User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    12 Feb 2015
    Messaggi
    297
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Radicali e liberi- intervista a Emma Bonino

    Nel mondo di adesso, raccontare di Emma Bonino vuol dire tratteggiare le gesta di un’eroina medievale come Trotula, Ildegarda, Eloisa. Donne immense, di una coerenza granitica, spaventosa. Un avamposto umano di laicità ed intelligenza: in questi tempi grigi in cui tutto converge e si confonde per confondere, lei spende il suo tempo a distinguere. Ha passato la vita a farlo e a promuovere diritti civili e libertà.
    Radicale da sempre, eurodeputata, deputata, senatrice, Commissaria europeo, ministro per il commercio internazionale e per le politiche europee nel Governo Prodi II, vicepresidente del Senato, ministro degli Esteri nel governo Letta, membro del Comitato esecutivo dell’International Crisis Group, ideatrice e promotrice della Corte penale internazionale, professoressa emerita all’Università americana del Cairo, delegata per l’Italia all’Onu per la moratoria sulla pena di morte, fondatrice di Non c’è pace senza giustizia per l’abolizione delle mutilazioni genitali femminili, madre della “Dichiarazione di Sana’a”, nel 2011 Newsweek l’ha inclusa tra le “150 donne che muovono il mondo”.
    E lei il mondo lo ha tutto in testa, difficile costringerla in Italia. Le sue battaglie sono state tra le nostre più belle, e con lei parliamo di laicità. Perché neanche un mese fa, ignara o forse no, di tutto quello che sarebbe accaduto nei giorni successivi ha lanciato un appello quanto mai vitale: “Laici di tutto il mondo unitevi”.
    Ciao Emma, come stai?
    Io benino.
    Ti va di rispondere a qualche domanda?
    Sì, basta che non mi “incianfrugli” sulla politica italiana [elezione del nuovo presidente della Repubblica] che mi è ancora tutto poco chiaro. Forse voi avete capito, io no. Una sola considerazione allora: ancora un uomo e ancora un cattolico. Aspetterei qualche giorno per capire bene, non so come sia uscito Sergio Mattarella. So per certo che i candidati desiderati erano altri.
    Passiamo al vero oggetto della nostra chiacchierata, pochi giorni prima dei terribili fatti di Parigi hai lanciato un appello ai laici di tutto il mondo nel tentativo di incoraggiare la costruzione di un dialogo interlaico, come mai?
    La mia valutazione dei fatti di Parigi è che non siano molto diversi da quelli di Madrid, 200 morti e non so quanti feriti alla stazione Atocha, o da quelli di Londra. Quello che ci ostiniamo a non capire, perché il contrario ci farebbe comodo, è che questi gruppi di fanatici non rimangono sempre uguali, cambiano, mutano, hanno agende loro, sono più mobili degli Stati. Sono andati in Siria, poi in Iraq, si sono spostati nello Yemen. Hanno una capacità di usare le tecniche di comunicazione molto forte. L’Isis oggi, Al-Qaeda ieri, hanno la stessa matrice culturale, che è wahabita, salafita, da cui hanno ricevuto anche sostegni finanziari. Le loro vittime peraltro sono soprattutto musulmani, poi ogni tanto aggiungono dei gesti più o meno eclatanti che a noi ci emozionano molto, ma il numero delle vittime è molto più alto tra le minoranze cristiane o musulmane o tra i musulmani da loro ritenuti corrotti. Persino un editoriale sul Financial Times finalmente sostiene che bisogna cominciare a parlare francamente all’Arabia Saudita. Non possiamo far finta che siano impegnati davvero nella lotta al terrorismo e che non c’entrino nulla con questi gruppi di estremisti, perché la verità è che sono complici sia dal punto di vista della matrice filosofica e culturale sia sul versante del sostegno economico. In più, a complicare le cose, mi pare evidente che allo scontro tradizionale tra sunniti e sciiti si è aggiunta una guerra fratricida all’interno della stessa famiglia sunnita, e quindi abbiamo da una parte le monarchie del Golfo (Arabia Saudita ed Emirati) e dall’altra i Fratelli musulmani, sostenuti dalla Turchia e, in modo più altalenante, dal Qatar. Questo è, e noi non possiamo fare tantissimo, capisco che è frustrante e sarebbe più rassicurante dire “andremo, faremo, li distruggeremo…” però è illusorio e sbagliato. Nell’immediato dovremo certamente prendere dei provvedimenti securitari.
    Non temi una deriva securitaria?
    Sì certo, è l’unica cosa che sappiamo fare. È una coazione a ripetere, noi (gli americani e noi dietro) sappiamo fare solo la guerra. Francamente, come si uccide un dittatore noi lo sappiamo molto bene. Conosciamo anche modi più raffinati: colpi di Stato, interventi dell’esercito, questo lo sappiamo fare. Di disastri ce ne siamo intestati parecchi. Mentre non sappiamo che fare il giorno dopo.

