User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree2Likes
  • 1 Post By Gianky
  • 1 Post By Gianky

Discussione: David Graeber su Rojava

  1. #1
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,890
    Mentioned
    89 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito David Graeber su Rojava

    di David Graeber

    [L'antropologo David Graeber ha appena pubblicato un articolo in cui sostiene da una prospettiva libertaria e antiautoritaria la lotta dei combattenti curdi del PKK e delle combattenti del YJA Star e l'esperimento autogestionario nella zona di Rojava, sollevando una serie di parallelismi con le vicende della Guerra civile spagnola del 1936 (dall'importanza della lotta condotta dalle donne curde alle strategie di non intervento dei paesi circostanti). David Graeber, che ha pubblicato svariati libri in italiano, ha concesso a Carmilla la facoltà di riprendere in traduzione italiana il suo articolo, comparso in originale qui. La traduzione italiana del testo - fatte salve poche modifiche, è stata recuperata da questo link.] A.P.

    Nel 1937, mio padre si arruolò volontario per combattere nelle Brigate Internazionali in difesa della Repubblica Spagnola. Quello che sarebbe stato un colpo di Stato fascista era stato temporaneamente fermato da un sollevamento dei lavoratori, condotto da anarchici e socialisti, e nella maggior parte della Spagna ne seguì una genuina rivoluzione sociale che portò intere città sotto il controllo di sistemi di democrazia diretta, le fabbriche sotto la gestione operaia e le donne ad assumere sempre più potere.

    I rivoluzionari spagnoli speravano di creare la visione di una società libera cui il mondo intero avrebbe potuto ispirarsi. Invece, i poteri mondiali dichiararono una politica di “non intervento” e mantennero un rigoroso embargo nei confronti della repubblica, persino dopo che Hitler e Mussolini, apparenti sostenitori di tale politica di “non intervento”, iniziarono a fare affluire truppe e armi per rinforzare la fazione fascista. Ne risultarono anni di guerra civile terminati con la soppressione della rivoluzione e con uno dei più sanguinosi massacri del secolo.

    Non avrei mai pensato di vedere, nel corso della mia vita, la stessa cosa accadere nuovamente. Ovviamente, nessun evento storico accade realmente due volte. Ci sono infinite differenze fra quello che accadde in Spagna nel 1936 e quello che sta accadendo ora in Rojava, le tre province a larga maggioranza curda nel nord della Siria. Ma alcune delle somiglianze sono così stringenti e così preoccupanti che credo sia un dovere morale per me, cresciuto in una famiglia le cui idee politiche furono in molti modi definite dalla Rivoluzione spagnola, dire: non possiamo fare sì che tutto ciò finisca ancora una volta allo stesso modo.

    La regione autonoma del Rojava, così come esiste oggi, è uno dei pochi raggi di luce – un raggio di luce molto luminoso, a dire il vero – a emergere dalla tragedia della Rivoluzione siriana. Dopo aver scacciato gli agenti del regime di Assad nel 2011, nonostante l’ostilità di quasi tutti i suoi vicini, il Rojava non solo ha mantenuto la sua indipendenza, ma si è configurato come un considerevole esperimento democratico. Sono state create assemblee popolari che costituiscono il supremo organo decisionale, consigli che rispettano un attento equilibrio etnico (in ogni municipalità, per esempio, le tre cariche più importanti devono essere ricoperte da un curdo, un arabo e un assiro o armeno cristiano, e almeno uno dei tre deve essere una donna), ci sono consigli delle donne e dei giovani, e, in un richiamo degno di nota alle Mujeres Libres della Spagna, c’è un’armata composta esclusivamente da donne, la milizia “YJA Star” (l’”Unione delle donne libere”, la cui stella nel nome si riferisce all’antica dea mesopotamica Ishtar), che ha condotto una larga parte delle operazioni di combattimento contro le forze dello Stato Islamico.

