User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Gianky

Discussione: Sulla questione razziale* nel Nazionalsocialismo

  1. #1
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,892
    Mentioned
    94 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Sulla questione razziale* nel Nazionalsocialismo

    Fonte della citazione: Gianantonio Valli, L’ambigua evidenza, L’identità ebraica tra razza e nazione, seconda edizione, ampliata e corretta, effepi edizioni, Genova, Luglio 2010, pagg. 313-316. Le persone interessate a possedere l’opera possono richiederla telefonando al numero 338-9195220, oppure inviando una email al seguente indirizzo: effepiedizioni@hotmail.com . La pubblicazione del testo avviene col consenso dell’Autore, che ringraziamo per la naturale, signorile, disponibilità. Olodogma
    (…) << Quanto al problema della «superiorità razziale­», e­quilibrate sono le tesi di Eichenauer, espressione della più ve­ra, completa e radicale concezione razziale na­zionalsocia­li­sta, riecheggiata anche da Walter Groß (Der deutsche Rassengedanke und die Welt, Junker und Dünnhaupt, 1939), medico, capo dell’Ufficio per la Politica Razziale della NSDAP, deputato, autore e curatore di numerosi saggi sulla razza e l’ebraismo, dal 1942 capo del dipartimento Scienze Naturali dell’Amt Rosenberg (nato nel 1904, cadrà combattendo a Berlino, nella sua casa, il 25 aprile 1945):
    «Noi apprezziamo il fatto che i membri di un’altra razza siano diversi da noi […] Se quest’altra razza sia “migliore” o “peggiore”, non ci è possibile giudicare. Perché questo esigerebbe che superassimo i nostri limiti razziali per la durata del giudizio e assumessimo un’attitudine superumana, perfino divina, dalla quale soltanto potrebbe essere formulato un verdetto “impersonale” sul pregio o il difetto di tante fra le molte forme viventi dell’inesauribile Natura».
    Già cinque anni prima (Nationalsozialistische Rassenpolitik – Eine Rede an die deutschen Frauen, Junker und Dünnhaupt, 1934 [ed. italiana: La politica razziale nazionalsocialista – Un discorso alle donne tedesche, Effepi, 2009]), lo stesso Groß aveva espresso gli stessi concetti in un discorso pienamente inserito nella visione del mondo pagana, poi diffuso in opuscolo a larghissima diffusione, tenuto a Colonia il 13 ottobre ad un convegno femminile durante il congresso del Partito del Gau Köln-Aachen:
    «Nel nostro Reich, noi separiamo ciò che ci appartiene, perché è sangue del nostro sangue, da ciò che non ha legami con noi, in quanto straniero. E stiamo facendo quanto è giusto non soltanto in questo momento, ma per l’eternità. Credetemi, cari compatrioti, non è vero, come alcuni sostengono, che questa dottrina sia un segno di arroganza o di superiorità o di millanteria. Noi non ci reputiamo migliori di altre razze sulla terra. No, non ci crediamo migliori, neppure pensiamo che gli altri siano peggiori di noi.
    Noi insistiamo soltanto su un punto, una legge stabilita dallo stesso creatore: “Al mondo ogni uomo è diverso da un altro e ciascuna razza dall’altra”. Gli altri possono essere migliori o peggiori, ma sono certo differenti da noi e poiché sono diversi vi è una sorta di muro fra noi e ciò è parte delle leggi della vita. Questo è il nucleo del pensiero razziale nazionalsocialista. Il nostro obiettivo non è quello di oltraggiare gli altri o dire “Quanto sono grande!”. Anzi, noi teniamo all’umile riconoscimento che ogni parte sana della vita possiede il suo angolo nel mondo e i suoi compiti speciali. Ciò è giusto e vero tanto per gli esseri umani quanto per le piante e gli animali in tutta la loro varietà. Sappiamo che una specie non è più preziosa di un’altra. Ma sappiamo anche che ciascun genere di vita ha diritto all’esistenza fino a quando si mantiene puro e forte. Solo quando un albero produce i suoi frutti ha diritto alla vita. Altrimenti verrà abbattuto e distrutto. Noi non sappiamo perché le cose stanno così, e sarebbe sciocco chiederne la ragione. Ma stanno così. Il nostro compito è quello di accettare semplicemente le leggi che governano l’umana esistenza ed acconsentire al fatto che siamo nati tedeschi in Germania, e non cinesi o eschimesi. Ciò non per le nostre virtù, neppure per i nostri difetti e neanche per nostra volontà. È stata la volontà del destino che viene dall’alto. Non abbiamo altra scelta se non quella di accettare questa sorte e sviluppare le capacità che il destino ci ha accordato secondo la necessità e la legge. Gli altri possono svilupparsi seguendo la propria strada, nella propria terra. Noi dobbiamo dare ascolto all’interiorità del nostro stesso popolo, per attingere dal nostro sangue e dal nostro retaggio quella forza di cui abbiamo bisogno per costruire la nostra patria […] Muoviamoci sul cammino del sangue e della razza che non trascura la fede, la conoscenza e il senso delle potenze superiori. Seguiamo questa strada, che non è cammino di materia, superstizione ed eresia, bensì una via di profonda umiltà e di pietà nei confronti delle leggi divine».
    Oltre agli esponenti e alle opere ufficiali e semiufficiali di cui abbiamo dato le conclusioni, ricordiamo infatti che identiche sono le anali­si dei manuali operativi:

