User Tag List

Pagina 414 di 415 PrimaPrima ... 314364404413414415 UltimaUltima
Risultati da 4,131 a 4,140 di 4142

Discussione: Accade in Europa.

  1. #4131
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    40,191
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,910
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Accade in Europa.

    Ai posteri l'ardua sentenza.
    Se poi fossero 21 o 19 il concetto non cambia.

  2. #4132
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    40,191
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,910
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Accade in Europa.

    “Il governo Meloni si regge sui voti di un partito il cui leader ha mantenuto rapporti pluriennali coi mafiosi”

    Anche questo è stato trovato e messo lì.
    Le braccia, la manovalanza, le mogli e quantaltro serva per gli "aiuti" sono infiniti per i poteri.
    A seconda dei momenti e delle situazioni.
    Sono curioso di capire CHI ha contribuito al successo della "non ricattabile".
    A meno che serva così genuina proprio perché è il momento di mandarci allo sfascio totale.

  3. #4133
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    40,191
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,910
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Accade in Europa.

    Gratta Rishi Sunak, spunta Bill Gates – e il WEF
    Maurizio Blondet 26 Ottobre 2022

    Essendo viene inondato di simpatia dai media: va al governo senza essere stato votato in nessuna elezione; è il miliardario e uomo di Goldman Sachs, il neo-premier britannico Rishi Sunak “rassicura i mercati” e trionfo della democrazia trasformata in plutocrazia, il capitalismo pienamente realizzato

    Ma immensamente più ricco di lui è il suocero, il plurimiliardario indiano Narayana Murphy: è il fondatore di Infosys, che gestisce il più grande sistema di identificazione numerica al mondo.

    https://twitter.com/Carene1984/statu...37154293665792

    Sede di Infosys a Bangalore. Ovviamente, una piramide

    Il colosso indiano sta collaborando con Microsoft nello sviluppo della trasformazione digitale.

    Siège d’Infosys à Bangalore.
    Le géant indien collabore avec Microsoft dans le développement de la transformation numérique.https://t.co/exKmzeZ1eK pic.twitter.com/KkflibQPXN

    — Carėne Tardy (@Carene1984) October 24, 2022

    https://thenewsminute.com/article/in...ion-108027?amp

    Narayana Murthy ha stretto partnership con Bill Gates in 30 anni di carriera.

    Sua moglie, Sudha Murthy, è membro della Gates Foundation Public Health Care Initiatives.

    Narayana Murthy a noué en 30 ans de carrière des partenariats avec Bill Gates.
    Sa femme, Sudha Murthy est membre des initiatives de soins de santé publique de la fondation Gates.
    Étonnant ? pic.twitter.com/t4tShw3REk

    — Carėne Tardy (@Carene1984) October 24, 2022

    Insomma per i vaccini da spopolamento.

    Il 7 aprile 2022, il quotidiano The Independent ha rivelato che Akshata Murty, la moglie di Sunak, ha uno status fiscale specifico, lo status di non domiciliato, che gli consente di non pagare alcuna imposta nel Regno Unito sul suo reddito generato dall’estero. Sempre gli stessi profittatori

    La moglie miliardaria esentasse: i “mercati” sono estasiati. L’hanno votato loro dopotutto

    We have a new Prime Minister in the UK, unelected by the British people or even the Tories. He didn’t give a single debate, interview or statement about what his “program” is. All we know is he’s stinking rich & worked for Goldman Sachs. But hey, he’s the first non-white PM! Lol pic.twitter.com/XUNAVAKrfK

    — Richard Medhurst (@richimedhurst) October 24, 2022

    Un articolo istruttivo:

    La famiglia di Rishi Sunak gestisce una società di punteggio di credito sociale con collegamenti al WEF
    E ora un rapporto di National Pulse ha rivelato che la famiglia di Sunak ha legami “con un partner tecnologico del World Economic Forum che ha sostenuto un’economia in stile Partito Comunista Cinese completa di identità digitali tracciabili e valuta”.

