    mentre meno si può fare per la cassazione, dato che in tal caso il ricorso è un diritto costituzionale, in caso di privazione della libertà. (altra cosa nel settore civile o - nel penale- per sanzioni pecuniarie, dove è ridicolo che si arrivi in cassazione per liti condominiali o falsificazione di un biglietto ferroviario, ci son casi di processi penali per biglietti da 2 euro che arrivano in cassazione, con costi per lo stato enormi a fronte del danno subito!)

    cambiare il patteggiamento, che andrebbe reso più accessibile (oggi i reati esclusi sono tanti, basterebbe limitarsi a escludere quelli da corte d'assise) ma più stringente (prevedendo l'obbligo di dichiarazione di colpevolezza e mettendo limiti ragionevoli agli sconti sulla mediana edittale)

    per non parlare di come in italia si gestiscono arlecchinamente alcuni passaggi, il ritmo delle udienze italiane è ridicolo, all'estero è serrato, e non ci son tanti giochi per dilatarlo, si corre il rischio di essere condannati per oltraggio alla giustizia... in italia sembra di avere a che fare con ragazzi del liceo "ero impegnato" "ho il certificato medico"..
    o sulle testimonianze, in italia chi testimonia il falso ha tempo per "pentirsi" cattolicamente fino alla fine del processo, all'estero se dici il falso sei nella merda e non c'è riparazione possibile, hai mentito col fine di falsare la ricerca pubblica della verità
    Vaglio anche delle denunce cazzata da dirottare dal giudice di pace il quale provvede ad emetteresentenza al termine dell' unica udienza ammessa
    Le dimensioni della fava sono come i soldi : Non contano solo quando ci sono

  10. #20
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    35,891
    Mentioned
    330 Post(s)
    Tagged
    22 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Italia e Gran Bretagna: due casi di Giustizia a confronto

    Citazione Originariamente Scritto da Roberto il Guiscardo Visualizza Messaggio
    1 - Omicidio di Meredith Kercher, cittadina britannica, avvenuto a Perugia il primo novermbre 2007. Dopo 7 anni il processo non si è ancora concluso e ora è pendente in Cassazione

    2 - Omicidio di Joele Leotta, cittadino italiano, avvenuto a Maidston, nel Kent, Inghilterra, il 20 ottobre 2013. Dopo soli 9 mesi, la sentenza: ergastolo per gli assassini.



    Per carità, non vuole essere un paragone definitivo, ma certo che la cosa fa impressione, per la rapidità della giustizia britannica, al contrario della lentezza da lumaca di quella italiana. Si, certo... le garanzie, i diritti della difesa, e tutto il resto. Ma il tormentone di una giustizia penale che rischia di non far finire mai un processo, quello ce l'abbiamo solo noi...



    Omicidio Leotta: ergastolo per i tre cittadini lituani
    Ah, la solita storia autorazzista che porta gli italiani a dire che in fondo loro sono un pò più tarati degli altri popoli, dove invece regna armonia, pace e giustizia.

 

 
Pagina 2 di 4 PrimaPrima 123 ... UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225