User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21
  1. #1
    Sine ira et studio
    Data Registrazione
    23 Jul 2009
    Messaggi
    3,328
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lettera dei lavoratori Fiat Polonia ai colleghi di Pomigliano

    N.B.: Mi è stata girata su Facebook e non sono riuscito a risalire a nessun link, tuttavia è stata inoltrata dalla redazione della rubrica Rai EstOvest, quindi metto il loro indirizzo (mi si consenta una deroga): www.estovest.rai.it

    POLONIA - Questa è la lettera che i lavoratori della fabbrica di Tychy, in Polonia, hanno scritto il 13 giugno ai colleghi di Pomigliano d'Arco che stanno per votare (il 22 giugno) se accettare o meno le condizioni della Fiat per riportare la produzione della Panda in Italia.

    "La Fiat gioca molto sporco coi lavoratori. ...Quando trasferirono la produzione qui in Polonia ci dissero che se avessimo lavorato durissimo e superato tutti i limiti di produzione avremmo mantenuto il nostro posto di lavoro e ne avrebbero creati degli alti. E a Tychy lo abbiamo fatto. La fabbrica oggi è la più grande e produttiva d'Europa e non sono ammesse rimostranze all'amministrazione (fatta eccezione per quando i sindacati chiedono qualche bonus per i lavoratori più produttivi, o contrattano i turni del weekend)
    A un certo punto verso la fine dell'anno scorso è iniziata a girare la voce che la Fiat aveva intenzione di spostare la produzione di nuovo in Italia. Da quel momento su Tychy è calato il terrore. Fiat Polonia pensa di poter fare di noi quello che vuole. L'anno scorso per esempio ha pagato solo il 40% dei bonus, benché noi avessimo superato ogni record di produzione.
    Loro pensano che la gente non lotterà per la paura di perdere il lavoro. Ma noi siamo davvero arrabbiati. Il terzo "Giorno di Protesta" dei lavoratori di Tychy in programma per il 17 giugno non sarà educato come l'anno scorso. Che cosa abbiamo ormai da perdere?
    Adesso stanno chiedendo ai lavoratori italiani di accettare condizioni peggiori, come fanno ogni volta. A chi lavora per loro fanno capire che se non accettano di lavorare come schiavi qualcun altro è disposto a farlo al posto loro. Danno per scontate le schiene spezzate dei nostri colleghi italiani, proprio come facevano con le nostre.
    In qusesti giorni noi abbiamo sperato che i sindacati in Italia lottassero. Non per mantenere noi il nostro lavoro a Tychy, ma per mostrare alla Fiat che ci sono lavoratori disposti a resistere alle loro condizioni. I nostri sindacati, i nostri lavoratori, sono stati deboli. Avevamo la sensazione di non essere in condizione di lottare, di essere troppo poveri. Abbiamo implorato per ogni posto di lavoro. Abbiamo lasciato soli i lavoratori italiani prendendoci i loro posti di lavoro, e adesso ci troviamo nella loro stessa situazione.
    E' chiaro però che tutto questo non può durare a lungo. Non possiamo continuare a contenderci tra di noi i posti di lavoro. Dobbiamo unirci e lottare per i nostri interessi internazionalmente.
    Per noi non c'è altro da fare a Tychy che smettere di inginocchiarci e iniziare a combattere. Noi chiediamo ai nostri colleghi di resistere contro l'azienda che ci ha dissanguati per anni e ora ci sputa addosso".
    Ultima modifica di Il viaggiatore notturno; 18-06-10 alle 01:53
    Tutti guardano l'albero e nessuno vede la foresta.

    Ad un popolo saggio non interessa perpetuare il proprio sangue, ma il proprio spirito. Sempre che ne abbia uno.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sine ira et studio
    Data Registrazione
    23 Jul 2009
    Messaggi
    3,328
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera dei lavoratori Fiat Polonia ai colleghi di Pomigliano

    ...
    Tutti guardano l'albero e nessuno vede la foresta.

    Ad un popolo saggio non interessa perpetuare il proprio sangue, ma il proprio spirito. Sempre che ne abbia uno.

  3. #3
    100% sardu -2000€/annu
    Data Registrazione
    30 Jan 2010
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    51,099
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera dei lavoratori Fiat Polonia ai colleghi di Pomigliano

    Citazione Originariamente Scritto da Il viaggiatore notturno Visualizza Messaggio
    N.B.: Mi è stata girata su Facebook e non sono riuscito a risalire a nessun link, tuttavia è stata inoltrata dalla redazione della rubrica Rai EstOvest, quindi metto il loro indirizzo (mi si consenta una deroga): www.estovest.rai.it

    POLONIA - Questa è la lettera che i lavoratori della fabbrica di Tychy, in Polonia, hanno scritto il 13 giugno ai colleghi di Pomigliano d'Arco che stanno per votare (il 22 giugno) se accettare o meno le condizioni della Fiat per riportare la produzione della Panda in Italia.

