User Tag List

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 28
Like Tree15Likes

Discussione: I compagni sono dei bugiardi patologici

  1. #11
    Hic Sunt Leones
    Data Registrazione
    26 May 2009
    Località
    Soprattutto Italia
    Messaggi
    13,706
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: I compagni sono dei bugiardi patologici

    Citazione Originariamente Scritto da sorci verdi Visualizza Messaggio
    Ma questo non c'entra niente con il fatto che per te i militanti di Cremona sono gente che si diverte a picchiarsi per gioco con i compagni.
    Vabbè, mi stai mettendo in bocca parole che non ho detto, ma no problem.
    Semplicemente ero partito dalla premessa che trovo ben poco interessante la ricostruzione delle dinamiche degli scontri politici, ben sapendo al tempo stesso che lo scontro non di rado è inevitabile proprio a causa dei compagni che hanno l'ossessione dell'antifascismo e che quindi lo cercano.
    Di certo non ci avrei mai aperto una discussione, ma in questo caso la loro contraddizione e figuraccia è troppo flagrante e palese (infatti non capisco perché ti sia accalorato così tanto)
    Ultima modifica di Canaglia; 24-01-15 alle 13:56
    Per amare sul serio l'Italia oggi bisogna essere anti-italiani

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    Hic Sunt Leones
    Data Registrazione
    26 May 2009
    Località
    Soprattutto Italia
    Messaggi
    13,706
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: I compagni sono dei bugiardi patologici

    Cioè, credo proprio che in primis sareste voi a fare volentieri a meno di dovervi confrontare coi compagni che vengono a cercarvi per concentrarvi su cose più serie, capisci adesso il senso?
    Per amare sul serio l'Italia oggi bisogna essere anti-italiani

  3. #13
    Toh Cazzo in Culo alla DC
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    6,591
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I compagni sono dei bugiardi patologici

    Citazione Originariamente Scritto da Canaglia Visualizza Messaggio
    Cioè, credo proprio che in primis sareste voi a fare volentieri a meno di dovervi confrontare coi compagni che vengono a cercarvi per concentrarvi su cose più serie, capisci adesso il senso?
    Questo è ovvio.
    Però se scrivi che non ti frega niente se militanti di CPI (o di qualsiasi altra sigla) per essersi difesi da un aggressione politica rischiano di prendersi condanne superiori ai 5 anni ma anzi sono dei ragazzini che giocano alla Via Pal il significato non è lo stesso.
    Capisci adesso il senso di quello che ho scritto?
    Ultima modifica di sorci verdi; 24-01-15 alle 14:21

  4. #14
    Hic Sunt Leones
    Data Registrazione
    26 May 2009
    Località
    Soprattutto Italia
    Messaggi
    13,706
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: I compagni sono dei bugiardi patologici

    Citazione Originariamente Scritto da sorci verdi Visualizza Messaggio
    Questo è ovvio.
    Però se scrivi che non ti frega niente se militanti di CPI (o di qualsiasi altra sigla) per essersi difesi da un aggressione politica rischiano di prendersi condanne superiori ai 5 anni ma anzi sono dei ragazzini che giocano alla Via Pal il significato non è lo stesso.
    Capisci adesso il senso di quello che ho scritto?
    E infatti non l'ho certo scritto.
    Per amare sul serio l'Italia oggi bisogna essere anti-italiani

  5. #15
    Toh Cazzo in Culo alla DC
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    6,591
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I compagni sono dei bugiardi patologici

    Citazione Originariamente Scritto da Canaglia Visualizza Messaggio
    E infatti non l'ho certo scritto.
    Citazione Originariamente Scritto da Canaglia Visualizza Messaggio
    Piccola divagazione: a me di quanto successo a Cremona fregava/frega il giusto, non essendo io di CasaPound ed essendo ben poco appassionato alle risse tra opposti estremismi che sanno tanto di ragazzi della Via Pal. Quindi anche della dinamica, chi ha iniziato, chi ha picchiato chi... insomma, sono dettagli di cronaca nera più che politica che a me di base non interessano proprio.
    Però... però.
    Leggendo qua e là apprendo che la persona in ospedale ha un passato nella Destra Radicale (cantante dei Kontatto Estremo poi Front Towards Enemy, genere Metal).
    Ora, non intendo sindacare le scelte personali di ciascuno, quello che mi preme sottolineare è che quelli del centro sociale hanno definito il personaggio in questione come loro militante.... dal 1995!!!!
    No ma questi hanno proprio la bugia nel sangue, incredibile
    Si vabbè...

