User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
Like Tree3Likes
  • 1 Post By Simone.org
  • 2 Post By Kavalerists

Discussione: L'ideologia di genere: una nuova guerra tra poveri

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Aug 2009
    Messaggi
    1,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'ideologia di genere: una nuova guerra tra poveri


    L'ideologia di genere: una nuova guerra tra poveri

    Le rivendicazioni di coloro che chiedono maggiori diritti e riconoscimenti per le coppie gay e lasbiche stanno purtroppo sempre più risentendo dei pesanti condizionamenti dei gruppi che si sono infiltrati alla loro testa, quali la Open Society Institute di George Soros piuttosto che banche come la Goldman Sachs o aziende quali la Coca Cola1.

    Se infatti queste rivendicazioni erano agli inizi più che ragionevoli (secondo il mio giudizio personale) come il riconoscimento giuridico della coppia, oggi la cosa è degenerata non tanto in una richiesta di diritti quanto nella pretesa che questi ultimi venissero ridotti a chi ne aveva per secoli naturalmente beneficiato, ossia alle famiglie tradizionali.

    Il risultato di questa degenerazione è la creazione di un clima di diffidenza, ostilità e infine odio aperto tra gruppi di persone che, come sempre accade, non avrebbero in realtà nulla per cui contrapporsi gli uni gli altri a livello politico e sociale.
    Questa pericolosa spirale è stata messa in pratica per gradi, prima con le provocazioni di pochi personaggi addomesticati o finanziati dai poteri forti (Nichi Vendola, Aldo Busi o i radicali nel caso italiano) e rilanciate da una parte della comunità omosessuale in risposta alla quale si sono poi costituiti gruppi di difesa della famiglia canonica. Il tutto in un contrapporsi crescente di posizioni sempre più radicali e incociliabili.
    Se una regia non può essere provata con certezza, essa è comunque rilevabile dai numerosi indizi già citati (il collegamento tra le personalità coinvolte e i loro criminali finanziatori) e dalla succesione dei fatti.
    E' chiaro ad esempio che esiste una profonda differenza tra la richiesta di diritto alla genitorialità per coppie dello stesso sesso (richiesta che in questo caso non condivido, ma è non di meno lecita da avanzare) e la negazione della genitorialità naturale tra un uomo e una donna. Come definire altrimenti le ultime acrobazie giuridiche che si vogliono introdurre quali la sostituzione dei termini "padre" e "madre", giudicati discriminatori, con "genitore 1" e "genitore 2"2? Oggi gay e lesbiche non possono sostanzialmente costituirsi in coppie con figli, ma se questo non è permesso dove sta il vantaggio per queste coppie nel negare la formalità dello stesso diritto alle famiglie composte da un padre e una madre? Forse quei componenti, certamente fondamentalisti, della comunità LGBTI che vogliono avanzare queste pretese giuridiche non hanno avuto un padre e una madre? E' come se una categoria di operai insoddisfatta del proprio salario, scioperasse non tanto per chiederne l'aumento, quanto per pretendere la riduzione degli stipendi di altri lavoratori in modo da avere "pari diritti".
    E' del tutto evidente che di fronte a simili provocazioni la risposta che nasce da altri gruppi nella società non può che essere una risposta polemica, e non conciliante, e altrettanto radicale, quale quella delle Sentinelle in Piedi la cui scesa in campo è a sua volta un pretesto per chi non vedeva l'ora di poter lanciare l'allarme omofobia3.


    E dunque, cui prodest?, come si chiedevano i giuristi dell'antica Roma all'inizio di un'inchiesta, a chi giova tutto questo?


