User Tag List

Pagina 1 di 31 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 307
Like Tree37Likes

Discussione: Martiri cristiani e martirologio

  1. #1
    utente cancellato
    Data Registrazione
    03 Oct 2013
    Località
    Perugia. Umbria
    Messaggi
    6,085
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Martiri cristiani e martirologio

    Studiosi recenti hanno voluto approfondire la realtà storica delle persecuzioni del'impero romano contro i cristiano. Si stima che in tre secoli le delle persecuzioni le vittime non furono più di tremila, come riporta uno studio dello storico Raúl González Salinero nel suoi libro " le persecuzioni contro i cristiani nell'impero romano".

    La agiografia cristiana ha enfatizzasto e dismisura nei suo martirologio il numero dei martiri, inventandone moltissimo di cui non c'è traccia storica, solo in base a leggende e tradizioni popolari, senza documentazione alcuna .La credenza avvalorata solo dalla tradizione delle fonti antiche non ha in effetti riscontri oggettivi, d'altra parte la chiesa aveva tutto l'interesse a diffondere come fatti realmente accaduti anche o racconti popolari a proposito di santi e martiri mai esistiti. Le fonti cristiane non si sono mai preoccupate di fornire dato storici,dando per sconato che il martitologio avesse dignità storica.

    Bastrebbe il fatto, che ormai tutti sanno, che le catacombe non furnirono rifugio ai cristiano braccati dalle persecuzuoni, ma ebbero solo ed unicamente funzione di cimiteri. Atrettanto è falsa la credenza che i cristiani venissero dati in pastto alle belve nell'arena del Colosseo, che in realtà ospitò solo combattimento gladiatorii, nei quali venivano impigati anche animali esotici, contro cui dovevano combattere i gladiatori. Se volete prendervi la briga di consultare la storia del più famoso monumento della romanità, non troverete nessun cenno di cristiani martirizzati. L'iconografia ottocentesca, alcuni romanzi (tipo Fabiola, Quo vadis? etc...), e poi il cinema sono responsabili della erronea e sinistra fama del Colosseo, che purtroppo la chiesa continua ad avvalotatre con la via Crucis che i papi sogliono rappresentatre all'interno del monumento.

    Nerone perseguitò i cristiani ritenedoli a torto responsabili dell'incendio di Roma, come riporta anche Tacito, ma non li manadò a morte nel Colosseo, Anche Diocleziano pose in atto una persecuzione, le cui vittime furonon meno di un centinaio. Coloro che venivano condannati a morte erano solo coloro che si rifiutavano di bruciare incenso sull'ara dedicata all'impertatore, non volrendo riconoscerne la divintà. Tutti coloro che compivano quel semplice gesto venivano risparmiati e solo in pochi vi si rifiutavano. Patrizi e matrone romane che avevano aderito al culto cristiano solitamente non venivano condannati a morte ma soltanto all'esilio, mentre la tradizione racconta di un numerto enorme di nobili romani martirizzati in nome della fede. La chiesa che non ha mai verificato storicamente gli scritti dei padri della chiesa cxhe diffusero la falsa credenza di eccidi di massa dei cristiani, perché aveva tutto l'interessa a lasciar credere nella assoluta malvagità dei pagani.

    Santi come San Sebastiano, santo Stefano, san Martino e moltissimi altri sono eroi cristiani inventati di sana pianta dalla tradizione, mentre è certo che furomo martitizzati fra il 67 e il 64 d.C. san Petro e san Paolo, come capi rivoltosi della setta ebraica di cristiani. A san Paolo che era cittadino romano fu riservata la decapitazione.


    gi-pellini.blogspot.com/2013/.../quanti-furono-i-martiri-cristiani-la.ht...

    spiritualrationality.files.wordpress.com/..l-mito-del-martirio-di-massa.d.

    Ma ce ne sono anche molti altri...

