User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 34
Like Tree1Likes

Discussione: Udienza di merito ricorso Ronnie n. 4/2014

  1. #1
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Udienza di merito ricorso Ronnie n. 4/2014

    Apro l'udienza di merito sul ricorso Ronnie n. 4/2014, il quale ritiene illegittima la decisione presa dal Presidente del Senato Thomas Lenin di non considerare validi per mancanza del numero legale i risultati delle votazioni svolte nell'ultima seduta del Senato. Secondo il ricorrente, il Presidente non avrebbe applicato l'ultima sentenza della Corte sul numero legale.
    Invito il ricorrente e il Presidente del Senato (all'occorrenza anche il vice Centrale) ad intervenire per sostenere in udienza le loro ragioni.
    Ricordo che sul tavolo c'è anche l'eventuale censura/decadenza del Presidente, nel caso di accertato dolo.
    Prima di parlare di questo però ovviamente Thomas Lenin ha la più ampia facoltà di difendersi.
    Data la delicatezza della questione invierò un pvt di avviso agli interessati.
    Naturalmente l'udienza non può andare avanti in eterno: i succitati hanno 3 gg. per intervenire; poi si passerà ad eventuali osservazioni dei Giudici e infine alla fase di voto.
    Haxel likes this.
    Per aspera ad astra

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Comunista
    Data Registrazione
    05 Oct 2009
    Località
    Pannesi, Liguria, Italy, Italy
    Messaggi
    4,636
    Mentioned
    124 Post(s)
    Tagged
    31 Thread(s)

    Predefinito Re: Udienza di merito ricorso Ronnie n. 4/2014

    come già annunciato in altra sede sono disponibile a dimettermi da presidente del senato, anche se avevo accettato vista la situazione di blocco sul nome come presidente dove nessuno era in grado di trovare l'accordo, visto dove ognuno aveva da ridire sul candidato proposto dallo schieramento avverso.

    pertanto notando che la commissione abbia modificato in modo ciò proposto per farsi che il centrodestra prenda maggioranza dove non ha. compresa la presidenza del senato.
    pertanto in attesa di vostro chiarimento e voto.
    pertanto si rischia ci sia un blocco al senato, richiedo alla corte costituzionale un'attenzione in più.
    il centrodestra continua a richiedere ricorsi in modo che il senato sia sempre bloccato.

    notando che la proposta di legge parla solo della sola camera e non anche del senato io ho proceduto come la vecchia legge.
    se la corte costituzionale mi farà presente che mi sbaglio, mi scuserò per la mia "svista" ma non vedo dove sbaglio, in caso contrario la corte costituzionale o dovrà modificare per attuarla anche al senato oppure io continuerò con la vecchia legge del senato.

    in attesa di un vostro riscontro
    cordiali saluti

    presidente senato
    se. thomas lenin
    partecipate e aderite al partito COMUNISTA in pieno congresso a questo link http://forum.termometropolitico.it/6...l#post13212177

  3. #3
    Fiamma dell'Occidente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Nei cuori degli uomini liberi. ---------------------- Su POL dal 2005. Moderatore forum Liberalismo.
    Messaggi
    38,158
    Mentioned
    131 Post(s)
    Tagged
    47 Thread(s)

    Predefinito Re: Udienza di merito ricorso Ronnie n. 4/2014

    Buonasera on.li magistrati,
    il caso che sottopongo alla vostra cognizione è di particolare importanza per il futuro dell'ordinamento. Su di esso, infatti, si deciderà se il sincero rispetto delle leggi, che consegue anche alla celerità e certezza delle sanzioni, debba essere la norma o una ipotesi estrema nella vita della nostra comunità.

    Voglio essere chiaro: il Senatore Lenin, dichiarando qui di non sapere che le norme della camera si applicano al Senato in forza del richiamo esplicito dell'articolo 34, in tutta chiarezza mente. Egli ha in più occasioni, infatti, fatto uso di quelle norme, cosa che del resto è evidente: esse regolano praticamente tutta la vita del senato! Ad ogni modo: ignorantia legis non excusat.

