User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
Like Tree1Likes
  • 1 Post By yure22

Discussione: Sansonetti convocato dall'antimafia: suo resoconto (12 Dicembre 2014)

  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    23 May 2014
    Località
    Milano
    Messaggi
    628
    Mentioned
    41 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sansonetti convocato dall'antimafia: suo resoconto (12 Dicembre 2014)

    Sono stato convocato nei giorni scorsi dalla Commissione parlamentare antimafia per una audizione. Almeno, così avevo capito. In realtà sono stato sottoposto ad un interrogatorio, che è stato condotto dal vicepresidente della Commissione, Claudio Fava, è durato circa un'ora e mezza ed è stato costruito su domande tutte improntate alla stessa idea (o insinuazione): quella che i giornali che ho diretto in Calabria, e in particolare "Calabria Ora", fossero subalterni al potere mafioso e che io stesso lo fossi.
    Mi è stato detto, in modo esplicito e anche un po' sfrontato, che il mio modo di fare giornalismo senza censure, e senza neppure un po' di subalternità alla Procura di Reggio, e senza limiti "etici" nello svolgere le polemiche, è un modo di fare giornalismo che fa il gioco della 'ndrangheta, mentre buonsenso vorrebbe che chi fa giornalismo in Calabria si occupi un po' meno delle notizie e un po' di più a spalleggiare la lotta alle 'ndrine.
    Perché la Calabria non è il Piemonte, non è l'Emilia, e l'ossessione per lo stato di diritto può essere devastante per lo Stato.
    Non ho preso appunti durante l'interrogatorio. Perché sono stato colto di sorpresa. Io ero convinto che la Commissione volesse delle informazioni e delle valutazioni. Invece la Commissione le informazioni le aveva già tutte - anche se alcune erano false - delle valutazioni se ne infischiava, e voleva solo che io rispondessi della temerarietà e pericolosità - rispetto alla ragion di Stato - delle mie opinioni. Anche senza appunti però mi sono rimaste nella mente molte cose, che vorrei raccontare, perché voi lettori le giudichiate, e magari - se ne avranno tempo e voglia - le valutino anche le autorità.
    Mi è stato contestato, per iniziare, il fatto che nel momento in cui ho assunto la direzione di "Calabria Ora" il mio editore, che gestisce delle cliniche, avrebbe avuto immediatamente nove nuove convenzioni concesse dalla Regione. In cambio, mi è stato detto esplicitamente, della sospensione, da parte mia, di una campagna di stampa che il mio giornale stava facendo contro il Presidente della Regione.
    La notizia mi ha sorpreso: non la conoscevo. Poi ho accertato che era assolutamente falsa. L'editore non aveva avuto nessuna nuova concessione. Non andrà molto lontano - penso, ma forse mi sbaglio - una Commissione antimafia che non accerta neppure le notizie che riceve da qualche consulente un po' superficiale. Persino noi giornalisti, che abbiamo un po' meno mezzi e po' meno denari a disposizione di una commissione antimafia, siamo tenuti a verificare le notizie...
    Dopodiché è iniziata prima la fila di contestazioni su articoli, titoli, e scelte editoriali, e poi persino sui toni dei miei commenti e delle polemiche.
    Perché - mi è stato chiesto - hai avuto vari incontri, persino nel suo studio, con l'avvocato Titta Madia che assisteva Giuseppina Pesce (collaboratrice di giustizia che aveva accusato suo marito e i suoi parenti) il quale avvocato Madia vi fornì una dichiarazione della signora Pesce nella quale lei ritrattava le accuse e sosteneva che le erano state suggerite dai Pm in cambio di un suo trasferimento in un carcere più vicino alla Calabria e della possibilità di rivedere i suoi figli?
    Sono rimasto senza parole: che in una sala del Parlamento italiano qualcuno non capisca che i giornalisti hanno l'obbligo di ascoltare gli avvocati, e soprattutto l'obbligo di riferire notizie come quella della quale sto scrivendo, vuol dire evidentemente che in queste sale del Parlamento almeno qualcuno dei parlamentari non ha mai gettato uno sguardo distratto sulla Costituzione, e non ha la minima idea di cosa sia il giornalismo in uno Stato liberale.
    E il fatto che successivamente la signora Pesce abbia ritrattato la sua ritrattazione - naturalmente non sta a me stabilire quale delle diverse versioni fornite dalla signora Pesce sia quella vera - non cambia affatto le cose. Oltretutto noi avevamo pubblicato non solo la lettera della Pesce, ma anche il verbale del suo interrogatorio, che era un verbale piuttosto inquietante.
    Ciliegina: anche qui le informazioni della commissione erano del tutto inesatte, perché io non ho mai incontrato l'avvocato Madia, né a casa sua, né al suo studio, né altrove. Ma possibile che questa Commissione non ne prenda una giusta?
    Non posso riferirvi tutte le contestazioni che mi hanno fatto (per la precisione le ha fatte tutte il vicepresidente Claudio Fava). Qualcuna però voglio raccontarla.
    Perché - mi è stato chiesto - su "Calabria Ora" avete pubblicato la lettera del figlio di un boss mafioso che protestava perché a suo padre era stato negato il funerale in Chiesa?