    "La Fiat gioca molto sporco coi lavoratori. ...Quando trasferirono la produzione qui in Polonia ci dissero che se avessimo lavorato durissimo e superato tutti i limiti di produzione avremmo mantenuto il nostro posto di lavoro e ne avrebbero creati degli alti. E a Tychy lo abbiamo fatto. La fabbrica oggi è la più grande e produttiva d'Europa e non sono ammesse rimostranze all'amministrazione (fatta eccezione per quando i sindacati chiedono qualche bonus per i lavoratori più produttivi, o contrattano i turni del weekend)
    A un certo punto verso la fine dell'anno scorso è iniziata a girare la voce che la Fiat aveva intenzione di spostare la produzione di nuovo in Italia. Da quel momento su Tychy è calato il terrore. Fiat Polonia pensa di poter fare di noi quello che vuole. L'anno scorso per esempio ha pagato solo il 40% dei bonus, benché noi avessimo superato ogni record di produzione.
    Loro pensano che la gente non lotterà per la paura di perdere il lavoro. Ma noi siamo davvero arrabbiati. Il terzo "Giorno di Protesta" dei lavoratori di Tychy in programma per il 17 giugno non sarà educato come l'anno scorso. Che cosa abbiamo ormai da perdere?
    Adesso stanno chiedendo ai lavoratori italiani di accettare condizioni peggiori, come fanno ogni volta. A chi lavora per loro fanno capire che se non accettano di lavorare come schiavi qualcun altro è disposto a farlo al posto loro. Danno per scontate le schiene spezzate dei nostri colleghi italiani, proprio come facevano con le nostre.
    In qusesti giorni noi abbiamo sperato che i sindacati in Italia lottassero. Non per mantenere noi il nostro lavoro a Tychy, ma per mostrare alla Fiat che ci sono lavoratori disposti a resistere alle loro condizioni. I nostri sindacati, i nostri lavoratori, sono stati deboli. Avevamo la sensazione di non essere in condizione di lottare, di essere troppo poveri. Abbiamo implorato per ogni posto di lavoro. Abbiamo lasciato soli i lavoratori italiani prendendoci i loro posti di lavoro, e adesso ci troviamo nella loro stessa situazione.
    E' chiaro però che tutto questo non può durare a lungo. Non possiamo continuare a contenderci tra di noi i posti di lavoro. Dobbiamo unirci e lottare per i nostri interessi internazionalmente.
    Per noi non c'è altro da fare a Tychy che smettere di inginocchiarci e iniziare a combattere. Noi chiediamo ai nostri colleghi di resistere contro l'azienda che ci ha dissanguati per anni e ora ci sputa addosso".
    nel piano dell'internazionale socialista c'era l'unita sindacale e dei lavoratori.
    Nel piano di rinascita democratica c'era la divisione dei sindacati.

    Ha vinto Rinascita Democratica.
    Ferrara era comunista poi il comunismo è morto, allora è diventato Craxiano e Craxi è morto, poi è diventato Berlusconiano. PORTA SFIGA
    (brunik - 25/09/2011)

  4. #4
    Sine ira et studio
    Data Registrazione
    23 Jul 2009
    Messaggi
    3,328
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera dei lavoratori Fiat Polonia ai colleghi di Pomigliano

    Citazione Originariamente Scritto da stefaboy Visualizza Messaggio
    nel piano dell'internazionale socialista c'era l'unita sindacale e dei lavoratori.
    Nel piano di rinascita democratica c'era la divisione dei sindacati.

    Ha vinto Rinascita Democratica.
    In Italia, la Cisl fu creata per mano della Cia precisamente allo scopo di indebolire il movimento sindacale.
    Tutti guardano l'albero e nessuno vede la foresta.

    Ad un popolo saggio non interessa perpetuare il proprio sangue, ma il proprio spirito. Sempre che ne abbia uno.

  5. #5
    100% sardu -2000€/annu
    Data Registrazione
    30 Jan 2010
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    51,099
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera dei lavoratori Fiat Polonia ai colleghi di Pomigliano

    Citazione Originariamente Scritto da Il viaggiatore notturno Visualizza Messaggio
    In Italia, la Cisl fu creata per mano della Cia precisamente allo scopo di indebolire il movimento sindacale.
    hai un riferimento a questo?
    Ferrara era comunista poi il comunismo è morto, allora è diventato Craxiano e Craxi è morto, poi è diventato Berlusconiano. PORTA SFIGA
    (brunik - 25/09/2011)

  6. #6
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera dei lavoratori Fiat Polonia ai colleghi di Pomigliano

    Citazione Originariamente Scritto da Il viaggiatore notturno Visualizza Messaggio
    In Italia, la Cisl fu creata per mano della Cia precisamente allo scopo di indebolire il movimento sindacale.
    Eccerto. Non perché gli operai che non credevano al verbo marxista avessero la necessità di un sindacato diverso, no...
    “Pray as thougheverything depended on God. Work as though everything depended on you.”

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    27 May 2009
    Località
    Rubicone valley
    Messaggi
    4,223
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera dei lavoratori Fiat Polonia ai colleghi di Pomigliano

    Domanda:

    come mai una azienda chiude un sito produttivo in un'area dove il costo del lavoro è basso e la produttività è alta per aprirlo in un'altra area dove il costo del lavoro è più alto e la produttività è più bassa?

