User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Metabo

Discussione: 12 aprile – Giornata nera per la Storia dell’aviazione degli Stati Uniti

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito 12 aprile – Giornata nera per la Storia dell’aviazione degli Stati Uniti

    12 aprile – Giornata nera per la Storia dell’aviazione degli Stati Uniti

    aprile 12, 2015 1 commento

    Nikolaj Malishevskij Strategic Culture Foundation 12/04/2015
    Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAuroraCi sono due ragioni per cui il 12 aprile è considerato un giorno nefasto nella storia dell’aviazione degli Stati Uniti. E’ il giorno in cui la capsula Vostok guidata dal cosmonauta Jurij Gagarin, il primo uomo a viaggiare nello spazio, completò un’orbita attorno alla Terra nel 1961. L’altro evento non fu molto noto. Esattamente dieci anni prima del volo di Gagarin, gli assi sovietici al comando di Ivan Kozhedub, tre volte Eroe dell’Unione Sovietica e comandante della 324.ma Divisione caccia, dissipò il mito dell’invulnerabilità del B-29 Superfortress, bombardiere pesante quadrimotore. Il B-29 sganciò le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki e faceva parte dei piani per attaccare decine di città sovietiche (secondo i piani operativi nucleari Totality, Pincher, Dropshot, Broiler/Frolic, Charioteer, Halfmoon/Fleetwood, Trojan, Off-Tackle e altri che regolarmente si succedevano dal 1945, le cui missioni cambiavano con l’aumentare del potenziale nucleare statunitense). In un giorno i piani furono frustrati con la nascita dell’espressione “Mig Alley” o “Giovedì Nero”. L’evento ebbe luogo il 12 aprile 1951 durante la guerra in Corea. Quel giorno tre squadroni di B-29 Superfortress (36 aerei) protetti da un centinaio di caccia F-80 Shooting Star e F-84 Thunderjet furono attaccati da MiG sovietici. Gli statunitensi erano sicuri della loro invulnerabilità e vittoria finale. I piloti sovietici trovarono il modo di contrastare la superarma volante che annichilì Hiroshima. I piloti dei MiG poterono assaltare le formazioni statunitensi con attacchi coordinati da diverse direzioni, utilizzando sia la quota che l’alta velocità in loro favore. Una tangenza alta e una velocità di ascesa superiore diedero ai MiG un vantaggio su tutte le versioni dei Sabre permettendo di colpire dall’alto. La tattica fu utilizzata solo una volta, ma fu abbastanza. L’effetto superò tutte le aspettative. 12 su 21 Superfortress furono abbattute. Le restanti nove, considerate invulnerabili prima, rientrarono danneggiate e con perdite. Qualcuno in ogni equipaggio fu ucciso o ferito. Anche quattro caccia degli Stati Uniti furono colpiti. Se gli statunitensi non si fossero ritirati, o se fossero stati inseguiti dai caccia sovietici oltre la linea che non era permesso attraversare, le perdite sarebbero state superiori. I MiG sovietici non subirono perdite. Gli statunitensi, storditi, non compirono missioni nei tre giorni successivi. Poi fecero decollare tre B-29 con una forte scorta per una missione di sondaggio. Tutti gli aerei furono abbattuti. Successivamente le Superfortress volarono solo di notte. Con 170 Superfortress perdute, il B-29 non fu più utilizzato.Ecco come lo scontro fu descritto dall’asso Maggiore-Generale Sergej Kramarenko, veterano della Grande Guerra Patriottica (andò al fronte nell’agosto 1942, lui e i suoi gregari abbatterono 13 aerei tedeschi e un pallone utilizzato per la sorveglianza e la guida. Durante la guerra di Corea compì 149 sortite dall’aprile 1951 al febbraio 1952, abbattendo 13 aerei nemici). Si ricorda, “stavo guardando giù. Stavamo sorvolando i bombardieri. I nostri MiG aprirono il fuoco contro le “Superfortezze volanti”. Una perse un’ala, l’aereo cadeva a pezzi. Tre o quattro aerei presero fuoco. Gli equipaggi lasciavano gli aerei. Decine di paracaduti apparvero in aria. L’impressione fu che uno sbarco aereo fosse in atto. Il combattimento era appena iniziato… alcuni equipaggi si catapultarono, altri rientrarono. Altre quattro “fortezze volanti” caddero, non riuscendo a rientrare, altri si schiantarono cercando di atterrare. Circa 100 piloti statunitensi furono fatti prigionieri. Dopo lo scontro, fori di proiettili furono trovati su tutti gli aerei. Un aereo aveva un centinaio di buchi. Ma non c’era nessun danno serio, non un solo proiettile colpì la cabina di pilotaggio. Gli statunitensi chiamarono il 12 aprile “Giovedi Nero” e non volarono nei tre mesi successivi. Tentarono una sortita, ma persero 12 B-29 nel primo combattimento e 16 nel secondo. In tutto gli Stati Uniti persero 170 bombardieri B-29 durante la guerra di Corea, e persero la maggior parte della loro aviazione strategica nel teatro di operazioni sud-orientale. Non volarono di giorno passando alle operazioni notturne. Ma subirono perdite anche di notte. Gli statunitensi ne furono scioccati per molto tempo. Gli aerei che sembravano essere così potenti e invulnerabili divennero impotenti contro i caccia sovietici. I militari sovietici iniziarono a chiamare le “fortezze volanti” “granai volanti”, perché prendevano subito fuoco bruciando assai brillantemente”.Per la prodezza che Sergej Kramarenko dimostrò in questo combattimento e la riuscita esecuzione delle missioni assegnategli, il Presidente del Presidium del Soviet Supremo dell’URSS lo nominò Eroe dell’Unione Sovietica conferendogli l’ordine di Lenin e la Stella d’Oro il 10 ottobre 1951.La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora
    amaryllide likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 May 2010
    Messaggi
    254
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: 12 aprile – Giornata nera per la Storia dell’aviazione degli Stati Uniti

    Da qualche parte in questo lungo post copia-incolla, ci stava bene un "secondo le rivendicazioni sovietiche dell'epoca".

    Secondo le fonti statunitensi, invece, il totale di B-29 persi in quella guerra fu di 34, di cui solo 16 ad opera della caccia nemica; 4 abbattuti dall'antiaerea; e i restanti in incidenti e simili.

    Giusto per un minimo di equilibrio.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: 12 aprile – Giornata nera per la Storia dell’aviazione degli Stati Uniti

    Citazione Originariamente Scritto da Michele Visualizza Messaggio
    Da qualche parte in questo lungo post copia-incolla, ci stava bene un "secondo le rivendicazioni sovietiche dell'epoca".

    Secondo le fonti statunitensi, invece, il totale di B-29 persi in quella guerra fu di 34, di cui solo 16 ad opera della caccia nemica; 4 abbattuti dall'antiaerea; e i restanti in incidenti e simili.

    Giusto per un minimo di equilibrio.
    Per quello che li facevano volare solo di notte, perché avevano meno guasti ai motori...

 

 

Discussioni Simili

  1. Storia degli Stati Uniti d'America
    Di oggettivista nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 22-04-08, 22:55
  2. La storia degli Stati Uniti
    Di Muntzer (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-04-06, 18:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226