User Tag List

Pagina 3 di 4 PrimaPrima ... 234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 37
  1. #21
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    48,805
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Etnonazionalismo völkisch

    Buongiorno. Invio in allegato, in formato pdf e word, la recensione del libro “Mistica Völkisch” effettuata da Fabio Calabrese.Vi chiedo cortesemente la sua pubblicazione e la diffusione presso i Vs. contatti. Grazie. Cordiali saluti, F.Prati

    ****************
    MISTICA VÖLKISCH
    MITO DEL SANGUE E METAFISICA DELLA RAZZA
    NELL’ETNONAZIONALISMO VÖLKISCH

    Recensione di Fabio Calabrese

    Raramente capita di leggere un testo così nettamente in controtendenza rispetto agli orientamenti politico-culturali attualmente dominanti, e questo non può fare altro che piacere, perché questi orientamenti politico-culturali dominanti imposti settant’anni fa all’Europa con la forza dai vincitori del secondo conflitto mondiale, sono a mio parere quanto di più deleterio e innaturale possa esistere, la faccia ideologica, la pseudo-giustificazione di quel sistema di potere tirannico che conosciamo come democrazia. Come io stesso ho spiegato più volte su queste pagine, la democrazia è un sistema tirannico. Libertà? Ci vuole faccia tosta per parlarne in presenza di un sistema giudiziario dove le fattispecie di reati di opinione si moltiplicano. Sovranità popolare? Parlarne è un tragico sarcasmo, quando ai popoli non è concesso di decidere nulla, nemmeno di continuare a esistere come tali, ma il potere dietro le quinte ha deciso che debbano sparire nell’universale meticciato. La democrazia è stata imposta all’Europa settant’anni fa con la conclusione disastrosa della seconda guerra mondiale, ma i suoi effetti deleteri hanno cominciato a diventare evidenti dopo la fine della Guerra Fredda, con la messa in atto della decisione di trasformare l’intera umanità in un’orda meticcia facilmente manovrabile dal potere dietro le quinte del sistema democratico, di recidere il legame sempre esistito e che rappresenta l’ordine normale delle cose, tra sangue e suolo. L’ideologia democratica oggi dominante tende a cancellare il concetto stesso di nazionalità, il legame naturale fra un popolo e la sua terra, per sostituirlo in tutto con la finzione burocratica nota come cittadinanza, si pretende che un extracomunitario diventi un europeo solo perché si è deciso di scrivere sui suoi documenti la cittadinanza di un Paese europeo, sebbene l’esperienza anche tragica, a cominciare dalla diffusione in Europa di simpatizzanti e fautori del terrorismo islamico come conseguenza dell’immigrazione, dimostri chiaramente che questi presunti “inglesi”, “francesi”, “italiani” a cui concediamo irresponsabilmente diritti che mai e poi mai noi potremmo ricevere nei loro Paesi d’origine, di europeo non hanno nulla anche quando sono immigrati di seconda o terza generazione, nati sul nostro suolo. Questo testo costituisce dunque un salutare richiamo al fatto che l’identità di un popolo è data dalla nazionalità, dal legame inscindibile tra sangue e suolo, ma è anche qualcosa di più, infatti questo legame ineludibile fra la terra e il popolo è la base di una concezione che possiamo tranquillamente definire religiosa. Non a caso, parliamo di mistica Volkisch. Come ha messo bene in evidenza Alfred Rosenberg nelMito del XX secolo, “Razza è anima vista dall’esterno, anima è razza vista dall’interno”: razza e anima, razza è anima, occorre ribadire la falsità del dogma democratico dell’uguaglianza degli uomini: alle diverse caratteristiche fisiche che distinguono le varie razze, corrispondono qualità psichiche differenti. La nostra anima razzialmente determinata, cioè NOI STESSI, è il lascito più importante che abbiamo ricevuto dai nostri antenati, e non possiamo rinnegare la loro eredità, la nostra origine senza rinnegare noi stessi. Sangue e suolo sono semplicemente due elementi di una triade che andrebbe meglio completata: spirito, sangue e suolo, poiché la scoperta del legame identitario profondo con le nostre origini, il nostro passato, noi stessi in ultima analisi, ci proietta in una dimensione sacrale, ci porta a riscoprire quel fondo di religiosità originaria dell’Europa anteriore all’avvento del cristianesimo. Se ci liberiamo dal contesto abramitico-cristiano che concepisce la religione come rapporto individualistico con un Dio immaginario, allora ci accorgiamo che non c’è nulla di più SACRO di questa eterna catena della vita che ci lega ai nostri antenati e ci proietta verso il futuro attraverso i nostri discendenti sempre mediante il legame della continuità di sangue. Al riguardo, mi vengono in mente i versi di una bella poesia di Helmut Stellrecht che ben avrebbero potuto figurare in questo libro:

