User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,892
    Mentioned
    94 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito La schiavitù del pensiero unico

    Ogni giorno che trascorriamo in questa particolare momento temporale lo viviamo in quell’era che si definisce modernista, almeno nella mentalità dei paesi occidentali. La nostra è un’epoca in cui si vive il sistema della “Democrazia” in tutte le sue forme e garanzie, ossia dove tutti, apparentemente, possono esprimere il proprio pensiero, la propria espressione in quell’alveo che oggi si definisce “politicamente corretto”, ma che possiamo definire senza pericolo di essere smentiti Schiavitù del Pensiero Unico, dove tutti i componenti della società sono schierati in quelle aree apparentemente contrapposte e democratiche che fanno capo a un idea dicotomica della società. Il Pensiero Unico pretende di dirci come stanno “veramente” le cose, ma pretende anche di decidere quali comportamenti siano giusti da seguire e quali siano quelli da cassare. Il Pensiero Unico vuole decidere quale siano le idee “buone”, quale sia il “male assoluto” e quali sono le idee che non si possono NEGARE. Sottoposti a questa schiavitù ideologica (e da pochi giorni anche giurisdizionale) che ottunde le coscienze e obnubila lo spirito di riflessione non ci sono alternative: ci si ritrova con le spalle al muro, attraverso un processo di progressivo e programmato deculturamento, senza che una persona (anche mediamente intelligente) se ne accorga.I Socialisti Nazionali (e pochi altri) se ne sono resi conto da diverso tempo e hanno costituito oggi quello che ci vantiamo di essere ossia un movimento di lotta politica, sociale e culturale, perchè in sana controtendenza viviamo in un pensiero di verità che ci invita a guardare la vita e ogni suo aspetto da punti di vista diversi, ed a metterci in discussione per l’uno e per l’altro, cercando la sintesi di un idea per il bene comune.Consideriamo l’aspetto dell’economia concepita dal Pensiero Unico, laddove il mercato crea un Moloch che ha sempre l’ultima parola, quella del profitto a scapito della persona, della sua umanità, del suo spirito, delle sue esigenze e dei suoi reali bisogni. Quello che il mercato vuole e impone è legge e tutti, se vogliono produrre ricchezza, si devono uniformare. Eppure il mercato non considera altri fattori che generano valori anche economici: la solidarietà, la fiducia, la speranza, ma il pensiero unico li ignora in quanto non riesce a quantificarli, li ignora, li fa sparire insieme alla persona. Cito una frase di Pascal molto significativa in tal senso: “Ci sono delle ragioni che la ragione non conosce”, oppure nell’Amleto:”Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sogni la tua filosofia”. Non ci nascondiamo dietro un dito: nel Tempio del Profitto il Mercato è creato dai Mercanti. Da queste riflessioni deduciamo che nel vivere ci sono molte più domande, molte più prospettive, molti più sguardi di quanto permette il Pensiero Unico che a questo punto potremmo definire ulteriormente un tunnel oscuro di falsità. Consideriamo una riflessione del filosofo Sergio Givone con la quale si vuole condividere una realtà votata a un pensiero controcorrente facente parte della natura umana:”…Perché non vede ciò che invece occorre vedere. A farlo è la metafisica, che è l’antitodo al pensiero unico perché ci dice che, sì, la realtà è quella che è: ma la realtà, l’essere, su che cosa è fondata? Il fondamento dell’essere è l’essere stesso, e la realtà allora è sospesa su un abisso. Detto altrimenti: il cuore dell’essere è la libertà, non la necessità; l’essere è quella fioritura infinita che nessuna prigione può contenere, nessun pensiero unico può esaurire”.Il Pensiero Unico conduce l’uomo a una visione di se stesso incentrata esclusivamente a soddisfare il suo ego il quale vuole mettersi, regredendo progressivamente, al di sopra del senso del sacro della vita, una visione esclusivamente umanista-individuale. In questa visione unica viene ad ognuno negato la possibilità di superare ogni orizzonte chiuso costruito dall’uomo stesso nell’ingordigia del profitto ad ogni costo.Un pensiero di verità e di libertà come nella visione della metafisica si ha la forza di alzare lo sguardo, a interrogarsi sulla provenienza, sul destino, sul senso ultimo di tutte le cose. Questo vuole essere soltanto un incentivo, un monito a chi crede che vive fermamente nella fede della verità a non fermarsi alla logica imperante di questa moderna società vincolata alle ideologie del pensiero unico; il dibattito sia aperto in tal senso per vivere e condividere idee e riflessioni incentrate sul vero bene che ci conduce ad essere una comunità consolidata corporativamente su un idea-nazione in cui riempire noi stessi per il bene comune.Ma aprire il dibattito non vuol dire seguire “il branco di pecore belanti” in cerca di favoritismi o vani momenti di gloria. Quello che stiamo vivendo in questi giorni dove politicamente la Comunità Nazionale è divisa in tre tronconi: Sinistra (di malgoverno o di finta lotta), Destra (di malgoverno o antinazionale come la Lega Nord) e Astenuti, ci sprona più che mai a mantenere la barra dritta. Proprio noi che il concetto di Nazione conosciamo bene, non ci faremo abbindolare da Sirene Padane o fintamente nazionaliste. Non ci faremo circuire da “marcette su Roma” propedeutiche soltanto alla corsa elettorale antirenziana di qualche bulletto padano, o all’emissione di testosterone da parte della Destra Terminale ormai ridotta al camerierato. Non delegheremo la nostra rabbia ad imbarazzanti politicanti in felpa che altro non sono che la riproposizione liberale di idee malsane che vengono da lontano.Il Pensiero Unico vuole proprio questo, una perenne e finta contrapposizione fra due “anime democratiche” che alla fine altro non si rivelano che Guardie Bianche del sistema vigente.Concludo con una frase sempre del filosofo Sergio Givone: “Bisogna avere fiducia: l’importante è cercare di pensare bene, prima o poi i buoni pensieri troveranno la loro strada”.
    Cuore Ribelle