    La moglie di Sunak, Akshata Murthy, è una cittadina straniera con una partecipazione nella società collegata al WEF.

    Suo padre è il fondatore di Infosys, una società indiana di tecnologia dell’informazione che fornisce servizi a una serie di società e banche Fortune 500. Uno dei servizi leader dell’azienda è Finacle, una piattaforma di digital banking. Murthy rimane una cittadina straniera con “non dom”, in altre parole uno status di contribuente non britannico, nonostante il lavoro del marito come capo delle finanze più anziano della Gran Bretagna e le sue speranze di diventare il prossimo primo ministro britannico.

    Il National Pulse riporta: Infosys è elencata come partner ufficiale del World Economic Forum (WEF) , che è stato accusato di cercare di sviluppare l’infrastruttura tecnologica per implementare un sistema globale di “punteggio di credito sociale”.

    I punteggi di credito sociale sono stati utilizzati dai regimi autoritari per negare i diritti e limitare i movimenti di individui che non rispettano i diktat. Per il World Economic Forum, le priorità del credito sociale si concentrerebbero probabilmente su questioni sociali di sinistra come il cambiamento climatico, la diversità e l’equità.

    Il candidato di Klaus Schwab
    Lungi dall’essere un partner silenzioso, InfoSys ha ottenuto elogi dal WEF, essendo soprannominato un “leader globale nei servizi e nella consulenza digitali di prossima generazione”.

    ” Con tre decenni di esperienza nella gestione dei sistemi e del funzionamento delle imprese globali, guida i clienti nel loro viaggio digitale abilitando loro un core basato sull’intelligenza artificiale che aiuta a dare priorità all’esecuzione del cambiamento…”

    – WEF su InfoSys collegato a Sunak

    Diversi dirigenti di Infosys hanno anche contribuito con articoli al sito Web del WEF, tra cui Global Head, President e Chief Compliance Officer dell’azienda.

    Il presidente di Infosys Mohit Joshi ha scritto articoli per il sito a favore del digital banking, che fornisce la struttura tecnologica per il sistema di “punteggio di credito sociale” che il WEF ha tentato di attuare in tutto il mondo.

    Joshi fa eco a questi sentimenti in un articolo per il WEF dell’agosto 2020: “Perché è ora di prendere sul serio le valute digitali delle banche centrali”.

    “Quello che è chiaro è che la crisi del COVID-19 presenta molte sfide, ma anche un’opportunità unica per ripensare al modo in cui il denaro viene gestito e utilizzato nella nostra società”, si chiede.

    “Ci sono anche preoccupazioni che la carta moneta possa essere trasferita

    “Chi può quindi incolpare la People’s Bank of China (PBOC) quando ha annunciato a febbraio che avrebbe distrutto il denaro raccolto in ambienti ad alto rischio , come i trasporti pubblici, i mercati o negli ospedali?” sconfiggere il virus”, ha affermato prima chiedendo:

    “Le valute digitali potrebbero rimuovere l’ingombrante apparato operativo e di sicurezza che circonda le forme convenzionali di trasmissione di denaro”, continua il suo articolo, prima di affermare che “ci sono anche vantaggi politici e sociali”.

    Candidato cinese
    “Il potenziale per la Cina qui è immenso. Se l’e-RMB fosse adottato in generale come sistema per snellire gli scambi e ridurre i rischi, la Cina potrebbe diventare il banchiere commerciale mondiale, oltre che la sua fabbrica. Tuttavia, l’obiettivo più grande per la Cina è in realtà più locale e riguarda l’inclusione finanziaria. La digitalizzazione del RMB garantirà l’accesso ai servizi finanziari a centinaia di milioni di cittadini, compresi alcuni dei più svantaggiati. Questo vantaggio è qualcosa che può essere applicato a qualsiasi paese del mondo”, continua l’articolo, che ha anche rivelato che Infosys sta contribuendo agli sforzi di digitalizzazione.