    La tua reazione è all’opposto, ti appelli ad una possibile unione dei laici. Vuoi parlare di che fare il “giorno dopo”?
    Il problema è che non vogliamo leggere tutto questo groviglio di scontri interni e di interessi. Continuiamo a non vedere e a pensare stupidamente che da una parte ci siano i buoni, l’Arabia Saudita e i wahabiti, e dall’altra i cattivi, i Fratelli musulmani, l’Iran e gli sciiti.
    Perché dei laici dovrebbero fare meglio?
    Parlo per me, anche se ci sono analisti superesperti che sostengono quello che dico anche io. Penso di conoscerli un po’ meglio, ho investito tempo ed energie per capire, studiare, viaggiare, leggere cose meno scontate, a parlare non solo con i regimi ma con circoli intellettuali, gente comune, ho frequentato università per conoscere i diversi tipi di società. Invece la visione generale e generalizzata no, rimane sempre la stessa: sciiti e Fratelli musulmani cattivissimi e gli altri buonissimi. Caricaci poi Israele e le politche di Netanyhau e andiamo avanti così. E per evitare equivoci, sono filoisraeliana da sempre, e sostengo con forza l’idea di Israele e Palestina democratiche nell’Unione europea… ma questo non vuol dire accettare in modo acritico le proposte politiche di Netanyhau and co. Senza dubbio ci sono buchi nella nostra rete di sicurezza da affrontare ma sono peggiori, ti assicuro, i “buchi di conoscenza”. Basta che ti dica che nelle ambasciate occidentali non si sa l’arabo, non lo sanno parlare, non lo studiano, non leggono i giornali locali, non si informano.
    Sicurezza, grovigli economici, diplomazia cieca, politica incapace, che senso ha allora parlare di laicità?
    Perché va approcciato il fatto che le religioni sono tante; che una cosa è il peccato, altra è il reato, e che al di là di qualsiasi credo individuale deve essere chiaro che le varie fedi non possono essere la base delle istituzioni e delle leggi. La laicità è il presupposto dell’accettazione dell’altro. È proprio il presupposto, l’a-b-c: sei cittadino come me ma ti organizzi la vita personale e privata in modo diverso da me. Nel nostro Paese con qualche fatica e neanche compiutamente l’abbiamo imparato, anche se poi si sono inventati “i valori” non negoziabili… Quando io ero giovane erano semplicemente diritti civili, ora li chiamano “valori” e li cavalcano malamente.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    12 Feb 2015
    Messaggi
    297
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

  3. #3
    POL
    POL è offline
    Servizio Forum
    Data Registrazione
    15 Jul 2009
    Messaggi
    20,743
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Emma Bonino parla della malattia: “Vivere, accettare e governare le emozioni”