    «Tu porti nel tuo Sangue la santa eredità dei tuoi Padri e dei tuoi
    Antenati./Tu non conosci coloro che sono scomparsi in file interminabili
    nell’oscurità /del passato. Ma tutti loro vivono in te e nel tuo Sangue, camminano sulla Terra/ che li ha logorati nelle battaglie e nelle fatiche /e
    in cui i loro corpi da tempo si consumano. /Perciò il tuo Sangue è qualcosa di sacro”.

    Questo testo rappresenta una sorta di manifesto redatto dai suoi autori per il decennale dalla fondazione dell’associazione etnonazionalista Vokisch “identità e tradizione”, e i suoi autori, Federico Prati, Luca Lionello Rimbotti, e soprattutto Silvano Lorenzoni, il grande Silvano Lorenzoni, sono tre fra i più reputati intellettuali della nostra “area”. Forse occorre chiarire il concetto di etnonazionalismo, un’espressione che può sembrare ridondante, dal momento che etnia e nazione possono essere considerati sinonimi. In realtà, si vuole evidenziare che il “classico” nazionalismo ottocentesco che faceva coincidere la nazione con lo stato, qui non interessa; quello che conta è la nazione, l’etnia come “ghenos”, come comunità umana stretta da legami di sangue, che è come dire di spirito e di destino, cioè l’esatto contrario di qualsiasi delirio multietnico, cioè in ultima analisi ciò che è normale perché disposto dalla Provvidenza (una Provvidenza che almeno io personalmente non riesco proprio a immaginare come possa coincidere con il Dio cristiano, un Dio apertamente “mondialista”), il che si ricollega alla venatura religiosa o per meglio dire SACRALE di questa concezione. Va detto anche che l’associazione di cui abbiamo detto non è un partito, e si propone di agire piuttosto in campo metapolitico che non politico; gli autori, difatti, esprimono la convinzione che finché ci sarà un’élite intellettuale e spirituale ferma e consapevole su questi principi a un tempo politici e religiosi, le forze della sovversione democratica, del disordine che sconvolge e distrugge qualsiasi ordine tradizionale, qualsiasi normalità, non riusciranno a prevalere in modo definitivo. Questo testo, nel quale le mani dei tre autori fondono il loro lavoro senza discontinuità apparenti, sì che è assai arduo attribuire un brano all’uno o all’altro dei tre, è suddiviso in quattro parti che sono: “Il mito del sangue”, “sangue e spirito”, “anima della razza” e “metafisica del sangue”. Ora, probabilmente non in maniera casuale, il titolo della prima di queste tre sezioni richiama quello di un testo di Julius Evola, un pensatore la cui lezione i tre autori hanno tenuto sempre ben presente. Riguardo a Evola, è importante precisare che molti hanno voluto vedere in Evola il teorico di una dottrina spirituale della razza in contrapposizione alla visione nazionalsocialista e in particolare dell’ideologo del nazionalsocialismo, Alfred Rosenberg, che si è voluta riduttivamente interpretare come un rozzo materialismo biologico. Questa interpretazione, ci assicurano i nostri autori, è completamente falsa, riesce a stare in piedi solo se si evita e si impedisca che sia accessibile la lettura di prima mano dei testi nazionalsocialisti, e in particolare del ponderoso Mito del XX secolo di Rosenberg, secondo la prassi democratica che consiste nella censura e nell’impedire il confronto delle idee, altrimenti sarebbe chiaro che il nazionalsocialismo e Rosenberg ebbero ben chiara la dimensione spirituale connessa al “mito del sangue”. D’altra parte, i nostri tre autori non hanno la pretesa di aver inventato nulla: l’etnonazionalismo volkisch (termine che