    Articolo 34
    Organizzazione fondamentale del Senato

    1. Si applicano per il Senato le disposizioni di cui all’articolo 19 commi 1, 3, 5, 6, 8 e 4

    Così, se è fuori di ogni dubbio la colpa grave nel primo comportamento del presidente, alla luce del suo successivo rifiuto di modificarlo dopo essere stato avvisato da un capogruppo di opposizione (sia della sentenza, sia che l'articolo 33 estende il 19 al senato), modifica che pure è nei suoi poteri, è divenuto certo anche il dolo, con cui il Presidente ha violato la sentenza sapendo che essa c'era. Il comportamento, infine, è aggravato da questa crassa menzogna che aggiunge oltraggio ad oltraggio nei confronti della corte e della sentenza.

    I fatti sono chiari:

    Citazione Originariamente Scritto da Thomas Lenin Visualizza Messaggio
    chiudo la fase di votazione

    quorum non raggiunto, a breve ripartirà la seconda votazione della V seduta

    presidenza senato.
    Citazione Originariamente Scritto da Ronnie Visualizza Messaggio
    Che cosa sta dicendo presidente? Quali senatori hanno preavvisato l'assenza chiedendole di convocare in altra data? Nessuno!

    Di conseguenza, ai sensi della sentenza ultima, lei deve proclamare presente il numero legale ed approvato all'unanimità il testo.
    Citazione Originariamente Scritto da Thomas Lenin Visualizza Messaggio
    lei come fà a dire se e quali senatori non abbiano chiesto? il testo non è stato votato all'unanimità, perchè assenti 6 senatori su 10 che è il 60% tantissimi, pertanto non vedo motivo di modificare, abbiamo sempre fatto cosi, mi dica sen. ronnie il quorum?
    Citazione Originariamente Scritto da Ronnie Visualizza Messaggio
    Non c'è nulla da chiarire, perchè la Corte è stata molto chiara:

    - ogni voto di chi non ha chiesto uno spostamento (impegni) o almeno preannunciato l'assenza (aventino) non è computabile come mancante al numero legale perchè consegue a sciatteria e negligenza nel non controllare i 3d e non comunicare le proprie esigenze ai propri colleghi

    -------------------------------------------------------------------------------------------------

    La Corte Costituzionale di PIR,
    visto il ricorso presentato dal senatore Ronnie in data 5/12/2014,
    visto il successivo dibattito e le ulteriori precisazioni presentate dal ricorrente in sede di udienza di merito,

    stante la necessità e l'urgenza di porre rimedio all'annosa questione dell'assenteismo di una parte cospicua di deputati e senatori,
    al fine di tutelare la continuità delle attività parlamentari, fin qui gravemente impedite da un assenteismo diffuso e duraturo, dovuto a evidente sciatteria e negligenza, tale da provocare una paralisi della simulazione politica,
    al fine di garantire la sopravvivenza stessa della comunità,

    PQM

    - è accolto il quesito n. 1 del ricorrente. L'articolo 19, comma 3 della Costituzione va così interpretato:

    La disposizione per la quale "Le deliberazioni d'aula non sono valide se non è presente la maggioranza dei componenti" non si applica secondo il suo senso letterale in quei casi in cui l'assenza dei componenti, o di una parte di essi con la presenza della quale vi sarebbe la maggioranza dei membri, visibilmente non consegua dalla data di calendarizzazione arbitrariamente prescelta ma dalla decisione di rifiutare per sciatteria e noncuranza la partecipazione alle sedute e dalla negligenza nel consultare i 3d delle convocazioni e comunicare le proprie indisponibilità e le richieste di spostamento, che sia constatata dal presidente della camera d'appartenenza. In tale caso il presidente l'aula può dichiarare valida ogni votazione sulla sola base della maggioranza dei presenti (o la più alta richiesta) stabilita dal successivo testo dell'articolo 19.

    I Presidenti di Camera e Senato devono attenersi a questa interpretazione dell'articolo.
    Contro la decisione dei Presidenti di Camera e Senato circa la validità dei risultati delle votazioni è possibile, nei modi e nei tempi stabiliti dalla Costituzione, presentare ricorso alla Corte, alla quale è affidato il giudizio finale sulla corretta applicazione dell'art. 19, comma 3 della Costituzione e dell'interpretazione stabilita dalla presente sentenza.

