User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Non c'è fine all'assurdo

    Ricevo da un italiano all'estero, ex frequentatore del forum Padania:

    MAIL PERVENUTAMI:

    On Jun 13, 2010, at 22:26, [email protected] wrote:

    Cari amici della Colonie Libere Italiane ed altre associazioni,

    Si discute sempre di associazionismo, e di "Italiani
    all'estero" le cui iniziative sembrerebbero destinate ad un come irrecuperabile declino.
    Come molti di voi sapere non
    corrisponde per nulla alla mia convinzione: gli italiani all'estero sono piu' numerosi di prima, c'e' persino una
    "nuova emigrazione" ed i nuovi emigrati non stanno affatto con le mani in mano (ed io ho l'orgoglio di essere tra
    quelli).

    Ecco qui una inziativa di italiani all'estero: partono da Barcellona per sbarcare a Genova!

    http://www.losbarco.org/lang/it/e-la-nave-va/Ho gia' dato la mia adesione personale (pur non potendo imbarcarmi,

    vivendo di la dalle alpi e non di la dal mare).
    Riuniro' il comitato della Colonia Libera Italiana di xxxxxx (dove

    vivo e di cui sono presidente) e mi prodighero' affinche' noi si dia una nostra adesione.
    Propongo che tutti voi
    facciate lo stesso, con le vostre associazioni o a titolo personale.

    In particolare ritengo che dovrebbe aderire per
    intero la federazione xxxxxxxxxxx. Che leggete in copia).

    "Commemorare il
    Risorgimento" ? .... IL RISORGIMENTO LO DOBBIAMO RICOMINCIARE!


    MIA RISPOSTA

    Il risorgimento lo dobbiamo ristudiare per comprenderne appieno la portata tragica. L'italia, un paese senza nazione costruito da massonerie d'oltremare e dalla più stracciona e spregiudicata tra le dinastie europee, cresciuto nella repressione sanguinosa al sud e al nord, prosperato nella corruzione, nella dittatura, nel clientelismo, nel degrado morale e civile e nella soppressione sistematica dell'identità dei popoli assoggettati con la forza. Le stesse persone reclutate in questa vostra messinscena sono in gran parte discendenti di cittadini italiani che hanno dovuto lasciare per abbandono, fame e disperazione questa "patria" matrigna a cui vi appellate, una "patria" tanto generosa e prodiga coi pendagli da forca. Davvero un'iniziativa lodevole. Nient'affatto sorprendente, peraltro.
    Ultima modifica di semipadano; 13-06-10 alle 22:46
    L'occasione fa l'uomo italiano

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,624
    Mentioned
    44 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Non c'è fine all'assurdo

    Uhm, sono abitanti delle "Colonie Libere itagliane" all'estero (il che significa che per loro l'itaglia non è uno stato libero ma un regime), partono da Barcellona per sbarcare a Genova, per ricominciare il Risorgimento (= guerra di liberazione) da Genova, e quindi in Padania....non sembra che queste persone siano proprio ostili alla causa indipendentista :mmm:
    Gladstone: " Se il popolo d'Inghilterra avesse dovuto attendere le libertà dal ricorso ai mezzi legali, esso le aspetterebbe ancora"

  3. #3
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Non c'è fine all'assurdo

    La tua equazione Risorgimento=guerra di liberazione mi sbalordisce. Anche Gary Baldie era partito dalla Padania. No credimi, costui è proprio nemico giurato dell'indipendentismo.
    L'occasione fa l'uomo italiano

  4. #4
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Non c'è fine all'assurdo

    Giusto per fugare...

    E la nave va: il manifesto

    Siamo un gruppo di italiani/e che vivono a Barcellona.

    Insieme ad amici (non solo italiani) assistiamo seriamente preoccupati a ciò che avviene in Italia. Certo la crisi c’è anche qua, ma la sensazione è che la situazione nel nostro Paese sia particolare, soprattutto sul lato culturale, umano, relazionale.

    Il razzismo cresce, così come l’arroganza, la prepotenza, la repressione, il malaffare, il maschilismo, la diffusa cultura mafiosa, la mancanza di risposte per il mondo del lavoro, sempre più subalterno e sempre più precario. I meriti e i talenti delle persone, soprattutto dei giovani, non sono valorizzati. Cresce la cultura del favore, del disinteresse per il bene comune, della corsa al denaro, del privato in tutti i sensi.

    In Spagna, negli ultimi mesi, sono usciti molti articoli raccontando quello che avviene in Italia, a volte in toni scandalistici, più spesso in toni perplessi, preoccupati, sconcertati.

