User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
Like Tree5Likes
  • 3 Post By John Orr
  • 1 Post By John Orr
  • 1 Post By anticomunista

Discussione: Non solo debito pubblico, in certi Paesi euro il debito privato è + del 300% del PIL

  1. #1
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    24,218
    Mentioned
    348 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Non solo debito pubblico, in certi Paesi euro il debito privato è + del 300% del PIL

    Non solo debito pubblico. In alcuni Paesi euro il debito privato è oltre il 300% del Pil

    di Vito Lops

    L'Italia, terza economia dell'Eurozona, ha un debito pubblico che ha superato quota 2mila miliardi. Per l'esattezza siamo a 2.063 miliardi. La Francia, seconda economia dell'Eurozona, ha un debito pubblico di 2mila miliardi. E la Germania, prima sul podio, ha un debito pubblico di 2.147 miliardi di euro (dati Eurostat a fine 2013).
    Il debito è una grandezza che a livello nominale tende a crescere perché bisogna aggiungere l'inflazione della moneta, salvo nei casi in cui c'è deflazione (come potrebbe essere per molti Paesi dell'Eurozona questo 2014). Tende a crescere anche quando un Paese chiude l'anno in deficit di bilancio. A buona parte dei deficit contribuiscono gli interessi passivi che si pagano sul debito. L'Italia è un esempio in questo caso. Da otto anni consecutivi chiude con un saldo primario positivo (quindi ricava da tasse e altri introiti più di quanto spende). Finisce in deficit nel momento in cui si aggiungono alla formula anche gli interessi passivi sul debito che, per quanto riguarda l'Italia, ammontano a circa 80-90 miliardi di euro l'anno, ben superiori rispetto a quanto pagano Germania e Francia nonostante la prima abbia un stock di debito più consistente di quello italiano. Basti pensare che dal 1980 l'Italia ha pagato in termini di interessi oltre 3mila miliardi, più di quanto oggi amnonta il debito stesso.
    Ma il debito pubblico, analizzato come grandezza a se stante, ci dice poco (al di là del fatto che su esso maturano degli interessi). Innanzi tutto va detto che il debito pubblico è anche il credito di chi lo possiede: in Italia è per gran parte in mano a banche e assicurazioni, poi per un 10-15% in mano ai risparmiatori e per un 30-35% in mano a investitori esteri (per cui non è propriamente vero che un neonato italiano nasce con 35mila euro di debito da espiare).
    E poi, per avere un confronto ponderato tra i vari Paesi viene utilizzato il parametro debito pubblico/Pil. Cioè si rapporta l'ammontare del debito al Pil, ovvero alla ricchezza prodotta in un Paese. Il Pil viene anche definito reddito degli attori di un Paese o somma della domanda aggregata tra questi: famiglie (consumi), imprese (investimenti), Stato (spesa pubblica), domanda estera (differenza tra esportazioni e importazioni).
    Questo rapporto ci dice che l'Italia ha un quadro meno favorevole di Germania e Francia. In Germania il debito/Pil è del 78%, in Francia del 92% e in Italia del 132%. Nel 2007, prima che scoppiasse la crisi internazionale scatenata dal collasso delle banche americane ed europee (che avevano esagerato con prodotti derivati), il debito/Pil dell'Italia era del 103%, più basso del 113% relativo al 1999. In sette anni il rapporto debito/Pil dell'Italia è aumentato di circa 30 punti. Questo però è dovuto non tanto all'incremento del debito nominale, quanto piuttosto al collasso del denominatore, il Pil. In termini reali (depurato cioè per gli effetti dell'inflazione) il Pil dell'Italia ha perso il 9% dall'inizio della crisi. Una delle principali cause - sono in pochi ormai a dire il contrario - è stata la rigida politica di austerità adottata dalle autorità europee sulla base di calcoli previsionali errati sul moltiplicatore fiscale (si ipotizzava che una riduzione di 100 punti di debito corrispondesse a una riduzione di Pil di 50 punti, invece il moltiplicatore della disciplina fiscale è stato molto più ampio e ha causato nell'area euro una riduzione di Pil fino a 170 punti).
    Oggi il dibattito su austerità e flessibilità prosegue ininterrotto. In Francia è costato le dimissioni al ministro dell'Economia Arnaud Montebourg secondo cui la riduzione forzata dei deficit «ci porta all'austerità e all'aumento continuo della disoccupazione» e ora «deve passare in secondo piano». Montebourg aveva esortato ad «alzare la voce. La Germania - dice - è intrappolata nella politica di austerità che ha imposto a tutta l'Europa. Quando dico Germania, voglio dire la destra tedesca che sostiene Angela Merkel. La Francia non sente di doversi allineare sugli assiomi ideologici della destra tedesca».