    Una donna forte, Emma Bonino. Decisa, pragmatica, sicura. Anche nelle situazioni avverse. Politicamente parlando, si intende. Ma alle difficoltà politiche, oggi, si è aggiunta la malattia: feroce, brutale, crudele. Una malattia dalla quale, tuttavia, Emma vuole uscire, più forte di prima. E lo conferma in un’intervista a Repubblica.
    Bonino affronta la “bestiola”, come la chiama lei, in modo coraggioso: “non ho paura, sono ottimista”, confida a Giovanna Casadio e Dario Cresto-Dina. “Ho avuto una vita fantastica. Gli affetti familiari, la politica radicale, le amicizie, i grandi dolori, le solitudini. La cosa importante è saper provare, vivere, accettare e governare le emozioni, mai diventare indifferenti a ciò che ci attraversa o ci sfiora”.
    Dice di stare “bene”, sebbene la malattia sia di tale entità: “sopporto la chemioterapia senza eccessivi disagi. Sono disciplinata, dovreste vedere quanto sono rigorosa. Seguo accuratamente le disposizioni dei medici”, ovvero: “mangiare tre volte al giorno, evitare la carne e i dolci, limitare i formaggi. Faccio colazioni nordiche o forse dovrei dire islandesi: pane, burro, tonno e capperi e una tazza di brodo, mi manca soltanto l’aringa. Ero abituata a un caffelatte e tre biscotti, ora riesco a mangiare solo salato. Non sento più i gusti. L’ordine dei dottori è non perdere peso. Dovrei tornare a com’ero prima di conoscere i radicali, una bella contadinotta bionda di 65 chili. Eppoi dormire, non viaggiare”. Le abitudini cambiano, questioni di forze maggiori, tranne per quel che riguarda il fumo. Derogato per la politica dei Radicali.
    Bonino e le dolorose rinunce

    Sebbene Emma Bonino sia una politica ormai di vecchia guardia, da decenni sul campo politico nostrano, continentale ed internazionale, la sua carriera avrebbe potuto prendere una nuova, stimolante via: dapprima si pensava – nuovamente – ad accostare il suo nome al Colle, poi a quello della carica di vice segretario dell’Onu per gli aiuti umanitari (in vista dell’addio di Valerie Amos).
    In entrambi i casi, vista la malattia, non si è fatto niente: “è stata una dolorosa rinuncia. Ma non potevo fare altrimenti perché saprò soltanto a aprile o maggio quello che sarà di me”. Specialmente sull’ultimo incarico, quello all’Onu: “era una cosa alla quale tenevo veramente perché gli aiuti umanitari, salvare vite umane, non è la realpolitik tanto di moda, ma sono un valore e come possiamo dirci persone senza di questo?”.
    L’agenda sempre piena di Emma Bonino

    Ma, nonostante tutto, l’agenda di Emma Bonino è sempre piena: l’8 marzo a Tunisi (“porteremo in scena lo spettacolo teatrale di Serena Dandini Ferite a morte”). Poi Marocco, Salento (per riabilitazione), Expo. Insomma, Emma non si ferma. Emma pensa all’Europa che arranca. Lo fa con dispiacere, con amarezza: “è la crisi temo definitiva del progetto federalista europeo”. Ma anche la politica estera italiana non se la passa bene e così la critica: “serve una politica rivolta al mondo islamico musulmano del Mediterraneo allargato che nessuno fa e per la quale l’Italia dovrebbe a mio avviso assumere ruoli di responsabilità non solo in chiave antiterrorista o antimmigrazione, ma a tutto campo”.
    Non si ferma Emma, né fisicamente né mentalmente. E’ questa la sua forza, la sua energia. Ma è anche grinta e sicurezza per altri, per coloro che vivono nel loro più intimo riserbo la malattia. Una forza che le dà ancora oggi la vivacità di girare il mondo, di fare bene per gli altri. E’ questa Emma. Parafrasando un titolo dei fratelli Coen: ‘Emma Bonino, a girl on the go’.
    Daniele Errera

    Scritto da: Daniele Errera
    ----------------------------------------------------------------
    |Clicca qui per leggere l'articolo|
    ----------------------------------------------------------------
    |Clicca qui per leggere gli articoli di attualità|

 

 

Discussioni Simili

  1. Una grande intervista a Emma Bonino
    Di lucrezio nel forum Radicali Italiani
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19-02-11, 17:56
  2. Zoro intervista Emma Bonino - VIDEO
    Di TeleRadicale nel forum Radicali Italiani
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-03-10, 22:29
  3. Emma Bonino e i Radicali per Veltroni Presidente
    Di Liberalix nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 28-02-08, 20:35
  4. IRAQ: intervista ad Emma BONINO
    Di Wolare nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 24-04-04, 01:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226