    Così è stabilito,
    Dato in PIR, Corte Costituzionale, 14/12/2014
    F.to FalcoConservatore, Danny, Haxel
    Citazione Originariamente Scritto da Thomas Lenin Visualizza Messaggio
    vista la modifica da parte dei giudici della corte costituzionale e di modifica del regolamento, anche se a mio avviso con il 60% di assenza da parte dei senatori che direi è troppo, devo richiamare la seduta e modificare la finale della votazione.


    senatori 10
    votanti 4
    assenti 6

    con 4 voti favorevoli all'unanimità dei presenti
    il senato approva le proposte del sen. ronnie riguardo all'emendamento aggiuntivo e la proposta di modifica

    presidenza senato
    sen. thomas lenin
    Citazione Originariamente Scritto da centrale Visualizza Messaggio
    Frenate: la disposizione dell'interpretazione dell'articolo 19 della Costituzione vale solo per la Camera non per il Senato. La Corte non può allungare gli effetti anche per il Senato. Noi rimaniamo vincolati al nostro regolamento.

    Presidente ci sono gli estremi per riconfermare la prima situazione.
    Citazione Originariamente Scritto da Thomas Lenin Visualizza Messaggio
    bene, grazie sen. centrale per la conferma di quanto ne avevo capito, nel regolamento mi sembrava citata la sola camera dei deputati in quel caso, si passerebbe alla seconda votazione, ma non c'è tempo per riproporla fino dopo le festività natalizie perchè se non ricordo male ci dovrebbe essere la pausa per le festività in questi giorni, al momento sospendo l'esito richiedo l'intervento del premier in quanto sembra appunto un regolamento per la camera dei deputati e non per entrambe le camere.


    presidente senato
    sen. thomas lenin
    Citazione Originariamente Scritto da Ronnie Visualizza Messaggio
    Voialtri due presidente e vicepresidente operate senza aver letto mai una volta le norme della costituzione che criticate. Ne abbiamo appena avuta l'ennesima riprova. E ora forza: editate i post per la vergogna.



    Articolo 34
    Organizzazione fondamentale del Senato

    1. Si applicano per il Senato le disposizioni di cui all’articolo 19 commi 1, 3, 5, 6, 8 e 4 con riferimento ai moderatori del forum Senato.

    Pertanto la mia richiesta è di accertare l'approvazione dell'atto, e per l'effetto, constatando il comportamento illegale e doloso, dichiarare la rimozione del senatore lenin dall'incarico di presidente del senato ed inviare un monito al vicepresidente perchè ciò non accada più nel periodo in cui presiederà per la sostituzione. Null'altro ho da aggiungere se non la speranza che la vicenda si chiuda presto e nessuno discuta più l'imperio delle sentenze e prima ancora delle leggi.

    Ferma l'ultima parola successiva alla difesa, annuncio che replicherò a eventuali difese che, invece di insistere sull'ignoranza di norme non ignorabili, cerchino di negare le circostanze asserite nel ricorso e quivi richiamate. Troppo è grave questa vicenda, in un gioco che è in difficoltà e che di quel regolamento ha bisogno per sopravvivere, per poterci passare sopra.

    Vi ringrazio


    Ricorso alla Corte Costituzionale

    il Sen. Ronnie

    IN VIA D'URGENZA

    - per l'annullamento di una proclamazione illegittima di deliberazione del Senato
    - contro gli atti del Presidente del Senato



    FATTO

    1. La violazione della Costituzione. A questo indirizzo, può constatarsi che il presidente del Senato ha violato l'articolo 19 comma 3 come appena interpretato dalla Corte, invalidando un voto che aveva avuto un esito unanime sulla base dell'assenza di senatori che non avevano chiesto il rinvio in altra data della seduta nè preavvisato l'assenza e che dimostrano così sciatteria e negligenza.

    2. Il grave nocumento alle istituzioni. Il blocco dei lavori impedisce alla Camera di ratificare il proprio regolamento e far scattare le procedure di subentro, senza le quali il gioco continuerà ad andare asfitticamente per mesi quando potrebbe sbloccarsi consentendo ai partiti l'applicazione delle restanti parti dell'articolo 19 disattivate dalla decisione del presidente,


    DIRITTO


    1. Per il ribaltamento della decisione. Applicare l'ultima sentenza di questa corte significa ribaltare la decisione del presidente.

    2. Per la censura e destituzione del Presidente.
    Una violazione di legge conclamata come questa, certamente non frutto di errore ma di calcolata scelta, che sussegue all'ostruzionismo all'adottare la stessa interpretazione fatta propria dalla corte praticato prima della sua decisione, costituisce certamente un fatto grave e un fatto doloso, aggravato dall'oltraggio che rappresenta rispetto a una decisione presa da pochissimo. E' uno di quei fatti che possono giustificare la rimozione immediata dall'incarico di un presidente che già aveva mancato ai suoi doveri una volta, come la Corte ben sa.

    Per questi motivi
    CHIEDE

    Domanda n.1. La riforma della proclamazione nel senso di dichiarare approvato il regolamento.


    Domanda n. 2. La destituzione e/o in subordine la censura del Presidente del Senato per violazione di legge dolosa.


    POL, addì 22 dicembre 2014
    Sen. Ronnie

    Ultima modifica di Ronnie; 19-01-15 alle 01:52
    _
    P R I M O_M I N I S T R O_D I _P O L
    * * *

    Presidente di Progetto Liberale

  4. #4
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Udienza di merito ricorso Ronnie n. 4/2014

    Se il Presidente del Senato intende replicare è invitato a farlo.
    Per aspera ad astra

  5. #5
    Comunista
    Data Registrazione
    05 Oct 2009
    Località
    Pannesi, Liguria, Italy, Italy
    Messaggi
    4,636
    Mentioned
    124 Post(s)
    Tagged
    31 Thread(s)

    Predefinito Re: Udienza di merito ricorso Ronnie n. 4/2014

    Citazione Originariamente Scritto da Ronnie Visualizza Messaggio
    Buonasera on.li magistrati,
    il caso che sottopongo alla vostra cognizione è di particolare importanza per il futuro dell'ordinamento. Su di esso, infatti, si deciderà se il sincero rispetto delle leggi, che consegue anche alla celerità e certezza delle sanzioni, debba essere la norma o una ipotesi estrema nella vita della nostra comunità.

    Voglio essere chiaro: il Senatore Lenin, dichiarando qui di non sapere che le norme della camera si applicano al Senato in forza del richiamo esplicito dell'articolo 34, in tutta chiarezza mente. Egli ha in più occasioni, infatti, fatto uso di quelle norme, cosa che del resto è evidente: esse regolano praticamente tutta la vita del senato! Ad ogni modo: ignorantia legis non excusat.



    Così, se è fuori di ogni dubbio la colpa grave nel primo comportamento del presidente, alla luce del suo successivo rifiuto di modificarlo dopo essere stato avvisato da un capogruppo di opposizione (sia della sentenza, sia che l'articolo 33 estende il 19 al senato), modifica che pure è nei suoi poteri, è divenuto certo anche il dolo, con cui il Presidente ha violato la sentenza sapendo che essa c'era. Il comportamento, infine, è aggravato da questa crassa menzogna che aggiunge oltraggio ad oltraggio nei confronti della corte e della sentenza.

    I fatti sono chiari:




    Pertanto la mia richiesta è di accertare l'approvazione dell'atto, e per l'effetto, constatando il comportamento illegale e doloso, dichiarare la rimozione del senatore lenin dall'incarico di presidente del senato ed inviare un monito al vicepresidente perchè ciò non accada più nel periodo in cui presiederà per la sostituzione. Null'altro ho da aggiungere se non la speranza che la vicenda si chiuda presto e nessuno discuta più l'imperio delle sentenze e prima ancora delle leggi.

    Ferma l'ultima parola successiva alla difesa, annuncio che replicherò a eventuali difese che, invece di insistere sull'ignoranza di norme non ignorabili, cerchino di negare le circostanze asserite nel ricorso e quivi richiamate. Troppo è grave questa vicenda, in un gioco che è in difficoltà e che di quel regolamento ha bisogno per sopravvivere, per poterci passare sopra.

    Vi ringrazio
    ma allora è semplice tu hai fatto a posta a far modificare le leggi per conto dei tuoi interessi, per poterti prendere il posto da presidente del senato, questo lo avevo ignorato, non pensavo ci fosse qualcuno potesse fare ricorsi in forum, che vorrei precisare è un forum, non è la politica reale, dove ognuno di noi ha la passione per la politica.

    vorrei sottolineare che dal momento che il centrodestra si impossessa della presidenza o vice presidenza del senato per ovvi motivi dovrà far dimmettere un giudice della corte costituzionale, che è stato lasciato per richiesta dell'opposizione di cdx.

    un'altro punto in cui faccio presente che il sen. ronnie con i suoi ricorsi "capriccio" per non mandare avanti le sedute e non in quanto far rispettare le leggi.

    in quanto le decadenze cosa che fino a ieri il sen. ronnie cercava di ostacolare per non far arrivare al numero legale alle sedute, proponendo una legge dove parlava della sola camera e in modo poco chiaro adesso spunta che ci sia anche il senato.
    chiedo tale motivo se la legge consente di avere la maggioranza dei soli presenti a far validare la seduta come mai votava contro le decadenze in modo di far andare avanti il gioco? e non proponeva successivamente quella legge?

    semplice in questo modo, il centrodestra con 3-4 voti a la maggioranza visto che il senato polliano a differenza della camera ha solo 10 senatori dove almeno 3 non entrano da parecchio.

    in quel modo modificando la legge a piacimento il centrodestra può avere la maggioranza nelle camere con la sola votazione dei presenti, pur avendo perso le elezioni, facile si ribalta il risultato delle elezioni.

    nel modo invece avevamo fatto richiesta sulle decadenze nelle sedute dove avevamo fatto anche sedute dove i senatori interrogati potevano dare le loro giustificazione dove il solo codino si era pronnunciato mentre per altri nessuno era intervenuto.
    se le sedute sulle decadenze fosserò passate probabilamente adesso saremmo più avanti, con nuovi utenti subentrati a quelli decaduti.

    chiedo alla corte sia messo chiaro se la legge del sen. ronnie sia costituzionale perchè non provare in modo diverso.
    pertando chiedo anche si chiarisca e si noti bene, non si può modificare le regole mentre si sta giocando, ci sono modi diversi
    questo può solo far allontanare utenti.

    presidente senato
    sen. thomas lenin
    partecipate e aderite al partito COMUNISTA in pieno congresso a questo link http://forum.termometropolitico.it/6...l#post13212177

  6. #6
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Udienza di merito ricorso Ronnie n. 4/2014

    So che la tentazione di portare la questione sul campo della (legittima) polemica politica è tanta, ma la Corte ovviamente non può esprimersi sul dibattito pubblico.
    Il punto è giuridico, e verte sull'applicazione di una sentenza della Corte:

    La Corte Costituzionale di PIR,
    visto il ricorso presentato dal senatore Ronnie in data 5/12/2014,
    visto il successivo dibattito e le ulteriori precisazioni presentate dal ricorrente in sede di udienza di merito,

    stante la necessità e l'urgenza di porre rimedio all'annosa questione dell'assenteismo di una parte cospicua di deputati e senatori,
    al fine di tutelare la continuità delle attività parlamentari, fin qui gravemente impedite da un assenteismo diffuso e duraturo, dovuto a evidente sciatteria e negligenza, tale da provocare una paralisi della simulazione politica,
    al fine di garantire la sopravvivenza stessa della comunità,

    PQM

    - è accolto il quesito n. 1 del ricorrente. L'articolo 19, comma 3 della Costituzione va così interpretato:

    La disposizione per la quale "Le deliberazioni d'aula non sono valide se non è presente la maggioranza dei componenti" non si applica secondo il suo senso letterale in quei casi in cui l'assenza dei componenti, o di una parte di essi con la presenza della quale vi sarebbe la maggioranza dei membri, visibilmente non consegua dalla data di calendarizzazione arbitrariamente prescelta ma dalla decisione di rifiutare per sciatteria e noncuranza la partecipazione alle sedute e dalla negligenza nel consultare i 3d delle convocazioni e comunicare le proprie indisponibilità e le richieste di spostamento, che sia constatata dal presidente della camera d'appartenenza. In tale caso il presidente l'aula può dichiarare valida ogni votazione sulla sola base della maggioranza dei presenti (o la più alta richiesta) stabilita dal successivo testo dell'articolo 19.
    I Presidenti di Camera e Senato devono attenersi a questa interpretazione dell'articolo.
    Contro la decisione dei Presidenti di Camera e Senato circa la validità dei risultati delle votazioni è possibile, nei modi e nei tempi stabiliti dalla Costituzione, presentare ricorso alla Corte, alla quale è affidato il giudizio finale sulla corretta applicazione dell'art. 19, comma 3 della Costituzione e dell'interpretazione stabilita dalla presente sentenza.

