User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
Like Tree3Likes
  • 3 Post By Maestrale

Discussione: La più celebre ucronia del mondo diventa una serie TV

  1. #1
    100 milioni e 2 pere
    Data Registrazione
    24 Oct 2013
    Messaggi
    30,758
    Mentioned
    1358 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    12

    Predefinito La più celebre ucronia del mondo diventa una serie TV

    La Svastica sul sole diventa una serie TV - Fantascienza.com

    The Man in the High Castle


    È arrivato l'episodio pilota della serie che Ridley Scott ha tratto dal capolavoro di Philip K. Dick. Ed è straordinario




    PILOTI
    , stagione 1, episodio 1,The Man in the High Castle, USA, 2015 - regia di David Semel -scritto da Frank Spotnitz e Howard Brenton - con Alexa Davalos, Rupert Evans, Luke Kleintank, Joel de la Fuente, Cary-Hiroyuki Tagawa, Rufus Sewell - giudizio:


    Atteso con una certa curiosità — e un certo timore — dagli estimatori di Philip K. Dick, è arrivato l’episodio pilota di The Man in the High Castle, la serie tratta dal romanzo omonimo noto in Italia col titolo La svastica sul sole.
    Rispondiamo subito alle domande più pressanti: ci è piaciuto? Molto. È fedele al libro? Non del tutto. Ma abbastanza. Siamo ansiosi di vedere i prossimi episodi? Assolutamente sì, ma qui sono dolori.

    L’episodio non è andato in onda su nessuna emittente; la produzione, affidata alla Scott Free Production (compagnia di Ridley Scott) da Amazon, è stata pensata per la distribuzione diretta via streaming su Amazon.com. Il pilota è disponibile gratuitamente (anche se solo per clienti dotati di carta di credito rilasciata in USA), ma la serie seguirà solo se il primo episodio avrà riscosso un adeguato successo, in termini di numero di download e di giudizi espressi. Potrebbe passare anche molto tempo, fino a un anno, prima di avere un responso definitivo, quindi non ci si può aspettare di veder continuare la serie molto presto.



    Ma torniamo al pilota, un’ora tonda (non la solita ora televisiva americana di 45 minuti) che si apre con una sigla accompagnata da una ninna nanna tedesca cantata in stile anni cinquanta, che per chissà quale associazione ci fa venire in mente Blade Runner. E non è un collegamento sbagliato.
    Toni cupi, scenografie, ritmo ricordano molto da vicino il capolavoro di Ridley Scott tratto da Philip Dick (verso la fine c’è anche una piccola citazione, ma vi lasciamo la soddisfazione di trovarla da soli). Il gruppo di Scott riesce a ricreare una versione anni Sessanta degli Stati Uniti occupati straordinariamente credibile. Ovunque loghi con la svastica, cinegiornali, trasmissioni televisive in cui si scorge un vecchio Hitler coi capelli bianchi nella parte ambientata nella costa orientale, ormai annessa al Grande Reich Nazista; bandiere imperiali del Giappone e insegne scritte in Kanji nella San Francisco degli Stati Uniti del Pacifico sotto il dominio giapponese.



    Il cast non comprende grandi star — a parte Rufus Sewell, se vogliamo definirlo tale, nella parte dell’Obergruppenfuhrer Smith — ma gli attori principali sono ben selezionati.
    Parlando degli attori cominciamo anche a parlare delle discrepanze tra libro e film. Alexa Davalos interpreta Juliana Crain, nel libro ex moglie di Frank Frink; qui è la fidanzata e i due abitano insieme. Dopo aver ricevuto un pacchetto misterioso dalla sorella, che poco dopo sarà trucidata dalla polizia giapponese, deciderà di partire abbandonando Frink.
    Rupert Evans interpreta Frank Frink, l’orafo di origini ebree che vive a San Francisco. Come nel libro viene arrestato dalla polizia, ma è diversa la motivazione: nel telefilm è per aver cercato di coprire Juliana, non per aver sabotato il suo posto di lavoro come nel libro.
    Luke Kleintank interpreta Joe Blake; nel libro il personaggio si chiama Joe Cinnadella, un emigrato italiano (di Milano).
    Sono presenti altri personaggi, come l’ispettore Kido, Nobusoke Tagomi, lo svedede Victore Baynes, manca invece completamente Robert Childan, l’antiquario, uno dei personaggi chiave del libro. Non è il caso di preoccuparsi più di tanto: è probabile che possa fare la sua comparsa negli episodi successivi.