    Come può qualcosa come tutto questo accadere ed essere tuttavia perlopiù ignorato dalla comunità internazionale, persino, almeno in gran parte, dalla sinistra internazionale? Principalmente, sembra, perché il partito rivoluzionario del Rojava, il PYD, lavora in alleanza con il turco Partito Curdo dei Lavoratori (PKK), un movimento combattente marxista impegnato sin dagli anni Settanta in una lunga guerra contro lo Stato turco. La Nato, gli Stati Uniti e l’Unione Europea lo classificano ufficialmente come “organizzazione terroristica”. Nel frattempo, l’opinione di sinistra lo descrive spesso come Stalinista.

    Ma, in realtà, il PKK non assomiglia neppure lontanamente al vecchio, organizzato verticalmente, partito Leninista che era una volta. La sua evoluzione interna, e la conversione intellettuale del suo fondatore, Abdullah Ocalan, detenuto in un’isola-prigione turca dal 1999, lo hanno condotto a cambiare radicalmente i propri scopi e le proprie tattiche.

    Il PKK ha dichiarato che esso non cerca nemmeno più di creare uno Stato curdo. Invece, ispirato in parte dalla visione dell’ecologista sociale e anarchico Murray Bookchin, ha adottato una visione di “municipalismo libertario”, invitando i curdi a formare libere comunità basate sull’autogoverno, basate sui principi della democrazia diretta, che si federeranno tra loro aldilà dei confini nazionali – che si spera che col tempo diventino sempre più privi di significato. In questo modo, suggeriscono i curdi, la loro lotta potrebbe diventare un modello per un movimento globale verso una radicale e genuina democrazia, un’economia cooperativa e la graduale dissoluzione dello stato-nazione burocratico.

    A partire dal 2005 il PKK, ispirato dalla strategia dei ribelli zapatisti in Chiapas, ha dichiarato un cessate il fuoco unilaterale nei confronti dello Stato turco e ha iniziato a concentrare i propri sforzi nello sviluppo di strutture democratiche nei territori di cui già ha il controllo. Alcuni si sono chiesti quanto realmente sinceri siano questi sforzi. Ovviamente, elementi autoritari rimangono. Ma quello che è successo in Rojava, dove la Rivoluzione siriana ha dato ai curdi radicali la possibilità di condurre tali esperimenti su territori ampi e confinanti fra loro, suggerisce che tutto ciò è tutt’altro che un’operazione di facciata. Sono stati formati consigli, assemblee e milizie popolari, le proprietà del regime sono state trasformate in cooperative condotte dai lavoratori – e tutto nonostante i continui attacchi dalle forze fasciste dell’ISIS. Il risultato combacia perfettamente con ogni definizione possibile di “rivoluzione sociale”. Nel Medio Oriente, almeno, tali sforzi sono stati notati: particolarmente dopo che il PKK e le forze del Rojava per combattere efficacemente e con successo nei territori dell’ISIS in Iraq per salvare migliaia di rifugiati Yezidi intrappolati sul Monte Sinjar dopo che le locali milizie peshmerga avevano abbandonato il campo di battaglia. Queste azioni sono state ampiamente celebrate nella regione, ma, significativamente, non fecero affatto notizia sulla stampa europea o nord-americana.

    Ora, l’ISIS è tornato, con una gran quantità di carri armati americani e di artiglieria pesante sottratti alle forze irachene, per vendicarsi contro molte di quelle stesse milizie rivoluzionarie a Kobané, dichiarando la loro intenzione di massacrare e ridurre in schiavitù – si, letteralmente ridurre in schiavitù – l’intera popolazione civile. Nel frattempo, l’armata turca staziona sui confini, impedendo che rinforzi e munizioni raggiungano i difensori, e gli aeroplani americani ronzano sopra la testa compiendo occasionali, simbolici bombardamenti dall’effetto di una puntura di spillo, giusto per poter dire che non è vero che non fanno niente contro un gruppo in guerra con i difensori di uno dei più grandi esperimenti democratici mondiali.