    Si è parlato dei campi Rom bruciati, dei provvedimenti di chiusura agli immigrati, delle aggressioni, dell’aumento dei gruppi neofascisti, delle ronde, dell’esercito nelle strade, della chiusura degli spazi di libertà e di democrazia, delle leggi ad personam.

    Dall’estero abbiamo il vantaggio di non essere quotidianamente bombardati da un’informazione (??) volgare e martellante, da logiche di comunicazione davvero malsane.

    E allora: che fare? Prima di tutto capire meglio, confrontarci, quindi provare a reagire. Siamo convinti che ci siano migliaia di esperienze di resistenza, di salvaguardia del territorio, di difesa dei diritti, della salute, di servizi pubblici di qualità. E che vadano sostenute.

    Al termine di un percorso che abbiamo appena iniziato, vogliamo quindi organizzare una nave che parta da Barcellona il 25 giugno 2010 e arrivi a Genova.

    Sarà la nave dei diritti, che ricorderà la nostra Costituzione e la sua origine, laica e pluralista, la centralità della libertà e della democrazia vera, partecipata, trasparente: dai luoghi di lavoro alle scuole, ai quartieri, ai servizi, al territorio. Ricorderà che il pianeta che abbiamo è uno, è questo, questo è il nostro mare, di tutti i popoli. Che chiunque ha diritto di esistere, spostarsi, viaggiare, migrare, come ha diritto che la sua terra non sia sfruttata, depredata. Ricorderà che le menzogne immobilizzano, mentre la verità è rivoluzionaria.

    Ricorderà che cultura e arte sono i punti più alti del genere umano, sono fonte di gioia e piacere per chi li produce e per chi ne beneficia, non sono fatte per il mercato.

    Ricorderà che esistere può voler dire resistere, difendere la propria e l’altrui dignità, conservare la lucidità, il senso critico e la capacità di giudizio.

    Creiamo ponti, non muri.

    È un grido di aiuto e solidarietà, che vogliamo unisca chi sta assistendo da fuori a un imbarbarimento pericoloso a coloro che già stanno resistendo e non devono essere lasciati/e soli/e.

    Non siamo un partito, non siamo una fondazione, non sventoliamo bandiere, tanto meno bianche. Siamo piuttosto un movimento di cittadini/e che non gode di alcun finanziamento.

    Potete contattarci fin da subito all’indirizzo e-mail: [email protected]


    Questa, signori, condita di parole anche condivisibili, è la propspettiva italiana. Il punto di partenza è la rinascita dell'italia. Per me la riscossa parte dalla dissoluzione dello stato italiano.
    L'occasione fa l'uomo italiano

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,624
    Mentioned
    44 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Non c'è fine all'assurdo

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio
    La tua equazione Risorgimento=guerra di liberazione mi sbalordisce. Anche Gary Baldie era partito dalla Padania. No credimi, costui è proprio nemico giurato dell'indipendentismo.
    Beh in Lombardia il Risorgimento è stato in parte vissuto, da quelli che l'hanno fatto, come una guerra di liberazione (ossia si lottava per la libertà in casa propria, non certo per l'itaglia)...non abbiamo avuto niente, nè la libertà nè l'autodeterminazione (anzi abbiamo anche peggiorato), quindi pensavo che questa persona interpretasse le cose in questo modo....ovvio che ti credo, ma la persona in questione è un tipo bislacco :sofico:
    Gladstone: " Se il popolo d'Inghilterra avesse dovuto attendere le libertà dal ricorso ai mezzi legali, esso le aspetterebbe ancora"

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,624
    Mentioned
    44 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Non c'è fine all'assurdo

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio
    Giusto per fugare...

    E la nave va: il manifesto

    Siamo un gruppo di italiani/e che vivono a Barcellona.

    Insieme ad amici (non solo italiani) assistiamo seriamente preoccupati a ciò che avviene in Italia. Certo la crisi c’è anche qua, ma la sensazione è che la situazione nel nostro Paese sia particolare, soprattutto sul lato culturale, umano, relazionale.

    Il razzismo cresce, così come l’arroganza, la prepotenza, la repressione, il malaffare, il maschilismo, la diffusa cultura mafiosa, la mancanza di risposte per il mondo del lavoro, sempre più subalterno e sempre più precario. I meriti e i talenti delle persone, soprattutto dei giovani, non sono valorizzati. Cresce la cultura del favore, del disinteresse per il bene comune, della corsa al denaro, del privato in tutti i sensi.

    In Spagna, negli ultimi mesi, sono usciti molti articoli raccontando quello che avviene in Italia, a volte in toni scandalistici, più spesso in toni perplessi, preoccupati, sconcertati.