    Beh, son caduto dalle nuvole, non capivo la domanda. Mi hanno spiegato che il figlio di un mafioso non è un cittadino normale, che anche se è incensurato è sempre il componente di una famiglia di mafia, e poi c'è tanta gente che non è stata condannata per mafia, ma insomma, si sa che è mafiosa, e quindi, insomma, la lettera del figlio di un mafioso non si pubblica...
    Anche perché - mi ha spiegato Claudio Fava - pubblicando quella lettera si mette a repentaglio la sicurezza personale del sacerdote che ha rifiutato il funerale, e dei rappresentanti di "Libera" che hanno chiesto di non celebrare il funerale.
    Ho cercato in tutti i modi di spiegare che un cittadino è un cittadino (Gertrude Stein...), e che la legge italiana, la dichiarazione dei diritti dell'Uomo, la Costituzione repubblicana, eccetera eccetera eccetera, non permettono di considerare un cittadino colpevole dei reati del padre. Non c'è stato niente da fare: per gli onorevoli, il figliolo di un boss è, comunque, almeno un po', colpevole, e in ogni caso non ha il diritto di scrivere qualcosa a difesa di suo padre.
    Ho chiesto agli onorevoli se loro avrebbero mai pubblicato una lettera di Peppino Impastato (il ragazzo reso famoso dal film I cento passi, figlio di un mafioso e morto combattendo la mafia, ucciso dalla mafia) ma loro mi hanno detto che Impastato poteva parlare perché combatteva la mafia, mentre questo ragazzo (si chiama Alvaro) che ha scritto su "Calabria Ora" non ha le carte in regola per parlare.
    Capito bene: l'antimafia (in questo caso, parlando di parlamentari stipendiati, possiamo ben dire: i professionisti dell'antimafia, e mandare un pensiero disperato alla memoria di Leonardo Sciascia...) decide a chi assegnare e a chi no il diritto di parola. Come faceva una volta il Fascio.
    Infine il vicepresidente mi ha fatto notare che la lettera del figlio del boss finiva così: "Per fortuna giustizia terrena e giustizia divina non sono la stessa cosa". E questa frase, che chiunque interpreterebbe come una frase di pietà e di speranza sul destino ultraterreno del padre (è diritto di tutti quello di credere nell'aldilà) era in realtà una minaccia mafiosa. Non ha capito bene a quale 'ndrina si sospettasse l'affiliazione di Dio, ma ho lasciato perdere...
    Non posso tediarvi troppo. Però voglio dirvi che mi è stato contestato un editoriale intitolato "La mafia si combatte con lo Stato di diritto e non con le forche" (o qualcosa del genere) e mi è stato spiegato che la mia teoria sul garantismo da applicare anche in Calabria, e addirittura i miei dubbi sull'uso che talvolta i magistrati fanno dei pentiti, sono teorie e dubbi inaccettabili e che denotano una indubbia corrività con la mafia.
    Credo che la domanda finale sia stata la più clamorosa. Insistentemente il vicepresidente ha chiesto di sapere se mi ero pentito di aver dato le notizie sulla Pesce, sulla Cacciola eccetera. Questa del pentimento deve essere una mania. Gli ho dovuto spiegare - ma senza successo - che i giornalisti, di solito, non si pentono di aver dato le notizie. Casomai si pentono di avere fatto o subito la censura. Mi si è fatto capire che io dovrei provare rimorso per il suicidio (o forse omicidio) della signora Maria Concetta Cacciola (anche lei collaboratrice di giustizia che ha accusato la famiglia, poi ha ritrattato e poi è tornata ad accusare, infine è misteriosamente morta). Gli ho fatto notare che "Calabria Ora" aveva aperto una polemica (che non è stata fornita alla Commissione insieme al pacco di articoli che mi hanno contestato) perché la Cacciola - che si sapeva a rischio - non aveva goduto del programma di protezione. Circostanza sulla quale, finora, nessuno ha risposto.
    E infine mi si è chiesto di spiegare perché avevo dedicato cinque pagine al caso Cacciola, mi è stato detto che cinque pagine sono troppe. Ho risposto che, in genere, su come faccio il giornale io rispondo in riunione di redazione, e non in antimafia, né al Parlamento, né al governo, né al prefetto, né alla Procura della repubblica. Il vicepresidente si è mostrato stupito. Gli ho detto che nella Ddr (la Germania dell'Est prima che cadesse il muro) i giornalisti rispondono al potere politico sul modo nel quale fanno i giornali, ma qui in Europa non è così. Gli ho detto che il Minculpop (che svolgeva durante il fascismo funzioni simili a quelle che ora svolge l'antimafia: cioè il controllo su giornali e giornalisti) è stato chiuso nel 1945. Fava ha continuato a chiedermi il perché di quelle cinque pagine. Mi sono rifiutato di rispondere e sono andato via.
    P.S. Non avevo mai assistito ai lavori di questa Commissione. Il modo nel quale si sono svolti in mia presenza è in violazione piena della Costituzione e dimostra una scarsissima conoscenza dei principi democratici. Di più: è stata una vera e propria intimidazione di un giornalista, e un invito esplicito a mettersi agli ordini delle Procure. Si tratta di un comportamento eversivo e illegale. Mi chiedo se il Presidente della Camera e il Presidente del Senato vorranno intervenire, e se vorrà intervenire l'ordine dei giornalisti, o il sindacato. Temo che sia una domanda retorica: so che non vorranno intervenire. Spero di sbagliarmi.