  6. #16
    Hic Sunt Leones
    Data Registrazione
    26 May 2009
    Località
    Soprattutto Italia
    Messaggi
    13,706
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: I compagni sono dei bugiardi patologici

    E vabbè niente, non ci capiamo, succede (anzi, il fatto che rischino più di 5 anni per questa roba semmai rinforza la mia opinione)
    Per amare sul serio l'Italia oggi bisogna essere anti-italiani

  7. #17
    .
    Data Registrazione
    22 Jul 2010
    Messaggi
    56,086
    Mentioned
    626 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: I compagni sono dei bugiardi patologici

    Scontri con Casapound, in coma uno degli antagonisti feriti - Corriere.it

    "La miccia degli scontri sarebbe stata accesa domenica mattina quando gli attivisti del Centro sociale Dordoni, vicino allo stadio, hanno trovato adesivi e volantini all’ingresso della loro sede firmati CasaPound. Li hanno staccati e, nel pomeriggio, si sono recati allo Zini per restituirli."

    è la gentilezza, restituiscono gli adesivi

  8. #18
    Smoderatore
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    15,662
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: I compagni sono dei bugiardi patologici

    Quando non ne buscano di loro iniziativa lo fanno immaginare ad un impiegato di Repubblica.

    Comunque si potrebbe dire che la bugia patologica è l'arma principale dei comunisti fin da tempi remoti. Atroce storia ancestrale?
    Ultima modifica di Orco Bisorco; 24-01-15 alle 16:15
    Kroenen likes this.

  9. #19
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,771
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: I compagni sono dei bugiardi patologici

    Citazione Originariamente Scritto da Orco Bisorco Visualizza Messaggio
    Quando non ne buscano di loro iniziativa lo fanno immaginare ad un impiegato di Repubblica.

    Comunque si potrebbe dire che la bugia patologica è l'arma principale dei comunisti fin da tempi remoti. Atroce storia ancestrale?
    Lo è fin dagli anni Trenta. Del I secolo.
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  10. #20
    Nazista dell'Illinois
    Data Registrazione
    11 Jun 2009
    Messaggi
    1,361
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I compagni sono dei bugiardi patologici

    Dossier Cremona: dagli scontri di domenica alla guerriglia di ieri | IL PRIMATO NAZIONALE

    Dossier Cremona: dagli scontri di domenica alla guerriglia di ieri
    Postato il gen 25 2015 - 11:20am di Giuliano Lebelli