    Così è stabilito,
    Dato in PIR, Corte Costituzionale, 14/12/2014
    F.to FalcoConservatore, Danny, Haxel
    A beneficio della discussione chiedo al Presidente del Senato di illustrare i motivi che lo hanno portato - secondo il ricorrente - a non applicare la sentenza, che - cito - riporta l'inciso "I Presidenti di Camera e Senato devono attenersi a questa interpretazione dell'articolo".
    Il ricorrente Ronnie ha spiegato che il comma 3 dell'art. 19 - citato nella sentenza, e di cui si è fornita nuova interpretazione - si applica anche al Senato, come disposto dall'art. 34:

    Articolo 34
    Organizzazione fondamentale del Senato

    1. Si applicano per il Senato le disposizioni di cui all’articolo 19 commi 1, 3, 5, 6, 8 e 4



    Ora, prima di prendere una decisione, vorrei capire se lei, signor Presidente, ha deciso di ritenere non valida la votazione per mancanza del numero legale:
    a) perché ha creduto che la sentenza non si potesse applicare al Senato;
    b) perché ha ritenuto in qualche modo illegale o giuridicamente inapplicabile la sentenza;
    c) perché nel caso concreto ha ritenuto di non scomputare le assenze dovute a sciatteria e noncuranza nella partecipazione alle sedute e alla negligenza nel consultare i 3d delle convocazioni e comunicare le proprie indisponibilità e le richieste di spostamento.

    Alla luce delle sue dichiarazioni, scaturite anche dagli interventi del vice-presidente Centale, mi par di capire che l'ipotesi descritta nel punto a) sia quella corretta: ha creduto che la sentenza non si potesse applicare al Senato.
    Se è sempre convinto di questo, credo sia opportuno che alleghi qualche riferimento alla Costituzione, alle leggi e ai regolamenti, perché - stante sempre la precedente sentenza - mi pare francamente una posizione difficile da sostenere.
    Mi scuso se espongo il mio pensiero in merito già ora, ma reputo opportuno dare la più ampia possibilità a Thomas Lenin di difendere i motivi giuridici che lo hanno portato a non applicare la sentenza. Sottolineo "giuridici" perché il resto è tutto legittimo ma anche opinabile a seconda delle posizioni di ciascuno, mentre la Corte deve basare il suo giudizio sulle leggi e le loro interpretazioni. Naturalmente la Corte terrà in ogni caso conto delle dichiarazioni quando dovrà valutare nel merito l'eventuale applicazione di provvedimenti sanzionatori.
    Ultima modifica di FalcoConservatore; 19-01-15 alle 11:44
    Per aspera ad astra

  7. #7
    Fiamma dell'Occidente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Nei cuori degli uomini liberi. ---------------------- Su POL dal 2005. Moderatore forum Liberalismo.
    Messaggi
    38,158
    Mentioned
    131 Post(s)
    Tagged
    47 Thread(s)

    Predefinito Re: Udienza di merito ricorso Ronnie n. 4/2014

    In estrema sintesi abbiamo letto quanto segue: "!Io no sapevo! io no fatto studiare. norma cattiva. legge cambiata ronnie.!! non conoscere sentenza!!, ronnie ingannare me... io pronto dimettermi!"

    Ma a questo nessuno qui, dopo giudizi sempre sul senato, dopo lettura approfondita di post che non erano di questo tenore artatamente degradato, e comunque non di certo voi onorevoli magistrati ben esperti del gioco, ci può credere sul serio. Sappiamo tutti bene che il presidente del senato Thomas Lenin è più intelligente e preparato di così.

    Quivi, pertanto, egli ciurla nel manico.