    Un altro editoriale di Joshi – “L’identità digitale può aiutare a far progredire i servizi finanziari inclusivi” – sostiene di garantire a ogni persona un’”identità digitale unica” per condurre transazioni finanziarie. Indica il Partito Comunista Cinese come un esempio riuscito di questa politica:

    “Il governo cinese nella provincia di Zhejiang ha sviluppato un “codice digitale aziendale” proprio per questo scopo, rispondendo alle piccole e medie banche (PMI) con risorse finanziarie di facile accesso. MYBank, una sussidiaria di Ant Financial, l’azienda cinese Big Tech, collabora con il governo cinese attraverso questo schema per fornire prestiti economici e altri prodotti finanziari alle PMI”.

    Chiede inoltre la creazione di un “digital stability board” per regolare tutti i pagamenti.

    “Questo” consiglio di stabilità digitale “darebbe ai membri la piattaforma per condividere le migliori pratiche e monitorare i rischi nel commercio digitale e nell’assistenza sanitaria, ad esempio. Sarebbe così possibile creare data trust per gestire i dati di individui e PMI”, spiega.

    Infosys è anche membro della Partnering Against Corruption Initiative (PACI) del WEF, che comprende rappresentanti intersettoriali delle più grandi società del mondo. Il National Pulse ha recentemente esposto come a capo dell’iniziativa, che pretende di lottare per la trasparenza nelle pratiche commerciali, ci sia l’ex CEO di Reuters che ora serve come membro del consiglio di Pfizer , produttore di vaccini COVID-19 .

    I suoi leader sono anche coinvolti in diversi sottogruppi del WEF, come il Global Head of Sustainability and Design Consulting Services Corey Glickman, che è un membro del gruppo di lavoro WEF Pioneer Cities.

    Il National Pulse ha anche osservato che la Cina favorisce Sunak come primo ministro del Regno Unito. Lo stesso Sunak ha una storia di tenerezza con la Cina. Ha detto al Telegraph di volere un “cambiamento completo” nelle relazioni con il Partito Comunista Cinese a favore di maggiori legami commerciali e collaborazione economica. La Cina, a sua volta, ha appoggiato la candidatura di Sunak.

    https://www.maurizioblondet.it/gratt...ates-e-il-wef/
    Ultima modifica di Eridano; 27-10-22 alle 18:23

  4. #4134
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    40,191
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,910
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Accade in Europa.

    https://www.ilgiornale.it/news/polit...s-2081552.html
    Ma che carini i tedeschi!
    E che carina questa UE così unità e solidale col culo nostro!

  5. #4135
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    40,191
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,910
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Accade in Europa.

    Mosca: 'Varsavia poteva dire subito che razzo non era russo'
    Mondo.
    Le notizie circolate ieri sera sulla presunta caduta di missili russi sono state un tentativo di "provocare uno scontro militare diretto fra la Nato e la Russia, con conseguenze per l'intero pianeta"
    Ansa.it

  6. #4136
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    40,191
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,910
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Accade in Europa.

    Chissà quanto ci metteranno ancora gli angloamericani per comprendere che razza di delinquente si sono scelti come burattino in Ucraina.
    Anche se ad onor del vero trovarne uno che sia sano da quelle parti è difficile.
    Donne e uomini.
    Da evitare!

  7. #4137
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    40,191
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,910
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  8. #4138
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    40,191
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,910
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Accade in Europa.

    “Il più grande successo dell’euro”
    Maurizio Blondet 24 Novembre 2022

    https://www.facebook.com/10000

    “IL PIÙ GRANDE SUCCESSO DELL’EURO”

    Grecia, questa mattina.

    Alle 8.00 in punto la polizia ha fatto irruzione in una casa della periferia est di Atene, nel sobborgo di Zografou, per eseguire un pignoramento immobiliare. Gli agenti hanno sfondato la porta con una motosega per liberare l’appartamento e consentire così che venga messo all’asta.