significa “popolare”, e sottolinea con questo aggettivo che non si tratta affatto di un movimento “di destra” che guardi agli interessi delle classi dominanti, anzi, contiene in embrione l’idea del nazional-socialismo), infatti, nacque in Germania nel tardo XIX secolo, sviluppando alcuni aspetti della visione del mondo romantica, e soprattutto contrapponendosi all’illuminismo, quindi al liberalismo e alla democrazia, di cui rifiuta in particolare la visione individualistica e contrattualistica dei rapporti sociali e politici. Dopo la prima guerra mondiale, esso confluì nel movimento nazionalsocialista, e qui ebbe certamente un ruolo chiave la figura di Alfred Rosenberg di cui il libro propone una significativa rivalutazione. Noi possiamo sostanzialmente vedere l’etnonazionalismo volkisch come una salutare reazione al rifiuto illuministico, liberale, democratico, di considerare il differente valore delle persone e delle comunità nazionali, in uno col rifiuto della dimensione spirituale, per puntare in definitiva a una società atomizzata, retta esclusivamente dalla legge del denaro, dove i rapporti fra le persone sono ridotti a rapporti fra cose, e le persone stesse sono ridotte a cose. Questo si vede bene dal fatto che nella dialettica democratica persona e comunità sono sostituiti da individuo e massa (il liberalismo pone l’accento sul primo, il marxismo sulla seconda; entrambi sono manifestazioni di una dialettica distorta nella quale è negata ogni dimensione spirituale). Alla persona, ridotta a individuo, è ancora concesso di avere una psiche, ma non già spirito e anima. Non a caso, una delle parti più significative del libro è costituita da un testo di Adriano Segatori che è una disamina della psicanalisi. Ciò che caratterizza il pensiero freudiano, la pseudo-scientifica psicanalisi, è infatti la soppressione dell’io inteso comearché, come principio guida della personalità, che resta totalmente in balia di pulsioni e istinti, una marionetta che potrà essere fatta danzare al ritmo di qualunque musica il meccanismo sociale, o meglio il potere economico e politico dietro le quinte del meccanismo sociale decida di imporre, il tutto mascherato dall’alibi della falsa libertà della democrazia. A questo riguardo vorrei ricordare che sempre sulle pagine di “Ereticamente” tempo addietro vi avevo segnalato il bel libro di Michel Onfray:Crepuscolo di un idolo: smantellare le favole freudiane dove si dimostra in tutta evidenza e dati alla mano che nella psicanalisi non c’è nulla di scientifico, che Sigmund Freud era un ciarlatano che ha falsificato i protocolli delle sue sedute, che non ha mai guarito nessuno, e che ha causato la morte di almeno quattro dei suoi pazienti attribuendo a isteria disturbi che invece avevano una base organica ed erano sintomi di malattie reali. La psicanalisi è con ogni probabilità la più grossa bufala pseudoscientifica dell’età moderna. D’altra parte il saggio di Segatori contenuto in questo libro ci fa comprendere che essa è pienamente funzionale a quell’insieme di tendenze: liberalismo, marxismo, democrazia, potere usurocratico, scientismo materialista che nel loro insieme possiamo chiamare modernità, l’uomo freudiano è esattamente ciò che la modernità vuole che l’uomo sia, un uomo che non avendo più l’archéin se stesso, deve necessariamente riceverlo dall’esterno, in definitiva un perfetto schiavo, un uomo-macchina. La modernità, la negazione degli eterni principi dello spirito, del sangue e del suolo, svela allora il suo carattere demoniaco.
    Per dirla con le parole del testo:

    “Materialismo, ateismo, lotta di classe, deboli ideali eudemonistici, suicidio razziale, atomismo sociale, promiscuità razziale, decadenza dell’arte, erotomania, disintegrazione della famiglia, perdita del senso del sacro, dell’onore sia nell’ambito pubblico che privato, sciatto femminismo, fluttuazioni e catastrofi economiche, guerra civile nelle famiglie europee, degenerazione pianificata della gioventù per mezzo di film e libri abietti e l’introduzione di nevrotiche dottrine nell’educazione. Le Forze della Sovversione hanno cercato di far imputridire l’Europa, di affievolire i suoi istinti razziali, di privarla di eroismo, onore e virilità, del suo sentimento di avere una missione mondiale da compiere, del suo senso di costituire un’unità razziale e spirituale, e persino del suo codice cavalleresco. Essi desiderano paralizzare la capacità di decisione europea e distruggere la sua volontà portando la sifilide morale ed etica di Hollywood ad avvelenare il suolo d’Europa” (pag. 63).

    L’etnonazionalismo volkisch si presenta come una reazione salutare contro tutto ciò, un mezzo per far sì che gli Europei ritrovino il contatto con se stessi, la loro civiltà millenaria, l’eredità dei loro antenati, la loro identità.

    “L’etnonazionalismo volkisch costituisce un’Idea-forza che rappresenta l’opposto, l’antitesi stessa dell’ideologia posta a base della rivoluzione illuministica francese, la quale è basata sull’idea massonica dell’uguaglianza degli individui e delle razze. Tale nefasta ideologia, approfittando di un particolare momento storico, adattandosi in mille modi, ha prodotto terribili rivoluzioni, ha gettato l’Europa in un seguito di convulsioni rivoluzionarie e belliche da cui è emerso trionfante il dominio di Aasvero-Giuda (…) Ma la disgrazia di questa epoca darà vita nei Popoli d’Europa a una nuova presa di coscienza che li porterà alla rigenerazione” (pag. 85).

    Si tratta di un auspicio e di una battaglia che io personalmente non posso altro che condividere in toto, ma credo di poter parlare da questo punto di vista a nome di tutti noi di “Ereticamente”. Non ci si può augurare altro se non che questo libro abbia la massima diffusione possibile. Potrebbe servire a risvegliare le coscienze di molti.

    Le nostre letture: Mistica Völkisch - EreticaMente


    Federico Prati, Luca Lionello Rimbotti, Silvano Lorenzoni:Mistica Volkisch, Effepi edizioni settembre 2014. €. 20,00








    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #22
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Nov 2010
    Località
    Rozzano/Varese (Insubria defelpizzata)
    Messaggi
    803
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Etnonazionalismo völkisch

    Notizia passata sotto silenzio dai finti camerati di Cagapound, dagli pseudoetnonazionalisti, dai leccapiedi di Bellerio e da tutti i vari identitari della domenica: Salvini in visita al Rotary Club: il covo dei mondialisti | VoxNews (Da notarsi la foto con l'amico "nuovo italiano".. magari anche "nuovo insubre")

    Prossime tappe? B'nai B'rith? Lions?
    (Alle nuove cene del lunedì di Arcore e alle merende a Milanello il "nuovo" Salvini ormai ci ha già fatto l'abitudine..)
    Ultima modifica di martesanaidentitaria; 01-07-15 alle 16:23

  3. #23
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Nov 2010
    Località
    Rozzano/Varese (Insubria defelpizzata)
    Messaggi
    803
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Etnonazionalismo völkisch

    Le nuove leve di "Sovranità" (muahahahah) e della Lega mondialistizzata: Questo ragazzo vuole combattere il razzismo stando con Lega e CasaPound | VICE | Italia

    Quando Salvini parla di volere "un'Europa diversa" forse intende un'Europa arcobaleno? Shalom Teo

  4. #24
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Nov 2010
    Località
    Rozzano/Varese (Insubria defelpizzata)
    Messaggi
    803
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Etnonazionalismo völkisch