    Se oggi c’è un analogo dei Falangisti assassini e superficialmente devoti di Franco, chi potrebbe essere se non l’ISIS? Se c’è un analogo delle Mujeres Libres di Spagna, chi potrebbero essere se non le coraggiose donne che difendono le barricate a Kobané? Davvero il mondo – e questa volta, cosa più scandalosa di tutte, la sinistra internazionale, si sta rendendo complice del lasciare che la storia ripeta se stessa?

    http://www.carmillaonline.com/2014/1...raeber-rojava/
    Ultima modifica di Gianky; 12-10-14 alle 21:58
    Molly likes this.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,890
    Mentioned
    89 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: David Graeber su Rojava

    Le guerrigliere curde, ovvero di come i media italiani neutralizzano la rivoluzione in marcia in Rojava

    ottobre 10th, 2014

    I media borghesi, si sa, riescono a triturare qualsiasi evento per presentarlo al grande pubblico privilegiando gli aspetti che gli tornano più utili. È il caso, nelle ultime settimane, delle immagini delle guerrigliere curde continuamente diffuse dai media (vedi): immagini che, in molti casi, mostrano donne giovani e belle, così sorridenti che non sfigurerebbero sulla copertina di “Vanity fair” (vedi). Con alcune eccezioni, la loro presenza attiva nella resistenza curda viene ridotta a pettegolezzo dai mezzi di comunicazione italiani, che parlano di combattenti dell’I.S. che sarebbero spaventati dal queste donne soldato (già si sono scordati che solo poche settimane fa gli stessi media lanciavano l’allarme per le ragazze britanniche che si arruolavano con i fondamentalisti sunniti ). Essi, facendo leva su un miscuglio di orientalismo, attrazione per l’esotico e fascinazione per le donne-soldato (basta guardare quanto ha scritto Gennaro Carotenuto in un articolo dell’agosto scorso sulle guerrigliere del Pkk, «delle quale potrei innamorarmi in blocco» , oppure un articolo di un paio di anni fa su Vice, in cui di una di esse si diceva che dava «l’idea di essere stata molto bella in passato»), presentano un’immagine “neutralizzata” e “depotenziata” di queste guerrigliere. In questa mistificazione della realtà, le combattenti – definite spesso erroneamente peshmerga (che sono, invece, i combattenti del Pdk, il partito curdo iracheno alleato degli occidentali, che non ha ostacolato l’I.S. finchè non ha interferito con i suoi interessi), mentre sono militanti delle Ypg (Unità di difesa popolare) e delle Ypj (Unità di difesa delle donne) del Pyd, il partito maggioritario nel Kurdistan occidentale (la “Rojava”, nella Siria del nord), da sempre legato ai curdi del Pkk in Turchia – vengono presentate come impegnate a difendere la propria vita e l’emancipazione femminile contro l’oscurantismo religioso dell’I.S. Si tratta, ovviamente, di elementi presenti, ma assolutamente insufficienti e svuotati di ogni contenuto politico. Insomma, le guerrigliere curde vengono prese in considerazione dai media italiani in quanto donne, e non in quanto militanti di organizzazioni politiche con delle idee e delle proposte politiche precise, rivoluzionarie.A ciò si aggiunge lo stupore – frutto di una mentalità radicata – che, legando spesso inconsciamente la funzione femminile a quella della riproduzione (della forza lavoro), si prova davanti alla scelta, da parte di coloro che sono deputate a «dare la vita», di partecipare a combattimenti in cui «danno la morte». Una convinzione diffusa è, infatti, quella della incompatibilità femminile con la guerra: da qui lo stupore di vedere donne armate che combattono. Si tratta, del resto, degli stessi contenuti nelle affermazioni polemiche di quanti si oppongono alla presenza femminile negli eserciti o che si meravigliano della scelte delle donne di praticare la lotta armata. A questo proposito, la politologa e femminista Jean Bethke Elshtain, nel volume Donne e guerra, ha sottolineato proprio l’importanza della costruzione di un divario storico tra «chi dà la vita e chi la toglie»: al suo interno, le donne sarebbero suddivise tra «le poche feroci» e le «molte non combattenti»; gli uomini tra i «molti militanti» e i «pochi pacifici». Le donne, quindi, nel senso comune possono essere vittime di guerra, ma non iniziatrici né le esecutrici perché a esse è imposto un ruolo di riproduzione della vita (e della forza lavoro) che entra in conflitto con essa.La spiegazione della “superficialità” dei media nella rappresentazione delle combattenti curde è presto detta: se, da un lato, l’immagine delle guerrigliere curde è utile alla propaganda contro l’I.S., il nemico che condividono con l’occidente tutto (almeno apparentemente, perché in realtà la costituzione di un califfato in Medio oriente – ovviamente ostile all’Iran, alla Siria e, in ultima analisi, alla Russia – potrebbe non essere così ostile agli interessi turchi, statunitensi e sauditi nell’area), dall’altro il contenuto radicale della loro militanza politica non può essere veicolato dai media italiani come legittimo. Del resto l’uso strumentale delle combattenti donne risulta chiaro da commenti come questo di Gad Lerner, a cui la notizia (probabilmente falsa) della decapitazione di tre di esse serve per poter presentare la lotta dei curdi contro l’I.S. come qualcosa che ha a che fare con l’«emancipazione femminile», da cui l’I.S. sarebbe spaventato. Del resto, secondo lui, «i vigliacchi decapitano anche le donne», come se decapitare una donna combattente fosse più grave che decapitare un combattente maschio: alla faccia dell’antisessismo occidentale. Sul discorso dell’«anche le donne», tra l’altro, si è discusso a lungo. Ida Farè e Franca Spirito, in un volume sulle donne e la lotta armata, hanno ad esempio scritto che
    quell’anche è la chiave del problema. Perché si dice anche? Probabilmente per due motivi, uguali e contrari, al maschile e al femminile. Al maschile perché l’uomo non smette mai di stupirsi di fronte a una donna che diventa come lui. Al femminile, perché la donna, a furia di sentirsi altra e diversa, tende a rifiutare qualsiasi cosa che assomiglia vagamente all’uomo. E la guerra a prima vista assomiglia proprio all’uomo
    Altrettanto significativo è questo commento ad una foto di guerrigliere curde di Gennaro Carotenuto che, oltre ad usare la misteriosa espressione «le nostre donne» (di chi? Le sue?), parla delle guerrigliere curde abbandonate «alla loro sorte, allo stupro e allo sterminio» da Usa, Turchia e Nato (si aspettava il contrario? E sarebbe auspicabile?): in questo modo riconduce nuovamente le figure delle combattenti a quelle di donne vittime della guerra.E persino il prode Magdi “Cristiano” Allam, su facebook, posta da giorni immagini glamour delle combattenti curde (vedi e vedi), affermando che «la Storia le ricorderà per il coraggio con cui donano la propria vita per salvare i valori fondanti della nostra civiltà»: ma, siamo sicuri, il modello di civiltà proposto dal Pyd è ben diverso da quello del nostro Magdi (e dei suoi fans, che infatti commentano con espressioni come «donne con le palle!»).Ma chi sono queste guerrigliere? Cosa è il Pyd? Cosa sta succedendo in Rojava? Sono queste le domande fondamentali a cui, guardando le foto delle guerrigliere che sono veicolate dai social network e dai siti internet, sembra impossibile trovare una risposta.La situazione politica del «Kurdistan» (uno stato che non esiste) è ovviamente molto complessa e rimandiamo, per un’analisi più dettagliata, a questi articoli di mazzetta , alla rivista «Nunatak» e al fondamentale storify di wuming. Va però detto che la Rojava, cioè il Kurdistan siriano, è da quasi tre anni al centro di un processo rivoluzionario guidato dal Pyd, che vi ha unilateralmente costruito una regione autonoma. Al momento dell’entrata in scena dei cosiddetti “ribelli siriani”, infatti, i curdi non si sono schierati né con Assad né con i suoi oppositori, ma ha piuttosto scelto di auto-amministrare il proprio territorio (la Rojava, appunto), combattendo contro chiunque lo minacciasse (i jihadisti, i “ribelli siriani”, i sostenitori di Assad, dal luglio di quest’anno l’I.S.). All’interno di quella che è stata definita la “Rivoluzione in marcia in Rojava” è stata proclamata una Costituzione dal contenuto progressista:
    Con l’intento di perseguire libertà, giustizia, dignità e democrazia, nel rispetto del principio di uguaglianza e nella ricerca di un equilibrio ecologico, la Carta proclama un nuovo contratto sociale, basato sulla reciproca comprensione e la pacifica convivenza fra tutti gli strati della società, nel rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, riaffermando il principio di autodeterminazione dei popoli. Noi, popoli delle Regioni Autonome, ci uniamo attraverso la Carta in uno spirito di riconciliazione, pluralismo e partecipazione democratica, per garantire a tutti di esercitare la propria libertà di espressione. Costruendo una società libera dall’autoritarismo, dal militarismo, dal centralismo e dall’intervento delle autorità religiose nella vita pubblica, la Carta riconosce l’integrità territoriale della Siria con l’auspicio di mantenere la pace al suo interno e a livello internazionale.
    La Carta riconosce l’uguaglianza di tutti i cittadini e di tutti i gruppi ed è basata sull’autogoverno dei diversi cantoni che costituiscono la Rojava. All’articolo 15 le Ypg vengono riconosciute come la sola forza militare dei tre cantoni, avente lo scopo di proteggere e difendere la sicurezza della regione autonoma. All’articolo 27, invece, si afferma il diritto inviolabile delle donne a partecipare alla vita politica, sociale, economica e culturale del paese. All’articolo 28 si afferma l’uguaglianza di uomini e donne e l’impegno della Carta costituzionale per l’uguaglianza femminile e l’eliminazione della discriminazione di genere. All’articolo 30 vengono riconosciuti i diritti all’istruzione, al lavoro, alla salute e a una abitazione adeguata. All’articolo 42 si afferma invece che il sistema economico nella provincia deve essere diretto a garantire il benessere generale, garantendo finanziamenti per la scienza e la tecnologia: esso deve essere rivolto ad assicurare le esigenze quotidiane delle persone e ad assicurare una vita dignitosa.Si tratta, in altre parole, di un’esperienza che si oppone al capitalismo – al cui modello di produzione anche l’I.S. si richiama: è bene, infatti, chiarire che il califfato avversa la liberaldemocrazia ma non il capitalismo – e all’imperialismo di cui i curdi sono storicamente vittime: un’esperienza rivoluzionaria – con una matrice, per quanto diluita sempre più col trascorrere del tempo, marxista-leninista e una storia di lotta armata alle spalle – che non può essere vista di buon occhio in occidente. Per questo va neutralizzata e depotenziata dietro l’immagine glamour delle guerrigliere curde.La presenza di questa regione autonoma, inoltre, non è mai stata vista di buon occhio dalla Turchia, che applica storicamente una politica imperialista contro i curdi del suo territorio – particolarmente ricco di bacini idrici e, come anche la Rojava e il Kurdistan iracheno, di petrolio – e che ha armato e sostenuto dal punto di vista militare e logistico i gruppi che volevano spezzare la resistenza della Rojava. Inoltre, la Turchia ha, finora, non solo consentito il transito dei combattenti dell’I.S. attraverso le sue frontiere ma li ha anche finanziati e armati, almeno dall’inizio della crisi siriana. Non sorprende, quindi, che gli studenti che manifestano in piazza in Turchia, paese membro della Nato sul cui ingresso nell’Ue si è molte volte discusso, per la Rojava vengano colpiti e uccisi da colpi di pistola sparati dalla polizia.Uno dei motivi dell’ostilità del governo turco, inoltre, è il sostegno alla Rojava del Pkk di Ocalan (vedi) che, nonostante il fatto che nel marzo 2013 abbia dichiarato conclusa la stagione della lotta armata, è ancora considerato un’organizzazione terroristica dagli Usa, dall’Ue e dalla Turchia stessa. Da qui la difficoltà a fare riferimenti agli ideali delle combattenti curde: dovrebbero ammettere che esse sono considerate delle «terroriste», determinando un cortocircuito in cui le «terroriste del Pkk e dei partiti a esso legati» combattono contro «i terroristi dell’I.S.».Da anni, ormai, il Pkk di Ocalan – attraverso elaborazioni teoriche non sempre interamente condivisibili dal nostro punto di vista, ma certamente figlie della situazione politica in cui sono maturate – ha abbandonato la proposta di costituire uno stato curdo in nome, invece, della costruzione di una federazione di comunità autogovernantisi al di là dei confini nazionali, religiosi, etnici, basate sulla partecipazione dal basso, la parità di genere e il rispetto della natura: questo confederalismo democratico è quello realizzato praticamente dalla carta costituzionale della Rojava. Dopo la rinuncia alla lotta armata, le milizie del Pkk non hanno smobilitato, ma si sono spostate in Siria per difendere la rivoluzione della Rojava, oltre ad aiutare i curdi iracheni sempre contro l’I.S. Nelle ultime settimane migliaia di curdi del Pkk – uomini e donne – hanno sfondato il confine con la Turchia e sono andati ad aiutare i loro compagni siriani in particolare a Kobane, la città della Rojava assediata dall’I.S.: definita la «Stalingrado del Vicino Oriente», è il luogo dove in queste ore si sta combattendo casa per casa.Lo stupore davanti alle guerrigliere curde, inoltre, è figlio del pregiudizio eurocentrico secondo cui nei paesi di religione islamica le donne sarebbe duramente discriminate e non tiene conto del fatto che nella cultura curda le donne soldato non sono certo una novità (vedi): anzi, la loro presenza sarebbe stata testimoniata già nel XII secolo, ai tempi del sultano Saladino. Oggi, le donne costituiscono una percentuale molto alta tanto delle milizie del Pkk (l’Hpg) tanto di quelle del Pyd (le Ypg): la liberazione delle donne, infatti, è sempre stata uno dei cardini nell’impostazione marxista-leninista dei due partiti. Come ha detto Bese Hozat, la co-presidente del Consiglio Esecutivo della Kck, l’Unione comunista curda (il braccio politico del Pkk), in una recente intervista, infatti, il Pkk
    ha messo le donne al centro della liberazione sociale, e la lotta delle donne al centro della lotta nazionale. […] Migliaia di donne […] sono partite per le montagne e hanno formato un esercito, hanno combattuto coraggiosamente contro il sistema di sfruttamento e distrutto la mentalità che afferma che la guerra è una cosa da uomini. La lotta di liberazione delle donne curde che stanno in montagna non è solo contro l’esercito turco, ma è anche contro la mentalità maschilista dominante e il sistema crudele di sfruttamento che ha creato. [...] Questa guerra ha portato a un grande cambiamento sociale e di trasformazione, ha distrutto la mentalità comune contro le donne, ha cambiato i costumi e la cultura di genere, e ha permesso alle donne curde di diventare soggetti in tutti i settori della vita, di assumere un ruolo attivo nella vita sociale e politica, e di guidare sommosse civili e forme di resistenza pubblica. [...] Il movimento del Pkk non si è mai dato come una lotta etnica. Quelli che affermano che il PKK lo ha fatto sono i nemici del partito e del popolo. L’ideologia del PKK sostiene la libertà e l’uguaglianza. Il PKK è un movimento socialista democratico contro il nazionalismo, il sessismo e l’integralismo religioso, che sono tutte ideologie che conducono al fascismo, al nazionalismo e al militarismo.
    Quello che i compagni e le compagne del Pkk e del Pyd hanno capito benissimo è che non ci può essere rivoluzione senza liberazione della donna e non ci può essere liberazione della donna senza rivoluzione: ogni altra interpretazione che lega la resistenza contro l’I.S. a un vago «emancipazionismo» femminile aconflittuale, invece, non è altro che un colpo ad ogni prospettiva di cambiamento radicale dei rapporti economici e sociali nella società. Le guerrigliere curde non sono una versione orientale delle suffragette britanniche di inizio secolo, ma sono militanti politiche che hanno inserito la liberazione femminile all’interno di un percorso rivoluzionario in cui essa è solo una parte.Se tutto questo è vero, compito dei compagni e delle compagne è quello di demistificare la presentazione borghese delle combattenti curde e di far riemergere, invece, il contenuto politico delle loro scelte: un contenuto rivoluzionario incompatibile tanto con il capitalismo teocratico e fondamentalista dell’I.S. quanto con le copertine patinate su cui il capitalismo occidentale le vorrebbe relegare.
    - See more at: Le guerrigliere curde, ovvero di come i media italiani neutralizzano la rivoluzione in marcia in Rojava «
    Molly likes this.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

 

 

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226