    All’interno fino a poche ore fa ci viveva Ioanna Kolovou, giornalista in pensione, insieme a suo figlio autistico. Sopravvivevano con una pensione di 700 euro al mese e avevano accumulato un debito bancario di 15.000 euro.

    Un debito maturato su una carta di credito per il quale la banca ha preteso un pagamento unico anziché i tre distinti e più piccoli inizialmente concordati. Sono stati trascinati fuori a forza dalla loro casa e buttati in mezza alla strada come rifiuti della società per quindicimila euro. QUINDICI.

    L’ennesima storia surreale che dimostra come, dopo la “cura” della Troika, nella Grecia moderna non esista più nessuna pietà. Nessuna protezione. Men che meno per le persone più fragili e vulnerabili. Esiste solo il cinismo.

    La fredda, glaciale applicazione di quel rigorismo normativo scellerato tanto caro a Bruxelles che difende unicamente il diritto di ricchi e potenti. Di chi i soldi e una casa già li ha. E consente a banche e fondi d’investimento di speculare impunemente sulla pelle della povera gente. Di portare via loro la casa, il frutto dei sacrifici di una vita, anche per debiti infinitamente più piccoli rispetto al valore di una casa.

    Un saccheggio legalizzato sempre più violento e insensibile che ha raggiunto proporzioni insostenibili, mentre sui media di regime continuano a raccontare la storiella di un paese in forte ripresa economica.

    Eccola qua la ripresa.

    Un deserto di miseria umana popolato di disperati errabondi inseguiti dagli sciacalli. E migliaia di carcasse sopra le quali volano gli avvoltoi.

    [Di Antonio Di Siena]


    Potrebbe essere un'immagine raffigurante spazio al chiuso

    Adrienne Scribano

    Scandaloso! Sono stati un banco di prova per gli scempi di troika e finanza. Li hanno depredati dell aeroporto gestito dai tedeschi e del porto comprato dai cinesi. E’ la fine della storia scritta dagli umani ed è la storia del sciacallaggio dei poteri…

    https://www.maurizioblondet.it/il-pi...esso-delleuro/
    Da riportare!
    Se non ci ribelliamo ORA contro questa UE sarà la fine!
    Ultima modifica di Eridano; 24-11-22 alle 17:59

  9. #4139
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    40,191
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,910
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Accade in Europa.

    A sparare sulla centrale sono gli ucraini
    Maurizio Blondet 24 Novembre 2022

    Soiegato bene da Micalessin:

    https://www.facebook.com/gian.micale...close_friend=1

    Ucraina la farsa di Energodar Tutti condannano i colpi sulla cent
    Chi spara sul nucleare
    22 Novembre 2022 – 08:10

    Accuse reciproche Mosca-Kiev

    Avatar di Gian MicalessinGian Micalessin
    20
    Chi spara sul nucleare
    Il direttore dell’Aiea (Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica) Rafael Grossi a volte ricorda Ponzio Pilato. Da sabato descrive l’incubo di Energodar, la centrale nucleare ucraina occupata dai russi e colpita – lo scorso fine settimana – da «più di una dozzina di esplosioni in 40 minuti» con danni a strutture critiche come i sistemi di irrigazione e i depositi di rifiuti radioattivi. «Il bombardamento – spiega Grossi – era pericolosamente vicino. Stiamo parlando di metri, non di chilometri. Chiunque sta bombardando la centrale corre rischi enormi e gioca d’azzardo con la vita di molte persone». A render singolare l’uscita di Grossi non è il giustificatissimo allarme quanto la mancata indicazione d’un colpevole. Pur avendo sul posto una squadra di ispettori a cui è garantito l’accesso agli impianti l’Aiea e il suo Direttore, continuano a non sbilanciarsi sulle responsabilità. In compenso accusano le forze militari intente a «giocare con il fuoco» e le esortano a «fermarsi immediatamente». Un ambiguità a cui si adeguano molti media. Dunque quali sono le «forze militari» indicate da Grossi? E soprattutto perché sono pronte a rischiare una catastrofe simile a Chernobyl? Partiamo dall’esperienza del Giornale che il 4 ottobre scorso ha potuto accedere alla centrale e a una parte delle sue infrastrutture colpite dai bombardamenti. Il primo elemento indiscutibile è che il vasto impianto e i sei reattori, allineati per quasi due chilometri sul versante orientale di un promontorio affacciato sul Dnepr, sono, dai primi di marzo, sotto il totale controllo dei russi. Dunque la responsabilità di aver spinto la prima linea in prossimità dell’impianto è di Mosca. Ma chi continua a colpirlo? Per comprenderlo siamo partiti da Melitopol, città occupata e annessa a fine settembre da Mosca, viaggiando in auto per due ore e mezza fino ad Energodar, la città attigua alla centrale.