    In Austria, invece, il ministro delle Finanze austriaco Michael Spindelegger si è dimesso per motivi opposti. Criticato dal proprio partito - i conservatori del Partito del Popolo Ovp - per l'incapacità di ridurre le tasse per far ripartire l'economia.
    Due esempi, quello francese e austriaco, che dimostrano che il dibattito su quale strada intraprendere tra maggiore flessibilità e prosieguo dell'austerità, resta aperto. Un dibattito con posizioni profondamente discordanti. Ma non quelle della Germania, che non sembra avaer cambiato opinione. Il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schäuble ha ribadito ieri: «Non ci sono cambiamenti di rotta perché la necessità di riforme strutturali e finanze solide restano la giusta lezione della recente crisi dei debiti. Abbiamo bisogno di riforme strutturali in Germania e in Europa per garantire che le nostre economie restino competitive».
    Nella sua nuova difesa all'austerity Schäuble fa riferimento alla recente crisi dei debiti riferendosi a finanze (pubbliche) solide. Il riferimento implicito alla «lezione della recente crisi dei debiti» è che la colpa dell'attuale crisi dell'Eurozona sia dovuta principalmente agli alti livelli di indebitamento di alcuni Paesi. Ma questo è un altro punto su cui i pareri non sono unanimi.
    Secondo il vicepresidente della Banca centrale europea, il portoghese Vitor Costantio, la crisi è attribuibile all'esplosione di una bolla del debito privato nell'area euro che solo successivamente, tramite i piani di salvataggio, è ricaduta sui debiti pubblici. In un discorso riportato sul sito della Bce che risale al maggio del 2013, Costantio afferma: «Per avere una storia più accurata riguardo le cause della crisi, dobbiamo guardare non solo alle politiche fiscali: gli squilibri si sono originati per lo più nella crescente spesa del settore privato, finanziata dal settore bancario dei Paesi debitori e creditori».
    «In certi paesi il debito pubblico è decresciuto, e in qualcuno è diminuito sostanzialmente. Per esempio, tra il 1999 e il 2007, il debito pubblico spagnolo è passato dal 62,4% del Pil al 36,3% del Pil. In Irlanda, nello stesso periodo, è diminuito dal 47% al 25% del Pil. Per quanto a livelli relativamente alti, il debito pubblico è diminuito anche in Italia (dal 113% al 103,3% del Pil) ed è aumentato solo di poco in Grecia. Al contrario dei livelli del debito pubblico, il livello del debito privato è aumentato nei primi 7 anni dell'euro del 27%. L'aumento è stato particolarmente pronunciato in Grecia (217%), Irlanda (101%), Spagna (75,2%), e Portogallo (49%), tutti Paesi che sono stati sottoposti a grandissimo stress durante la recente crisi. La crescita repentina del debito pubblico, d'altra parte, è iniziata solo dopo la crisi finanziaria. Nel corso di 4 anni, i livelli del debito pubblico sono aumentati di 5 volte in Irlanda e di 3 in Spagna. Da questa prospettiva, il rapido incremento dei livelli di debito pubblico deriva dal collasso delle entrate fiscali e dalle spese sociali, che sono aumentate durante la recessione quando sono stati attivati gli stabilizzatori automatici. Pericolose ripercussioni dal sistema bancario al debito sovrano, che sono emerse dopo l'inizio della crisi finanziaria, hanno ulteriormente indebolito i conti fiscali».
    L'analisi è chiara: la causa della crisi è il debito privato e, tra le conseguenze, c'è anche l'aumento del debito pubblico. Ma oggi, quando il dibattito tra austerità e flessibilità prende come riferimento esclusivamente il tema del debito pubblico, a che punto è quel debito privato che avrebbe originato quella crisi da cui alcuni Paesi (tra cui l'Italia) non sono ancora usciti?
    I dati Eurostat ci dicono che nella maggior parte dei Paesi la quota di debito privato in rapporto al Pil sta aumentando. La Grecia è passata dal 118% pre-crisi al 129%, la Francia dal 126% al 140%. Cipro è arrivato addirittura al 300%, soglia condivisa con l'Irlanda (306%). Senza dimenticare che Olanda e Danimarca continuano a viaggiare abbondantemente sopra il 200%. Come il Portogallo. In Italia è cresciuto dal 118% al 126%, un dato "contenuto" e tutto sommato tra i migliori rispetto ai 28 Paesi dell'Unione europea (l'Italia è al 20esimo posto tra i più bassi debiti privati/Pil).
    In sostanza questi numeri documentano che probabilmente il dibattito è troppo baricentrato sul debito pubblico e, ancora una volta, si rischia di ignorare il tema del debito privato che - come accaduto per l'ultima crisi e come dimostrano gli economisti Reinhart & Rogoff nel libro ricerca "Questa volta è diverso" - è risultato essere, insieme al debito estero, la PRINCIPALE causa delle crisi economiche e finanziarie dell'ultimo secolo.