    Il cambiamento più interessante rispetto al libro riguarda The Grasshopper Lies Heavy, l’opera del misterioso uomo nell’alto castello in cui si narra una realtà alternativa in cui gli Stati Uniti hanno vinto la guerra. Nel libro di Dick si tratta di un libro: qui di tratta invece di un film. E la cosa ha perfettamente senso: a parte l’ovvio vantaggio di poterlo far vedere, mentre un libro avrebbe dovuto essere raccontato, viene mantenuto l’effetto di “abisso”, in Dick era un libro di storia alternativa dentro un libro di storia alternativa, qui è un film dentro un un film.
    Si vede qualche breve scena, riprese dello sbarco in Normandia e altri momenti della “nostra” Seconda guerra mondiale.

    Qui c’è un frammento di pochi fotogrammi che a nostro avviso potrebbe rappresentare lo scostamento più grave dallo spirito di Dick.
    Uno degli aspetti più intriganti del libro risiedeva proprio nel fatto che la realtà alternativa descritta in La cavalletta non si rialzerà più non era affatto simile alla nostra. La Germania e il Giappone avevano perso, ma la guerra era andata molto diversamente. Roosevelt non era stato rieletto presidente nel 1940, l’Inghilterra non aveva subito la perdita dell’Impero e si era anzi rafforzata, e alla sconfitta dell’Asse ne era uscito un mondo in cui la Guerra Fredda era tra USA e UK, anziché tra USA e URSS. In questo modo, Dick riusciva a creare un’incredibile sensazione di straniamento nel lettore.
    Nel frammento a cui facciamo riferimento si vede un filmato girato a Teheran nel 1943 con Stalin, Churchill e Roosevelt, che nella versione del libro non avrebbe dovuto esserci. Almeno fin qui, insomma, la realtà del film dell’Uomo nell’alto castello non sembra divergere dalla nostra.



    Comunque sia, un libro è un libro e un film è un film — o una serie tv è una serie tv. È normale e giusto che ci siano differenze fin tanto che lo spirito viene conservato. Una serie tv deve funzionare come tale e di sicuro questa funziona.
    Soggetto e sceneggiatura sono di Frank Spotnitz, un veterano di X-Files che di recente ha lavorato anche nel Regno Unito sulla serie sull’MI6 Strike Back. Se va fatto un appunto al suo lavoro è forse la freddezza, probabilmente voluta per rappresentare lo stato di oppressione, ma che almeno in un caso appare eccessiva, quando viene uccisa Trudy e sua sorella Juliana non ha alcuna reazione emotiva.
    Viceversa, il film riesce a creare forti reazioni emotive nello spettatore con semplici dettagli. Il Nazismo al potere non è soltanto un po’ di svastiche in giro e SS pronte a torturare il partigiano di turno. Il Nazismo è anche un pullman sul quale si trovano persone di colore o di religioni "sbagliate", o una coppia di ragazzi Down, e improvvisamente ti rendi conto che tutte quelle persone sotto al Nazismo sarebbero condannate a morte. Il Nazismo è anche uno sceriffo di campagna che dice come se fosse la cosa più normale del mondo che quella cenere che c’è nell’aria viene dall’ospedale, dove al giovedì bruciano gli invalidi e i malati terminali.



    Ora ci sediamo ad aspettare che arrivino le altre puntate. Speriamo solo di non dover attendere troppo.

    Ultima modifica di Maestrale; 18-01-15 alle 17:37
    carter, amaryllide and MaIn like this.
    "Decorato col ban permanente dal forum del centrodestra per meriti conseguiti sul campo a seguito di una pervicace campagna di educazione civica atta ad informare i legaioli bananas che da 18 anni sono alleati ed eterodiretti da un criminale."

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    20 Jan 2011
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    15,362
    Mentioned
    202 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito Re: La più celebre ucronia del mondo diventa una serie TV

    Ho letto il libro anni fa e mi era piaciuta l'idea dell'ucronia all'interno dell'ucronia, la trama del romanzo, come gusto personale, però non l'ho trovata un granché. Peccato per il sequel (se avete letto i due primi capitoli dell'ipotesi di romanzo successivo) che non è mai stato scritto.
    Riguardo alla serie TV speriamo che non sia la solita americanata...già trasformare "la cavalletta non si rialzerà" da libro a film depone male.