    Chiedo dunque alla Corte di non concedergli una sorta di "incapacità di intendere e volere" perchè è evidente che qui sta solo a bella posta degradando se stesso, e financo l'italiano dei suoi interventi, al preciso scopo di scamparla alle leggi. E' una pantomima. Cerca di essere dichiarato innocente per ignoranza. Ma l'ignoranza della legge non scusa, ed egli, per quanto impreparato visibilmente, non è di certo pazzo. Lo prova un episodio specifico già quotato:


    vista la modifica da parte dei giudici della corte costituzionale e di modifica del regolamento, anche se a mio avviso con il 60% di assenza da parte dei senatori che direi è troppo, devo richiamare la seduta e modificare la finale della votazione.


    senatori 10
    votanti 4
    assenti 6

    con 4 voti favorevoli all'unanimità dei presenti
    il senato approva le proposte del sen. ronnie riguardo all'emendamento aggiuntivo e la proposta di modifica

    presidenza senato
    sen. thomas lenin



    Originariamente Scritto da centrale
    Frenate: la disposizione dell'interpretazione dell'articolo 19 della Costituzione vale solo per la Camera non per il Senato. La Corte non può allungare gli effetti anche per il Senato. Noi rimaniamo vincolati al nostro regolamento.

    Presidente ci sono gli estremi per riconfermare la prima situazione.



    Originariamente Scritto da Thomas Lenin
    bene, grazie sen. centrale per la conferma di quanto ne avevo capito, nel regolamento mi sembrava citata la sola camera dei deputati in quel caso, si passerebbe alla seconda votazione, ma non c'è tempo per riproporla fino dopo le festività natalizie perchè se non ricordo male ci dovrebbe essere la pausa per le festività in questi giorni, al momento sospendo l'esito richiedo l'intervento del premier in quanto sembra appunto un regolamento per la camera dei deputati e non per entrambe le camere.


    presidente senato
    sen. thomas lenin


    Mi rivolgo e Vi rivolgo due domande:

    1) In quei tre post precedenti a questo giudizio, sta scrivendo un pazzo che non articola in italiano?

    2) In quei tre post precedenti a questo giudizio, il presidente mostra di non sapere della sentenza e dell'estensione del potere che ha la Corte, o piuttosto in uno di essi ne fa ammissione?
    (e con un ragionamento in intellegibile italiano, proprio di persona normale e informata)

    Credo che le ovvie risposte a queste dovute domande dimostrino al di là di ogni ragionevole dubbio che non è un pazzo ignaro da vedere con bonarietà, ma un calcolatore che qui, ora, si finge tale.

    Il tutto, peraltro, arriva dopo un'altra precisa sentenza -una seconda oltre quella che qui si asserisce violata!- che proprio sulla patologica relazione invertita presidente-vice e sul richiamo alle leggi si era espressa in modo netto:

    Citazione Originariamente Scritto da Sentenza [url
    https://forum.termometropolitico.it/637132-sentenze-della-corte-costituzionale.html#post13856027]Questa[/url] Corte dichiara NULLE le convocazioni, i dibattiti e le votazioni svoltesi nelle seguenti sedute per la decadenza dei Senatori Anthos, Codino, Ste-compagno, Massimo Piacere:

    https://forum.termometropolitico.it/...en-anthos.html
    https://forum.termometropolitico.it/...en-codino.html
    https://forum.termometropolitico.it/...acompagno.html
    https://forum.termometropolitico.it/...o-piacere.html

    La Corte dispone il rinvio ex lege della loro convocazione a 24 ore dopo il termine della seduta costituzionalmente vincolata attualmente in corso.

    La Corte richiama il Presidente del Senato Thomas Lenin e il Vice-Presidente Centrale affinché:

    a) ci sia maggiore coordinazione, condivisione e armonia nelle decisioni prese di volta in volta dal Presidente e dal suo Vice, al fine di garantire l'unità di indirizzo decisionale nella conduzione dei lavori del Senato;
    b) che le decisioni del Presidente (ad es. nella formulazione delle schede di voto, nella convocazione dell'Ufficio di Presidenza, etc.) siano tempestive, chiare, lineari e comprensibili a tutti i senatori, e che il Vice-Presidente possa correggerle SOLO PREVIA consultazione e assenso del Presidente, evitando l’accumularsi di decisioni poi corrette e/o ribaltate che ingenerano confusione e perplessità ai senatori.

    Le domande n. 2, 3, 4, 5, 6 del ricorrente sono respinte.