    Per garantirci l’accesso all’impianto abbiamo raggiunto il municipio, nel mirino delle artiglierie ucraine attestate sull’altra riva del Dnepr e ottenuto di farci accompagnare dal sindaco filo russo Alexander Volga. L’accesso all’impianto, circondato da una doppia recinzione alta quasi tre metri è affidato ad un reparto di forze speciali russe che controlla meticolosamente vetture ed occupanti. Le stesse forze hanno seguito il nostro viaggio all’interno del perimetro della centrale mostrandoci i resti di granate e missili disseminati in tutta la parte interna della recinzione fino alle vicinanze dei reattori. L’impianto è dunque sotto il totale controllo di Mosca che ne presidia ogni parte compresa quella sala direzionale in cui continuano a lavorare i tecnici ucraini. Quel controllo si allarga non solo all’intero promontorio su cui sorgono Energodar e la centrale, ma a tutta la sponda meridionale del fiume Dnepr. In tutto ciò un elemento fondamentale per ipotizzare la traiettoria dei colpi lo forniscono le facciate annerite dalle esplosioni e graffiate delle schegge. Il novanta per cento di quelle visitate, anche se sotto costante scorta russa, fronteggia il corso del Dnepr. Sulla riva opposta sono disseminate, invece, le artiglierie e i lanciamissili ucraini. Dunque origine e provenienza dei colpi appare difficilmente discutibile. Resta da chiedersi perché continuino a colpire il perimetro della centrale rischiando un incidente che metterebbe a repentaglio non solo la vita di civili e militari presenti sulle due rive del fiume, ma dell’intero paese e di una parte d’Europa. La risposta, azzardiamo, potrebbe nascondersi nelle tante parti dell’impianto e del promontorio che non abbiamo potuto visitare. Lì i russi potrebbero aver posizionato lanciamissili o pezzi d’artiglieria puntati sul versante ucraino. In questo scenario missili e granate, caduti dentro e fuori la centrale, avrebbero come obbiettivo non tanto l’impianto quanto le postazioni russe. In tutto questo resta inspiegabile l’opacità e l’ambiguità della missione Aiea, che pur avendo accesso all’impianto, evita di far chiarezza sul chi e sul perché si spara sulla più grande centrale nucleare d’Europa.

    rale evocando la catastrofe nucleare ma nessuno ammette che a sparare sono gli ucraini

    https://www.maurizioblondet.it/a-spa...o-gli-ucraini/
    Lo sapevamo già, ma qui è spiegato bene.
    Ucraini popolo di maledetti delinquenti senza scrupoli.

  10. #4140
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    40,191
     Likes dati
    1,276
     Like avuti
    2,910
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Accade in Europa.

    Macron: 'Profonda amicizia al popolo italiano'. Mattarella: 'Alimentarla nell'interesse dei 2 paesi'

    Macron!
    La tua amicizia non la voglio!
    Sei peggio di Giuda!

 

 
Pagina 414 di 415 PrimaPrima ... 314364404413414415 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •