User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito In Svizzera l’oligarchia mondialista attacca l’esercito di milizia

    L’esercito nazionale è infatti nell’occhio del ciclone. La notizia è certo relativa nel contesto europeo, a livello continentale si tratta solo di una piccola entità militare, anche se, dagli specialisti, considerata molto efficace. Assume tuttavia un senso politico rilevante se la si situa nella crisi di identità e di sovranità in cui stanno sprofondando i paesi europei, piccoli o grandi che siano.

    E il caso elvetico è decisamente emblematico.

    L'esercito di milizia formato da tutti i cittadini che ne fanno parte per gran parte della loro vota adulta è infatti un simbolo , una memoria storica, un esempio pericoloso per la piovra mondialista.

    Qualcosa da estirpare per vuol cancellare la sovranità delle nazioni, in attesa di cancellare le nazioni stesse.





    In sintesi è in atto uno scontro tra le oligarchie politiche ed economiche e gran parte degli ufficiali di ogni grado, oltre che nell’opinione pubblica ancora molto legata all’esercito nazionale.

    Per capire quanto sta accadendo bisogna fare un passo indietro nel tempo.

    I “poteri forti”, scomparso il pericolo sovietico, hanno perfettamente capito che un esercito di popolo è un grave ostacolo alla tirannia che dilaga sempre più sotto la loro regia. Come negli altri Stati europei tendono dunque a trasformare l’esercito, elemento fondamentale di sovranità e difesa nazionale, in una specie di polizia internazionale al servizio dei loro interessi nel globo.

    La maggior parte di paesi europei ha così abolito l’esercito di leva – che con tutti i suoi difetti restava un elemento di grande amalgama della nazione per i giovani – ed ha creato dei professionisti. Ovviamente da inviare in guerre che non servono affatto alla nazione ma molto più agli gnomi di Wall Street e alla strategia di potere israelo-americana.



    L’armata di milizia

    In Svizzera tuttavia gli oligarchi hanno addentato un osso. L’esercito di milizia evetico infatti è ancora qualcosa di molto più radicato nel popolo che quello di leva, per non parlare di eventuali soldati professionisti. Il servizio militare , a parte le solite frange pacifiste, è un dovere etico ancora molto sentito. E’ il servizio che ogni cittadino deve prestare non per qualche anno ma per qualche mese ogni anno. Sino a qualche tempo fa andava sino a circa 50 anni. Oggi il limite è stato portato a circa 35 anni, ovviamente solo per i militi, gli ufficiali vanno oltre.

    Ogni cittadino porta l’arma a casa con tutto l’equipaggiamento militare, ogni milite sa di potere essere chiamato in caso di attacco al paese e sa dove recarsi in caso di mobilitazione attuabile entro 12 ore – 24 ore. I cosiddetti “corsi di ripetizione” , la parentesi annuale o biennale di vita militare sono parte integrante della vita del cittadino e il grado raggiunto nell’esercito ha spesso un’influenza anche nella carriera civile. Fino a qualche tempo fa la Svizzera con 7 milioni di abitanti era in grado di mettere in campo in caso di guerra mezzo milione di soldati in brevissimo tempo, soldati addestrati tutti gli anni, per anni. Quest’armata tutt’altro che fragile aveva ed ha tuttora un immenso consenso popolare: vi prendevano e vi prendono parte per tutta la vita attiva il contadino come l’impiegato, il funzionario, il dirigente, l’operaio. I ciclici periodi di servizio militare erano ( e sono per il momento ancora) anche un mezzo per ritrovarsi, rinsaldare la camerateria, creare una gerarchia di spirito e non di censo, ma anche a generare un senso di solidarietà e appartenenza nazionale, che in un paese federale trilingue non è un particolare da poco.

    Inoltre il consenso popolare non nasce solo per quel senso di onore militare e servizio patrio di cui si è ormai quasi perso traccia nel resto d’Europa. Il consenso derivava e deriva ancora da un caposaldo iscritto nella costituzione elvetica: la neutralità. Che significa nessuna volontà aggressiva all’esterno, ma ferrea difesa territoriale, della nazione, della sovranità. Un concetto elementare di guerra legittima, basato anche sull’antico buonsenso di una nazione contadina che recita come adagio popolare: dove non c’è il proprio esercito c’è un esercito straniero. Meglio il proprio.



    Le trame del potere mondialista

    Questo l’oligarchia mondialista non poteva e non può sopportarlo. L’esercito di milizia elvetico è un pugno nell’occhio per il futuro governo mondiale dove tutti dovranno essere disarmati davanti al Dio Mercato, alla Psicopolizia, alle “truppe di pace” dell’asse israelo-americano.