    https://socialismonazionale.wordpres...co/#more-10049
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,548
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: La schiavitù del pensiero unico

    Quindi, accogliete gli appelli di Avanguardia, Majorana e -SAVONAROLA-: alla larga dai dibattiti politici attuali, alla larga. Non buttatevi nella mischia per dare ragione ad una Deborah Serracchiani o ad un Matteo Salvini. Destra VS Sinistra, buonisti VS beceri, razzisti VS antirazzisti, italiani VS stranieri, berlusconiani VS antiberlusconiani, porcellum VS italicum, Renzi VS opposizione, sinistri arcobaleno VS fascisti da bar-sport, bianchi VS neri ... cattivi contro buoni = democratiche illusioni!
    Ultima modifica di Avanguardia; 06-03-15 alle 12:36
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,548
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: La schiavitù del pensiero unico

    Durante il periodo del governo Monti mi divertivo a sbugiardare quella che stava per diventare il volto ufficiale del pensiero unico, la gang PD-SEL-Scelta Civica (i montiani). Ora mi sono stufato di pensare al PD, ai montiani, agli alfaniani, a SEL così con mio caratteristico sadismo mi sto spassando a sbugiardare l' emergente conformismo dell' anticonformismo, la Lega e compagnia cantante:

    La Lega Nord: altri idioti utili del Capitale

    La Lega Nord: altri idioti utili del Capitale

    Pubblichiamo l'opinione del giovane filosofo torinese che espone le sue perplessità sul progetto salviniano.
    DI DIEGO FUSARO - 5 MARZO 2015