    Ormai è evidente che la cosiddetta "destra identitaria" in Europa faccia rima con Usrael. Il programma a lungo termine degli (N)eurosiberiani a libro paga è realizzato con l'infiltrazione di tutti i movimenti identitari europei e la trasformazione in catorci pseudoidentiari, buoni specchietti per le allodole per badogliani, ragazzetti scemi e servi di Sion (filousa o filoputin poco importa). Dopo la cacciata di tanti Camerati Veri dal Nostro Movimento non si può non pensare all'uscita dal FN di Le Pen (il padre, l'unico degno di portare quel cognome) e di Gollnish. Uno dei primi a eminare queste oscenità fu anni fa l'agente sionista Porchezio, imitato dal suo figlioccio visitor infelpato (che almeno ha nel suo sangue una ragione per servire la causa del Nemico). Piuttosto che votare per queste destre liberal-mondialiste liberiste pro-flattax, guidate da culattoni, grembiulini e circoncisi meglio votare direttamente la Merkel o Renzi.

  5. #25
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Nov 2010
    Località
    Rozzano/Varese (Insubria defelpizzata)
    Messaggi
    803
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Etnonazionalismo völkisch


  6. #26
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Nov 2010
    Località
    Rozzano/Varese (Insubria defelpizzata)
    Messaggi
    803
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Etnonazionalismo völkisch

    Ecco chi sono gli alleati di Geert Wilders (l'alleato al parlamento europeo di Salvini e della signora Marine Aliot).. L?Olanda non basta. Geert Wilders pensa globale | Libertiamo.it

    Bruto Felpini, alias Occhi di Triglia, e i suoi bimbominkia cagapoundiani non potevano scegliersi compagnie più adeguate (ocio al cù..)
    Ultima modifica di martesanaidentitaria; 02-07-15 alle 15:21

  7. #27
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Nov 2010
    Località
    Rozzano/Varese (Insubria defelpizzata)
    Messaggi
    803
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Etnonazionalismo völkisch

    Ancora sull'amichetta del Gordo: Andrea Carancini: Geert Wilders: il fantoccio della destra israeliana

    Da scompisciarsi. E' proprio vero che i pagliacci si attraggono a vicenda Chissà cosa si inventeranno i "sionisti del terzo millennio" coccolanegher per giustificare queste alleanze
    Ultima modifica di martesanaidentitaria; 02-07-15 alle 15:44

  8. #28
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Nov 2010
    Località
    Rozzano/Varese (Insubria defelpizzata)
    Messaggi
    803
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Etnonazionalismo völkisch

    Situazione greca: grazie agli etnonazionalisti (veri) di Alba Dorata i no hanno travolto i sì. La neo-Lega di Salvini e Borghi si è ben guardata dal sostenere il no, al suo capo Silvio la cosa non sarebbe piaciuta. Non c'è da meravigliarsi che i parlamentari belleriani a Bruxelles non vogliano avere rapporti con Alba Dorata o Jobbik (antisionisti e antimondialisti) per preferire le destre liberal-massoniche e omosessualiste. I belleriani preferiscono la signora Marine Aliot col suo cerchio magico gay, Wilders, le checche siliconate inglesi grazie a cui hanno fatto il nuovo eurogruppo o altri bei personaggini tipo Dewinter..


  9. #29
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Nov 2010
    Località
    Rozzano/Varese (Insubria defelpizzata)
    Messaggi
    803
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  10. #30
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Nov 2010
    Località
    Rozzano/Varese (Insubria defelpizzata)
    Messaggi
    803
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Etnonazionalismo völkisch

    Una piccola ma importante vittoria: Francia: corte sospende congresso Fn, vittoria Le Pen senior - Repubblica.it

    Che anche il nostro Movimento possa scrollarsi di dosso Occhi di Triglia e il suo cerchio magico visitor-massonico? Mai mulà, Heil Insubria!

 

 
Pagina 3 di 4 PrimaPrima ... 234 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226