User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: la guerra giusta

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,478
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    101 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito la guerra giusta

    La guerra giusta | Avanti!

    La guerra giustaPubblicato il 09-01-2015



    Al fondamentalismo in ogni sua pagina perché uccide la libertà.
    Alle teorie sull’inevitabile scontro tra civiltà perché l’inclusione aiuta la democrazia a crescere ed a rafforzarsi. In questi anni, più che allo scontro tra culture religiose si è assistito a conflitti all’interno delle grandi religioni. Tra sciiti e sunniti in Iraq, tra correnti islamiche in Libia, in Siria, in Egitto, in troppi Paesi africani, oltre ad attriti infracristiani nell’est europeo. Le ondate dei migranti, infine, vanno regolamentate dall’Unione Europea. Qui e subito.
    Al multiculturalismo quando legittima il divieto al godimento dei diritti e diventa sopruso, ritorno alla notte dei tempi. Tacere di fronte all’infibulazione di una bambina, alla sottomissione della donna, al lavoro minorile in fabbriche di province ricche e civili è un reato verso la nostra coscienza, verso la nostra storia, verso l’idea di giustizia giusta, verso la legge. Chi vive tra noi deve attenersi al nostro codice, a viso scoperto, garantito nell’accesso ai diritti, ma soggetto ai doveri e alla legge.
    Alla tolleranza quando la tolleranza diventa accidia, cecità, fuga dalla difesa del nostro canone civile, figlio di secolari conquiste universali.
    A chi ritiene che la diversità – di pelle, di lingua, di status, di religione, di cultura – sia da combattere sempre e ovunque, perché ‘tanto sono tutti uguali’. E invece il genere umano, pur su strade accidentate, ha imboccato nel Novecento una diversa direzione di marcia tendenzialmente democratica. E due, dieci, cento persone non sono l’umanità.
    Ad una iniqua distribuzione della ricchezza, quella che dà di più a chi ha di più e penalizza chi vive nel bisogno. Quante tra le tensioni sociali di questo inizio secolo nascono da lì?
    A chi pensa che la secolarizzazione, l’istruzione femminile, la lotta al tradizionalismo autoritario, a cominciare da quello familiare, siano il male assoluto.
    A chi sostiene un’idea parziale, circoscritta della libertà. Il ‘libero arbitrio’ o c’è o non c’è.
    Ai prevaricatori, ai demagoghi agitapopolo, ai padri che impongono alle figlie piccole quel matrimonio e vietano la conoscenza dell’amore.
    A chi mette a rischio i cardini della laicità.
    Senza dimenticare l’uso della penna. Ma non con il solo uso della penna.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Supreme Gentleman
    Data Registrazione
    15 Jul 2013
    Località
    725 Fifth Ave
    Messaggi
    37,689
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    799 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)

    Predefinito Re: la guerra giusta

    diversità di pelle sì, diversità di reddito no? mica la capisco sta cosa
    "Stupratori della lingua e dell'immaginario collettivo" (Felipe su Calvino, Brecht e Moravia)
    "Scribacchini di regime." (su Nazim Hikmet e Pablo Neruda)
    "Raccapricciante. Comunismo sanguinario allo stato puro." (su "Valore" di Erri De Luca)

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,478
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    101 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: la guerra giusta

    Citazione Originariamente Scritto da Felipe K. Visualizza Messaggio
    diversità di pelle sì, diversità di reddito no? mica la capisco sta cosa


  4. #4
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,886
    Mentioned
    94 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: la guerra giusta

    Citazione Originariamente Scritto da MaIn Visualizza Messaggio
    La guerra giusta | Avanti!

    La guerra giustaPubblicato il 09-01-2015



    Al fondamentalismo in ogni sua pagina perché uccide la libertà.
    Alle teorie sull’inevitabile scontro tra civiltà perché l’inclusione aiuta la democrazia a crescere ed a rafforzarsi. In questi anni, più che allo scontro tra culture religiose si è assistito a conflitti all’interno delle grandi religioni. Tra sciiti e sunniti in Iraq, tra correnti islamiche in Libia, in Siria, in Egitto, in troppi Paesi africani, oltre ad attriti infracristiani nell’est europeo. Le ondate dei migranti, infine, vanno regolamentate dall’Unione Europea. Qui e subito.
    Al multiculturalismo quando legittima il divieto al godimento dei diritti e diventa sopruso, ritorno alla notte dei tempi. Tacere di fronte all’infibulazione di una bambina, alla sottomissione della donna, al lavoro minorile in fabbriche di province ricche e civili è un reato verso la nostra coscienza, verso la nostra storia, verso l’idea di giustizia giusta, verso la legge. Chi vive tra noi deve attenersi al nostro codice, a viso scoperto, garantito nell’accesso ai diritti, ma soggetto ai doveri e alla legge.
    Alla tolleranza quando la tolleranza diventa accidia, cecità, fuga dalla difesa del nostro canone civile, figlio di secolari conquiste universali.
    A chi ritiene che la diversità – di pelle, di lingua, di status, di religione, di cultura – sia da combattere sempre e ovunque, perché ‘tanto sono tutti uguali’. E invece il genere umano, pur su strade accidentate, ha imboccato nel Novecento una diversa direzione di marcia tendenzialmente democratica. E due, dieci, cento persone non sono l’umanità.
    Ad una iniqua distribuzione della ricchezza, quella che dà di più a chi ha di più e penalizza chi vive nel bisogno. Quante tra le tensioni sociali di questo inizio secolo nascono da lì?
    A chi pensa che la secolarizzazione, l’istruzione femminile, la lotta al tradizionalismo autoritario, a cominciare da quello familiare, siano il male assoluto.
    A chi sostiene un’idea parziale, circoscritta della libertà. Il ‘libero arbitrio’ o c’è o non c’è.
    Ai prevaricatori, ai demagoghi agitapopolo, ai padri che impongono alle figlie piccole quel matrimonio e vietano la conoscenza dell’amore.
    A chi mette a rischio i cardini della laicità.
    Senza dimenticare l’uso della penna. Ma non con il solo uso della penna.
    Bene, così deve essere il rapporto tra la sinistra e il fondamentalismo soprattutto se non solamente islamico. Integrazione si, ma solo in una società illuministica, laica e razionalista. Ci chi sta bene, altrimenti la porta è quella, senza se e senza ma.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

 

 

Discussioni Simili

  1. La Guerra Giusta
    Di Muntzer (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-05-06, 19:44
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-12-05, 16:57
  3. Una guerra giusta
    Di Templares nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 15-08-04, 17:49
  4. Guerra giusta?
    Di giovanepadano20 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 01-02-03, 13:43
  5. Guerra giusta?
    Di giovanepadano20 nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 01-02-03, 13:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226