    In tempi confusi, occorre chiarezza. Anche a costo di ripetere ovvietà. Ma, come sapeva Hegel, il noto spesso non è conosciuto. Cercherò, dunque, di chiarire in poche righe, necessariamente impressionistiche, il mio punto di vista sulla Lega Nord. Come ha giustamente ricordato Sebastiano Caputo, della manifestazione leghista svoltasi sabato scorso a Roma si possono analizzare numerosi aspetti. Personalmente, non sono tra coloro che gridano ossessivamente “fascista!” per delegittimare a priori l’interlocutore. Da Socrate ho imparato che si dialoga con tutti, senza esclusioni. Se si rifiuta il dialogo, si ha perso in partenza. Il fascismo è un’esperienza morta e sepolta nel 1945. Gridare continuamente “fascista!” di fronte a ogni interlocutore che non ci piace ci pone in una condizione analoga al cospetto di quel medico che diagnosticasse come peste ogni forma di malattia. Male agli occhi? Peste retinica. Male al cuore? Peste cardiaca. E così via, di scemenza in scemenza. Non c’è limite alla stupidità, purtroppo.Ciò detto, la Lega Nord sempre più si sta rivelando composta da un manipolo di utili idioti al servizio di sua Maestà il Capitale. Ed è per questo che deve essere criticata senza riserve. Nessun fascismo, dunque, ma solo la vecchia patologia del servilismo verso il nesso di forza capitalistico. PD e Lega si rivelano le due facce della stessa medaglia: due opposti in solidarietà antitetico-polare, direbbe Lukács. Il PD difende la dicotomia destra-sinistra, la Lega quella Occidente buono vs Islam cattivo. A trarne beneficio è sempre e solo il potere, ça va sans dire. Che il PD sia in larga parte composto da utili idioti al servizio del capitale, già si è detto in più occasioni. Non serve tornare a insistervi. Voglio ora chiarire perché anche la Lega Nord non è da meno. Le ridicole crociate della Lega contro l’Islam producono necessariamente un suo riallineamento integrale con l’ordine capitalistico, salutato in salsa fallaciana come “civiltà occidentale”, regno della laicità, mondo dei diritti, ecc.Et voilà, il gioco è fatto: vince la dicotomia imposta dal potere (occidente capitalistico vs terrorismo, cioè tutto ciò che mondo occidentale capitalistico non è). Il fronte avanzato degli utili idioti al servizio del capitale non smette di crescere e di stupirci. Il nemico della Lega non sono il capitale e le sue funzioni satellitari (la schiavitù salariata, la disoccupazione, il precariato, ecc.): sono invece gli immigrati, l’Islam, il pericolo comunista (che, per la cronaca, non esiste più da vent’anni circa). Mai una parola sul classismo. Mai una parola sulla dicotomia – l’unica vera – tra alto e basso. La Lega, al servizio del potere, continua a dividere gli ultimi, creando sempre nuove guerre tra poveri (stranieri vs autoctoni, rossi vs neri, ecc.). Per la Lega la sovranità nazionale non è messa a rischio dalle più di cento basi militari USA che occupano il territorio nazionale italiano (e delle quali la Lega non dice assolutamente nulla!): è messa a rischio dagli immigrati. Criticare l’immigrazione senza dire nulla contro il capitale, che la produce, è l’apice dell’idiotismo.È una storia vecchia, del resto. Ci tengono divisi tra rossi e neri, tra italiani e immigrati, tra cristiani e musulmani: il potere divide e comanda, di modo che la rabbia gravida di buone ragioni non si diriga mai verso il potere stesso. La Lega, come il PD, svolge un ruolo decisivo in questa logica di osceno frazionamento delle energie dei dannati della terra.
    Ultima modifica di Avanguardia; 06-03-15 alle 13:20
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  4. #4
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,892
    Mentioned
    94 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: La schiavitù del pensiero unico

    Giustissima critica alla Lega, viviamo in tempi oscuri, per ora dobbiamo limitarci a questo: critica forte e severa senza sconti, poi chi vuole gettarsi nei ludi elettorali lo faccia, cazzi suoi. Nessuna critica da parte mia ma sappia che sono solo cazzi suoi.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,548
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: La schiavitù del pensiero unico

    Io poco fa ho compiuto una piccola trasgressione, intervenendo sulla sezione "Politica Nazionale" tanto per smentire il pregiudizio che tutti i "fascisti" supportino la Lega. Ho dovuto farlo per dovere di cronaca!
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

 

 

Discussioni Simili

  1. Il pensiero unico
    Di Avanguardia nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-07-13, 23:57
  2. Pensiero unico e maestro unico
    Di Outis nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 07-10-08, 19:46
  3. Il PD del pensiero unico!
    Di Neoazionista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 20-10-07, 00:10
  4. Il PD del pensiero unico!
    Di Neoazionista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-10-07, 21:08
  5. In Francia il pensiero unico
    Di Laurence (POL) nel forum Politica Estera
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 21-09-05, 14:56

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226