    Ricordiamo che ad ogni momento di falsa divisione creato dal sistema il sistema stesso ha avanzato un'altrettanto falsa soluzione che permettesse di ricomporre i gruppi in contrasto addomesticandoli ancor più al potere.
    La falsa frattura politica destra contro sinistra è stata portata alle estreme estreme conseguenze dell'inettitudine sino a poter presentare alla stanca opinione pubblica i salvatori della patria, i "tecnici" che, liberi da ogni condizionamento politico, avrebbero risolto ogni problema rivelandosi invece amministratori delegati a servizio del sistema bancario e delle multinazionali.
    La distorta gestione dei singoli stati nazionali o i loro passati conflitti hanno fatto credere che essi fossero ormai inadeguati fornendo ad ogni loro crisi l'occasione per rafforzare il sistema dei blocchi sovranazionali quali esecutori della graduale privazione di libertà politica, cosa di cui l'Unione Europea è un esempio perfetto.
    L'altrettanto strumentale lotta tra il Cristianesimo cattolico-ortodosso contro l'Islam fornisce il pretesto per bollare le religioni come causa di conflitti, guerre e immobilismo culturale, proponendo come soluzione la grandiosa religione universale new age.
    E dove porterà invece la triste divisione tra omosessuali ed eterosessuali, persone che in un mondo sano non avrebbero nessun motivo per fronteggiarsi così ferocemente? Sicuramente condurrà a credere che, così come le divisioni politiche, statali e religiose, anche le specificità sessuali sono roba superata, foriera di scontri e quindi da manipolare artificalmente, rendendo quindi quanto mai presentabile il fenomeno del transumanesimo (che, a scanso di facili ironie, nulla ha a che vedere col transessualismo), ossia il superamento dell'essere umano non solo nella sua versione fisica naturale a favore di elementi meccanici ma anche nell'annullamento delle differenze psico-fisiche (e spirituali?) tra maschio e femmina.


    Ma questa è la risposta ingannevole e liberticida che darebbe il sistema, mascherando da soluzione al problema quello che è invece un impoverimento e una riduzione in schiavitù. Quale è invece la risposta che dovrebbe dare chiunque ambisca alla libertà e a tutte le forme di sovranità?
    Sovranità significa in primo luogo autonomia, indipendenza. E non c'è indipendenza in quella parte della comunità LGBTI che ha tralasciato la rivendicazioni di diritti a favore della negazione dei diritti altrui. Chi scende in strada a condurre una lotta che gli appare giusta e vede che al suo fianco si sono schierati mafiosi e camorristi dovrebbe interrograrsi sul motivo della loro presenza e, se continua a ritenere che la propria battaglia sia corretta, allontanarli per evitare manipolazioni del movimento cui appartiene. E' per questo motivo che personaggi e gruppi d'élite che oggi in Italia e all'estero manipolano i gruppi d'opinione gay e lesbiche dovrebbero essere neutralizzati e questo è certamente possibile poiché ritengo che i movimenti più manipolati sono quelli più visibili a livello mediatico ma non sono sicuramente rappresentativi di tante persone omosessuali che non si riconoscono in queste battaglie distorte. A questi ultimi spetta a mio avviso l'arduo compito di farsi sentire.
    Essere liberi significa invece riconoscere l'importanza della libertà altrui prima di lederla a vantaggio della propria. Una richiesta di diritti di coppia per omosessuali non può quindi ignorare il tessuto comunitario in queste coppie andranno a inserirsi, un tessuto la cui normalità (che non è un concetto discriminatorio e nemmeno gerarchico) è fatta di coppie, famiglie e genitori eterosessuali. Queste ultime persone dovranno invece imparare e insegnare ai propri figli il rispetto per ogni diversità, per l'eccezione (altro termine non discriminatorio, ma statistico), la comprensione, la condivisione delle ingiustizie subite e la lotta contro di esse in quadro giuridico adeguato.


    La chiave di volta per risolvere questo conflitto, così come qualunque altro scontro sociale fittizio, è sempre questa ed è semplicissima, ossia il rifiuto della logica del divide-et-impera tra i due litiganti per concentrarsi invece sulla rimozione dei motivi di contrasto alla radice.




    1Arcadianet: Camminando sulle uova dell'omofobia




    2Arcadianet: Pillole - Omogenitorialità e badge elettronico a scuola



    3Arcadianet: "Stop omofobia", prevenzione di problema o sua creazione?


    Questo è il mio caposaldo. Da qui non mi schiodo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,544
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: L'ideologia di genere: una nuova guerra tra poveri

    Condivido al 100%.
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,478
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    101 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: L'ideologia di genere: una nuova guerra tra poveri

    oh bene! allora i socialisti nazionali e tutti i conservatori poveri appoggino le lotte per i diritti civili così nessuno sarà diviso.

    (ma quindi la riduzione e l'attacco ai diritti delle coppie etero alla fine si riduce nel cambio "genitore 1" e "genitore 2" azz! che riduzione.... pensavo non li volessero far accedere ai servizi pubblici per famiglia come succede per le famiglie omo).

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Aug 2009
    Messaggi
    1,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L'ideologia di genere: una nuova guerra tra poveri

    Citazione Originariamente Scritto da MaIn Visualizza Messaggio
    oh bene! allora i socialisti nazionali e tutti i conservatori poveri appoggino le lotte per i diritti civili così nessuno sarà diviso.