    Giustizia: sono stato interrogato da Commissione Antimafia, sembrava una corte fascista | Le Notizie di Ristretti

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    33,754
    Mentioned
    624 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: Sansonetti convocato dall'antimafia: suo resoconto (12 Dicembre 2014)

    Citazione Originariamente Scritto da Fallen Visualizza Messaggio
    P.S. Non avevo mai assistito ai lavori di questa Commissione. Il modo nel quale si sono svolti in mia presenza è in violazione piena della Costituzione e dimostra una scarsissima conoscenza dei principi democratici. Di più: è stata una vera e propria intimidazione di un giornalista, e un invito esplicito a mettersi agli ordini delle Procure. Si tratta di un comportamento eversivo e illegale.
    se un comportamento è eversivo e illegale, l'eroe del garantismo demmogradico Sansonetti non ha che da andare ai carabinieri a denunciare. Ma qualcosa mi dice che non lo farà, perchè si beccherebbe una querela coi controcazzi.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,478
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    101 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Sansonetti convocato dall'antimafia: suo resoconto (12 Dicembre 2014)

    io non apprezzo molte posizioni di sansonetti(ad esempio è un femminista estremo) ma è bene che ci sia una voce fuori dal coro come sansonetti
    poi il suo giornale ha rilievo nazionale, caso unico in calabria.