    Mi aspetto una serie di contestazioni e proteste da parte del solito Axel, ovviamente! Ho maturato il sospetto che si tratti di un prete in incognito, data pertinancia con cui contesta qualunque cosa sia contro la tradizione chiesastica.
    Ultima modifica di Xenia888; 26-11-14 alle 14:17
    Non bisogna mai farsi ricattare dalla stupidità altrui.
    (Umberto Eco)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,951
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito re: Martiri cristiani e martirologio

    effettivamente i martiri cristiani non furono tanti perchè sporadici, anche se tremila persone per quell'epoca non era poco

    i cristiani vennero martirizzati in altri anfiteatri( come il Circo Massimo), la scelta della Via crucis venne perchè il Colosseo era l'anfiteatro per eccellenza, non troviamo infatti fonti che testimoniano eccidi al Colosseo

    santo Stefano comunque è realmente esistito, ma non venne ucciso dai romani, mentre invece non abbiamo fonti che San Sebastiano fosse realmente una leggenda, come certamente lo è ancora meno san Martino di Tours
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito re: Martiri cristiani e martirologio

    Citazione Originariamente Scritto da Haxel Visualizza Messaggio
    effettivamente i martiri cristiani non furono tanti perchè sporadici, anche se tremila persone per quell'epoca non era poco

    i cristiani vennero martirizzati in altri anfiteatri( come il Circo Massimo), la scelta della Via crucis venne perchè il Colosseo era l'anfiteatro per eccellenza, non troviamo infatti fonti che testimoniano eccidi al Colosseo

    santo Stefano comunque è realmente esistito, ma non venne ucciso dai romani, mentre invece non abbiamo fonti che San Sebastiano fosse realmente una leggenda, come certamente lo è ancora meno san Martino di Tours
    Non voglio aprire polemiche, ma la stragrande maggioranza dei santi sono frutto di elucubrazioni mentali, non parliamo degli ultimi.........Vorrei sottolineare il numero infinito di martiri prodotti dalla chiesa di Roma, un elenco infinito
    Ma la storia scritta non vuole considerarli. Punti di vista.......ma dovrete fare i conti con tutto il sangue versato inutilmente anche se fino ad ora siete riusciti a nascondere tutte queste gravissime ingiustizie. Siete dei carnefici che vogliono passare da vittime, dei lupi travestiti da pecore. Ma adesso non ci fate più paura, i vostri cugini islamici tentano con il sangue di incuterci paura . Credo che esistano molti uomini con idee religiose diverse, ma pronti a rispettare ed ad amare veramente l'uomo e l'umanità intera è con questi che tenteremo di costruire un possibile mondo diverso anche ripristinando i culti dei nostri padri italici! Mi piace pensare che ogni uomo potenzialmente è un semidio, è marginale che un dio si faccia uomo!
    Xenia888 likes this.

  4. #4
    utente cancellato
    Data Registrazione
    03 Oct 2013
    Località
    Perugia. Umbria
    Messaggi
    6,085
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito re: Martiri cristiani e martirologio

    Citazione Originariamente Scritto da Haxel Visualizza Messaggio
    effettivamente i martiri cristiani non furono tanti perchè sporadici, anche se tremila persone per quell'epoca non era poco

    i cristiani vennero martirizzati in altri anfiteatri( come il Circo Massimo), la scelta della Via crucis venne perchè il Colosseo era l'anfiteatro per eccellenza, non troviamo infatti fonti che testimoniano eccidi al Colosseo

    santo Stefano comunque è realmente esistito, ma non venne ucciso dai romani, mentre invece non abbiamo fonti che San Sebastiano fosse realmente una leggenda, come certamente lo è ancora meno san Martino di Tours


    Tremila persone in tre secoli sono niente, di fronte a 4 milioni di donne fatte passare per streghe in tre secoli in tutta l'Europa. L'ultima "strega" bruciata sul rogo risale al 1782, fu Anna Goeld, in un piccolo paese delle Germania, riabilitata nel 2008.