    Io non credo ai benefattori e quindi ci deve essere qualcosa di cui non siamo a conoscenza.

    Ipotizzo:

    - il costo del lavoro in Polonia cresce più velocemene che in Italia al punto tale da prevedere che fra qualche anno sia superiore all'Italia.

    Fantasie? forse ma a pensar male spesso ci si indovina.

    Io apprezzo Marchionne come manager e proprio per questo non credo che faccia sconti o piaceri a nessuno.
    Razzista con gli imbecilli!


    "La cosa seccante di questo mondo è che gli imbecilli sono sicuri di sé, mentre le persone intelligenti sono piene di dubbi." Bertrand Russel

  8. #8
    100% sardu -2000€/annu
    Data Registrazione
    30 Jan 2010
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    51,099
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera dei lavoratori Fiat Polonia ai colleghi di Pomigliano

    Citazione Originariamente Scritto da Bladerunner_60 Visualizza Messaggio
    Domanda:

    come mai una azienda chiude un sito produttivo in un'area dove il costo del lavoro è basso e la produttività è alta per aprirlo in un'altra area dove il costo del lavoro è più alto e la produttività è più bassa?
    semplicemente perchè non è vero... non porteranno in Italia alcuna produzione e se non per brevi periodi, salvo poi andare in qualche altra parte.
    Siamo arrivati al punto in cui uno stabilimento si ammortizza nel tempo di un ciclo di vita di un modello di automobile. Quindi qualunque parte del mondo è buona per lavorare.
    Ferrara era comunista poi il comunismo è morto, allora è diventato Craxiano e Craxi è morto, poi è diventato Berlusconiano. PORTA SFIGA
    (brunik - 25/09/2011)

  9. #9
    100% sardu -2000€/annu
    Data Registrazione
    30 Jan 2010
    Località
    ITALIA
    Messaggi
    51,099
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera dei lavoratori Fiat Polonia ai colleghi di Pomigliano

    Citazione Originariamente Scritto da UgoDePayens Visualizza Messaggio
    Eccerto. Non perché gli operai che non credevano al verbo marxista avessero la necessità di un sindacato diverso, no...
    Ascolta... a me non interessa da chi sia stato fondato un sindacato. Se da cattolici o marxisti, anche se mi risulta difficile capire come possa entrarci un'ideologia in un sindacato, dove la parola stessa SINDACATO, dovrebbe lasciar intuire che trattasi di difesa di interessi di categoria e nient'altro.
    A me interessa il presente e dal presente noto che la CISL e la UIL non stanno difendendo i lavoratori da anni ormai.
    Ultima modifica di stefaboy; 18-06-10 alle 12:17
    Ferrara era comunista poi il comunismo è morto, allora è diventato Craxiano e Craxi è morto, poi è diventato Berlusconiano. PORTA SFIGA
    (brunik - 25/09/2011)

  10. #10
    Ex Donald ed ex Max50
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    16,847
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera dei lavoratori Fiat Polonia ai colleghi di Pomigliano

    Citazione Originariamente Scritto da Bladerunner_60 Visualizza Messaggio
    Domanda:

    come mai una azienda chiude un sito produttivo in un'area dove il costo del lavoro è basso e la produttività è alta per aprirlo in un'altra area dove il costo del lavoro è più alto e la produttività è più bassa?

    Io non credo ai benefattori e quindi ci deve essere qualcosa di cui non siamo a conoscenza.

    Ipotizzo:

    - il costo del lavoro in Polonia cresce più velocemene che in Italia al punto tale da prevedere che fra qualche anno sia superiore all'Italia.

    Fantasie? forse ma a pensar male spesso ci si indovina.

    Io apprezzo Marchionne come manager e proprio per questo non credo che faccia sconti o piaceri a nessuno.
    Mai sentito parlare di incentivi ?
    La storia si ripete.
    Per costruire Melfi (5000 dipendenti) hanno preso incentivi , mentre dall'altra parte chiudevano al nord Rivalta (15.000 dipendenti) , Chivasso (10.000) , Arese (15.000) , Desio (5.000) , anche qui con copertura dello stato , sotto forma di cassa di integrazione , prepensionamenti ecc.
    lA fiat è l'azienda più assistita e finanziata dallo stato che esista.
    In parlamento hanno fatto commissioni di inchiesta su un sacco di cose.
    Una volta che ne facessero una sulla FIAT , non sarebbe mai tardi....
    Ultima modifica di Watson; 18-06-10 alle 12:53

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Respinto l'appello della FIAT su Pomigliano
    Di Kowalsky nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-08-12, 16:40
  2. Finalmente la crescita! :-) Fiat condannata a Pomigliano
    Di Phileas nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1343
    Ultimo Messaggio: 27-06-12, 19:18
  3. FIAT:2016 Miriafiori e Pomigliano CLOSED!!!!
    Di BlackSheep nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 232
    Ultimo Messaggio: 07-03-12, 11:56
  4. Pomigliano, Fiat anti-sindacale
    Di SteCompagno nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-07-11, 12:16
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-07-10, 13:58

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226