Cosimo Mele*è l’ex deputato salito qualche tempo fa agli onori della cronaca per un festino condito da escort e coca.
Originario di Carovigno (provincia di Brindisi)*di cui è stato sindaco sino a meno di due anni fa era pronto alla ricandidatura con il sostegno della rappresentanza locale del Pd. Sino a quanto non è intervenuto il segretario regionale del Pd e candidato presidente del centrosinistra in Puglia Michele Emiliano che ha chiesto ai democratici di Carovigno di ripensarsi con un’implicita minaccia di commissariare il locale circolo.
Pronti via: il Pd ci ripensa.*E dopo altre due settimane di riflessione è lo stesso candidato a ripensarci. Sino a comunicare, in un’intervista al Fatto Quotidiano, il ritiro.
*
J’accuse di Cosimo Mele

“Mi faccio da parte. Gli eletti che rubano e fanno le peggio cose sono tollerati e riveriti, quelli che commettono errori nella vita privata sono marchiati a vita, perché nulla gli si perdona”. I toni lasciano intendere un certo risentimento da parte dell’ex deputato Udc e sindaco di Carovigno costretto a lasciare dopo 18 mesi dall’inizio del suo mandato e problemi interni alla maggioranza.
“Non l’ho deciso per fare un regalo al Pd. Sono anzi convinto che si possa governare meglio insieme, perché le persone con cui sono a stretto contatto sono capaci, degne e sicuramente all’altezza della situazione”.


Scritto da: Giuseppe Spadaro
----------------------------------------------------------------
|Clicca qui per leggere l'articolo|
----------------------------------------------------------------
|Clicca qui per leggere gli articoli di attualità|