  3. #3
    100 milioni e 2 pere
    Data Registrazione
    24 Oct 2013
    Messaggi
    30,758
    Mentioned
    1358 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    12

    Predefinito Re: La più celebre ucronia del mondo diventa una serie TV

    Citazione Originariamente Scritto da carter Visualizza Messaggio
    Ho letto il libro anni fa e mi era piaciuta l'idea dell'ucronia all'interno dell'ucronia, la trama del romanzo, come gusto personale, però non l'ho trovata un granché. Peccato per il sequel (se avete letto i due primi capitoli dell'ipotesi di romanzo successivo) che non è mai stato scritto.
    Riguardo alla serie TV speriamo che non sia la solita americanata...già trasformare "la cavalletta non si rialzerà" da libro a film depone male.
    Il romanzo in questione invece forse è proprio il mio preferito in assoluto, del resto sono attratto da qualsiasi cosa abbia scritto Philip Dick come un tossico

    Credo che quando trasformi un romanzo in film sia impossibile mantenere una fedeltà ortodossa all'originale fin nei minimi particolari, qualche modifica va sempre fatta per vari motivi. Poi ci sono dei registi che si lasciano tentare da cambiamenti sostanziali che stravolgono il significato della trama generale e ciò, ovviamente, non piace neanche a me se si tratta della trasposizione cinematografica di un romanzo che giudico un capolavoro. Tuttavia, a leggere la recensione di questo sito (di cui peraltro mi fido molto), non mi pare questo il caso: trasformare l'ucronia interna da romanzo a film mi sembra semplicemente un modo di descrivere meglio agli spettatori cosa fosse "La cavalletta non si alzerà più" su un maxischermo, che d'altra parte è composto di immagini in movimento e non di parole.

    Comunque vedremo, ti saprò dire perchè senz'altro questo lavoro di Ridley Scott non me lo perderò, nemmeno se questi 2 episodi pilota non dovessero avere un seguito
    Ultima modifica di Maestrale; 19-01-15 alle 12:24
    "Decorato col ban permanente dal forum del centrodestra per meriti conseguiti sul campo a seguito di una pervicace campagna di educazione civica atta ad informare i legaioli bananas che da 18 anni sono alleati ed eterodiretti da un criminale."

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    20 Jan 2011
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    15,362
    Mentioned
    202 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito Re: La più celebre ucronia del mondo diventa una serie TV

    Dick è soprattutto uno scrittore di fantascienza, in ambito ucronico hai letto qualcuno?
    Hai letto The Iron Dream - Wikipedia, the free encyclopedia ? Al di là del romanzo che è bello (secondo me) proprio per l'idea che sta alla base, e per come è scritto - non tanto per la storia in sé, mi piace l'autore che ho amato in http://www.amazon.com/A-World-Betwee.../dp/0553258931 (è fantascienza, ma ne uscirebbe un bel gioco ucronico qui, se ci fossero donne che giocano).

  5. #5
    100 milioni e 2 pere
    Data Registrazione
    24 Oct 2013
    Messaggi
    30,758
    Mentioned
    1358 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    12

    Predefinito Re: La più celebre ucronia del mondo diventa una serie TV

    Si conosco Spinrad, a volte ho avuto la tentazione di leggere Il Signore della Svastica ma non l'ho ancora fatto, prima o poi lo farò, l'altro romanzo onestamente invece non lo conosco. Spero anch'io di riuscire a creare un gioco che coinvolga un maggior numero di forumisti, secondo me questa sezione ha delle ottime potenzialità per i play by forum
    Ultima modifica di Maestrale; 20-01-15 alle 02:13
    "Decorato col ban permanente dal forum del centrodestra per meriti conseguiti sul campo a seguito di una pervicace campagna di educazione civica atta ad informare i legaioli bananas che da 18 anni sono alleati ed eterodiretti da un criminale."

 

 

Discussioni Simili

  1. Brasile scavalca Gb e diventa sesta economia del mondo
    Di Giacomo79 nel forum Politica Estera
    Risposte: 88
    Ultimo Messaggio: 14-09-15, 11:44
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-12-14, 16:20
  3. Risposte: 67
    Ultimo Messaggio: 20-06-10, 18:22
  4. il mondo diventa più ricco ma abitata da più poveri
    Di anton nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-09-06, 13:25
  5. Il Mondo Sotto Choc: Serie Di Attentati A Londra,e' Strage.
    Di Templares nel forum Politica Estera
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 07-07-05, 20:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226