User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Murru

Discussione: Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia

  1. #1
    Orgogliosamente bianco
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    Cagliari (Europa ariana)
    Messaggi
    23,866
    Mentioned
    732 Post(s)
    Tagged
    32 Thread(s)

    Predefinito Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia

    Se siete d accordo non sarebbe malvagia come idea quella di dedicare un bel thread a uno degli esperimenti di socialismo reale più interessanti. Sperando che l' esperto numero uno del forum in questioni jugoslave, Manfr, dia il suo contributo

    Visto che siamo nell' anno in cui si sono svolte le olimpiadi invernali posto un bell' articolo su quella svolta a Sarajevo, forse le più bella in assoluto.

    Sarajevo, Olimpiadi invernali 1984: quando la guerra civile era lontana


    Venerdì 7 febbraio si svolgerà la cerimonia inaugurale della 22esima edizione delle Olimpiadi invernali, che si svolgeranno a Sochi, in Russia. Eventi come questi rappresentano un'importante vetrina internazionale e, per rispondere alle grandi aspettative, il governo di Mosca ha speso la cifra record di 50 miliardi di dollari.
    La memoria ricorre a una precedente edizione che si svolse in un altro Paese dell'Europa dell'Est, la Bosnia-Erzegovina. Benché il budget di spesa fosse stato assai minore, tutti ricordano quelle Olimpiadi, svoltesi ormai trent'anni fa, per come il popolo sarajevese, al contrario della fredda ospitalità russa, accolse il grande evento.
    Eppure nessuno ci avrebbe scommesso che la XIV edizione delle Olimpiadi invernali sarebbe andata proprio alla Jugoslavia. Per intenderci, siamo nel 1984, durante la Guerra Fredda, e il Paese è governato da un regime comunista. Allora, ad accaparrarsi i giochi olimpici erano per lo più i ricchi Stati occidentali.
    I primi ad essere scettici erano gli stessi jugoslavi. La candidatura doveva prima essere approvata, ovviamente, dal partito comunista, poi dal governo della repubblica di Bosnia-Erzegovina e, infine, dal governo federale con sede a Belgrado. Un iter per niente semplice, farraginoso, burocratico e complesso, che metteva in evidenza la grande frammentarietà della Jugoslavia, formata da sei repubbliche, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni e due alfabeti. Il Paese era inoltre spaccato a metà, laddove le ricche repubbliche di Slovenia e Croazia godevano di floride economie, mentre la Serbia o la stessa Bosnia-Erzegovina arrancavano.
    Non andava meglio a livello internazionale, dove, per le Olimpiadi, Sarajevo si trovò a competere con città come Sapporo, in Giappone, e Falun e Göteborg, entrambe in Svezia. "Se scegliete Sapporo, i giapponesi vi organizzeranno un aereo per visitare Tokyo; se optate per Falun e Göteborg, gli svedesi vi faranno vedere i fiordi e gli iceberg. Ma se la vostra scelta ricadrà sulla Jugoslavia e Sarajevo, troverete gente amichevole, di gran cuore, e meravigliose montagne" scrisse la giornalista britannica Pet Bedford prima della votazione finale. Vinse Sarajevo. Erano le prime Olimpiadi invernali che si svolgevano in un Paese comunista.
    E fu anche l'Olimpiade dei record: 49 Paesi partecipanti, 1.272 atleti, 39 discipline, 7.393 giornalisti, due miliardi di telespettatori, 250mila biglietti venduti, 9.500 nuovi posti di lavoro, per un guadagno totale di 47 milioni di dollari. Per la prima volta, la Jugoslavia vinse una medaglia alle Olimpiadi invernali. Fu lo sciatore sloveno Jure Franko a conquistare la medaglia d'argento nello slalom gigante, aumentando l'orgoglio nazionale di uno Stato che da lì a pochi anni si sarebbe sgretolato lasciando dietro si sé una scia di sangue. "Erano tempi diversi e anche i valori erano diversi - dirà amaramente Jure Franko anni dopo - Ci avevano promesso, nel caso vincessimo, di regalarci un videoregistratore. E io ragionavo: se corro bene nel secondo turno, porterò a casa un videoregistratore".
    Insomma, l'edizione del 1984 delle Olimpiadi invernali non fu solo un grande evento internazionale, ma anche un'importante prova per l'unità e la fierezza di una nazione. E la Jugoslavia superò il test brillantemente, in tempi in cui una guerra civile era impensabile. "Il movimento olimpico si è arricchito - disse Juan Antonio Samaranch, all'epoca presidente del comitato Olimpico internazionale - Per la prima volta i giochi olimpici sono stati organizzati da un popolo".
    Appena otto anni dopo scoppiò la guerra fratricida e molti edifici olimpici vennero deliberatamente bombardati per distruggere qualsiasi documento della storia e della vita comune del popolo bosniaco. Non tutto però è andato distrutto. Ci sono alcune cose della memoria collettiva che anche se vengono abbattute, non posso essere cancellate e, soprattutto, possono essere ricostruite; come il centro sportivo Zetra, dove si svolse la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi, ricostruito nel 1999; oppure il lupacchiotto "vučko", la mascotte diventata il souvenir più venduto ai turisti.
    "Eravamo felici e uniti" dicono i sarajevesi, ricordando quei giorni memorabili. Solo che oggi i serbi e i bosniaci sciano in luoghi diversi e l'unità nazionale appartiene ormai al passato.

    Sarajevo, Olimpiadi invernali 1984: quando la guerra civile era lontana - International Business Times





    Ultima modifica di Murru; 31-07-14 alle 12:07
    amaryllide likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226