    Sono sempre più convinta che Haxel sia un prete.

    Ultima modifica di Xenia888; 26-11-14 alle 20:40
    Non bisogna mai farsi ricattare dalla stupidità altrui.
    (Umberto Eco)

  5. #5
    utente cancellato
    Data Registrazione
    03 Oct 2013
    Località
    Perugia. Umbria
    Messaggi
    6,085
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito re: Martiri cristiani e martirologio

    Citazione Originariamente Scritto da sideros Visualizza Messaggio
    Non voglio aprire polemiche, ma la stragrande maggioranza dei santi sono frutto di elucubrazioni mentali, non parliamo degli ultimi.........Vorrei sottolineare il numero infinito di martiri prodotti dalla chiesa di Roma, un elenco infinito
    Ma la storia scritta non vuole considerarli. Punti di vista.......ma dovrete fare i conti con tutto il sangue versato inutilmente anche se fino ad ora siete riusciti a nascondere tutte queste gravissime ingiustizie. Siete dei carnefici che vogliono passare da vittime, dei lupi travestiti da pecore. Ma adesso non ci fate più paura, i vostri cugini islamici tentano con il sangue di incuterci paura . Credo che esistano molti uomini con idee religiose diverse, ma pronti a rispettare ed ad amare veramente l'uomo e l'umanità intera è con questi che tenteremo di costruire un possibile mondo diverso anche ripristinando i culti dei nostri padri italici! Mi piace pensare che ogni uomo potenzialmente è un semidio, è marginale che un dio si faccia uomo!

    Non bisogna mai farsi ricattare dalla stupidità altrui.
    (Umberto Eco)

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito re: Martiri cristiani e martirologio










    Su San Cirillo, l’assassino

    L'assassinio della filosofa e matematica Ipazia d'Alessandria
    San Cirillo di Alessandria

    Patriarca di Alessandria
    Vescovo e dottore della Chiesa
    Posted on 2 maggio 2010
    Noto sempre più spesso che il patriarca di Alessandria, Cirillo (370-444), assassino della filosofa Ipazia, viene difeso dai cattolici, appellandosi alla presunta assenza di prove. Mi chiedo, innanzitutto, quali prove siano necessarie. Invito a leggere i due testi di Luciano Canfora e di Diletta Grella, disponibili su internet, oltre all’interessante raccolta di fonti sul sito Maat.
    Credo sia già tanto se, nonostante il periodo di ferocia cristiana, si sia avuta notizia, non soltanto di Ipazia, ma del coinvolgimento di Cirillo, che Socrate Scolastico e Filostorgio, suoi contemporanei, indicano anche se in modo velato. Così come decenni dopo faranno Damascio e lo stesso cattolico Giovanni di Nikiu, che ammette in modo indiretto la responsabilità di Cirillo:


    «And when they learnt the place where she was, they proceeded to her and found her seated on a (lofty) chair; and having made her descend they dragged her (…) And they tore off her clothing and dragged her [till they brought her] through the streets of the city till she died. And they carried her to a place named Cinaron, and they burned her body with fire. And all people surrounded the patriarch Cyril and named him ‘the new Theophilus’; for he destroyed the last remains of idolatry in the city» (The Chronicle of John, Bishop of Nikiou, translated from Zotenberg’s ethiopic text [1916]. Traduzione a cura di R.A.Charles, Christian Roman Empire series, Vol. 4, Evolution Publishing Merchantville, New Jersey 2007, p. 102).

    Certo sia Damascio sia Giovanni di Nikiu vissero alcuni decenni dopo Ipazia. Questo è un buon motivo per non credere? Non è però abbastanza per rifiutare recisamente la santità di Cirillo?
    Chi ha studiato la storia della chiesa cattolica sa di quali nefandezze è stata capace. Non è necessario ricordare Torquemada.
    Ultima fonte che pochi conoscono, a proposito di Ipazia, è Ioannis Malalas (Antiochia, 491-578), storico bizantino, del quale vi riporto la traduzione (realizzata da me e Alberto Biuso) del testo greco di un passo che riguarda proprio Ipazia.