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    05 Jan 2010
    Messaggi
    29,276
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Sansonetti convocato dall'antimafia: suo resoconto (12 Dicembre 2014)

    Citazione Originariamente Scritto da Fallen Visualizza Messaggio
    Sono stato convocato nei giorni scorsi dalla Commissione parlamentare antimafia per una audizione. Almeno, così avevo capito. In realtà sono stato sottoposto ad un interrogatorio, che è stato condotto dal vicepresidente della Commissione, Claudio Fava, è durato circa un'ora e mezza ed è stato costruito su domande tutte improntate alla stessa idea (o insinuazione): quella che i giornali che ho diretto in Calabria, e in particolare "Calabria Ora", fossero subalterni al potere mafioso e che io stesso lo fossi.
    Mi è stato detto, in modo esplicito e anche un po' sfrontato, che il mio modo di fare giornalismo senza censure, e senza neppure un po' di subalternità alla Procura di Reggio, e senza limiti "etici" nello svolgere le polemiche, è un modo di fare giornalismo che fa il gioco della 'ndrangheta, mentre buonsenso vorrebbe che chi fa giornalismo in Calabria si occupi un po' meno delle notizie e un po' di più a spalleggiare la lotta alle 'ndrine.
    Perché la Calabria non è il Piemonte, non è l'Emilia, e l'ossessione per lo stato di diritto può essere devastante per lo Stato.
    Non ho preso appunti durante l'interrogatorio. Perché sono stato colto di sorpresa. Io ero convinto che la Commissione volesse delle informazioni e delle valutazioni. Invece la Commissione le informazioni le aveva già tutte - anche se alcune erano false - delle valutazioni se ne infischiava, e voleva solo che io rispondessi della temerarietà e pericolosità - rispetto alla ragion di Stato - delle mie opinioni. Anche senza appunti però mi sono rimaste nella mente molte cose, che vorrei raccontare, perché voi lettori le giudichiate, e magari - se ne avranno tempo e voglia - le valutino anche le autorità.
    Mi è stato contestato, per iniziare, il fatto che nel momento in cui ho assunto la direzione di "Calabria Ora" il mio editore, che gestisce delle cliniche, avrebbe avuto immediatamente nove nuove convenzioni concesse dalla Regione. In cambio, mi è stato detto esplicitamente, della sospensione, da parte mia, di una campagna di stampa che il mio giornale stava facendo contro il Presidente della Regione.
    La notizia mi ha sorpreso: non la conoscevo. Poi ho accertato che era assolutamente falsa. L'editore non aveva avuto nessuna nuova concessione. Non andrà molto lontano - penso, ma forse mi sbaglio - una Commissione antimafia che non accerta neppure le notizie che riceve da qualche consulente un po' superficiale. Persino noi giornalisti, che abbiamo un po' meno mezzi e po' meno denari a disposizione di una commissione antimafia, siamo tenuti a verificare le notizie...
    Dopodiché è iniziata prima la fila di contestazioni su articoli, titoli, e scelte editoriali, e poi persino sui toni dei miei commenti e delle polemiche.
    Perché - mi è stato chiesto - hai avuto vari incontri, persino nel suo studio, con l'avvocato Titta Madia che assisteva Giuseppina Pesce (collaboratrice di giustizia che aveva accusato suo marito e i suoi parenti) il quale avvocato Madia vi fornì una dichiarazione della signora Pesce nella quale lei ritrattava le accuse e sosteneva che le erano state suggerite dai Pm in cambio di un suo trasferimento in un carcere più vicino alla Calabria e della possibilità di rivedere i suoi figli?
    Sono rimasto senza parole: che in una sala del Parlamento italiano qualcuno non capisca che i giornalisti hanno l'obbligo di ascoltare gli avvocati, e soprattutto l'obbligo di riferire notizie come quella della quale sto scrivendo, vuol dire evidentemente che in queste sale del Parlamento almeno qualcuno dei parlamentari non ha mai gettato uno sguardo distratto sulla Costituzione, e non ha la minima idea di cosa sia il giornalismo in uno Stato liberale.
    E il fatto che successivamente la signora Pesce abbia ritrattato la sua ritrattazione - naturalmente non sta a me stabilire quale delle diverse versioni fornite dalla signora Pesce sia quella vera - non cambia affatto le cose. Oltretutto noi avevamo pubblicato non solo la lettera della Pesce, ma anche il verbale del suo interrogatorio, che era un verbale piuttosto inquietante.
    Ciliegina: anche qui le informazioni della commissione erano del tutto inesatte, perché io non ho mai incontrato l'avvocato Madia, né a casa sua, né al suo studio, né altrove. Ma possibile che questa Commissione non ne prenda una giusta?
    Non posso riferirvi tutte le contestazioni che mi hanno fatto (per la precisione le ha fatte tutte il vicepresidente Claudio Fava). Qualcuna però voglio raccontarla.
    Perché - mi è stato chiesto - su "Calabria Ora" avete pubblicato la lettera del figlio di un boss mafioso che protestava perché a suo padre era stato negato il funerale in Chiesa?