    twitter.com/vitolops



    Non solo debito pubblico. In alcuni Paesi euro il debito privato è oltre il 300% del Pil - Il Sole 24 ORE

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Non solo debito pubblico, in certi Paesi euro il debito privato è + del 300% del

    Non capisco cosa debba fregargliene allo Stato del debito privato. Come dice la parola è debito privato, quindi si faccia i cazzi suoi. Pensi al debito pubblico, che ci sta mandando in malora. Sarebbe da abolire qualsiasi emissioni di titoli di Stato.
    Heß, deepak and 7stelle like this.
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  3. #3
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    24,218
    Mentioned
    348 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Non solo debito pubblico, in certi Paesi euro il debito privato è + del 300% del

    Citazione Originariamente Scritto da John Orr Visualizza Messaggio
    Non capisco cosa debba fregargliene allo Stato del debito privato.
    si è visto nel 2008 come il debito privato sia irrilevante per lo stato.

  4. #4
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Non solo debito pubblico, in certi Paesi euro il debito privato è + del 300% del

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    si è visto nel 2008 come il debito privato sia irrilevante per lo stato.
    Ma di che parli? I mutui subprime? Guarda che erano mutui concessi garantiti dallo Stato...ma cosa stai dicendo? Ma se anche una crisi fosse generata dai privati, che è impossibile, e chiunque ne capisca di economia lo sa, dove sta il problema? Le crisi sono generate dal ciclo economico, dall'espansione monetaria voluta dalle banche centrali, statali, dall'entusiasmo artificiale e dall'euforia che generano, che poi crollano su loro stessi. Sul serio, se non capite di economia, non scrivete inutilmente. A te frega qualcosa che il tuo vicino abbia 200 mila Euro di mutuo da pagarsi? Sul serio, che ti frega? E se ti frega, perchè non pensi ai debiti tuoi?
    Ultima modifica di John Orr; 05-09-14 alle 09:30
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  5. #5
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    24,218
    Mentioned
    348 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: Non solo debito pubblico, in certi Paesi euro il debito privato è + del 300% del

    Citazione Originariamente Scritto da John Orr Visualizza Messaggio
    Ma di che parli? I mutui subprime?
    i derivati li faceva lo stato?