    Si è parlato dei campi Rom bruciati, dei provvedimenti di chiusura agli immigrati, delle aggressioni, dell’aumento dei gruppi neofascisti, delle ronde, dell’esercito nelle strade, della chiusura degli spazi di libertà e di democrazia, delle leggi ad personam.

    Dall’estero abbiamo il vantaggio di non essere quotidianamente bombardati da un’informazione (??) volgare e martellante, da logiche di comunicazione davvero malsane.

    E allora: che fare? Prima di tutto capire meglio, confrontarci, quindi provare a reagire. Siamo convinti che ci siano migliaia di esperienze di resistenza, di salvaguardia del territorio, di difesa dei diritti, della salute, di servizi pubblici di qualità. E che vadano sostenute.

    Al termine di un percorso che abbiamo appena iniziato, vogliamo quindi organizzare una nave che parta da Barcellona il 25 giugno 2010 e arrivi a Genova.

    Sarà la nave dei diritti, che ricorderà la nostra Costituzione e la sua origine, laica e pluralista, la centralità della libertà e della democrazia vera, partecipata, trasparente: dai luoghi di lavoro alle scuole, ai quartieri, ai servizi, al territorio. Ricorderà che il pianeta che abbiamo è uno, è questo, questo è il nostro mare, di tutti i popoli. Che chiunque ha diritto di esistere, spostarsi, viaggiare, migrare, come ha diritto che la sua terra non sia sfruttata, depredata. Ricorderà che le menzogne immobilizzano, mentre la verità è rivoluzionaria.

    Ricorderà che cultura e arte sono i punti più alti del genere umano, sono fonte di gioia e piacere per chi li produce e per chi ne beneficia, non sono fatte per il mercato.

    Ricorderà che esistere può voler dire resistere, difendere la propria e l’altrui dignità, conservare la lucidità, il senso critico e la capacità di giudizio.

    Creiamo ponti, non muri.

    È un grido di aiuto e solidarietà, che vogliamo unisca chi sta assistendo da fuori a un imbarbarimento pericoloso a coloro che già stanno resistendo e non devono essere lasciati/e soli/e.

    Non siamo un partito, non siamo una fondazione, non sventoliamo bandiere, tanto meno bianche. Siamo piuttosto un movimento di cittadini/e che non gode di alcun finanziamento.

    Potete contattarci fin da subito all’indirizzo e-mail: [email protected]


    Questa, signori, condita di parole anche condivisibili, è la propspettiva italiana. Il punto di partenza è la rinascita dell'italia. Per me la riscossa parte dalla dissoluzione dello stato italiano.
    Mamma mia....si dice che all'estero vanno i migliori, ma quanti casi umani smentiscono questo detto
    Gladstone: " Se il popolo d'Inghilterra avesse dovuto attendere le libertà dal ricorso ai mezzi legali, esso le aspetterebbe ancora"

  7. #7
    il merovingio
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Nel cuore profondo della Padania
    Messaggi
    8,652
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Non c'è fine all'assurdo

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio
    Giusto per fugare...

    E la nave va: il manifesto

    Siamo un gruppo di italiani/e che vivono a Barcellona.

    Insieme ad amici (non solo italiani) assistiamo seriamente preoccupati a ciò che avviene in Italia. Certo la crisi c’è anche qua, ma la sensazione è che la situazione nel nostro Paese sia particolare, soprattutto sul lato culturale, umano, relazionale.

    Il razzismo cresce, così come l’arroganza, la prepotenza, la repressione, il malaffare, il maschilismo, la diffusa cultura mafiosa, la mancanza di risposte per il mondo del lavoro, sempre più subalterno e sempre più precario. I meriti e i talenti delle persone, soprattutto dei giovani, non sono valorizzati. Cresce la cultura del favore, del disinteresse per il bene comune, della corsa al denaro, del privato in tutti i sensi.

    In Spagna, negli ultimi mesi, sono usciti molti articoli raccontando quello che avviene in Italia, a volte in toni scandalistici, più spesso in toni perplessi, preoccupati, sconcertati.

    Si è parlato dei campi Rom bruciati, dei provvedimenti di chiusura agli immigrati, delle aggressioni, dell’aumento dei gruppi neofascisti, delle ronde, dell’esercito nelle strade, della chiusura degli spazi di libertà e di democrazia, delle leggi ad personam.

    Dall’estero abbiamo il vantaggio di non essere quotidianamente bombardati da un’informazione (??) volgare e martellante, da logiche di comunicazione davvero malsane.

    E allora: che fare? Prima di tutto capire meglio, confrontarci, quindi provare a reagire. Siamo convinti che ci siano migliaia di esperienze di resistenza, di salvaguardia del territorio, di difesa dei diritti, della salute, di servizi pubblici di qualità. E che vadano sostenute.