    Link Sponsorizzati
    <img class="alignleft size-medium wp-image-14891" src="http://www.ilprimatonazionale.it/wp-content/uploads/2015/01/dordoni-3-300x225.jpg" alt="dordoni 3" width="300" height="225" />Cremona, 25 gen – Avevano chiamato a raccolta gli antifascisti da tutta Italia e anche dall’estero, i militanti del Centro sociale Dordoni, per la manifestazione di sabato 24 gennaio a Cremona contro la locale sezione di CasaPound. Il corteo è stato anticipato da misure di sicurezza degne dello sbarco dell’Isis. Leggiamo sul Corriere della Sera: “Rimossi tutti i cestini dei rifiuti nelle vie del corteo, tolti anche tutti i plateatici e vietato il parcheggio delle auto in centro. I commercianti del centro sono stati invitati dalla Polizia Locale a tenere le saracinesche abbassate nel pomeriggio di sabato e a coprire le vetrine per evitare imbrattamenti e danneggiamenti”.
    Le precauzioni si sono rilevate preveggenti: gli antifascisti hanno sfilato con caschi e bastoni, lanciando fumogeni, bombe carta e altri oggetti verso la polizia in tenuta antisommossa. I manifestanti hanno tentato di assaltare la sede di Casa Pound. Si è trattata di una vera e propria imboscata perché i militanti antifascisti si sono nascosti e poi sono sbucati armati di molotov, sassi e bombe carta.
    Prosegue il Corsera: “Gli scontri sono proseguiti in via Dante, dove alcune auto sono state date alle fiamme; ferito lievemente un ufficiale dei carabinieri. In via Dante e viale Trento e Trieste sono state prese di mira le filiali di alcune banche, le cui vetrate sono state distrutte. Gli antagonisti si sono poi diretti verso la sede del Comando di polizia locale, in piazza Libertà, e ne hanno preso d’assalto la facciata con spranghe e cartelli stradali divelti. Hanno provocato grossi danni e distrutto le vetrate, ma non sono riusciti ad entrare. Si sono diretti poi alla stazione per prendere il treno per Roma, sempre ‘blindati’ dalla polizia”.
    È stata inoltre assalita la caserma della polizia locale (all’indirizzo della quale è stata lanciata una bomba carta), accerchiata quella dei carabinieri, due feriti (codici gialli).
    Al corteo erano presenti delegazioni di Rifondazione, Sel, Usb e Anpi, e manifestanti dell’area della sinistra da tutta Italia. Vista la malaparata, Pontiggia e Galletti, del Pd, fanno sapere: “Non stiamo partecipando alla manifestazione. Abbiamo portato un saluto alle forze democratiche”.
    In serata, il Pd a firma dello stesso Roberto Galletti (segretario cittadino del Pd di Cremona) e di Matteo Piloni (segretario provinciale del Pd di Cremona) diramerà il seguente comunicato in cui si “condanna con forza anche queste violenze e i suoi responsabili”. Anche Anpi, Cgil e Arci hanno preso le distanze dalle violenze. Sarebbe interessante sapere quanti dei violenti fossero tesserati con le tre associazioni, ma probabilmente non lo sapremo mai.
    <img class="alignleft size-medium wp-image-14893" src="http://www.ilprimatonazionale.it/wp-content/uploads/2015/01/dordoni-1-300x269.jpg" alt="dordoni 1" width="300" height="269" />Di sicuro costernata e indignata per l’esito della manifestazione è la cittadinanza di Cremona.
    Le violenze commesse dai manifestanti sono state raccontate in modo piuttosto singolare da alcuni media. Per esempio da L’Internazionale, che ha scritto: “Momenti di tensione tra le forze dell’ordine e il corteo antifascista a Cremona, quando la testa della manifestazione è stata presa da alcune persone vestite di nero che indossano caschi e impugnano bastoni”. Per queste testate, quindi, esistono i manifestanti, i militanti, gli antifascisti, e poi esistono delle misteriose persone vestite di nero sbucate da chissà dove, che nell’indifferenza generale possono prendere la testa di un corteo di duemila persone e far partire la guerriglia. Forse scrivere “Manifestanti antifascisti mettono a ferro e fuoco Cremona” sembrava un po’ indelicato…
    Ma qual è l’origine di tutto ciò?
    Prima di andare ai fatti di domenica 18 gennaio, bisogna fare un salto ancora più indietro. <img class="alignright wp-image-14894 size-medium" src="http://www.ilprimatonazionale.it/wp-content/uploads/2015/01/visigalli-5-300x168.jpg" alt="visigalli 5" width="300" height="168" />È il 4 maggio 2013 quando CasaPound apre a Cremona. Il centro sociale Dordoni scende subito sul piede di guerra. Nei video della manifestazione del centro sociale nel giorno dell’apertura si vedono spranghe e caschi, nonché un signore di una certa età aizzare i ragazzini al megafono, lanciando i cori “Le sedi dei fascisti si chiudono col fuoco, ma coi fascisti dentro, sennò è troppo poco”. E anche (minuto 2.17) “facciamogli sentire il legno sulla testa”. A quella manifestazione parteciperà anche Emilio Visigalli.
    È in questo contesto che vanno inquadrati i fatti del 18 gennaio. Cosa è successo?
    I militanti del Dordoni denunciano un vero e proprio assalto premeditato al Centro sociale in cui loro erano presenti per fare le pulizie. “Intorno alle 18 l’assalto prima da parte di un gruppo di 10 fascisti, raggiunti poco dopo da altri 40 vigliacchi sbucati dalla via vicina al Dordoni”, è la cronaca che si legge nel sito vicino agli antagonisti, infoaut. La storia dell’attacco in due tempi non verrà ripetuta sempre, in altre occasioni si parlerà direttamente di 50 o addirittura 60 fascisti che in blocco attaccano lo spazio occupato (in 60 armati contro 8 indifesi, peraltro, i “fasci” avrebbero sì ferito gravemente un antagonista, ma avrebbero lasciato pressoché illesi gli altri e non avrebbero toccato il Centro sociale…).