    Beh, son caduto dalle nuvole, non capivo la domanda. Mi hanno spiegato che il figlio di un mafioso non è un cittadino normale, che anche se è incensurato è sempre il componente di una famiglia di mafia, e poi c'è tanta gente che non è stata condannata per mafia, ma insomma, si sa che è mafiosa, e quindi, insomma, la lettera del figlio di un mafioso non si pubblica...
    Anche perché - mi ha spiegato Claudio Fava - pubblicando quella lettera si mette a repentaglio la sicurezza personale del sacerdote che ha rifiutato il funerale, e dei rappresentanti di "Libera" che hanno chiesto di non celebrare il funerale.
    Ho cercato in tutti i modi di spiegare che un cittadino è un cittadino (Gertrude Stein...), e che la legge italiana, la dichiarazione dei diritti dell'Uomo, la Costituzione repubblicana, eccetera eccetera eccetera, non permettono di considerare un cittadino colpevole dei reati del padre. Non c'è stato niente da fare: per gli onorevoli, il figliolo di un boss è, comunque, almeno un po', colpevole, e in ogni caso non ha il diritto di scrivere qualcosa a difesa di suo padre.
    Ho chiesto agli onorevoli se loro avrebbero mai pubblicato una lettera di Peppino Impastato (il ragazzo reso famoso dal film I cento passi, figlio di un mafioso e morto combattendo la mafia, ucciso dalla mafia) ma loro mi hanno detto che Impastato poteva parlare perché combatteva la mafia, mentre questo ragazzo (si chiama Alvaro) che ha scritto su "Calabria Ora" non ha le carte in regola per parlare.
    Capito bene: l'antimafia (in questo caso, parlando di parlamentari stipendiati, possiamo ben dire: i professionisti dell'antimafia, e mandare un pensiero disperato alla memoria di Leonardo Sciascia...) decide a chi assegnare e a chi no il diritto di parola. Come faceva una volta il Fascio.
    Infine il vicepresidente mi ha fatto notare che la lettera del figlio del boss finiva così: "Per fortuna giustizia terrena e giustizia divina non sono la stessa cosa". E questa frase, che chiunque interpreterebbe come una frase di pietà e di speranza sul destino ultraterreno del padre (è diritto di tutti quello di credere nell'aldilà) era in realtà una minaccia mafiosa. Non ha capito bene a quale 'ndrina si sospettasse l'affiliazione di Dio, ma ho lasciato perdere...
    Non posso tediarvi troppo. Però voglio dirvi che mi è stato contestato un editoriale intitolato "La mafia si combatte con lo Stato di diritto e non con le forche" (o qualcosa del genere) e mi è stato spiegato che la mia teoria sul garantismo da applicare anche in Calabria, e addirittura i miei dubbi sull'uso che talvolta i magistrati fanno dei pentiti, sono teorie e dubbi inaccettabili e che denotano una indubbia corrività con la mafia.
    Credo che la domanda finale sia stata la più clamorosa. Insistentemente il vicepresidente ha chiesto di sapere se mi ero pentito di aver dato le notizie sulla Pesce, sulla Cacciola eccetera. Questa del pentimento deve essere una mania. Gli ho dovuto spiegare - ma senza successo - che i giornalisti, di solito, non si pentono di aver dato le notizie. Casomai si pentono di avere fatto o subito la censura. Mi si è fatto capire che io dovrei provare rimorso per il suicidio (o forse omicidio) della signora Maria Concetta Cacciola (anche lei collaboratrice di giustizia che ha accusato la famiglia, poi ha ritrattato e poi è tornata ad accusare, infine è misteriosamente morta). Gli ho fatto notare che "Calabria Ora" aveva aperto una polemica (che non è stata fornita alla Commissione insieme al pacco di articoli che mi hanno contestato) perché la Cacciola - che si sapeva a rischio - non aveva goduto del programma di protezione. Circostanza sulla quale, finora, nessuno ha risposto.
    E infine mi si è chiesto di spiegare perché avevo dedicato cinque pagine al caso Cacciola, mi è stato detto che cinque pagine sono troppe. Ho risposto che, in genere, su come faccio il giornale io rispondo in riunione di redazione, e non in antimafia, né al Parlamento, né al governo, né al prefetto, né alla Procura della repubblica. Il vicepresidente si è mostrato stupito. Gli ho detto che nella Ddr (la Germania dell'Est prima che cadesse il muro) i giornalisti rispondono al potere politico sul modo nel quale fanno i giornali, ma qui in Europa non è così. Gli ho detto che il Minculpop (che svolgeva durante il fascismo funzioni simili a quelle che ora svolge l'antimafia: cioè il controllo su giornali e giornalisti) è stato chiuso nel 1945. Fava ha continuato a chiedermi il perché di quelle cinque pagine. Mi sono rifiutato di rispondere e sono andato via.
    P.S. Non avevo mai assistito ai lavori di questa Commissione. Il modo nel quale si sono svolti in mia presenza è in violazione piena della Costituzione e dimostra una scarsissima conoscenza dei principi democratici. Di più: è stata una vera e propria intimidazione di un giornalista, e un invito esplicito a mettersi agli ordini delle Procure. Si tratta di un comportamento eversivo e illegale. Mi chiedo se il Presidente della Camera e il Presidente del Senato vorranno intervenire, e se vorrà intervenire l'ordine dei giornalisti, o il sindacato. Temo che sia una domanda retorica: so che non vorranno intervenire. Spero di sbagliarmi.


