User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Orgogliosamente bianco
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    Cagliari (Europa ariana)
    Messaggi
    23,866
    Mentioned
    732 Post(s)
    Tagged
    32 Thread(s)

    Predefinito 1989, possibile secondo intervento militare sovietico in Afghanistan

    Nel novembre 1986 fu deciso il ritiro delle truppe sovietiche dall' Afghanistan e fu creata una commissione del Politburo sovietico per gestire il ritiro
    Questa commissione era formata da Sevarnadze, Cebrikov, Jakivlev, Jazov e Krjukov
    Nonostante si fosse deciso il ritiro, questa commissione cercò di salvare il salvabile e far sopravvivere il governo di Najibullah
    Il 23 gennaio 1989, cioè pochi giorni prima che fosse completato il ritiro di tutte le truppe sovietiche dall' Afghanistan questa commissione era molto preoccupata dalla drammatica situazione che si era creata in quel paese a causa dei ribelli che minacciarono di creare un blocco economico di Kabul (e sulle altre maggiori città afghane) , di chiudere l' accesso in città ai generi alimentari e ai prodotti petroliferi subito dopo la partenza dei sovietici
    Quindi si doveva provvedere in anticipo a fare delle scorte e ciò poteva avvenire solo via terra. L' unica strada che collegava l' URSS a Kabul , il tracciato Chajraton-Kabul diventava quindi di vitale importanza
    Quindi la commissione del Politburo sull' Afghanistan esaminò 5 varianti al piano di ritiro completo delle truppe sovietiche, per risolvere questo problema...Ecco le varianti
    da http://www.wilsoncenter.org/index.cf...on&item=Soviet Invasion of Afghanistan
    .................................................. .................................................. ..............
    Prima variante. Facendo riferimento alla grave situazione in cui versa la popolazione civile , lasciare una divisione, vale a dire circa 12.000 uomini , sul tracciato Chajraton-Kabul. Questa variante non è molto auspicabile , perchè all' ONU verrebbe probabilmente sollevata la domanda sul mancato ritiro completo delle nostre truppe. Indipendentemente dal fatto che il Pakistan non ottempera agli obblighi derivanti dalla Convanzione di Ginevra , èprevedibile che all' ONU la maggior parte degli stati non ci appeggerebbe , dato che per molti la questione delle truppe costituisce il problema centrale.
    Seconda variante. Facendo riferimento alla minaccia della fame per Kabul e per le altre città , sollecitare l' ONU a garantire urgentemente la consegna di generi alimentari e di prodotti petroliferi alle città, e a inviare le truppe dell' ONU ad assicurare la viabilità del tracciato Prima dell' arrivo delle forze dell' ONU , lasciare sul luogo i nostri reparti armati a garantire il passaggio di aiuti esclusivamente umanitari , ovvero la fornitura di generi alimentari e di prodotti petroliferi per la popolazione. Allo stesso tempo confermare l' avvenuto ritiro del contingente armato sovietico. Dichiarare che dopo l' arrivo delle forze dell' ONU i nostri reparti ritorneranno immediatamente i Unione Sovietica.
    Terza variante. Ritirare tutte le truppe come pianificato il 15 febbraio, confermare il fatto a livello internazionale con dichiarazioni del governo dell' URSS e della Repubblica afghana. Quindi , su richiesta del governo afghano il quale deve appellarsi ai paesi del mondo , cominciare a inviare colonne di vettovaglie scortate per la loro sicurezza da unità militari sovietiche. Le colonne potrebbero mettersi in movimento due settimane circa dopo il ritiro delle truppe sovietiche. Mobilitare in coincidenza l' opinione pubblica per condannare l' opposizione che costringe a morir di fame la popolazione delle città afghane. Sullo sfondo di tale condanna da parte dell' opinione pubblica , il passaggio delle colonne con la nostra partecipazione figurerebbe come un' iniziativa puramente umanitaria. Questa variante comporta che certi tratti del percorso debbano venire superati ogni volta combattendo.
    Quarta variante. Ritirare quasi tutte le truppe per il 15 febbraio. Confermare ufficialmente l' avvenuto ritiro del contingente militare sovietico con relative dichiarazioni. Ma col pretesto della consegna alle forze afghane di determinate postazioni su certi punti nevralgici del tracciato Chajraton-Kabul, lasciare alcuni reparti sovietici su alcuni dei punti più importanti, compreso il passo di Salang. Dare da parte nostra poca rilevanza alla cosa , fare solamente presente che si tratta di pochi militari sovietici rimasti sul luogo perchè le forze afghane non hanno ancora rilevato le postazioni. Dopo un certo tempo, come previsto dalla terza variante , iniziare l' invio delle colonne a Kabul scortate dai nostri soldati.
    Per tutte le varianti si può argomentare dicendo che parteciperanno alle operazioni le nostre forze regolari, ma che ognuno lo farà per libera scelta, e che si tratterà soprattutto di militari che svolgono il loro servizio in Afghanistan , oppure di congedati con residenza in Unione Sovietica. Per i soldati bisogna fissare un compenso di 800-1.000 rubli al mese, versati in parte in valuta afghana, mentre agli ufficiali occorre aumentare sensibilmente lo stipendio.
    Autorizzare osservatori internazionali , pubblicizzando ampiamente il fatto, a verificare che le nostre forze scortano effettivamente merce destinata alla popolazione. Provvedere in breve tempo a trattare con il coordinatore speciale dell' ONU per gli aiuti umanitari ed economici all' Afghanistan , Agha Khan, allo scopo di valersi dei programmi e dei meccanismi a disposizione del coordinatore speciale per contrastare i piani degli estremisti che mirano a soffocare con un blocco economico Kabul e le altre grosse città afghane.
    Anche una quinta variante può essere presa in considerazione: le truppe sovietiche vengono ritirate al completo per il 15 febbraio, noi però riserviamo agli afghani un aiuto supplementare , anche finanziario, organizzando la difesa del tratto Chajraton-Kabul con le sole forze afghane e preoccupandoci anche del loro mantenimento per un certo periodo di tempo, il che comporterà certamente non poche difficoltà , sprattutto per quanto riguarda la sicurezza delle colonne in transito.
    .................................................. .................................................. ..............

    Alla fine venne approvata dal Politburo la quinta variante con qualcosa della terza. Nel 1989 l' URSS fornì all' Afghanistan tecnonologia militare per un valore di 2,5 miliardi di rubli, nel 1990 1,4 miliardi , compresi elicotteri e aerei da combattimento. Furono impiegati anche alcuni piloti sovietici su aerei da trasporto sovietici , da cedere eventualmente a noleggio agli afghani
    Se invece fossero state approvate la terza o la quarta variante , è evidente che ciò sarebbe stato un regolare e a tutti gli effetti, intervento militare sovietico dopo il ritiro avvenuto il 15 febbraio
    Rimane comunque interessante il fatto che poco prima del completo ritiro del 15 febbraio 1989, si sia preso in considerazione un secondo intervento militare sovietico in Afghanistan
    Ultima modifica di Murru; 06-06-10 alle 16:28

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Baron Samedi
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    5,611
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 1989, possibile secondo intervento militare sovietico in Afghanistan

    Grazie per l'invito Murru

    Il documento è interessante e ne avevo gia sentito parlare.
    Fu però per cause di forza maggiore la scelta della variante tre.E un dato di fatto che dopo il crollo dell'Urss Najibullah fu lasciato a se stesso e ufficialmente ci rese conto delle trattative in corso con i Mujaidin.
    La scelta di un secondo attacco sarebbe stata impossibile, ci sarebbe stato il rischio di un'estensione del conflitto in quelle che sarebbero diventate ex repubbliche (conflitto che si limitò poi al solo Tajikistan, paese dove guarda caso l'Aga Khan foundation ci ha investito miliardi....).
    Interessante invece il documentario dedicato ai soldati russi che tutt'ora continuano a vivere nei villaggi afghani dimenticati da tutti...