    Eppure, secondo quanto dichiarato da loro stessi al Corriere della Sera, sarebbero stati i militanti del Centro sociale per primi a essersi recati allo stadio Zini di Cremona per “restituire” ai militanti di Cpi degli adesivi trovati vicino alla loro sede. Gli stessi antagonisti, quindi, ammettono di essere andati a cercare i militanti di CasaPound. Quelli del centro sociale sanno che i ragazzi di Cpi sono allo stadio perché avvertiti da loro sodali in curva, che hanno notato la presenza, peraltro senza simboli, di militanti di CasaPound allo stadio.
    Secondo la versione di CasaPound, invece, i ragazzi di Cpi sarebbero tranquillamente usciti dallo stadio e al momento di andare a prendere le macchine al parcheggio – che è di fronte al Centro sociale – si sarebbero trovati di fronte una decina di loro, con caschi e manici di piccone.
    <img class="alignleft size-medium wp-image-14617" src="http://www.ilprimatonazionale.it/wp-content/uploads/2015/01/visigalli-3-300x226.jpg" alt="visigalli 3" width="300" height="226" />Ne nasce comunque una colluttazione in cui ha la peggio un militante del Centro sociale. Che attenzione, è un ex appartenente alla destra radicale, e quindi non un bonario signore democratico come ci vogliono far credere.
    C’è anche un ferito di CasaPound, che riporta 20 giorni di prognosi per ferite alla testa.
    Secondo la pagina facebook del Dordoni, subito dopo “c’è stata una carica di alleggerimento da parte della celere per permettere ai fascisti rimasti nella zona di andarsene indisturbati”. Il Centro sociale parla di 50 militanti di Cpi, provenienti anche da fuori, in particolare da Parma e Brescia. In realtà 50 sono gli identificati, molto dopo i fatti, al bar Matisse vicino allo stadio, fra cui molti tifosi del tutto ignari di quanto accaduto. I militanti di Cpi erano una decina.
    Il quadro, insomma, è questo: per attuare un’aggressione squadrista premeditata, i militanti di Cpi prima vanno allo stadio tutti insieme, dove vengono riconosciuti da tutti, poi, una volta terminati gli scontri, vanno tranquillamente al bar lì vicino. Proprio un’azione da commando ninja…
    Insomma, le cose non quadrano. Non a caso lo stesso questore di Cremona ha dichiarato (minuto 3.13): “Non riteniamo ci sia stata un’aggressione pre-ordinata con soggetti provenienti da altre città”. Anche la questura di Parma ha smentito la presenza di elementi
    <img class="size-medium wp-image-14896" src="http://www.ilprimatonazionale.it/wp-content/uploads/2015/01/parma-220x300.jpg" alt="Gazzetta di Parma, 22/01/2015, pagina 8." width="220" height="300" />Gazzetta di Parma, 22/01/2015, pagina 8.

    parmensi: “Dagli accertamenti è emerso che nessun esponente del movimento cittadino è stato coinvolto nell’azione contro il centro sociale Dordoni”.
    Alla fine gli indagati saranno otto, quattro esponenti del Centro sociale Dordoni e quattro di CasaPound. Una decisione pilatesca e cerchiobottista, da parte della questura, ma che fa capire come la storia raccontata dal Dordoni non abbia retto a un minimo di indagine. Rissa aggravata e lesioni gravissime i capi d’accusa.
    Il giorno dopo un tesserato di Cpi che fa il postino è stato riconosciuto sul lavoro da una ronda del centro sociale e si è dovuto asserragliare in un condominio per sfuggire al linciaggio. Inoltre i militanti più giovani del centro sociale sono anche passati per le classi delle scuole a distribuire materiale antifascista e chiedendo se ci fossero fascisti in classe.
    Giuliano Lebelli
    Ultima modifica di Nicolas Eymerich; 25-01-15 alle 12:01
    Venne Costanzo a intervistarmi per il Corriere della sera. Dopo due ore di conversazione mi chiese: lei cosa voleva fare da piccolo. E io: il burattinaio. Meglio fare il burattinaio che il burattino, non le pare?

 

 
Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. "I gay... Sono disturbati patologici, mi denuncino pure !"
    Di NAZIONALPOPOLARE nel forum Destra Radicale
    Risposte: 188
    Ultimo Messaggio: 01-02-10, 13:31
  2. Bondi ammette che sono una manica di bugiardi
    Di ossoduro nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-07-04, 16:51
  3. Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 16-12-03, 03:05
  4. gli amerikani sono bugiardi e lo ammettono pure
    Di halexandra nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-06-03, 00:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226