    1. Der rassische und völkische Grundge­danke des Natio­nalsozia­lismus, “Fonda­menti ideologici razzia­li ed etnonazionali del nazionalso­cia­li­smo”, del professor Wolfgang Schultz dell’Università di Monaco, e
    2. Vom Wesen der Volks­gemeinschaft, “Essenza della comunità di popo­lo”, del segreta­rio di Stato al ministero delle Finanze dottor Fritz Reinhardt, numeri 4 e 7 della raccolta Die Verwaltungs-Akademie – Ein Hand­buch für den Beamten im natio­nal­so­zialistischen Sta­at, Band I: Die weltanschau­lischen, politischen und staats-rechtli­chen Grundlagen des nationalso­ziali­stischen Staa­tes, “Scuola superiore di amministra­zione – Manuale per i funzionari dello Stato nazionalsocialista, vol.I: I fondamenti ideologi­ci, politici e giuridici dello Stato nazionalsocialista”;
    3. Das Rassenge­danke und seine gesetzliche Gestaltung, “La concezione razziale e la sua strutturazio­ne giuridica”, a cura del Capo della Sicherheitspolizei e del Sicherheit­sdienst, “Nur für den Gebrauch inner­halb der Sicherheitspolizei und des SD, Solo per uso interno della SP e del SD”, della serie Schriften für politische und weltanschauli­che Erziehung der SP und des SD, “Scritti per l’educazione politica e ideologica della SP e del SD”; e
    4. il numero 2, Die Gesetze des Lebens – Grundlage unserer nationalsoziali­sti­schen Weltanschau­ung, “Le leggi della vita – Fondamenti della nostra visione del mondo nazionalsocia­li­sta”, degli SS Handblät­ter für die weltanschaulische Erzieh-ung der Truppe, “Opuscoli SS per l’educazione ideologica dei militari”, editi dal Reichsführer SS – SS Hauptamt.