  3. #3
    Orgogliosamente bianco
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    Cagliari (Europa ariana)
    Messaggi
    23,866
    Mentioned
    732 Post(s)
    Tagged
    32 Thread(s)

    Predefinito Rif: 1989, possibile secondo intervento militare sovietico in Afghanistan

    Citazione Originariamente Scritto da ulver81 Visualizza Messaggio
    Grazie per l'invito Murru
    di niente

    Citazione Originariamente Scritto da ulver81 Visualizza Messaggio
    Il documento è interessante e ne avevo gia sentito parlare.
    Fu però per cause di forza maggiore la scelta della variante tre.E un dato di fatto che dopo il crollo dell'Urss Najibullah fu lasciato a se stesso e ufficialmente ci rese conto delle trattative in corso con i Mujaidin.
    La scelta di un secondo attacco sarebbe stata impossibile, ci sarebbe stato il rischio di un'estensione del conflitto in quelle che sarebbero diventate ex repubbliche (conflitto che si limitò poi al solo Tajikistan, paese dove guarda caso l'Aga Khan foundation ci ha investito miliardi....).
    Interessante invece il documentario dedicato ai soldati russi che tutt'ora continuano a vivere nei villaggi afghani dimenticati da tutti...
    Inoltre dopo il ritiro ufficiale di tutte le truppe sovietiche 200 consiglieri militari e del KGB rimasero segretamente in Afghanistan...Non è un caso quindi che la caduta di Najibullah avvenne solo dopo il crollo dell' URSS, nel 1992
    Bisogna quindi ammettere che Gorbaciov (nonostante non lo sopporto ), costretto a ritirire le truppe , salvò il salvabile e agì bene in questa questione (l' unica cosa decente che fece come capo dell' URSS) , e se l' URSS non fosse crollata , non sarebbe neanche caduto Najibullah...In effetti il Politburo una volta che nel novembre 1986 decise il ritiro delle truppe , si pose come obiettivo minimo , dalle parole di Gorbaciov, che "l' Afghanistan non sarebbe stato occupato dagli americani"...e così avvenne (almeno finchè c' era l' URSS) ...
    Ultima modifica di Murru; 10-06-10 alle 22:26

  4. #4
    Baron Samedi
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    5,611
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 1989, possibile secondo intervento militare sovietico in Afghanistan

    Citazione Originariamente Scritto da Murru Visualizza Messaggio
    di niente



    Inoltre dopo il ritiro ufficiale di tutte le truppe sovietiche 200 consiglieri militari e del KGB rimasero segretamente in Afghanistan...Non è un caso quindi che la caduta di Najibullah avvenne solo dopo il crollo dell' URSS, nel 1992
    Bisogna quindi ammettere che Gorbaciov (nonostante non lo sopporto ), costretto a ritirire le truppe , salvò il salvabile e agì bene in questa questione (l' unica cosa decente che fece come capo dell' URSS) , e se l' URSS non fosse crollata , non sarebbe neanche caduto Najibullah...In effetti il Politburo una volta che nel novembre 1986 decise il ritiro delle truppe , si pose come obiettivo minimo , dalle parole di Gorbaciov, che "l' Afghanistan non sarebbe stato occupato dagli americani"...e così avvenne (almeno finchè c' era l' URSS) ...
    Ma su Gorbaciov sono d'accordo.Le condizioni per supportare Najibullah non esistevano più.Tale minaccia successivamente al crollo dell'Urss iniziò a espandersi nelle ex repubbliche confinanti, guarda caso con il supporto saudita (le tonnellate di corani in cirillico...).Tutto si può dire di Karimov e Nazarbayev, ma almeno con il crollo dell'Urss tennero a bada la minaccia islamica a rischio espansione.E in realtà oltre ai vari consiglieri militari e agenti non dimentichiamoci l'intervento "pacificatorio" in Tajikistan e il controllo dell'area di confine in Gorno Badakashan (ove si consumarono carneficine gratuite in un conflitto civile sponsorizzato anche dagli iraniani....).

 

 

Discussioni Simili

  1. Con chi vi sareste schierati nella Guerra in Afghanistan (1979-1989)?
    Di Cattivo nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 15-10-12, 21:02
  2. Libia:intervento militare?
    Di Von Righelli nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 27-03-11, 03:53
  3. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 08-05-10, 11:58
  4. Obiettivi dell'intervento militare in Afghanistan
    Di Socialist nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-03-07, 16:03
  5. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 18-01-07, 23:16

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226