    Così è deciso,

    Data il 21.10.2014 nella sede della Corte Costituzionale di PIR

    F.to FalcoConservatore, Presidente e Giudice relatore
    Danny, Giudice della Corte


    Per tutto questo qui si ribadisce, lasciando per l'ultima volta la parola alla difesa, che occorre difendere la legge. La legge sopra e prima di tutto. La legge che impone che le sentenze si rispettano. La legge che impone sanzioni per chi le viola. La legge che vuole che a una azione vi sia una reazione come conseguenza. La legge che vuole che questo parlamento possa votare e non eternamente venire arrestato da due presidenti che cercano di compensare l'assenteismo della propria parte politica con atti scellerati che poi creano annullamenti e ritardi, per di più accusando l'opposizione di "far ricorso", come se l'esercizio legale di un diritto, peraltro con successo, sia un atto ostile o ingiusto, e non la normalità, la buona regola, e l'unica via per garantire un futuro migliore per questo gioco.

    Vi ringrazio
    Ultima modifica di Ronnie; 19-01-15 alle 12:06
    _
    P R I M O_M I N I S T R O_D I _P O L
    * * *

    Presidente di Progetto Liberale

  8. #8
    Comunista
    Data Registrazione
    05 Oct 2009
    Località
    Pannesi, Liguria, Italy, Italy
    Messaggi
    4,636
    Mentioned
    124 Post(s)
    Tagged
    31 Thread(s)

    Predefinito Re: Udienza di merito ricorso Ronnie n. 4/2014

    ringrazio i giudici per la possibilità che mi si lascia rispondere.

    premetto che non avendo letto la parola senato sul regolamento pensavo prevedesse la sola camera dei deputati, poi come postava il sen. ronnie su intevernto del vicepresidente come potrete notare cito "che avevo capito bene" il regolamento cita la sola camera dei deputati e per quello avevo chiuso la seduta come ho sempre fatto in passato per mancata numero legale.

    rispondo al giudice falcoconservatore:
    come scritto sopra dato alla fine della seduta non ero il solo a pensare che quella legge non riguardasse anche il senato.
    il regolamento è poco chiaro, perciò ho chiuso la seduta come ho sempre fatto.
    non mi risulta che mi sia arrivata la notifica della modifica del regolamento comunque.

    far annullare le sedute delle decadenze, per poi modificare il regolamento, dove si abbassa un quorum penso non vada bene.
    non si fa partecipare gli altri, sulle decadenze potevano applicarle subenravano i primi dei non eletti.

    comunque vista che la corte aveva fatto annullare appunto le sedute per le decadenze, e visto che è stato fatto un ricorso per farle bocciare, se volevo potevo continuare lo stesso? no? quello che voglio dire che sulle decadenze la corte ha annullato le sedute e al senato non si sono state riproposte perchè era stato chiaro, mentre sulla modifica del regolamento appunto non è stato reso e chiaro a chi veniva applicato, cioè non era chiaro che oltre alla camera anche il senato venisse interpellata sulla modifica.

    pertando richiedo alla corte, sia messa più chiara la modifica riguardo del nuovo regolamento anche per il senato.

    mi scuso con il sen. ronnie se ha difficolta a leggere il mio italiano, ma vado sempre di fretta non sò se si nota che non posto tanto nel forum, giusto quei 3-4 post al giorno.
    partecipate e aderite al partito COMUNISTA in pieno congresso a questo link http://forum.termometropolitico.it/6...l#post13212177

  9. #9
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Udienza di merito ricorso Ronnie n. 4/2014

    Ringrazio il Presidente del Senato e il ricorrente per i loro interventi; cedo la parola ai colleghi Giudici per eventuali domande.
    Per aspera ad astra

  10. #10
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Re: Udienza di merito ricorso Ronnie n. 4/2014

    non ho al momento domande da fare, visto che quelle che mi interessavano sono già state date e sono state risposte, ho pertanto già in mente la mia recensione su questo caso e lo dirò al momento opportuno
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Udienza di merito ricorso Ronnie n. 3/2014
    Di FalcoConservatore nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 14-12-14, 18:08
  2. Udienza di merito ricorso Sen. Ronnie (n. 2/2014)
    Di FalcoConservatore nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 25-10-14, 17:11
  3. Udienza di merito ricorso Sen. Ronnie
    Di FalcoConservatore nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 21-10-14, 09:22
  4. Udienza di Merito ricorso Ronnie
    Di Guy Fawkes nel forum Archivio della Comunità di Pol
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 06-05-13, 08:38
  5. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 05-05-07, 13:14

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226