    (ma quindi la riduzione e l'attacco ai diritti delle coppie etero alla fine si riduce nel cambio "genitore 1" e "genitore 2" azz! che riduzione.... pensavo non li volessero far accedere ai servizi pubblici per famiglia come succede per le famiglie omo).
    Se la cosa può interessarti nel mio piccolo, ma proprio piccolissimo ambito personale ho sempre sponsorizzato a mezzo internet le iniziative di un mio amico gay che, fortunatamente, non ha mai accettato la politicizzazione delle sue rivendicazioni a differenza di tanti altri gruppi nei quali appunto non si vuole riconoscere e che per questo lo hanno pure marginalizzato.
    I socialisti nazionali e chiunque altro di onesto possono sostenere le lotte di prsone come lui proprio perché pulite, non manipolate dai soliti grandi vecchi. Il resto è fuffa.

    Quanto alla dicitura dei genitori numerati ho solo preso un esempio clamoroso. Ti sembra poco superare l'idea che vi siano un padre e una madre? Ti sfugge forse che a Venezia vengono date fiabe a sfondo omosessualista ai bambini dell'asilo?

    E il caso francese del tizio fermato dalla polizia prché indossava una maglietta con un bambino, un padre e una madre nei giorni in cui si votava per i matrimoni gay?
    Kavalerists likes this.
    Questo è il mio caposaldo. Da qui non mi schiodo.

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,544
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: L'ideologia di genere: una nuova guerra tra poveri

    Veramente a Venezia, dunque in Italia, agli asili si stanno leggendo le fiabe gay-lesbo?
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  6. #6
    SOCIALISTA ILLIBERALE
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,810
    Mentioned
    415 Post(s)
    Tagged
    115 Thread(s)

    Predefinito Re: L'ideologia di genere: una nuova guerra tra poveri

    Citazione Originariamente Scritto da Simone.org Visualizza Messaggio
    Se la cosa può interessarti nel mio piccolo, ma proprio piccolissimo ambito personale ho sempre sponsorizzato a mezzo internet le iniziative di un mio amico gay che, fortunatamente, non ha mai accettato la politicizzazione delle sue rivendicazioni a differenza di tanti altri gruppi nei quali appunto non si vuole riconoscere e che per questo lo hanno pure marginalizzato.
    I socialisti nazionali e chiunque altro di onesto possono sostenere le lotte di prsone come lui proprio perché pulite, non manipolate dai soliti grandi vecchi. Il resto è fuffa.

    Quanto alla dicitura dei genitori numerati ho solo preso un esempio clamoroso. Ti sembra poco superare l'idea che vi siano un padre e una madre? Ti sfugge forse che a Venezia vengono date fiabe a sfondo omosessualista ai bambini dell'asilo?

    E il caso francese del tizio fermato dalla polizia prché indossava una maglietta con un bambino, un padre e una madre nei giorni in cui si votava per i matrimoni gay?
    Concordo. Da sottolineare tra l'altro come quasi sempre succede che i marginalizzati diventino i peggiori marginalizzatori...
    la solita storia della vittima che emula il carnefice di cui è piena la storia del mondo, soprattutto recente...
    Majorana and Simone.org like this.
    "Fate della Nazione la causa del popolo e la causa del popolo sarà quella della Nazione."-Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Aug 2009
    Messaggi
    1,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L'ideologia di genere: una nuova guerra tra poveri

    Citazione Originariamente Scritto da Avanguardia Visualizza Messaggio
    Veramente a Venezia, dunque in Italia, agli asili si stanno leggendo le fiabe gay-lesbo?
    Il Comune di Venezia distribuisce fiabe gay negli asili e nelle scuole - IlGiornale.it

    Fiabe gay negli asili? Sì, ma non chiamatele così - Il Fatto Quotidiano
    Questo è il mio caposaldo. Da qui non mi schiodo.

 

 

Discussioni Simili

  1. parità di genere e ideologia gender
    Di massimo1975 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 27-11-14, 07:36
  2. parità di genere e ideologia gender
    Di massimo1975 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-11-14, 09:56
  3. L'immigrazionismo, una nuova ideologia?
    Di carlomartello nel forum Lega
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-07-09, 13:59
  4. L'immigrazionismo, una nuova ideologia?
    Di herrdoktor nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-07-09, 13:06
  5. è nata una nuova ideologia
    Di Livio nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-06-03, 22:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226