    Per questo , da qualche anno, anche l’esercito elvetico come quelli europei deve affrontare il nemico più insidioso, il più letale. La Quinta colonna che agisce con devastante efficacia in tutta Europa.

    La demolizione è iniziata con la guerra in Kossovo. Uno dei burattini elvetici dell’oligarchia, l’allora ministro della difesa Adolf Ogi volle spingere la neutrale Svizzera all’intervento a fianco della NATO. Il 25 aprile 1999 , Ogi andò a prendere ordini a Washington dal ministro americano William Cohen. Tre mesi dopo Ogi riusciva a coinvolgere la Svizzera nell’occupazione del Kossovo. Non trovando militari di Stato Maggiore disponibili ad avallare un intervento contrario alla Costituzione neutralista elvetica, Ogi convocò un ufficiale dell’aviazione di second’ordine, Christophe Keckeis, e gli ordinò di provvedere segretamente e in 24 ore alla formazione di un contingente aviotrasportato per il Kossovo, prima che la cosa venisse dibattuta in Parlamento. In altri tempi sarebbe stato reato di alto tradimento. Ma l’oligarchia domina la partitocrazia e il Parlamento chiuse gli occhi. Alla termine del suo mandato politico Ogi fu premiato dall’ONU con un poltrona alle attività sportive: politicamente nulla, come si deve ai servi abietti, ma ben pagata. La sua sodale, Carla Del Ponte, un oscuro avvocaticchio ticinese, finì a presiedere la Corte dell’Aia a circa un milione di euro l’anno, pagati dai contribuenti svizzeri.

    Quanto a Keckeis due anni dopo diventava addirittura capo di stato maggiore dell’esercito svizzero.

    Con un ordine preciso: scardinare il più possibile l’esercito di milizia, trasformarlo in un’entità NATO compatibile, cambiare la sua stessa ragion d’essere: dalla difesa territoriale a quella che ipocritamente viene definita “una forza di keep peace” , di mantenimento della pace. Una baggianata che nasconde un realtà meglio definibile con “mercenari degli USA” al servizio dell’oligarchia. L’operazione fu chiamata riforma XXI.



    Le reazioni all’interno dell’esercito svizzero sono state furiose, ma il successivo ministro della difesa, Samuel Schmid, della stessa risma di Ogi, ha massacrato quasi tutti gli ufficiali della vecchia guardia. Pochi giorni fa è stato silurato il capo della forze terrestri, comandante di corpo d’armata Luc Fellay. Keckeis ha ridotto l’esercito da 500.000 uomini a 140.000, soppresso unità essenziali alla difesa territoriale come le truppe di montagna ippomontate, indispensabili in un paese montagnoso come la Svizzera, e creato invece unità adatte al trasporto truppe fuori dai confini, come chiede la NATO, ma costose e inutili alla difesa. L’esercito tradizionale è continuamente attaccato da una furibonda campagna stampa in cui si distingue quella che dai nazionalisti è definita la piovra Ringier, una casa editrice che diffonde il verbo mondialista e che domina l’editoria con edizioni in 10 paesi, 120 giornali, 20 televisioni.

    Una delle pubblicazioni di punta della Ringier, l’ “Hebdo” è arrivata a chiedere la nomina di un generale plenipotenziario ( la Svizzera ha un generale solo in caso di guerra) per gestire la riforma, o meglio la distruzione dell’esercito nazionale. Non solo: ben sapendo che i cittadini soldati sono molto legati al principio dell’arma in casa per ogni milite, la Ringier ha fatto lanciare da un settimanale femminile “Annabelle” ( considerando il pubblico femminile più anti militare) una campagna referendaria per modificare questo essenziale fondamento dell’esercito di milizia. Senza il diritto di detenere l’arma a casa tutta la vita cade l’intera struttura dell’esercito di milizia popolare, il concetto più ortodosso del cittadino soldato.



    La battaglia degli oligarchi non è ancora vinta e molti ufficiali sono in aperto conflitto con le istituzioni partitocratiche. Che tuttavia procedono come un rullo compressore: un esercito popolare nel cuore dell’Europa è un segno intollerabile di libertà e indipendenza, assolutamente incompatibile con il potere globale dei Mercanti, i nuovi balivi, davanti alle statue dei quali, come nel mito dell’elvetico Guglielmo Tell, tutti i cittadini, diventati sudditi, dovranno togliersi rispettosamente il cappello.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,774
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: In Svizzera l’oligarchia mondialista attacca l’esercito di milizia

    Un ulteriore attacco della finanza apolide contro l'ultimo baluardo dell'etnocrazia.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  3. #3
    Cancellato
    Data Registrazione
    10 Apr 2009
    Località
    Africa Orientale Italiana
    Messaggi
    8,885
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: In Svizzera l’oligarchia mondialista attacca l’esercito di milizia

    Molto bello ed interessante questo articolo - interessante perchè fà notare come gli interessi dell'Occidente siano contrari e contrastanti con gli interessi elvetici.