    Giustizia: sono stato interrogato da Commissione Antimafia, sembrava una corte fascista | Le Notizie di Ristretti
    Nonostante qualche divergenza ideologica che ho con sansonetti, reputo quel giornalista uno dei migliori che l'italia abbia.

    Cosa mi piace di sansonetti é che non sottomesso a nessuno e questo non é una colpa ma un pregio, lo trovo sempre logico e moderato.
    Fallen likes this.

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    23 May 2014
    Località
    Milano
    Messaggi
    628
    Mentioned
    41 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sansonetti convocato dall'antimafia: suo resoconto (12 Dicembre 2014)

    Citazione Originariamente Scritto da yure22 Visualizza Messaggio
    Nonostante qualche divergenza ideologica che ho con sansonetti, reputo quel giornalista uno dei migliori che l'italia abbia.

    Cosa mi piace di sansonetti é che non sottomesso a nessuno e questo non é una colpa ma un pregio, lo trovo sempre logico e moderato.
    Idem, non condivido certe sue posizioni ma ammiro chiunque abbia il coraggio di mettere in dubbio i Dogmi di questa società pseudo-democratica. E Sansonetti mette in dubbio tanti Dogmi, andando controcorrente rispetto alla maggior parte degli altri giornalisti, che di fatto sono la cassa di risonanza delle Procure della Repubblica.

 

 

Discussioni Simili

  1. 12 Dicembre 1969 - 12 Dicembre 2014 per non dimenticare
    Di Gianky nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-12-14, 14:46
  2. resoconto del convegno a Napoli organizzato dall'Alfiere
    Di uqbar nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 62
    Ultimo Messaggio: 26-02-11, 12:51
  3. Un resoconto dall'Assemblea
    Di lupoDL nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 30-10-07, 09:24
  4. Resoconto dall'inferno dei CPT
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-12-02, 22:56

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226