    Tale concezione riposa infatti su un postulato, che è poi anche il risultato dello studio disincantato del divenire umano: l’impos­si­bilità di una razionale classificazione gerarchica delle razze. O, meglio, l’inesistenza di un sistema di valori comune, l’assenza di parametri condivisi, comune­mente applicabili ed e­gualmente ac­cetti dalle varie razze (cosa che, con diverse articolazioni, è alla base delle concezioni spengle­riane della storia).
    Ed è per questo, aveva scritto nell’ufficiale periodico NS-Briefe del 1° giugno 1927 il trentaseienne Dietrich Klagges (An alle Völker der Erde – I: Die Zukunft der Nationen, Alma-Druck + Verlag KG, 1972), che
    «non esiste alcuna nazione idonea e destinata a dominare e possedere la Terra, nessu­na può realizzare da sola gli obiettivi dell’umanità; le nazioni sono destinate a vivere una accanto all’altra, collaborando. Perciò è la pace, e non la guerra, la condizione naturale tra le nazioni»
    (Ministerpräsident di Braunschweig, a cagione dell’alta carica ricoperta, dopo il Crollo sarebbe stato condannato dapprima all’ergastolo, poi a quindici anni di carcere).
    Determinato come Groß nell’affermare l’irriducibilità di una razza all’altra e l’impossibilità di una strutturazione gerarchica dell’umanità – data anche l’ontologica incapacità umana di comprendere il destino del mondo – è Adolf Hitler al Reichstag, il 30 gennaio 1937:
    «La più grande rivoluzione compiuta dal nazionalso­cia­lismo è quella di avere spalanca­to le porte al riconoscimen­to che tutti gli errori umani sono contingenti e con ciò rimediabili, all’infuori di uno: l’errore sull’impor­tanza di mantenere puri il sangue e la stirpe, vale a dire l’essenza propria dataci da Dio. A noi uomini non spetta di giudicare perché la Provvidenza abbia creato le razze, ma solo di riconosce­re che essa castiga chi offende la sua creazione […] Come il riconoscimento della rotazione della Terra intorno al sole rivoluzionò il concetto dell’universo, così dalla dottrina nazio­nalsocialista del sangue e della razza risulterà un mutamen­to radicale delle idee e del quadro della storia umana del passato e del­l’av­venire […] il senso e il fine ragionevoli d’ogni umano pensiero e d’ogni azione umana non stanno nella reazione o nella conservazione di organizzazioni o funzioni ideate dagli uomini, bensì nel consolidare ed elaborare l’elemento-popolo [Volk, vale a dire «razza», stirpe, nazione] dato dalla Provvidenza. Ecco perché con la vittoria del movimento nazionalsociali­sta il popolo è stato posto al di sopra di ogni organizza­zio­ne, costruzione e funzione, come un ele­mento vivo e duraturo. A noi mortali non è dato di riconoscere o di rilevare il senso e lo scopo della esisten­za delle razze create dalla Provvidenza. Ma senso e fine delle umane organizzazioni e delle loro funzioni si misurano da quanto di utile queste e quelle possiedono per la conservazio­ne del popolo, elemento vivo ed eterno. Pertanto l’elemento primario è il popolo; partito, stato, esercito, economia, giustizia, ecc., sono manifestazioni secondarie, mezzi per raggiungere il fine, vale a dire per conser­vare il popolo». >> (…)

    0994 ? Il dott. Gianantonio Valli su questione razziale­ e Nazionalsocialismo | "Olodogma"
    Triangolo nero likes this.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,892
    Mentioned
    94 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Sulla questione razziale* nel Nazionalsocialismo

    Che strani questi nazi, razzisti ma che non odiavano le altre razze, ma allora cosa ci hanno detto i signori del pensiero unico fino adesso?
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  3. #3
    Am Israel Chai!
    Data Registrazione
    28 Jul 2010
    Messaggi
    41,187
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    1348 Post(s)
    Tagged
    21 Thread(s)