    Al termine di un percorso che abbiamo appena iniziato, vogliamo quindi organizzare una nave che parta da Barcellona il 25 giugno 2010 e arrivi a Genova.

    Sarà la nave dei diritti, che ricorderà la nostra Costituzione e la sua origine, laica e pluralista, la centralità della libertà e della democrazia vera, partecipata, trasparente: dai luoghi di lavoro alle scuole, ai quartieri, ai servizi, al territorio. Ricorderà che il pianeta che abbiamo è uno, è questo, questo è il nostro mare, di tutti i popoli. Che chiunque ha diritto di esistere, spostarsi, viaggiare, migrare, come ha diritto che la sua terra non sia sfruttata, depredata. Ricorderà che le menzogne immobilizzano, mentre la verità è rivoluzionaria.

    Ricorderà che cultura e arte sono i punti più alti del genere umano, sono fonte di gioia e piacere per chi li produce e per chi ne beneficia, non sono fatte per il mercato.

    Ricorderà che esistere può voler dire resistere, difendere la propria e l’altrui dignità, conservare la lucidità, il senso critico e la capacità di giudizio.

    Creiamo ponti, non muri.

    È un grido di aiuto e solidarietà, che vogliamo unisca chi sta assistendo da fuori a un imbarbarimento pericoloso a coloro che già stanno resistendo e non devono essere lasciati/e soli/e.

    Non siamo un partito, non siamo una fondazione, non sventoliamo bandiere, tanto meno bianche. Siamo piuttosto un movimento di cittadini/e che non gode di alcun finanziamento.

    Potete contattarci fin da subito all’indirizzo e-mail: [email protected]

    Vabè, ma questo è un gruppetto di komunistelli no-global andati a svernare a Barcellona con i soldi del papy per farsi canne e bere sangria dalla mattina alla sera...
    Io giuro che riuscirò a motivarti, Palla di Lardo, a costo di andare ad accorciare il cazzo a tutti i cannibali del Congo!

  8. #8
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Non c'è fine all'assurdo

    Guarda, il tecnico più bravo dell'istituto in cui lavoro si è trasferito anni fa a Barcellona facendosi molto rimpiangere. Non ha alcun senso dire che tutti quelli che vanno all'estero sono komunisti o si fanno le kanne. Io da giovane ho passato 4 anni in America lavorando come un mulo. Ci sono un sacco di bravissimi cristi che scappano all'estero, ma sono vittime del sistema scolastico italiano e non riescono a vedere quano sia folle perdere tempo in pronunciamenti altisonanti per un cadavere come l'italia. Forse è la nostalgia di quell'inferno italiano dove si sentono a casa.

    Quello che invece mi sbalordisce è il fatto che sedicenti federalisti parlino di nuovo risorgimento italiano. È un po' come se inscenassero una manifestazione per costruire uno stalinismo o un nazismo nuovo e migliore. Li guarderesti e gli chiederesti: ma siete pirla? LZ, ma sei pirla o hai qualcosa da guadagnarci?
    Ultima modifica di semipadano; 14-06-10 alle 19:21
    L'occasione fa l'uomo italiano

  9. #9
    il merovingio
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Nel cuore profondo della Padania
    Messaggi
    8,652
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Non c'è fine all'assurdo

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio
    Non ha alcun senso dire che tutti quelli che vanno all'estero sono komunisti o si fanno le kanne. Io da giovane ho passato 4 anni in America lavorando come un mulo. Ci sono un sacco di bravissimi cristi che scappano all'estero, ma sono vittime del sistema scolastico italiano e non riescono a vedere quano sia folle perdere tempo in pronunciamenti altisonanti per un cadavere come l'italia. Forse è la nostalgia di quell'inferno italiano dove si sentono a casa.
    Guarda che sfondi una porta aperta, io ho vissuto due anni all'estero tra Germania e Canada... però quelli che vanno in Spagna, e in particolare a Barcellona, mi hanno sempre dato quell'idea là...
    Ultima modifica di Wasabi; 14-06-10 alle 20:25
    Io giuro che riuscirò a motivarti, Palla di Lardo, a costo di andare ad accorciare il cazzo a tutti i cannibali del Congo!

 

 

Discussioni Simili

  1. assurdo!!
    Di andreas (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 22-01-06, 23:51
  2. assurdo
    Di TheTexan nel forum Conservatorismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-06-05, 20:41
  3. Assurdo
    Di Janluca nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 09-07-04, 10:36
  4. E' Assurdo!!!!
    Di Gianfranco nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 12-05-04, 18:45
  5. Assurdo!
    Di O'Rei nel forum Tuttosport
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-07-03, 21:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226