  6. #6
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Non solo debito pubblico, in certi Paesi euro il debito privato è + del 300% del

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    i derivati li faceva lo stato?
    I derivati ci sono anche oggi, non solo ieri, li fanno i privati, certo, tutt'ora, e se sono nati è stato proprio per aggirare certe restrizioni statali. E se credi che il 2008 è nato a causa dei derivati sei completamente fuori di senno. Il 2008 è stata una crisi dovuta a un'espansione monetaria, come tutte le altre crisi dei decenni e dei secoli passati. Tra l'altro tutti i paesi hanno reagito alla crisi del 2008, che è stata generata da'un espansione monetaria, con altra espansione. E allora tenetevi i crolli. Altro che derivati.
    Razionalista likes this.
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  7. #7
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    12 Jun 2012
    Messaggi
    15,225
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Non solo debito pubblico, in certi Paesi euro il debito privato è + del 300% del

    Citazione Originariamente Scritto da John Orr Visualizza Messaggio
    Non capisco cosa debba fregargliene allo Stato del debito privato. Come dice la parola è debito privato, quindi si faccia i cazzi suoi. Pensi al debito pubblico, che ci sta mandando in malora. Sarebbe da abolire qualsiasi emissioni di titoli di Stato.



    IO credo che le famiglie all americana tutto debito col dire di pagherò siano una condanna a morte per lo stato stesso e non solo ....


    comprare lavatrici tv a rate non mi piace e credo che quel genere di famiglie non portino niente di buono ne per se ne per il collettivo
    Ultima modifica di anticomunista; 15-09-14 alle 22:09
    amaryllide likes this.

  8. #8
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Non solo debito pubblico, in certi Paesi euro il debito privato è + del 300% del

    Citazione Originariamente Scritto da anticomunista Visualizza Messaggio
    IO credo che le famiglie all americana tutto debito col dire di pagherò siano una condanna a morte per lo stato stesso e non solo ....


    comprare lavatrici tv a rate non mi piace e credo che quel genere di famiglie non portino niente di buono ne per se ne per il collettivo
    La loro è una questione morale privata, spetta a loro capire dove sbagliano e se sbagliano. Il debito privato, come il sesso privato, come la casa privata, sono questioni interne alla privacy, e lo Stato non dovrebbe nemmeno per scherzo permettersi di entrare nelle faccende interne alla Famiglia. Se ancora non si è capito che la Famiglia è un'istituzione naturale e pacifica, mentre lo Stato è un'istituzione criminale e dedita alla truffa continua e all'esproprio costante, allora non si è capito un cazzo.
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  9. #9
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    12 Jun 2012
    Messaggi
    15,225
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Non solo debito pubblico, in certi Paesi euro il debito privato è + del 300% del

    Citazione Originariamente Scritto da John Orr Visualizza Messaggio
    La loro è una questione morale privata, spetta a loro capire dove sbagliano e se sbagliano. Il debito privato, come il sesso privato, come la casa privata, sono questioni interne alla privacy, e lo Stato non dovrebbe nemmeno per scherzo permettersi di entrare nelle faccende interne alla Famiglia. Se ancora non si è capito che la Famiglia è un'istituzione naturale e pacifica, mentre lo Stato è un'istituzione criminale e dedita alla truffa continua e all'esproprio costante, allora non si è capito un cazzo.


    CHE lo stato sia un istituzione debita alla truffa sono pienamente d'accordo con te il problema è che poi lo stato vuole mettere bocca su tutto anche sui debiti privati o sulle famiglie che stante i debiti stanno morendo di fame...e in questo momento il debito privato diventa pubblico alzano le tasse a me per far mangiare uno che è andato in rovina,..


    IN pratica i debiti privati alla fine per malcostume vengono resi pubblici

 

 

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226