User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    31 Mar 2010
    Messaggi
    31,673
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    133 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito L'allarme della ragioneria dello stato: il comune di Roma affonda nei debiti

    Certamente la giunta di centrodestra di Alemanno è quella che ha magnato più di tutti. Ma anche gli altri governi comunali che ci sono stati negli ultimi 20/30 anni hanno bruciato tanti miliardi. Dipende solo dai politici?

    Capitale brucia-miliardi: "Così Roma affonda in un default pagato da tutta Italia" - Repubblica.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    POL
    POL è offline
    Servizio Forum
    Data Registrazione
    15 Jul 2009
    Messaggi
    20,743
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow L’allarme della Ragioneria di Stato: “Da anni Roma spende troppo”


    Non è bastato un apposito decreto approvato lo scorso aprile dopo un tira e molla durato mesi. Secondo la Ragioneria generale dello Stato, la città di Roma continua a spendere troppo denaro rispetto a quanto potrebbe permettersi. Come rivela un articolo a firma di Federico Fubini su Repubblica, da una relazione stilata dagli ispettori della Ragioneria emergono nel dettaglio i numeri da capogiro che hanno caratterizzato la politica finanziaria della capitale negli ultimi anni. Dati piuttosto consistenti, soprattutto se teniamo conto che per tappare i buchi dei bilanci capitolini sono stati utilizzati soldi dei contribuenti di tutta Italia.
    Dal 2009 al 2012, infatti, salvare Roma è costato 580 milioni di euro per ogni anno, senza contare gli ulteriori 885 milioni che si sono resi necessari per far nascere l’ente territoriale-amministrativo denominato “Roma capitale”; è andata meglio nel 2013, quando i contribuenti italiani hanno dovuto versare all’Urbe “solo” 485 milioni di euro per evitare il default.

    Uno dei punti dolenti di questa drammatica situazione è rappresentato dalle società partecipate facenti capo al comune. Fra queste, vi è l’Atac, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico. Già oggetto di polemica a causa delle spese pazze e della “parentopoli” durante la giunta Alemanno, negli ultimi dieci anni l’Atac ha riportato un bilancio positivo soltanto nel 2005, totalizzando un disavanzo medio di circa 130 milioni l’anno. Sempre durante l’era Alemanno, l’azienda dei trasporti locali ha visto quasi triplicare il numero dei suoi dirigenti (da 37 a 97), con conseguente sovraccarico per le casse comunali.
    A proposito di trasporto pubblico, qualche campanello d’allarme arriva anche per la Metro C. La ipertecnologica terza linea metropolitana della città, appena inaugurata, ha finora tradito le aspettative, secondo le quali si prevedeva un flusso giornaliero di passeggeri decisamente più elevato rispetto a quello registrato finora. Se infatti la linea continuerà a rimanere priva di un collegamento diretto con le altre metro, la sua utilità continuerà a rivelarsi necessariamente limitata.
    Non mancano i grattacapi, dunque, per il sindaco Ignazio Marino sul quale tuttavia ricadono solo in parte le responsabilità del deficit di bilancio. Le critiche della Ragioneria dello Stato, infatti, si rivolgono a un lasso di tempo che si estende grosso modo per l’ultimo decennio, investendo dunque almeno quattro giunte (Veltroni I e II e Alemanno, oltre a quella attuale guidata dal chirurgo genovese). Il giudizio degli ispettori preposti, in tutti i casi, è stato lapidario. “Per il proprio risanamento – è scritto nella relazione – Roma Capitale ha fatto totale affidamento sull’intervento statale, senza realizzare in proprio alcuno sforzo per riportare in equilibrio i conti, nemmeno quando si trattava di far cessare comportamenti palesemente illegittimi”.
    Ora, dunque, a prescindere dalle responsabilità individuali delle passate gestioni, per Marino e per il suo assessore al bilancio Silvia Scozzese, l’imperativo è rimboccarsi le maniche al più presto, poiché – malgrado l’importanza cruciale della città di Roma – nei palazzi del potere in molti ormai non sono più disposti a riservarle continui trattamenti di favore. E il default è sempre dietro l’angolo.


    Scritto da: Antonio Folchetti
    ----------------------------------------------------------------
    |Clicca qui per leggere l'articolo|
    ----------------------------------------------------------------
    |Clicca qui per leggere gli articoli di attualità|

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 320
    Ultimo Messaggio: 15-01-13, 20:38
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-06-07, 11:39
  3. Dati pensionistici Ragioneria dello Stato - Fine delle boiate leghiste
    Di Fuori_schema nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 110
    Ultimo Messaggio: 25-11-04, 17:39
  4. Dati pensionistici Ragioneria dello stato - Fine delle leggende leghiste
    Di Fuori_schema nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 24-11-04, 13:42
  5. Dati pensionistici Ragioneria dello Stato - Fine delle boiate leghiste
    Di Fuori_schema nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-11-04, 19:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226