    Predefinito Re: Sulla questione razziale* nel Nazionalsocialismo

    Citazione Originariamente Scritto da Ultima legione Visualizza Messaggio
    Che strani questi nazi, razzisti ma che non odiavano le altre razze, ma allora cosa ci hanno detto i signori del pensiero unico fino adesso?
    semplicemente al postulato demo-marxista per il quale "tutti gli uomini sono uguali"... Noi - proprio come Loro - contrapponiamo la nostra convinzione, ovvero: "tutti gli uomini sono diversi"... ma "diverso" non significa "inferiore".... amare la propria cultura, la propria tradizione e il proprio popolo (quest'ultimo - da parte mia - sempre meno), non significa odiare il resto del mondo... citando Franco G. Freda ("I lupi azzurri"): "Noi sosteniamo non la superiorità di una razza sull'altra, ma il rispetto che ciascuna razza deve avere di sè, della propria forma razziale - ossia della propria 'identità', intendendo con questo la propria cultura, le proprie tradizioni, i propri costumi, la propria religiosità. Gli unici che, semanticamente, rispettano la società multirazziale siamo noi, rispettosi dell'identità di ogni razza. Noi avversiamo il dissolvimento delle razze, il disfacimento dei popoli e la deformazione delle culture nel meticciato universale."
    Definendomi - da una cella d'isolamento a Regina Coeli - "compiutamente fascista ovvero nazionalsocialista" ho aizzato contro di me i ringhianti cagnacci da guardia del sistema, vedi: Roma, insulti dal carcere al deportato ad Auschwitz Shlomo Venezia ... eppure non ho mai "propagandato l'odio razziale" contro nessuno, ho sempre rispettato moltissimo le culture differenti dalla mia e le altre etnie umane... non sono "antisemita"... piuttosto antiScemita, odio gli scemi e soprattutto i bugiardi... ma non basta non essere razzisti per non essere definiti tali: se sei contro un mondialismo criminale che annichilisce i popoli, se sei contro un sistema immigratorio neoschiavista e denunci lo sfruttamento dello stesso, se vuoi vederci chiaro su "certe questioni" di 70 anni fa e osi fare domande "scomode", se la tua ideologia politica è lontanissima da quelle che ci propone il "sistema"... allora sei sicuramente un "razzista"... o peggio... un "antisemita" e vieni inserito fra i paria della società da tenere ai margini, perchè come dice l'articolista (tra l'altro parte civile al processo del quale ha continuato a scrivere sui giornali) quelle sono solo "folli tesi neonaziste"... ovvero, come scriverà in seguito un magistrato in una sentenza, sono "idee illecite".
    Ultima modifica di Triangolo nero; 13-03-15 alle 18:12
    "I Goyim sono nati solo per servire noi. Senza questo scopo, non hanno posto nel mondo..." (Josef Ovadia - rabbino capo in Israele dal 1973 al 1983)

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,549
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Sulla questione razziale* nel Nazionalsocialismo

    Citazione Originariamente Scritto da Ultima legione Visualizza Messaggio
    Che strani questi nazi, razzisti ma che non odiavano le altre razze, ma allora cosa ci hanno detto i signori del pensiero unico fino adesso?
    Un pò di cacchiate ed esagerazioni.

    Diciamo che in genere, questi "nazi", più che razzisti, erano razzialisti: significa considerare le varie etnie come beni naturali tipo le specie vegetali, animali, gastronomiche ecc. da tutelare.
    Va detto che le concezioni razzialiste e razziste facevano parte non tanto del nazionalsocialismo germanico in particolare, ma del clima culturale dell' 800 e del '900, specialmente dei paesi anglosassoni e nordici. Non ci furono solo alcune frasi del Mein Kampf di Adolph Hitler, ma tante frasi scritte da persone social-democratiche, comuniste, liberali, conservatori, socialiste. E' vero. Ci furono anche frasi di Karl Marx, Engels. Gli USA tennero le leggi razziali fino alla fine degli anni '60; provvedimenti in materia razziale furono presi in Svezia negli anni '60-70 a danno dei lapponi, consistenti in sterilizzazioni: vi governavano i socialdemocratici.
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,549
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Sulla questione razziale* nel Nazionalsocialismo

    Sull' argomento, segnalo 2 discussioni altamente significative e "controcorrente".

    http://forum.termometropolitico.it/1...+utili+idioti+...


    http://forum.termometropolitico.it/1...diversit%E0%3F
    Ultima modifica di Avanguardia; 14-03-15 alle 08:53
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

 

 

Discussioni Simili

  1. Ferguson, gli Stati Uniti e la questione razziale
    Di Metabo nel forum Politica Estera
    Risposte: 191
    Ultimo Messaggio: 08-03-15, 20:28
  2. Un interessante punto di vista sulla questione razziale
    Di Nicolas Eymerich nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 29-06-10, 13:37
  3. questione razziale
    Di politico nel forum Eurasiatisti
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 09-04-10, 21:04
  4. Il Fascismo affrontò da sempre la questione razziale
    Di Giò nel forum Destra Radicale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 05-05-08, 00:08
  5. questione razziale
    Di Commissario Basettoni nel forum Filosofie e Religioni d'Oriente
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-05-07, 13:15

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226