    «L’imperatore Teodosio, in quello stesso periodo, ricostruì la grande chiesa che sta in Alessandria; che da allora è chiamata chiesa di Teodosio: fu infatti amico di Cirillo, il vescovo di Alessandria.
    Gli Alessandrini, in quel periodo, autorizzati ad agire liberamente dal vescovo, uccisero, gettandola poi nel fuoco, Ipazia, l’insigne filosofa, da tutti celebrata. Era donna di antico valore».
    (Ioannis Malalas, Chronographia, in “Corpus scriptorum Historiae Byzantinae”, L XIV V23 10-15 p. 35).
    Qualche giorno fa, peraltro, ricercando notizie su Cirillo, ho avuto modo di notare che, anche se i testi cattolici non ne indicano direttamente le responsabilità, sono spesso giustificativi.
    «Nella dura tutela del suo ufficio vescovile contro i giudei e i novaziani, non impedì purtroppo l’assassinio della docente di filosofia Ipazia (415) per opera della plebaglia della sua città. […] Egli poi giustificò il suo comportamento dispotico al concilio di Efeso nell’Apologeticus ad imperatorem […]» (AA. VV., Storia della chiesa cattolica, Edizioni Paoline, Milano 1989, p. 240)
    È, altresì, interessante notare quel «docente di filosofia». «Filosofa» sarebbe stato troppo?
    Andiamo poi alla catechesi di Benedetto XVI, che in parte ho riportato nel mio precendete articolo, il quale non disdegna di usare la seguente espressione per il grande Cirillo, difensore della cristianità:
    «La reazione di Cirillo – allora massimo esponente della cristologia alessandrina, che intendeva invece sottolineare fortemente l’unità della persona di Cristo – fu quasi immediata, e si dispiegò con ogni mezzo già dal 429, rivolgendosi anche con alcune lettere allo stesso Nestorio».
    Ultima riflessione: perché continua sempre a riproporsi il nome di Cirillo? Quali prove necessitiamo, se sono state tutte distrutte dai cattolici di allora, mentre quelli di oggi perseverano a difendere Cirillo? Basta navigare su internet e la tesi che non si hanno prove ritorna come miglior cavallo di battaglia. Il risultato è: non è stato lui.
    In Italia siamo tutti garantisti. Non si fanno processi nel XXI secolo agli intoccabili, figuriamoci se non possiamo appellarci al legittimo impedimento nel caso di Cirillo, bello e defunto da millenni. In realtà, c’è stato un tempo in cui la chiesa faceva processi (897) anche ai cadaveri, Papa Formoso docet. Per non parlare di crociate, caccia alle streghe in cui anche la chiesa si dilettò (3 milioni di persone processate per stregoneria fino al 1756, 40 mila condannate a morte, l’80% donne), stragi (Clemente VII, per esempio, chiamato «il boia di Cesena», al secolo Roberto da Ginevra, aveva represso nel 1377 una rivolta nella città romagnola facendo 4 mila vittime), roghi a mai finire, torture e prigionie.
    No, non sono necessarie prove per affermare che Cirillo rientra degnamente all’interno della lista dei carnefici cattolici.
    È vero Amenábar ricostruisce laddove la storia tace, compreso Cirillo che legge San Paolo. Ma quanti cattolici sanno davvero che le lettere di San Paolo contengono quel passo (e molti altri dello stesso tenore)? Andiamo ad altro. Tutti, per esempio, credono che l’esperimento della nave risalga a Galilei, ma quanti sanno che invece è di Giordano Bruno (Cena de le ceneri, dialogo terzo)? Quanti sanno di Aristarco di Samo e prima di lui di Eraclide Pontico, contemporaneo di Aristotele (praticamente nato e morto negli stessi anni dello stagirita), che ancor prima ipotizzò il movimento delle Terra e la rivoluzione dei pianeti intorno al sole?
    Ben vengano dunque le ricostruzioni, quando servono a stimolare anche soltanto il dubbio e per altri la ricerca.
    Io però non ho dubbi sulla ferocia di Cirillo.
    E per concludere riporto un passo di una bellissima pagina di Guido De Ruggiero:

    «L’impresa religiosa di Giuliano passò nella vita dell’impero come una meteora. Dopo la morte di lui, una violenta reazione distrusse rapidamente tutto ciò che la sua fede aveva per un istante sorretto. Il neo-platonismo subì la stessa sorte della religione pagana con la quale aveva accomunato la propria vita, ed ebbe finanche la sua martire in Ippazia (sic), bella e intellettuale figura di donna, uccisa dal furore popolare suscitato dal vescovo Cirillo. Come scolaro di lei viene ricordato il retore Sinesio, che più tardi, convertito al cristianesimo, divenne vescovo». (Guido De Ruggiero, La filosofia greca, Laterza, Vol. II, Bari 1967, p. 302)




    PUBBLICATO DA LUIGI PELLINI


    Ultima modifica di sideros; 26-11-14 alle 21:35
    Xenia888 likes this.

  7. #7
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,951
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito re: Martiri cristiani e martirologio

    [QUOTE]
    Citazione Originariamente Scritto da Xenia888 Visualizza Messaggio


    Tremila persone in tre secoli sono niente, di fronte a 4 milioni di donne fatte passare per streghe in tre secoli in tutta l'Europa. L'ultima "strega" bruciata sul rogo risale al 1782, fu Anna Goeld, in un piccolo paese delle Germania, riabilitata nel 2008.


    qua ti devo correggere, le vittime dell'inquisizione cattolica sono circa 20.000, 30.000 e più quelle protestanti, il restante dal mondo ortodosso

    Sono sempre più convinta che Haxel sia un prete.

    no, sono un laico
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  8. #8
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,951
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito re: Martiri cristiani e martirologio

    bella questa frase

    No, non sono necessarie prove per affermare che Cirillo rientra degnamente all’interno della lista dei carnefici cattolici.
    Cirillo colpevole a prescindere
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  9. #9
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,951
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito re: Martiri cristiani e martirologio

    http://www.incontritramontani.it/Fil...0Del%20Col.pdf

    qua notiamo che le vittime nel totale sono 60.000 da parte di tutte le confessioni cristiane

    sti 4 milioni da dove vengono?
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    4,841
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito re: Martiri cristiani e martirologio

    Cirillo è stato fatto santo, dato che è riuscito a togliere di mezzo Ipazia e non contenti poi Ipazia è stata tramutata in Santa Caterina d'Alessandria, potevi obbiettare che erano Ortodossi e questo è anche vero, ma al tempo non esisteva la rottura fra cristianesimo ortodosso e cattolico romano, c'erano da combattere le centinaia di eresie che crescevano come i funghi. La vostra chiesa si fonda sull'inganno, e sull'aiuto di Teodosio ( un assassino patentato coniugato con una prostituta di alto bordo, vi alleate sempre con i peggiori)con gli editti iniziati nel 392 che mettevano fine ai culti pagani in tutto l'Impero, Solo così potevate vincere, con il trucco e con l'inganno, ma i nodi vengono sempre al pettine........
    Xenia888 and GrayBlue like this.

 

 
Pagina 1 di 31 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-05-14, 19:39
  2. Martiri cristiani e altre facezie. Tutto da rifare.
    Di Avanguardia nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-07-13, 10:06
  3. Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 30-12-07, 15:55
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-03-07, 12:51
  5. Il Martirologio della Chiesa: 2005
    Di solozero nel forum Cattolici
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 04-05-06, 01:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226