User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Super Troll
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Messaggi
    55,258
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Quei dubbi sulle firme di alcune liste elettorali che hanno appoggiato Chiamparino

    PIEMONTE: CHIAMPARINO PRESIDENTE FUORILEGGE? ALCUNE LISTE HANNO FIRME FALSE, MENTRE ALTRE SONO STATE FIRMATE DAI BOSS MAFIOSI ARRESTATI POCHI GIORNI FA


    Anche il boss firma per Chiamparino Irregolari le liste del centrosinistra?
    COMPARE ANCHE IL NOME DI DONATO, ARRESTATO NELL’OPERAZIONE SAN MICHELE, TRA I SOTTOSCRITTORI DELLE FORMAZIONI A SOSTEGNO DEL GOVERNATORE, DI CUI IN DUE ESPOSTI SI CONTESTANO GRAVI IRREGOLARITÀ: FIRME DUBBIE, AUTENTICAZIONI ANOMALE. RICORSI AL TAR E IN PROCURA

    Compare anche la firma diVincenzo Donato tra quelle in calce alle liste in sostegno diSergio Chiamparino, nelle ultime elezioni Regionali. In quanto iscritto regolarmente alPd, anche il “compagno Vincè”, dunque, ha dato il suo contributo di militante al partito e alla coalizione.

    Un contributo che certo imbarazza la formazione diMatteo Renzi, giacché si tratta di uno degli arrestati nell’operazione San Michele, tra gli uomini chiave, secondo le forze dell’ordine, della locale subalpina della ‘ndrina originaria di San Mauro Marchesato, in provincia di Crotone. Ma per quanto imbarazzante non è nemmeno quella, o solo quella, la firma che rischia di far andare a carte quarantotto l’intera giunta regionale. Dopo aver discusso per quattro anni, sotto la gestione di Roberto Cota, di firme false, infatti, le stesse ombre si allungano nuovamente su piazza Castello anche dopo il cambio della guardia.

    Il primo ad annunciare esposti e denunce è stato il consigliere provinciale Renzo Rabellino, anche conosciuto come il re delle liste civetta, proprio durante l’ultimo consiglio dell’ente, prima che venisse sciolto.
    Successivamente i dossier sono stati presi in mano dalla ex collega leghista Patrizia Borgarello e dall’eurodeputato del Carroccio Mario Borghezio (il quale, contattato telefonicamente dallo Spiffero si trincera dietro un eloquente no comment).
    L’ex consigliera provinciale ha presentato un esposto al Tar per verificare la regolarità di tre liste: Pd, Monviso e il listino bloccato del presidente. Una manovra a tenaglia che vede protagonista, come detto, anche Borghezio, il quale, invece, ha consegnato una denuncia penale lunedì mattina poiché a suo giudizio si prefigurerebbe un reato elettorale. Un’operazione, a quanto si apprende, concordata direttamente coi piani alti di via Bellerio se è vero come si racconta nei corridoi che avrebbe avuto l’imprimatur nientemeno che di Matteo Salvini.

    Attraverso un lavoro minuzioso seguito a un accesso agli atti, inoltrato peraltro anche dal segretario democraticoDavide Gariglio, la battagliera Borgarello ha messo in fila tutte le potenziali irregolarità. Si legge nel ricorso: “Attraverso tali accessi riscontrava profili che palesavano la effettiva presenza di gravi violazioni, sufficienti a invalidare le liste a sostegno della coalizione del candidato presidente”. Cinque le motivazioni alla base del ricorso. Nella prima si ravvisa un potenziale conflitto di interesse in quanto nel listino “molte delle firme di cittadini sottoscrittori” sono “state autenticate da candidati nella medesima lista”. In particolare si fa riferimento a Marco Grimaldi, Valentina Caputo,Nadia Conticelli e Antonio Ferrentino, che “sfruttando rispettivamente le proprie qualifiche di consigliere comunale di Torino, vice presidente di Circoscrizione di Torino, presidente di Circoscrizione di Torin o e consigliere provinciale di Torino, hanno proceduto alla autentificazione di centinaia di firme di sottoscrizione necessarie per la presentazione della lista regionale Chiamparino Presidente”. La ricorrente profila in tale condotta l’ipotesi di abuso di ufficio. Allo stesso modo vengono contestate le autentiche da parte dei consiglieri Giuseppe Sbriglio e Dario Troiano per la lista Chiamparino per il Piemonte (“Monviso”) in quanto entrambi erano candidati per la medesima formazione.
    Nella seconda motivazione si evidenziano “gravi vizi di forma nonché assenza dei requisiti essenziali”, in particolare per il listino: in alcuni atti mancherebbero le qualifiche dell’autenticatore, in altri l’indicazione delle generalità, 9 sottoscrizioni sono sprovviste di timbro dell’ente di appartenenza dell’ufficiale autenticatore e via dicendo. In tale ambito si fa riferimento ad analoghe irregolarità presenti nella lista provinciale di Cuneo del Pd.
    Al terzo punto si denunciano “presunte falsità materiali e ideologiche”, che “verranno sottoposte all’esame dell’autorità penale”. “Si registra come nell’arco di quattro giorni alcuni autenticatori si siano dedicati a una attività di raccolta di firme dei sottoscrittori prodigiosa (sic!) autenticando centinaia di firme di cittadini e garantendo la contemporanea presenza in diversi luoghi del Piemonte”. Nel ricorso si fa esplicito riferimento alla condotta del consigliere provinciale del Pd Pasquale Valente, il quale il 24 maggio 2014 “ha autenticato almeno 329 firme”, considerando un arco temporale di 12 ore significherebbe una firma ogni due minuti senza previsione di alcuna interruzione. Tuttavia, il medesimo pubblico ufficiale autenticatore, lo stesso giorno ha autenticato firme non solo nella città di Torino, ove risiede, ma anche trovato il tempo per recarsi a Cossano Canavese per autenticare 23 firme di sottoscrittori. Sono talmente tante le anomalie e le dissomiglianze tra le firme apposte che la ricorrente formula l’ipotesi che ictu oculi molte di queste sottoscrizioni non siano state apposte dalla medesima mano.
    La quarta motivazione si concentra sul listino maggioritario nel quale risulterebbero autenticazioni “da consiglieri di ente locale differente da quello di residenza del candidato, ingenerando il legittimo e fondato sospetto che non siano state autenticate in presenza del candidato”.
    Infine viene contestato il decreto che ripartisce il numero dei seggi nelle otto circoscrizioni piemontesi e quelli previsti per la lista maggioritaria regionale. “Essendo il presidente della Regione egli stesso un consigliere ne consegue che il numero di consiglieri totali su cui si sarebbero dovuti fare i calcoli è 51. La ripartizione decisa dalla Regione Piemonte è stata, invece, effettuata su base numerica di 50 consiglieri, considerando il presidente della Regione come se non facesse parte del Consiglio regionale”.



    CHIAMPARINO REGIONE PIEMONTE FIRME FALSE PD MAFIOSI ARRESTATI
    "... e accenderemo un altro rogo il 4, al "fante ignoto" che non vuol più stare a Roma divenuta una Bisanzio putrefatta sempre più gonfia della sua putrefazione"

    (G. D'Annunzio)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    [email protected]
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    9,045
    Mentioned
    24 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Chiamparino, chi di firme false ferisce, di firme false perisce?

    proprio come kota.

 

 

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226