    Ad ogni modo, sono sempre più convinto che anche noi - e ogni altro stato europeo - dovremmo adottare questo stile di milizia - aggiungerei: regionale e provinciale seguendo l'intuizione di Gianfranco Miglio per un riequilibrio dell'esercizio pubblico (postato da Berghem in una discussione). Insieme a questo tipo di riforme si dovrebbe creare una forza di sicurezza europea volontaria, ma mi accorgo che tutto ciò è, ahinoi, utopico.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,963
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: In Svizzera l’oligarchia mondialista attacca l’esercito di milizia

    so di dare tanto dispiacere alla massa padamerikana del forum ...ma mi sembra piuttosto evidente che :
    1) la padania e' morta
    2) la svizzera agonizza
    3)l' europa e' afroislamica

    ...ormai non ci resta che putin...repapelle:
    vulgus vult decipi

  5. #5
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: In Svizzera l’oligarchia mondialista attacca l’esercito di milizia

    Citazione Originariamente Scritto da Midgard Visualizza Messaggio
    Ad ogni modo, sono sempre più convinto che anche noi - e ogni altro stato europeo - dovremmo adottare questo stile di milizia - aggiungerei: regionale e provinciale seguendo l'intuizione di Gianfranco Miglio per un riequilibrio dell'esercizio pubblico (postato da Berghem in una discussione). Insieme a questo tipo di riforme si dovrebbe creare una forza di sicurezza europea volontaria, ma mi accorgo che tutto ciò è, ahinoi, utopico.
    http://forum.politicainrete.net/409763-post4.html

    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  6. #6
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: In Svizzera l’oligarchia mondialista attacca l’esercito di milizia

    Citazione Originariamente Scritto da larth Visualizza Messaggio
    so di dare tanto dispiacere alla massa padamerikana del forum ...ma mi sembra piuttosto evidente che :
    1) la padania e' morta
    2) la svizzera agonizza
    3)l' europa e' afroislamica

    ...ormai non ci resta che putin...repapelle:
    La Svizzera è ancora difendibile e va difesa.
    L'occasione fa l'uomo italiano

  7. #7
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,714
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: In Svizzera l’oligarchia mondialista attacca l’esercito di milizia

    Citazione Originariamente Scritto da larth Visualizza Messaggio
    so di dare tanto dispiacere alla massa padamerikana del forum ...ma mi sembra piuttosto evidente che :
    1) la padania e' morta
    2) la svizzera agonizza
    3)l' europa e' afroislamica

    ...ormai non ci resta che putin...repapelle:

    sulla seconda sei completamente fuoristrada

  8. #8
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,774
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: In Svizzera l’oligarchia mondialista attacca l’esercito di milizia

    Citazione Originariamente Scritto da sciadurel Visualizza Messaggio
    sulla seconda sei completamente fuoristrada
    Meglio dire che è un po' esagerato. La Svizzera è sotto un pesante attacco dell'elite globale, che l'ha infiltrata con i suoi uomini e organizzazioni.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    23 Nov 2009
    Messaggi
    442
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: In Svizzera l’oligarchia mondialista attacca l’esercito di milizia

    Povera Svizzera vittima dell'oligarchia mondialista...:mmm:repapelle:

  10. #10
    phasing out
    Data Registrazione
    08 Nov 2009
    Messaggi
    1,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: In Svizzera l’oligarchia mondialista attacca l’esercito di milizia

    Confondere il popolo e l'ordinamento federale di un paese con le sue oligarchie finanziarie è davvero strumentale. Ti unisci al coro dei pisquani che, non sapendo cosa obiettare circa il modello federalista elvetico, continuano a ripetere cose tipo "I svisser? Ma va! hinn domà bon de fa i cicolatt". Marc Bloch si rivolta nella tomba.
    Ultima modifica di semipadano; 08-02-10 alle 16:46
    L'occasione fa l'uomo italiano

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 171
    Ultimo Messaggio: 19-10-12, 21:53
  2. La svizzera prepara l'esercito per il crollo dell'euro
    Di trilex nel forum Politica Europea
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 17-10-12, 23:49
  3. Venezuela, una milizia per il presidente
    Di Sandinista nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 20-10-09, 14:00
  4. Alla Milizia
    Di Barney nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 17-02-06, 18:57
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20-12-05, 12:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226